Prete, detenuto, ministro. Le mille vite di Aldo Brancher

25 Giu

A sinistra Calderoli, al centro (maglietta verde) Brancher, a destra Tremonti

Inizia come Sacerdote Paolino e lavora per ”Famiglia Cristiana”. Entra nel Gruppo Fininvest. Viene eletto alla Camera come Forza Italia nel maggio 2001. E’ sottosegretario di Stato nel Dipartimento per le riforme istituzionali e la devoluzione. Rieletto alla Camera nell’aprile 2006. E’ vicepresidente del gruppo Forza Italia alla Camera. Nel 2008 è stato rieletto nelle liste del Popolo delle libertà
Nel giugno 2010 è nominato Ministro per l’Attuazione del Federalismo Amministrativo e Fiscale

Qui iniziano i ”problemini” con la giustizia cattiva:

Detenuto per 3 mesi nel carcere di San Vittore per Mani pulite

Scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare è stato condannato con giudizio di primo grado e in appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al Partito Socialista Italiano.

In Cassazione il secondo reato va in prescrizione, mentre il primo è stato depenalizzato (Guarda caso!!) dal Governo Berlusconi II, del quale faceva parte.

Viene indagato a Milano per ricettazione nell’indagine sullo scandalo della Banca Antonveneta e la scalata di Gianpiero Fiorani all’istituto creditizio. la Procura ha rintracciato, presso la Banca Popolare di Lodi, un conto intestato alla moglie di Brancher con un affidamento e una plusvalenza sicura di 300 mila euro in due anni.

In seguito alla nomina a Ministro per l’attuazione del Federalismo (avvenuta il 18 giugno 2010) Aldo Brancher ha eccepito in base alla legge il “legittimo impedimento” e questo avviene a 5 giorni dalla nomina a ministro.

Il 26 giugno era prevista l’udienza del processo sul tentativo di scalata ad Antonveneta da parte di Bpi in cui il ministro era imputato… ma grazie al legittimo impedimento….

di Elena Saita

Annunci

5 Risposte to “Prete, detenuto, ministro. Le mille vite di Aldo Brancher”

  1. Umberto Caluri giugno 25, 2010 a 6:51 pm #

    Si ha dalla Presidenza della Repubblica: Per Brancher il “legittimo impedimento” non vale. Ma allora è vero ! C’è vita dentro il Quirinale. E io che non ci credevo.

  2. Rodolfo Ambrosetti giugno 25, 2010 a 7:21 pm #

    Non basta. Se ne deve andare, lui ed il suo padrone.

  3. roberta giugno 26, 2010 a 9:35 am #

    sta gettando discredito su tutti gli abitanti della provincia di Belluno…qui nessuno lo vuole,( salvo quelli della sua risma) è immischiato in cento malaffari………

  4. LadyLindy giugno 26, 2010 a 2:20 pm #

    Al Quirinale si sono improvvisamente svegliati! Nooooooo! Ho preso un colpo, non c’ero più abituata!

  5. Masticatore di escrementi giugno 27, 2010 a 4:42 pm #

    Arcimbaldo!!! Si lucra, se si può.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: