Prete, detenuto, ministro. Le mille vite di Aldo Brancher

25 Giu

A sinistra Calderoli, al centro (maglietta verde) Brancher, a destra Tremonti

Inizia come Sacerdote Paolino e lavora per ”Famiglia Cristiana”. Entra nel Gruppo Fininvest. Viene eletto alla Camera come Forza Italia nel maggio 2001. E’ sottosegretario di Stato nel Dipartimento per le riforme istituzionali e la devoluzione. Rieletto alla Camera nell’aprile 2006. E’ vicepresidente del gruppo Forza Italia alla Camera. Nel 2008 è stato rieletto nelle liste del Popolo delle libertà
Nel giugno 2010 è nominato Ministro per l’Attuazione del Federalismo Amministrativo e Fiscale

Qui iniziano i ”problemini” con la giustizia cattiva:

Detenuto per 3 mesi nel carcere di San Vittore per Mani pulite

Scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare è stato condannato con giudizio di primo grado e in appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al Partito Socialista Italiano.

In Cassazione il secondo reato va in prescrizione, mentre il primo è stato depenalizzato (Guarda caso!!) dal Governo Berlusconi II, del quale faceva parte.

Viene indagato a Milano per ricettazione nell’indagine sullo scandalo della Banca Antonveneta e la scalata di Gianpiero Fiorani all’istituto creditizio. la Procura ha rintracciato, presso la Banca Popolare di Lodi, un conto intestato alla moglie di Brancher con un affidamento e una plusvalenza sicura di 300 mila euro in due anni.

In seguito alla nomina a Ministro per l’attuazione del Federalismo (avvenuta il 18 giugno 2010) Aldo Brancher ha eccepito in base alla legge il “legittimo impedimento” e questo avviene a 5 giorni dalla nomina a ministro.

Il 26 giugno era prevista l’udienza del processo sul tentativo di scalata ad Antonveneta da parte di Bpi in cui il ministro era imputato… ma grazie al legittimo impedimento….

di Elena Saita

5 Risposte to “Prete, detenuto, ministro. Le mille vite di Aldo Brancher”

  1. Umberto Caluri giugno 25, 2010 a 6:51 pm #

    Si ha dalla Presidenza della Repubblica: Per Brancher il “legittimo impedimento” non vale. Ma allora è vero ! C’è vita dentro il Quirinale. E io che non ci credevo.

  2. Rodolfo Ambrosetti giugno 25, 2010 a 7:21 pm #

    Non basta. Se ne deve andare, lui ed il suo padrone.

  3. roberta giugno 26, 2010 a 9:35 am #

    sta gettando discredito su tutti gli abitanti della provincia di Belluno…qui nessuno lo vuole,( salvo quelli della sua risma) è immischiato in cento malaffari………

  4. LadyLindy giugno 26, 2010 a 2:20 pm #

    Al Quirinale si sono improvvisamente svegliati! Nooooooo! Ho preso un colpo, non c’ero più abituata!

  5. Masticatore di escrementi giugno 27, 2010 a 4:42 pm #

    Arcimbaldo!!! Si lucra, se si può.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: