Quelle parole di Saramago alla piazza viola

18 Giu

Quello che segue è il testo dell’intervento di Saramago letto da Adele Palazzo sul palco del No Berlusconi Day del 5 dicembre

Se Cicerone vivesse ancora tra voi, italiani, non direbbe: “Fino a quando, Catilina, abuserai della nostra pazienza?”, ma piuttosto:“Fino a quando, Berlusconi, attenterai contro la nostra democrazia?”. Si tratta di questo. Con la sua particolarissima opinione sulla ragione d’essere e il significato dell’istituzione democratica, Berlusconi ha trasformato in pochi anni l’Italia nell’ombra grottesca di un Paese e una grande parte degli italiani in una moltitudine di burattini che lo seguono trascinandosi e senza rendersi conto di camminare verso l’abisso della dimissione civica definitiva, verso il discredito internazionale, verso il ridicolo assoluto.

Con la sua storia, la sua cultura, la sua innegabile grandezza, l’Italia non merita il destino che Berlusconi ha tracciato con cinica freddezza e senza la minima traccia di pudore politico, senza il più elementare senso di vergogna per se stesso. Mi piace pensare che la gigantesca manifestazione di oggi contro la “cosa” Berlusconi, durante la quale verranno lette queste parole, si trasformerà nel primo passo verso la libertà e la rigenerazione dell’Italia. Per fare questo non sono necessarie armi, bastano i voti. Ripongo in voi tutta la mia speranza.

Josè Saramago

9 Risposte to “Quelle parole di Saramago alla piazza viola”

  1. eventibusflexus giugno 18, 2010 a 1:37 pm #

    In una triste giornata per la cultura mondiale come questa non accosterei neanche il grande Saramago a quella squallida figura che governa il paese. Saranno altre parole di questo gigante che porterò per sempre con me.

  2. bice giugno 18, 2010 a 1:39 pm #

    ha ragione ma come si fa a contrastarlo quando, purtroppo, il suo indice di gradimento e’ al 61%? Mi viene l’angoscia, non ci libereremo piu’ di Berlusconi.Gli Italiani hanno applaudito Mussolini quando ha annunciato l’entrata in guerra dell’Italia,come se non fossero “padri” e “Madri”,cosa possiamo aspettarci da gente che ha dimenticato? L’ascesa di un altro dittarore…………….

    • Antonio Orso giugno 18, 2010 a 2:21 pm #

      Il problema non é se Mr.B possa avere o meno il 61% di gradimento, il vero problema é che se Berlusconi dichiara di avere il 61% QUASI NESSUNO, specie nei
      media, é in grado di smentirlo… questo é il VERO problema secondo me (oltre che il segreto della sua
      presupposta forza). Siamo troppo pecoroni come popolo per volerci veramente informare, e troppo assuefatti per ribellarci e renderci conto della vera dimensione e gravità del problema.

  3. claudio giugno 18, 2010 a 2:41 pm #

    b non è altro che la faccia e il braccio politico della mafia che ha oramai in mano il potere quasi totale dell’Italia. La mente diabolica di tutto questo rimane ancora andreotti che nemmeno lui (il diavolo) lo vuole, persino lui ne ha paura e timore tanta è la sua perfidia. MA SE IL POPOLO SI UNISSE NON POTREBBE PIU’ NUOCERE.

  4. antonella salmaso giugno 18, 2010 a 4:32 pm #

    Mi spiace molto che se ne sia andato, signor Saramago.
    Lei era, anzi è, un illuminato e le sue parole sono per me come aghi che mi trafiggono.
    Parole che condivido in pieno, che “sembra” condividano la maggior parte degli italiani quando li senti parlare (e lamentarsi) ma poi, nel concreto, quando “bastano i voti” (come lei dice saggiamente) chissà perchè le cose cambiano !! Voi, illuminati, dateci una risposta saggia !
    Io, una dei tanti, non ne vengo più a capo……..

  5. paola giugno 18, 2010 a 6:16 pm #

    gracias Maestro!!!
    speriamo le tue parole ci aiutino a recuperare la dignità persa in questi anni, senza nemmeno rendercene conto…
    riposa in pace, ai dato al mondo il tuo contribbuto.

  6. enrico persico licer giugno 18, 2010 a 8:37 pm #

    onore a te che ci lasci e f=grazie per la tua vita

  7. extraduzione giugno 18, 2010 a 9:24 pm #

    Quanti ce ne sono, di grandi vivi e morti che ci chiamano a cambiare le cose.

  8. tandream luglio 2, 2010 a 8:06 am #

    Ancora tre anni e forse non lo vedremo più, ma tanto ormai il danno massimo è stato fatto. L’Italia non esiste più già da tempo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: