Da Verdini a Dell’Utri ecco chi sono i “quattro pensionati sfigati” citati da Berlusconi

15 Lug



Mafia, camorra, P2 , Caso Moro. Non vi è nulla di torbido nelle vicende italiane che non veda coinvolti Flavio Carboni, Nicola Cosentino, Marcello Dell’Utri, Denis Verdini: il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi li ha definiti “quattro sfigati pensionati”. La Procura della Repubblica di Roma li ha iscritti nel registro degli indagati per associazione a a delinquere e violazione della legge Anselmi sulle società segrete nell’ambito dell’inchiesta sull’eolico in Sardegna.

Nicola Cosentino, 52 anni, di Casal Di Principe (Napoli), coordinatore regionale del Popolo della Libertà in Campania, dal  maggio 2008 è Sottosegretario di Stato all’Economia e alle Finanze.

Nel settembre 2008 viene pubblicamente accusato di aver avuto un ruolo di primo piano nell’ambito del riciclaggio abusivo di rifiuti tossici, come emerso dalle rivelazioni di Gaetano Vassallo, il boss responabile di disastro ambientale relativamente allo smaltimento abusivo di rifiuti tossici in Campania attraverso la corruzione di politici e funzionari.

Nel novembre 2009 i magistrati inoltrano alla Camera dei deputati una richiesta di autorizzazione per l’esecuzione della custodia cautelare per il reato di concorso esterno in associazione camorristica. La richiesta viene respinta dalla Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera.

Nel gennaio 2010 la Corte di Cassazione conferma le misure cautelari a carico di Cosentino. Il 19 febbraio la richiesta di dimissioni dagli incarichi venne respinta da Silvio Berlusconi.

Al momento, oltre che nell’inchiesta sull’eolico, Cosentino è indagato per l’episodio legato al dossier che puntava a screditare Stefano Caldoro quale candidato alla presidentre della Regione Campania, e per le pressioni esercitate sulla Cassazione per una rapida fissazione dell’udienza in cui si doveva discutere della legittimità della misura cautelare emessa nei confronti del sottosegretario dalla magistratura napoletana.

Marcello Dell’Utri, 61 anni, di Palermo. Senatore del Popolo delle Libertà, “politico per legittime difesa”, come lui stesso si è definito in un’intervista al Fatto Quotidiano. Stretto collaboratore di Silvio Berlusconi sin dagli anni Settanta, socio in Publitalia e dirigente Fininvest, nel 1993 fonda con Berlusconi Forza Italia, di cui diventa deputato nel 1996, per “proteggersi”, come ha dichiarato egli stesso al Fatto Quotidiano, dall’accusa, poi confermata, per false fatture. È stato condannato in appello a 7 anni per concorso esterno in associazione di tipo mafioso e ha patteggiato una pena di due anni e tre mesi per frode fiscale.

Nel dicembre del 2004 il tribunale di Palermo condanna  Dell’Utri a nove anni di reclusione con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il senatore è stato anche condannato a due anni di libertà vigilata, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento dei danni (70.000 euro) alle parti civili, il Comune e la Provincia di Palermo.

Denis Verdini, toscano (è nato in provincia di Massa Carrara) di 59 anni, è uno dei tre coordinatori nazionali del Popolo della Libertà insieme a Ignazio La Russa e Sandro Bondi, dopo essere stato coordinatore nazionale unico di Forza Italia. Commercialista e presidente del Credito Cooperativo Fiorentino, candidato di Forza Italia già alle amministrative del 1995, dal 1997 è uno degli azionisti, con il 15 per cento, del quotidiano il Foglio diretto da Giuliano Ferrara.

Nel febbraio 2010 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Firenze per il reato di concorso in corruzione, riguardo ad alcune irregolarità a lui imputabili su alcuni appalti a Firenze e a La Maddalena, sede in cui si sarebbe dovuto tenere il G8, poi spostato a L’Aquila. Il gip si riserva la decisione di ricorrere ad eventuale rinvio a giudizio.

Nel maggio 2010 è indagato dalla Procura di Roma in un’inchiesta su un presunto comitato d’affari, la cosiddetta “cricca”, che avrebbe gestito degli appalti pubblici in maniera illecita

Flavio Carboni, 78 anni, di Sassari. Il suo successo economico comincia negli anni ‘70 con una serie di società immobiliari e finanziarie. Succcessivamente Carboni inizia a muoversi nel mondo dell’ editoria, diventando proprietario del 35% del pacchetto azionario della Nuova Sardegna ed editore di Tuttoquotidiano, per il fallimento del quale è poi stato condannato in primo grado e assolto in appello per vizio di forma.

È stato anche accusato dell’omicidio di Roberto Calvi, imputazione da cui è stato poi assolto per insufficienza di prove: il pm aveva chiesto la condanna di Carboni all’ergastolo; è stato anche assolto dall’accusa di essere stato il mandante del tentativo di omicidio di Roberto Rosone, vice di Calvi all’ Ambrosiano; dall’accusa di falso e truffa ai danni del Banco di Napoli; dall’accusa di ricettazione della borsa di Calvi, che avrebbe contenuto il pc del banchiere, documenti, soldi e le chiavi di alcune cassette di sicurezza.

Il suo primo arresto avviene in Svizzera, nell’estate del 1982. L’unica condanna definitiva nei confronti di Carboni è emessa nel 1998: 8 anni e 6 mesi di reclusione per il concorso nel fallimento del Banco Ambrosiano. Al periodo di detenzione previsto, già ridotto in applicazione delle amnistie del 1986 e del 1989, viene detratta la carcerazione preventiva: nessun ordine di esecuzione della pena viene emesso a suo carico. Nel giugno dello stesso anno Carboni viene nuovamente arrestato per un caso di bancarotta fraudolenta riguardante una società immobiliare di Porto Rotondo.

Nel maggio 2010, all’indomani della sua assoluzione per il delitto Calvi, viene indagato per concorso in corruzione nell’ambito di un’inchiesta sugli appalti per l’eolico in Sardegna. A differenza degli altri tre “sfigati”, l’8 luglio 2010 Flavio Carboni viene arrestato.

10 Risposte to “Da Verdini a Dell’Utri ecco chi sono i “quattro pensionati sfigati” citati da Berlusconi”

  1. Looka luglio 15, 2010 a 9:30 am #

    mo “pensionato”.. cosentino c’ha 50 anni eh

  2. elena luglio 15, 2010 a 9:58 am #

    HANNO FATTO DELL’ITALIA UN MER..IO,INSORGIAMO, OCCUPIAMO PALAZZO CHIGI E TUTTO QUANTO E’ CONTROLLATO DALLO STATO, SCUOLE COMPRESE, FERMIAMO L’ITALIA SE NECCESSARIO MA IMPEDIAMO A QUESTI DELINQUENTI DI GOVERNARE.

    • al luglio 15, 2010 a 10:01 am #

      CONTA PURE SU DI ME. SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA FINO ALLE DIMISSIONI DI TUTTI. POI TUTTI CANDIDATI AL DI SOTTO DI 45 ANNI. IL MONDO E’ DEI GIOVANI E NON DEI VECCHI RINCOGLIONITI.

  3. al luglio 15, 2010 a 9:58 am #

    secondo me la cricca di “pensionati” da pensionare in modo coatto sarebbero un centinaio tra camera e senato, lui compreso visto che non è una sbarbato. ci vorrebbe una legge che toglie agli 80 enni la patente, la possibilità di candidarsi a qualsiasi ruolo politico, e oserei (se non tanto lucidi di mente) anche il diritto di voto.

  4. Patrizia Dessy luglio 15, 2010 a 11:20 am #

    “pensionato” non l’ho mai sentito nell’accezione di “mafioso”…mio padre (pensionato)potrebbe pure incazzarsi al pensiero di rientrare nella stessa categoria di questi criminali.

  5. unbeinger luglio 15, 2010 a 1:26 pm #

    Ecco i 4 in altre vesti…
    http://unbeinger.wordpress.com/vignette/

  6. patrizia luglio 15, 2010 a 5:13 pm #

    VERGOGNA PER L’ITALIA

  7. Peppe luglio 15, 2010 a 6:35 pm #

    Per tutta Napoli sono stati affissi dei manifesti, in cui si incita Cosentino con queste testuali parole:
    Forza Cosentino
    Siamo tutti con te e siamo tanti.
    Colore del manifesto azzurro, nessun simbolo di organizzazione. Mi sa tanto che odorano di sangue rattrappito lasciato per strada coperto da lenzuola.

  8. Margherita luglio 16, 2010 a 7:36 am #

    E’ tutto vomitevole…ma tra le altre cose mi chiedo: possibile si possa essere interdetti a vita dai pubblici uffici e diventare ( o rimanere) senatore. E’ un controsenso! Tutti in galera per direttissima.

  9. Rolando Feller luglio 16, 2010 a 9:46 am #

    Basterebbe e ne cresce anche gli ultimi fatti per fare cadere il governo.
    Tre ESEMPI; SCAJOLA, BRANCHER,COSENTINO.
    Ma cosa serve ancora di scandali per mandarli a casa?
    Questi esempi se l’intercettazione fosse legge, nessuno saprebbe niente.
    Ma e’ chiaro che le intercettazioni vanno bene solo per loro
    Anche queste leggi fatte per salvare i loro malaffari
    e continuamente proposte suonano come offesa per noi.
    E’ possibile continuare su questa falsariga?
    Dico solo chi e’ in malafede approva questi obrobri.
    Da poco e’ uscito un nome che fa capolino spesso su gli
    ultimi eventi r’ CESARE non credo sia difficile capire a chi si allude
    E allora si va avanti finche cadremo tutti in un fallimento totale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: