A Bertolaso cittadinanza onoraria in un comune dell’Aquila: “Grazie per il lavoro svolto”

23 Lug

Il Comune di Poggio Picenze, paese alle porte dell’Aquila, conferirà al capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, la cittadinanza onoraria. La scelta è stata ratificata da una seduta del Consiglio comunale. “Si tratta di un’onorificenza – commenta il sindaco, Nicola Menna – che la nostra amministrazione comunale vuole conferire al capo della Protezione civile come riconoscimento per tutto il lavoro svolto a favore della nostra collettività dopo il terremoto”. Menna ha precisato che “si è trattato di una scelta autonoma, non dettata affatto da condizionamenti politici esterni, come qualcuno vuole far credere”. Intanto anche il Comune di Cagnano Amiterno (L’Aquila) ha annunciato che sabato 24 luglio, conferirà la cittadinanza onoraria a Bertolaso e al suo attuale vice, l’ex prefetto dell’Aquila Franco Gabrielli.

Fonte: L’Impronta, L’Aquila

12 Risposte to “A Bertolaso cittadinanza onoraria in un comune dell’Aquila: “Grazie per il lavoro svolto””

  1. claudio luglio 23, 2010 a 4:27 pm #

    Visto tutti quelli che ha ammazzato è utile per far rilasire il numero dei “sudditi”.
    La mafia non ha proprio limite alla decenza!!!!!!!!!!!!!

  2. fantomas luglio 23, 2010 a 5:12 pm #

    Il comune di Poggio picenze fu l’unico a non aderire alle proteste degli amministratori dell’aquilano immediatamente dopo il sisma. fu anche l’unico ad accettare l’inutile presenza di un campo di casa pound, che non aiutava la popolazione ma presidiava il territorio con torri di vedetta e ronde intorno al loro fortino. per inciso nel campo di casa pound non erano ospitati gli sfollati ma solo i fascisti in vacanza/propaganda. il campo è stato chiuso dalle autorità militari su richiesta dei cittadini.

  3. pulymarc luglio 23, 2010 a 7:39 pm #

    MA SI PUÒ?!?!?!?!?!
    LA TROVO UNA CAMPAGNA DI RIABILITAZIONE A FAVORE DI BERTOLASO,
    A DIR POCO SFACCIATA!!!!!!!!!!

  4. frebaio selvaggio luglio 23, 2010 a 9:30 pm #

    viiie lo avevo che gli italiani sono coglioni!!!!dopo il premio a silvio,che si è gonfiato come un tacchino ripieno,ora danno i premi a bertolaso che dopo aver spartito di qua e di là incassa la riconoscenza degli abruzzesi.bertolaso perchè non ci dici quanto ti ha fruttato questa terribile disgrazia? gli aquilani sono ancora dispersi esattamente come i soldi che noi con sacrificio abbiamo mandato.e alla regione c’è il popolo dei ladroni

  5. claudio luglio 23, 2010 a 10:05 pm #

    E io devo ancora capire perchè hanno costretto gli Aquilani a suicidarsi costringendoli a tornare nelle case durante il terremoto, qualc’uno ha qualche idea?

  6. Velella Mondini luglio 24, 2010 a 8:13 am #

    Ho letto incredula la notizia : non ho parole.L’unica riflessione è il sempre crescente timore,ormai quasi certezza,che questo paese non cambierà mai.Accettiamo passivamente tutto ciò che accade.A me ribolle il sangue,ma non sono più giovane e non saprei come lottare,ma spero che le nuove generazioni si sveglino dal torpore in cui vivono e decidano di farlo.Allora io e tantissimi della mia generazione saremmo al loro fianco

  7. Domenico luglio 24, 2010 a 9:00 am #

    Io posso dire soltanto una cosa certa: durante la fase dell’emergenza del terremoto, ho contribuito in solido sia con conto corrente postale a favore della Regione Abruzzo, sia con unmerosi SMS come hanno fatto molte altre persone. Alcuni mesi fa inviai una mail al presidente della Regione chiedendogli di farci sapere come sono stati utilizzati i fondi raccolti con gli SMS e i fondi raccolti con i versamenti postali. NESSUNA RISPOSTA!!
    BRAVO, presidente, LEI è PROPRIO UN ESEMPIO DI TRASPARENZA. A parer mio naturalmente,elargiscano onorificenze a chicchesia, per quello che valgono!!!

  8. Guido luglio 24, 2010 a 9:35 am #

    Davvero degni di onorificenze, quelli che hanno vissuto il Terremoto e l’emergenza con dentro di sé la riserva che le opere necessarie dovevano essere attribuite ad una cricca di “Amici” e di “Amici degli Amici”…!!!
    Si vergognassero, invece: e se la troppo bistrattata Magistratura riuscirà a fare il suo corso, che finiscano in Galera!!!
    Io, che all’Aquila ci passavo l’estate con i miei quando ero solo un ragazzino, so che cosa vuol dire vedere che non ci sarà mai più quella Città stupenda… Alla faccia delle “new town” di cui cincischia quello sporco imbecille…
    Bah…
    Io ancora aspetto che Bertolaso – tra un massaggino brasiliano e l’altro – trovi finalmente il tempo di dimettersi e di dimostrare che ha vergogna della rete di consorterie, connivenze ed affari che ha creato, condiviso o protetto…
    Ma Padre Cristoforo – per il Manzoni – diceva: “Verrà un giorno…” E quel giorno, prima o poi verrà davvero!!!
    Guido

  9. mari luglio 24, 2010 a 11:26 am #

    gli aquilani meritano solo quello che hanno.

  10. LadyLindy luglio 24, 2010 a 11:47 am #

    chissà se gli daranno anche qualche manganellata.

  11. Marco58 luglio 26, 2010 a 11:32 am #

    Il sindaco ha capito benissimo che se non lecchi qualche culo, di soldi non ne arrivano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: