“Montami a costo zero”, chiesto il ritiro dello spot sessista

19 Lug

Il comune di Milazzo ha chiesto il ritiro di un cartellone pubblicitario oggetto di dure contestazioni da parte del gruppo cittadino “Donne Libere” che lo hanno definito “volgare e sessista”. Lo spot, della ditta di impianti fotovoltaici ‘Cauldron’, vede una donna accucciata sul pavimento e lo slogan “Montami, a costo zero”.

Volendo, potete anche chiamare la ditta al numero di telefono che leggete sul cartellone.

70 Risposte to ““Montami a costo zero”, chiesto il ritiro dello spot sessista”

  1. Vjola Luarasi luglio 19, 2010 a 8:32 am #

    quand’è che noi donne ci incazzeremo??? Perchè non iniziamo noi donne viola? una bella manifestazione contro questo degrado

    • rosalba luglio 19, 2010 a 4:06 pm #

      Hai ragione… ho appena letto del commento di quella schifezza di Berlusconi (che mai mi abbasserò a chiamare presidente) sulle laureate belle e su Rosy Bindi… mi chiedo come sia possibile in un paese che si definisce democratico e civile offendere così le donne… se la prendono con l’islam per come vengono trattate le donne e invece qui come veniamo trattate? merce di scambio per questi uomini da quattro soldi!

      • Marco luglio 20, 2010 a 1:06 am #

        Come vi piacciono pero’ questi quattro soldi…

      • paolo potito chierici luglio 20, 2010 a 8:53 am #

        vorrei rispondere al signor Marco.

        Tu pensi che proprio ci piacciono tanto questi quattro soldi ? .
        Bene, basta che in quella posizione ti metti tu e, in questi tempi vedrai i soldi che farai!!!

      • Anonimo luglio 21, 2010 a 6:54 am #

        Viva l’ipocrisia della gente che critica un cartellone palesemente installato e visibile a tutti e che magari sfocia nella sua immensa volgarità in altre situazioni lontane da occhi indiscreti. IPOCRISIA PURA verso un cartellone alla fine con doppio senso si, ma sul quale ci si può ridere sopra senza fare le solite zitelle gelose verso i propri mariti che forse nn puntano piu i loro occhi su di voi. FATE CAUSA ANCHE ALLE TRASMISSIONI TELEVESIVE ALLORA DOVE CI SONO VELINE E BALLERINE SEMPRE PIU’ NUDE. IPOCRITE!!!!!!!!!!! Per fortuna mia moglie ha piu senso di ironia

      • rosalba luglio 21, 2010 a 9:25 am #

        certo che tua moglie ha più senso dell’ironia, altrimenti non ti avrebbe sposato!!! che ragionamento è…? mi oppongo tanto all’uso del corpo femminile (e maschile anche se è più ridotto) in tv e nei giornali, quanto a quello sui cartelloni pubblicitari, tanto quanto alle giovani che per arrivare utilizzano il loro corpo… Io sono giovane, laureata con mio merito, lavoro con mio merito e non mi sento una bacchettona perché deploro quella pubblicità. è offensiva, oltre che assolutamente stupida per pubblicizzare quello che vendono… pubblicitari pure incapaci, nessuno ricorderà il nome dell’azienda, alcuni neanche il prodotto pubblicizzato… io lavoro all’estero e l’utilizzo del corpo delle donne nel mondo in cui si fa in Italia è non è pensabile… Siamo figli dell’italietta del berlusconismo… Speravo che almeno qui, nel post del popolo viola, questo pensiero fosse attenuato…

      • Anonimo luglio 23, 2010 a 2:56 pm #

        Eh no…se si mette un uomo in quella posizione poi lo ritirano perchè istiga l’omosessualità!!… Eheh donne aprite gli occhi! Non è il degrado della donna ma il suo potere messo su un cartellone 3×6! Gli uomini non notano le pubblicità se non c’è una bella donna perchè sono soggetti al nostro fascino. Una donna può fare ciò che vuole di un uomo…io mi sentirei più umiliato se fossi uomo perchè mi sentirei preso per un maniaco invece che per un uomo che guarda la qualità della merce in oggetto (il prodotto della fabbrica, non la donna testimonial….)

  2. Nicola Da lio luglio 19, 2010 a 8:54 am #

    Scuallore unico. Pur di fare soldi, e farsi vedere attaccati su una pubblicità, si dimenticano di avere una dignità. Complimenti a quelle donne che ancora sanno cosa sia !!!

    • dany62 luglio 19, 2010 a 9:02 am #

      nicola le donne italiane hanno moltissima dignità e sicuramente la persona accucciata in quel cartellone non ci rappresenta.immagino anche che la signorina in questione sia stata pagata profumatamente ,diversamente da quel che succede a una donna che fa un altro qualsiasi lavoro e che se le avessero proposto un’altra posizione e un altro abbigliamento sarebbe stata anche più contenta….vogliamo dire qualcosina sul pubblicitario(che immagino sia un uomo,almeno lo spero)che ha concepito e ideato questa pubblicità?e sul padrone della ditta che l’ha accettata?

    • a luglio 19, 2010 a 2:50 pm #

      sQuallore con la q

    • Anonimo luglio 20, 2010 a 1:01 am #

      Lo squallore e’ scrivere “scuallore”…

    • Marco luglio 20, 2010 a 1:03 am #

      Lo squallore e’ scrivere “scuallore”…

      • rosalba luglio 20, 2010 a 2:45 pm #

        lo squallore è gente come te!!!

    • rosalba luglio 20, 2010 a 8:20 am #

      Per Marco: io lavoro non ho bisogno dei quattro soldi sporchi di uomini schifosi… per altre non parlo! Te prima di parlare analizza i tuoi argomenti… deboli da uomo debole di un’italietta che riflette i pensieri spiccioli di cui tu parli!

      • Marco luglio 20, 2010 a 2:44 pm #

        I pensiero spiccioli da italietta sono queste proteste che in realta’ nascondono dietro solo una grande ipocrisia.
        Conosco fin troppe donne che si vendono per soldi o per fama, e da legale ho assistito sin troppi uomini che, oltre ad essere lasciati dalle mogli, correvano il pericolo di essere anche spennati economicamente dalle suddette.
        Io saro’ anche debole, ma questo e’ solo il festival dell’ipocrisia.

      • rosalba luglio 20, 2010 a 3:00 pm #

        Vedo che adesso sei passato da tutte a tante… ma anche se ci fosse una sola donna al mondo che non si è abbassata, come dici tu, io la difendo e mi difendo, non per femminismo ma per civiltà, quella di cui ci facciamo portatori, perchè quei messaggi e questo modo di pensare porta alla mancanza di rispetto e alla mancanza di educazione maschile, vedi palpatine sui mezzi degli autobus, degni di esseri della peggior specie, insulti, apprezamenti pesanti… Io ho sempre studiato e lavorato con buoni risultati solo per il mio lavoro! Se c’è gente che si abbassa non è un mio problema, a loro quella pub non darà fastidio ma a me si… E non tirate in ballo la libertà di espressione, che è stata ideata per ben più altri e ALTI scopi!

      • rosalba luglio 20, 2010 a 3:08 pm #

        ah tra l’altro dei tuoi assistiti polli spennati non mi interessa molto… Trattasi non di angeli ma di traditori! stessero più attenti a non ragionare con le parti basse… perchè se le donne si svendono per una manciata di soldi voi lo fate per atti più fisici, ma questo non significa che siate più elevati di spirito!!!

  3. Martina luglio 19, 2010 a 2:47 pm #

    Beh Nicola, quella è una modella che ha fatto delle fotografie. Probabilmente a stento conosceva il prodotto che avrebbe pubblicizzato, figuriamoci la simpatica didascalia -.-
    Comunque almeno le donne di Milazzo si sono incazzate a quanto pare!

  4. Francesco Casaretti luglio 19, 2010 a 2:59 pm #

    purtroppo i cinquemila anni e più di società patriarcale e fallocentrica continuano ancora a farsi pesantemente sentire…
    se non bastasse, il maschismo di berlusconi e dei suoi amici legaioli ha dato un ulteriore impulso a quest’onda lunga di volgarità

  5. shanks luglio 19, 2010 a 3:08 pm #

    all’estero ci sono spot più sessisti di questo e nessuno dice niente. qui in italia il culo delle donne serve solo a provocare desiderio in tv mentre ogni altro uso pubblicitario viene etichettato come sessista

    • ro luglio 19, 2010 a 5:52 pm #

      sei per caso donna tu?

    • Alessandro Paesano luglio 20, 2010 a 9:26 am #

      Quali? dove? puoi fare degli esempi?
      In ogni caso siccome ci sono milioni di omicidi nel mondo non perseguiamo quelli qui in Italia? Ma che ragionamento è?!?!?!?

  6. Giovanni luglio 19, 2010 a 3:09 pm #

    Come si fa presto a diventare fascisti…

    Questa pubblicità è di cattivo gusto e su questo sono d’accordo io. Non sono per nulla d’accordo, invece, con la richiesta di censura.

    La libertà di parola è fondamentale ed è profondamente sbagliato impedire a qualcuno di esprimersi (neppure in una pubblicita) solo perché alcune persone non ne condividono il messaggio o lo stile.

    • valentina luglio 19, 2010 a 3:22 pm #

      voler censurare questa pubblicità non è essere fascisti! la libertà di parola è fondamentale, ma non quando si offende la dignità di una donna, come anche quella dell’uomo. Il rispetto è fondamentale, e questo cartello è squallido.

      • Giovanni luglio 19, 2010 a 3:35 pm #

        Ah, la liberta’ di parola è fondamentale fin quando qualcuno non si offende.

        Sono gli stessi argomenti usati da berlusconi contro chi fa satira nei suoi confronti o dagli integralisti religiosi nei confronti di chi enuncia principi per loro offensivi.

        Continuo a pensare che questo modo di ragionare sia pericolosamente fascista.

        Questi signori devono essere liberi di fare quell’orrenda pubblicità e chi la trova sgradevole dev’essere altrettanto libero di dire che gli fa schifo.

    • Alessandro Paesano luglio 20, 2010 a 9:30 am #

      Giovanni non è questione di non condividere lo stile o il messaggio.
      La pubblicità è sessista e una società a democrazia avanzata non può tollerare messaggi sessisti. D’altronde la libertà di parola non ci permette di dire per esempio che la shoà non c’è stata o che i negri sono inferiori ai bianchi…
      Vai in galera se lo dici.
      La democrazia non è la libertà di dire quel che ci pare (e qui non stiamo parlando di un singolo, ma di una pubblicità vista da più persone) ma partecipare alla vita pubblica del paese. Questo spot contribuisce a offendere le donne già abbastanza offese da una società che, per esempio, a parità di mansioni , paga le donne un 30% in meno. Le petizioni di principio devono smepre fare i conti con la realtà concreta delle cose.
      In democrazia non tutte le idee o le opinioni hanno dignità di cittadinanza. E questo è esattamente uno di quei casi.

      • Giovanni luglio 20, 2010 a 10:27 am #

        Alessandro, sono d’accordo solo in parte.

        Quando dici che non tutte le opinioni hanno pari dignità, mi trovi perfettamente i linea: ci sono idee assolutamente balzane o strampalate, che vengono rifiutate dalla maggior parte delle persone (o per lo meno da me).

        Ma se qualcuno creda in queste idee strampalate e lo voglia dire in giro perchè gli dev’essere vietato di dirlo? E, ovviamente, chi ascolta sara’ libero di replicare e di dire che si tratta di stupidaggini.

        Pero’, quando qualcuno (chi?) definisce quali idee si possono esprimere e quali no, magari aggiungendo una pena detentiva per chi osa esprimere queste idee, inizia la deriva verso il fascismo e l’intolleranza.

        Il razzismo e’ un reato quando viene messo in pratica, quando si passa alle aggressioni, alle discriminazioni, alle vessazioni. Altrimenti è solo un’opinione. Per me un’opionine del cavolo, ma solo un’opinione.

        C’e’ gente che nega lo sbarco sulla luna e non va in galera. Perche’ ci deve andare chi pensa che l’Olocausto sia stato una montatura?

        ….
        In una società “civile” molte idee vengono respinte dagli stessi cittadini. Non c’è bisogno di repressione: l’ostracismo sociale fuziona piuttosto bene ed è già sufficiente.

        Invocare la galera o il silenzio è fascismo.

  7. Jose Ramirez luglio 19, 2010 a 3:13 pm #

    Io toglierei dal cartello la foto della donna e ci meterei quella dell’italiano medio , per essere più precisi , meterei la foto di quelli che danno il voto a la destra e in particolare a Berlusconi.

    • Giovanni luglio 19, 2010 a 3:17 pm #

      Jose, hai ragione. Berlusconi sta montando con grande foga tutti gli italiani. E purtoppo neppure a costo zero…

  8. delia luglio 19, 2010 a 3:17 pm #

    due sole parole: fa schifo!

  9. gisella luglio 19, 2010 a 3:22 pm #

    semplicemente volgare ed inopportuno

  10. ikeA luglio 19, 2010 a 3:29 pm #

    Comunque lo spot è riferito al montaggio di pannelli solari,i quali da montare a costo zero sono decisamente più difficili rispetto ad una donna…o ad un uomo, i quali per natura si offrono volentierie quando vi sono le condizioni giustee necessarie. é un tipo di pubblicità volgare e sessista fatta proprio con l’intento di fare girare il messaggio in una scala molto più ampia rispetto a quella raggiungibile dal semplice investimento dell’affitto dello spazio per il cartellone. Sono trovate ormai vecchie e diffusissime da anni ,ovunque. Dietro non si nascondono messaggi maschilisti ma furbizia di imprenditori e comunicatori che sanno benissimo di smuovere masse critiche verso il linciaggio mediatico con relative polemiche talmente grandi da dare una visibilità a quel cartellone di molto maggiore al semplice campo visivo dei passanti . Insomma tanto rumore per nulla.

    • Alessandro Paesano luglio 20, 2010 a 9:31 am #

      Intanto il cartellone è stato rimosso… Poco efficace come forma di visibilità…

  11. susanna luglio 19, 2010 a 3:39 pm #

    Sono lieta che “Donne Libere” sia riuscito a far rimuovere quel cartellone. Una pubblicità del genere è un insulto. I pubblicitari creatori del prodotto in questione dovrebbero rivedere la loro etica.Noi tutti dovremmo intervenire quando si lede la dignità e il rispetto in genere.
    Non dobbiamo assuefarci ai dettami di una società che cerca di relegare la donna a oggetto.

    • corrado luglio 19, 2010 a 3:56 pm #

      dai dai che in fondo anche tu sei una…il mio capo riuscirebbe a corromperti subito

      • rosalba luglio 20, 2010 a 2:39 pm #

        a quanto vedo questo posto è pieno di impiegatelli frustrati…. fatevi una terapia!!!

  12. wilhem luglio 19, 2010 a 3:40 pm #

    E` uno spot che fa` parte della ideologia della PDL, ho gia` visto in giro quella espressione verbale scritta su manifestini politicizzati, comunque non si puo` certo dire che la fotomodella stia male: e` una bella ragazza. Forse l’accostamento, ma non mi sembra schifoso… moralmente non so. Forse e` uno spot piu` adatto se viene messo in relazione a uno spettacolo di intrattenimento per adulti che ad un impiantista fotovoltaico?

  13. Roberto luglio 19, 2010 a 3:43 pm #

    Quanto meno di cattivo gusto ma adatta ad un paese in cui la classe dirigente (premier in testa) ha una tale considerazione nei confronti delle donne

  14. Simon luglio 19, 2010 a 3:51 pm #

    ci sono cose ben più importanti sinceramente… e se si fosse in grado di “combattere” quelle avremmo già molto di più di quello che abbiamo ora.
    il problema degli italiani è proprio la critica a prescindere. c’è sempre qualcosa che a uno va bene e all’altro non va bene, ma sarebbe il caso di dare visibilità a cose più importanti di questa e se proprio ci si deve accanire e lamentarsi, farlo per cose degne di nota. Una pubblicità è una pubblicità e non ammazza nessuno… non venite a parlarmi di dignità femminile, non quando l’8 marzo è la festa del “amore vado allo strip club con le amiche a ubriacarmi” o del “amiche stasera ce li facciamo tutti”… se si deve essere coerenti, lo si sia fino in fondo!
    S.

    • Alessandro Paesano luglio 20, 2010 a 9:33 am #

      sei un uomo però… Facile parlare di te.
      In quanto alle pubblicità che non ammazzano nessuno studiati gli ultimi 30 anni di storia italiana… Il paese è dov’è anche per i mass media…

  15. corrado luglio 19, 2010 a 3:52 pm #

    si si ma dai lo sappiamo tutti che le donne a parole sono tutte sante e invece in pratica…dai per il mio capo ho procurato tantissime donne, all’inizio titubano, ma quando le dici che rimarrà segreto vedi come cedono…le donne in fondo sono tutte…come i maschi poi..questo mondo è così non nascondetevi dietro falsi moralismi

    • ro luglio 19, 2010 a 5:58 pm #

      caro corrado, il fatto che PRESUMIBILMENTE le tue esperienze passate (affettive o familiari che siano) ti portino a pensare questo, non significa certo che tutte siano così. sappi comunque che quello che tu stai facendo (procurare donne per il tuo capo) si chiama sfruttamento della prostituzione!

  16. Clarissa luglio 19, 2010 a 4:20 pm #

    Creatività zero!

  17. antonio luglio 19, 2010 a 4:45 pm #

    Grandiosiiiiiii.
    ma finitela di lamentarvi che per fior di milioni vi sareste abbassate tutte.
    a costo zero è solo…
    voi vi fate pagare soldoni, ma vi abbassate tutte.
    chissà quanto l’hanno pagata a quella…

    • davide luglio 19, 2010 a 5:43 pm #

      infatti! è quello che dico io…sai il mio capo quante ne ha fatte “abbassare” e saltare a suon di milioni…tutte le donne sono così c’è poco da fare…TUTTE ripeto TUTTE anche le santarelline

      • nina luglio 20, 2010 a 2:08 pm #

        lo sapevi che anche gli uomini si prostituiscono?

      • rosalba luglio 20, 2010 a 2:26 pm #

        se hai avuto una cocente delusione, magari un tradimento non è questo il posto dove sfogare i tuoi complessi…prova uno psicologo! Io non mi sono MAI abbassata a niente nella vita, non nè ho bisogno essendo più intelligente della media italiana che tu rappresenti!!! ME COME TANTE ALTRE DONNE!!! Applicati un modo di più, vedrai che puoi riuscire! Purtroppo chi non ha la mente aperta non ci può arrivare!

      • Maria Luisa luglio 21, 2010 a 7:38 am #

        Sei proprio un poverino…mi fate pena, tu ed il tuo capo!

  18. uomo reale luglio 19, 2010 a 7:42 pm #

    non sono libere queste donne che hanno protestato ma schiave di una idea limitante del loro io: “io sono il mio sesso”, invece di farne uguali loro dovranno eternamente correre dietro ai cartelloni pubblicitari “sessisti”. tutto ciò è ridicolo (eufemismo)

  19. Fabio luglio 19, 2010 a 7:46 pm #

    Beh il cartellone ha fatto il suo effetto e poi non vedo cosa ci sia di cosi scandaloso rispetto ad altre pubblicità. Il fatto che la situazione socio politico culturale etc etc impone il fatto che le donne continuano a piacere a noi uomini e quindi i pubblicitari fanno solo bene?

  20. uomo reale luglio 19, 2010 a 7:47 pm #

    @dani62 che scrive “sicuramente la persona accucciata in quel cartellone non ci rappresenta”
    cara dani, quella è una donna e ancor prima è una persona e rappresenta sé stessa e la libertà di scegliere COSA-CAZZO fare! chi sei tu per dirti rappresentante delle donne? anche tu rappresenti solo te stessa, non dimenticarlo mai

    • rosalba luglio 20, 2010 a 2:28 pm #

      più che un uomo reale sei un uomo banale!!! o un cretino… rappresentando solo me stessa posso dirtelo senza che tu ne abbia a male vero?

  21. Tiziano luglio 19, 2010 a 8:19 pm #

    Sarei stato favorevole se al posto della donna ci fosse stato Berlusconi

  22. Bah... luglio 19, 2010 a 9:04 pm #

    Ma incazzatevi per qualcos’altro, non per ‘ste “baggianate”. Non sono questi i mali del mondo: ci sono cose ben più gravi di cui preoccuparsi. Ed in ogni caso, la fate troppo pesante con ‘sta storia del sessismo.

    Ogni giorno muoiono migliaia di persone e ne vengono sfruttate milioni per soddisfare anche i vostri bisogni consumistici. Quante di voi si sono fatte comprare gioielli dai propri mariti? Quante di voi spendono centianaia d’euro in scarpe, cappotti, magliette, maglioni?
    Fate la spesa in un discount e date il resto in beneficienza.
    Fate movimenti anticonsumistici, POI pensate ai vostri diritti. Nel resto del mondo c’è gente che non sa neanche che dovrebbe avere dei diritti. Che non sa neanche che la sua vita vale quanto quella di un fottuto occidentale.

    E se proprio volete cambiare questo paese di merda, fate una visita qui:
    http://www.nuovademocraziaeuropea.eu/index.htm
    E fate vedere che anche voi donne sapete prendere decisioni importanti e non solo quando si tratta di difendere i vostri diritti.

    • rosalba luglio 20, 2010 a 2:31 pm #

      Che banalità… io non mi sono mai fatta comprare gioielli, pellicce che non porto o altro!!! Questo è il pensiero unico dominante… che voi rappresentate… e questo pensiero è il motivo per cui alle pari opportunità abbiamo la carfagna… ti sembra più serio visto così?

      E se proprio volete cambiare questo paese di merda, fate una visita qui:
      http://www.nuovademocraziaeuropea.eu/index.htm
      E fate vedere che anche voi donne sapete prendere decisioni importanti e non solo quando si tratta di difendere i vostri diritti.

      E tu fai vedere che sai commentare senza dover pubblicizzare un tuo sito!!!

  23. Anonimo luglio 20, 2010 a 8:14 am #

    perchè non la foto di un bel culo maschile, quello magari di un muscoloso palestrato…..? chi si incazzava allora? credo che di fronte a pubblicità così volgari e sconvenienti per la dignità di chichessia dovrebbero incazzarsi tutti, non solo le donne, magari anche i mariti o i padri di famiglia che hanno figlie…perchè il modello che ci vogliono proporre per in futuro è questo, veline, fotomodelle facili e ben pagate…e laureate bruttine e secchione….e il sesso come panacea di tutti i mali…..viagra, sesso di settantenni con chi potrebbe essere sua nipote( intendo che lui potrebbe essere suo nonno), è in fin dei conti l’etica, la morale il rispetto transgenerazionale, i valori di dignità delle persone che se ne stanno andando a “farsi fottere”..tutti segnali di degrado dove questa destra dopo 16 anni di malgoverno in tutti i campi, anche quello morale e non solo economico,ci stà portando….

  24. Anonimo luglio 20, 2010 a 8:26 am #

    squallore è correggere la parola e lasciare inalterati i valori!!

  25. Maria Luisa luglio 20, 2010 a 8:48 am #

    Mandato mail, squallidi e ignoranti!

  26. Isa luglio 20, 2010 a 9:02 am #

    ma a nessuno viene in mente che tutto ciò che passa attraverso canali visibili come questo cartellone è anche veicolo di educazione in tutti i sensi? Intendo dire educazione come voce del verbo EDUCARE, educazione come MI FERMO AL LIMITE DEL BUON GUSTO; NON “MI PIACE E LO FACCIO”. Le nostre azioni, le nostre scelte non coinvolgono solo noi.Educazione è RESPONSABILITA’. Sui vari commenti che ho letto di alcuni maschhietti non c’è molto da dire se non invitarli a diventare UOMINI,ma bisogna trovare la forza di dominare se stessi, i maschi hanno molte forze meno quella davvero importante.e allora auguri a loro.

  27. Massimo luglio 20, 2010 a 10:51 am #

    La mail dell’azienda “che odia le donne” è info@cauldronholding.com
    Scrivetegli

  28. Gaetano Vesentini luglio 20, 2010 a 11:00 am #

    Con un vecchio “stallone” piduista ed eversore a Palazzo Chigi ogni porcata è ammessa…

  29. mrx luglio 20, 2010 a 11:04 am #

    A me quel manifesto fa ridere e piace. E’ una “battuta da osteria”, un doppiosenso su cui tutti noi maschi giochiamo ogni giorno in ogni occasione… Se le donne preferiscono ignorare questo fatto (di cui sono pienamente consapevoli) e fare le vittime urlando allo scandalo (per avere un pò di attenzione da noi) libere di farlo. Ma non che cambi nulla in ciò che gli uomini pensano, lo faranno forse più di nascosto :-)

    • Staceppa luglio 20, 2010 a 11:35 am #

      Ma che soprattutto non cambi nulla nell’intimità quando le donne si fanno montare dai propri uomini amandoli e facendosi sculacciare, questo è certo! Ahahaha! La verità non sta nel messaggio, ma nella natura animalesca che è dentro ognuno di noi. Uomini e donne.

      • nina luglio 20, 2010 a 2:05 pm #

        nessuno mette in dubbio le mille varianti dell’intimità di un uomo, o di una donna. o che le persone si scambino “battute da osteria”. ma c’è modo e modo. e ci sono sedi adatte ad esprimersi in questo modo. un cartellone pubblicitario che vedono anche i bambini di 5 anni per strada e che chiedono “cosa vuol dire?” NON E’ LA SEDE GIUSTA PER UNA BATTUTA DA OSTERIA. non mi sembra ci voglia molto per capirlo. non mi sembra ci voglia molto per capire che non si tratta di estremismi, femminismi, fascismi e altre stronzate. si tratta di buon senso, e del fatto che c’è un culo formato famiglia lungo una strada ad alta percorrenza. e che se fosse stato il culo di un uomo a dover essere montato, sarebbe stato ugualmente scorretto. allora al diavolo le fasce protette in tv e mettiamo i film porno in palinsesto in prima serata. arriveremo molto lontano.

    • liveitup luglio 20, 2010 a 2:45 pm #

      mrx non c’entra nulla la battuta da osteria, quella resti la dov’è , nessuno la tocca . ma qua si tratta di pubblicita’, di messaggi al pubblico e questa e’ veramente squallida!

      • mrx luglio 20, 2010 a 8:06 pm #

        nina un bambino non ha nessun motivo di chiedere spiegazioni perchè non sa che c’è un doppio senso e sa che è normale avere donne seminude nelle pubblicità. Semmai quello che ti preoccupa è l’imbarazzo che proveresti se un bambino veramente lo chiedesse. Ma questo è un problema che hai dentro di te e che il bambino non ha finchè tu non glielo trasmetti. Quindi il problema non è il manifesto ma la reazione che certi adulti possono avere guardandolo. Di questo gli autori non possono essere responsabili.
        liveitup, per quanto riguarda il mettere le battute nella pubblicità oppure no… visto il clamore che ha fatto, direi che nessuna battuta è mai stata messa in un posto più appropriato!

  30. didodicidue luglio 20, 2010 a 3:59 pm #

    Perchè da subito ci indignamo per pubblicità dove il corpo della donna viene inequivocabilmente utilizzato come richiamo sessuale?
    Per quale motivo la sessualità è sinonimo di immoralità a tal punto da creare sconcerto che una donna in vetrina possa inneggiare alla sottomissione sessuale di un atto che si fa in due?
    Non è possibile che quella donna invece incarni il simbolo della donna di oggi che sceglie il proprio partner, che esige il piacere sessuale e a cui piace fare l’amore anche solo per il gusto di farlo?
    A volte, e dico solo a volte, le cose possono essere guardate da prospettive differenti.

    E sono una donna.

  31. domenico luglio 20, 2010 a 5:03 pm #

    secondo me se odiavano le donne mettevano una foto di una calpestata o stuprata, era lo stesso d’impatto.
    hanno messo una seminuda e provocante,
    secondo me
    AMANO LE DONNE non le odiano

  32. Enrica luglio 21, 2010 a 6:18 pm #

    Mai visto quel cartellone, ma ho visto il documentario IL CORPO DELLE DONNE http://www.ilcorpodelledonne.net/?page_id=89 spiega bene che quello è l’andazzo. Non mi scandalizzo, ma mi domando perchè le cose vanno così e sinceramente non riesco a capirlo; sicuramente la TV ha avuto un ruolo notevole, ma forse c’è anche qualche “tara” tutta nostra italiana. Del resto non è passato tanto tempo da quando era possibile uccidere la moglie che tradiva e avere un trattamento di riguardo (delitto d’onore http://it.wikipedia.org/wiki/Delitto_d%27onore ) come nel film Divorzio all’italiana. E forse avrà anche influito la morale cattolica, che vede nella donna la peccatrice, la strega, la meretrice e nel sesso un male assoluto; salvo poi farla diventare Madonna, ma allora non deve più essere amante ma solo madre.
    Comunque la pubblicità in questione è brutta (come tante altre)anche perchè come al solito non informa il cliente, ma sostituisce l’oggetto da reclamizzare con “qualche altra cosa” molto più appetibile che non “c’azzecca niente”.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Top Posts — WordPress.com - luglio 20, 2010

    […] “Montami a costo zero”, chiesto il ritiro dello spot sessista Il comune di Milazzo ha chiesto il ritiro di un cartellone pubblicitario oggetto di dure contestazioni da parte del […] […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: