La camorra tifa Marchionne

19 Giu

Nicola Cosentino, attuale Sottosegretario al ministero dell’Economia, accusato da cinque pentiti di essere “a disposizione” del clan casalesi, stamattina girava a Pomigliano dove ha anche apposto la propria firma -a favore dell’accordo proposto dall’Ad Fiat Marchionne- al gazebo allestito dal Pdl in piazza Municipio.

7 Risposte to “La camorra tifa Marchionne”

  1. Patrizia Dessi giugno 20, 2010 a 9:10 am #

    Senza andare troppo per il sottile e senza tema di smentita si può affermare che il Sogno, il fine ultimo delle mafie è avere forza lavoro a costo zero, senza diritti, muta, invisibile. Marchionne spiana la strada a questo sogno di schiavitù aggiungendo l’ultimo fondamentale tassello : la legalizzazione.
    La proposta di Marchionne rende legale, firmata nei contratti, accettata dal governo, la schiavitù.
    I raccoglitori di pomodori di Rosarno in rivolta resteranno nella Storia come l’ultimo tentativo di ribellione alla schiavitù: da Marchionne in avanti i contratti sanciranno come legale qualcosa che credevamo finito duecento anni fa.
    Se passerà (e passerà) non torneremo più indietro.
    Siamo pronti per i Moti Carbonari?

    • Edgardo Favaloro giugno 20, 2010 a 11:17 am #

      La modifica dell’Art. 41 della Costituzione che salvaguarda la dignità del lavoratore rientra nel modello di Berlusconi, Marchionni e Camorra che prevede di trasformare l’operaio in schiavo.
      Ma va bene così visto che gli operai sono contenti e qua al nord votano Lega.
      Contenti loro …

  2. sergio giugno 20, 2010 a 11:38 am #

    Tutto regolare. Ormai senza pudore mostrano la loro faccia. La via d’uscita (c’è sempre una via d’uscita) non sarà indolore.

  3. Patrizia Dessy giugno 21, 2010 a 6:43 am #

    È abbastanza inquietante (per usare eufemismi) come questa notizia abbia meritato tre soli commenti, quando altre molto meno gravi inducono a dire la propria un sacco di persone e un sacco di volte.
    Probabilmente la maggior parte di noi legge, scrolla le spalle e tira dritto.
    “c’è sempre una via d’uscita- non sarà indolore.”
    È per questo che mi aspettavo molti commenti, perchè quale che sia resteremo senza pelle a intraprenderla, ma una via d’uscita c’è sempre.

  4. mimmo giugno 21, 2010 a 6:58 am #

    Gli operai in Italia sono “più realisti del Re” nel difendere gli interessi del capitale e dei padroni. Ormai da diverse tornate elettorali il voto operaio è orientato a destra………
    Bhe… contenti loro…

    • Patrizia Dessy giugno 22, 2010 a 6:26 am #

      A parte che “loro” siamo noi…questo modernissimo (così lo considerava Galileo, quando seppe di una contratto per i servi della gleba)e illuminato modello contrattuale farà tabula rasa di tutto ciò che lo ha preceduto.
      Quindi gli operai, poi gli insegnanti, poi tutti gli altri.
      Certo, se sei un principe o un ministro puoi fregartene e dire “Bhe… contenti loro…”, sennò temo dovrai/dovremo tutti renderci conto che il mondo del lavoro sta per fare un salto indietro a prima di qualsiasi cosa, lotte-diritti-statuti. E coinvolge tutti (quasi).

  5. Antonio luglio 8, 2010 a 10:05 am #

    Già lo avevamo capito che la criminalità stà condizionando la vita economica e politica di questo paese in rovina; solo che ora bisogna farli tornare nei loro alberghi abituali, cioè in carcere e senza sconti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: