Santoro contro tutti – Il video integrale

21 Mag

Il video integrale dell’intervento di Michele Santoro ieri ad Annozero

11 Risposte to “Santoro contro tutti – Il video integrale”

  1. Andrea maggio 21, 2010 a 9:52 am #

    è stato semplicemente un grande. coraggioso e potente.
    sa di avere anche un supporto da parte delle persone che lo apprezzano. molte delle quali erano in piazza mobilitati per raiperunanotte

    • Anonimo maggio 21, 2010 a 10:15 am #

      NOOOOOO…..SANTORO…NN TE NE ANDARE NN GLI E LA DARE VINTA…..SEI TT NOI…….FORZAAAAAAAAAA

    • Valerio Barnaba maggio 21, 2010 a 11:11 am #

      Grande Michele.
      E suggerisco a tutti di leggere l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto quodidiano di oggi, dedicato a Santoro.

  2. marco maggio 21, 2010 a 10:24 am #

    Mah… avevi esordito bene dicendo che se devi rendere conto a qualcuno, quel qualcuno saremmo dovuti essere noi. Successivamente hai rimesso il tuo “mandato” (xchè di quello si parla, un mandato per la legalità) alla politica, come fossi alla ricerca di una “protezione” dall’alto, dalla politica di “pseudo-sinistra” naturalmente, visto che la “pseudo-destra”, sai bene, vorrebbe ucciderti (giornalisticamente?). Continuo a credere che questo sia il grande problema, minaccie alla tua persona del tipo: “o ti facciamo smettere o prendi i soldi e scappa”, non ti biasimo se così fosse. Si è vista la tua stanchezza, nascosta da artista “in fremito” alla perenne ricerca di novità, la tua rabbia. In questa televisione come hai ricordato ci sei solo tu quale giornalista degno di questa professione. Come ricordiamo Biagi, presto dovremo ricordare te. Hai ragione quando dici di non dover subire moralizzazioni da quei giornalisti (pfui!) asserviti, quando dici di essere attaccato da un azienda (la tua azienda, la nostra azienda) che è agli ordini dei poteri forti, hai ragione anche quando dici che sono fatti tuoi quanto prenderai di liquidazione chè fossero anche 50milioni te li meriteresti tutti. Non lasciare e continua a combattere per noi (e con noi, ma è chiaro che non ti fidi di noi) x una informazione libera.

  3. antonella maggio 21, 2010 a 11:43 am #

    Invece di farsi uccidere (giornalisticamente) anni fa, si è fatto dissanguare. Una pugnalata oggi, una domani, e un bel giorno scopre che non ne ha più. Si può chiamare stanchezza, sfiducia, ma non opportunismo. E’ sleale e neanche i nemici dovrebbero essere sleali, figuriamoci gli amici. Sarei proprio curiosa di vedere quanti amici ha Santoro, in questo momento.
    Signor Santoro, Michele, sei un combettente e vedere un combattente sul punto di arrendersi fa male. Tantissimo.
    Vorrei poter credere che si tratti solo di un cambio di campo, che le tue idee e la tua forza troveranno altri spazi. Invece posso solo augurarmelo. Per te, per me stessa e per tutti noi.

  4. rosanna maggio 21, 2010 a 12:10 pm #

    Io lo sostengo, tuttavia mi chiedo tolto il programma di Santoro…rimangono BAllarò e Report dopodichè chi informerà la “massa”? Rimarranno le Monica Setta con quei programmi pseudo giornalistici, Pupo, Emanuele Filiberto e compagnia bella a suonare, cantare e ballare…lasciando gli Italiani nell’ignoranza!! Mi fa paura tutto ciò.

    • pia maggio 21, 2010 a 2:24 pm #

      sono d’accordo con te,senza santoro e anno zero si spegne una luce importante su una strada difficilissima,quella di svegliare questo popolo dall’ignoranza piu assoluta. questo popolo che non è sceso per strada ad urlare il proprio dissenzo, che continua a non capire niente di ciò che lo circonda!questo popolo che guarda il grande fratello come se fosse uno specchio della vita,che guarda vespa credendo di ascoltare un giornalista,che guarda il tg4 come se guardasse un servizio d’informazione mentre la realtà è l’ignoranza profonda,il sonno di ogni vivere civile.dovremmo spegnere i televisori,andare per strada per ridare una speranza a questo paese coperto dal fango

  5. mauro palmieri maggio 21, 2010 a 12:30 pm #

    Michele Santoro, RESTA!!! GLI INIQUI SI SCIOGLIERANNO COME IL GHIACCIO COL SOLE DELLA VERITA’E IL LORO LIQUME VERRA RIASSORBITO DALL’ARIDA TERRA DA CUI FURONO GENERATI.

  6. gaspare maggio 21, 2010 a 1:22 pm #

    MICHELE HAI FATTO UN DISCORSO CHE PUò CAPIRE SOLO IL TUO POPOLO QUELLI CHE TI HANNO SEGUITO IN TUTTI QUESTI ANNI “LORO” ANNO ALTRO A CUI PENSARE, LURIDI POLITICI DEL CAZZO, RICORDATI PERò SE SCEGLI DI LASCIARE QUESTA CAZZO DI RAI PORTA CON TE L’ALTRO PALADINO DI ANNOZERO SANDRO RUOTOLO UN GRANDE GIRNALISTA CHE STIMO MOLTISSIMO.

  7. LIA CORRADINO maggio 21, 2010 a 2:34 pm #

    RESTA IN RAI ,NON FARE IL LORO SPORCO GIOCO

  8. Anonimo maggio 22, 2010 a 8:38 am #

    Ciao Michele, non ti dimenticare che in questa misera e bistrattata italietta, sei rimasto tu e poche altre oneste voci a rappresentare il dissenso degli italiani liberi che ancora credono (poveri illusi!) nei principi fondanti della democrazia. Tanto fango ti è piovuto addosso e questo perché sei un personaggio “scomodo” in quanto, denunciando la disonestà che alberga nella classe politica italiana, si frappone al loro malaffare loro e dei propri accoliti.
    Costoro, nella più completa totalità traggono immensi profitti e privilegi in virtù della loro forza, della loro arroganza e del potere che hanno acquisito, succhiando il sangue agli italiani. Chi comanda, ha capito che sei per loro pericolosissimo e per ciò devi essere non solo zittito, ma anche additato alla pubblica gogna traendo come spunto il vile danaro che dovresti riscuotere per contrattazione. Qual’è la loro equazione, il messaggio che vorrebbero far passare, questo:<>.
    Stai pur certo caro Michele che questo messaggio non passerà, tutti noi sappiamo che tale nefandezza è probabilmente l’ultimo colpo di coda di un regime fatto esclusivamente di gente disonesta.
    Michele, non dimenticare che ogni italiano onesto ha bisogno di te e di quelli come te, che per cultura, intelligenza, spirito di abnegazione, portano avanti i valori tendenti all’osservanza del rispetto e della dignità della gente, dando soprattutto voce, con i tuoi servi-denuncia, a quelle persone poste ai margini di questa società, ove indifferenza, malcostume e disonestà in essa alberga.
    Non ci abbandonare Michele, continua a lottare.
    Ciao, Giuseppe e Monia Gattuso

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: