Fini-Berlusconi, è bufera sull’ultimo editoriale di Minzolingua – Il video

30 Lug

Polemiche a non finire sull’ultima uscita della lingua più veloce del West, il direttore del Tg1 Minzolini. Guardate l’editoriale dedicato alla rotttura Fini-Berlusconi e diteci se questo è servizio pubblico

29 Risposte to “Fini-Berlusconi, è bufera sull’ultimo editoriale di Minzolingua – Il video”

  1. Sunny luglio 30, 2010 a 10:06 am #

    Guarda è una merda Minzolini, dovrebbero radiarlo sedutastante da qualsiasi servizio pubblico. Sarebbe da denuncia…non ho davvero parole, al confronto Fede è imparziale…mi vergogno per lui…

  2. Francesco luglio 30, 2010 a 10:10 am #

    Mi dispiace tanto che quello che una volta era il primo telegiornale d’Italia, sia diventato un palco dal quale prezzolati menestrelli cantano le virtú del loro padrone. Mi dispiace tanto che l’Italia di Pertini, Togliatti, Falcone, Borsellino si sia ridotta in questo stato.

    • gian luglio 30, 2010 a 10:49 am #

      sentire accostati due eroi nonchè martiri del nostro paese come Falcone e Borsellino con Togliatti e Pertini mi fa venire i brividi…quante favolette..

      • Anonimo luglio 30, 2010 a 11:17 am #

        Perché cos’hai contro Pertini e Togliatti?

      • Anonimo luglio 30, 2010 a 12:00 pm #

        togliatti magari no , ma Pertini cosa avrebbe fatto ? sentiamo

      • gian luglio 30, 2010 a 12:08 pm #

        su togliatti se ne può fare un elenco…Pertini,ad esempio,baciò la bara di Tito…e occultò per decenni i suoi massacri..

      • Marco luglio 30, 2010 a 12:43 pm #

        Hai i brividi? . . potrebbe essere un accenno di ebola . . .

      • gian luglio 30, 2010 a 12:52 pm #

        estremamente fuori luogo questa battuta…

  3. Matteo luglio 30, 2010 a 10:19 am #

    Un colpo.

  4. Gianluigi luglio 30, 2010 a 10:27 am #

    Minchiolini brucia lentamente per cercare di tenere caldi i glutei del padrone…come lo sterco di yak scalda i mongoli…e, come quel combustibile, una volta bruciato nessuno ne parlerà più…è solo una marionetta senza spina dorsale sorretta da fili manovrati da chi gli riempie la mangiatoia…

  5. patacca luglio 30, 2010 a 10:30 am #

    diretto all’impiccagione.

  6. alessio luglio 30, 2010 a 11:29 am #

    Minzolini sei un checcapòpò (Senza offesa per i gay)

  7. diego luglio 30, 2010 a 12:30 pm #

    che schifo d’uomo….che schifo di telegiornale….!! Altro che non pagare il canone,io non compro piu televisori!!! viva internet!!!

  8. unbeinger luglio 30, 2010 a 12:31 pm #

    che dire di Feltri? ;)
    http://unbeinger.wordpress.com/2010/07/30/futuro-nazionale/

  9. lareika luglio 30, 2010 a 12:47 pm #

    A me un direttore di un telegiornale che dice “sui giornali (…) si è blaterato” mi fa schifo.

    Ma vabbè, dire che Minzolini è un lacchè del biscione è come dire che la cacca puzza.

  10. gabriele.giammarioli luglio 30, 2010 a 12:57 pm #

    …..seguo solo il tg3!!!! meglio gli “ausiliari ” che il direttore del tg1, poeri noi!!!!diceva mia nonna!!!!!

  11. cittadino informato luglio 30, 2010 a 1:15 pm #

    Vorrei incazzarmi ( ma tanto) ma non serve in questa Itaglia e per questi itagliani idioti!
    W Monzolini W Fede e W Feltri, cosi vivo tranquillo e beato!

  12. Chiari Alessandro luglio 30, 2010 a 1:32 pm #

    A domanda risposta: non è un servizio pubblico. Oserei affermare che è un disservizio pubblico.

  13. gas luglio 30, 2010 a 2:54 pm #

    basterebbe lasciar decidere all’utente se usufruire o meno del servizio..penso che con l’avvento del digitale sia abbastanza semplice…voglio vedere la rai?pago.non voglio?non pago…regalare soldi alla rai per un servizio,che,ha prescindere dallo schieramento politico,è penoso,mi sembra profondamente ingiusto.Voglio dire,anche passando sopra a questo servilismo,mi sembra che l’offerta rai sia meno che mediocre..

  14. bianca luglio 30, 2010 a 2:55 pm #

    Ma è normale questo uomo? Povera Rai..come sei ridotta male.

  15. Tonino luglio 30, 2010 a 5:04 pm #

    Ma questo signoreeeee si crede giornalista?……..

  16. D'Errico Michele luglio 30, 2010 a 5:39 pm #

    Faccio uno sforzo enorme per trovare parole civili atte a descrivere questo leccapiedi televisivo. E’ uno schifo.

  17. Ben luglio 30, 2010 a 10:10 pm #

    è chiaro ormai che la RAI è diventata una succursale di Mediaset, Berlusconi sta posizionando nei punti cruciali le sue pedine (vedi organi direttivi ed esecutivi della RAI)e non solo nella RAI, ma anche in altri punti chiave della finanza, della magistratura(vedi le ultime nomine CSM) ecc. ecc. L’italia è nelle sue mani. A settembre ci attendono anche “il processo breve e le intercettazioni”, che se approvati qualificherà il nostro paese come “Il paese dei Balocchi”, dove i furbi ed i delinquenti la faranno da padrone. Possibile che la gente non capisca tutto questo e continui a “tifare” per B.

    recover deleted files online

  18. alex luglio 31, 2010 a 2:43 am #

    Ho mandato questa nota presa non ricordo dove a augusto.minzolini@rai.it e non è tornata indietro,nel senso che l’indirizzo dovrebbe essere giusto,se così fosse tuttiquesti commenti oltre che postarli qui si potrebbero mandare all’interessato,almeno percepisce meglio come la pensa la gente e poi facciamo lavorare qualche segretaria.-
    ti invio un promrmoria tante volte non ti rendessi conto di quello che dici in attesa del tuo licenziamento dalla rai

    Augusto Minolini apre elogiando l’azione di Governo (e ti pare!) riguardo la manovra finanziaria: “Misure complesse che l’esecutivo ha adottato facendo fronte alle polemiche dell’opposizione”.Una manovra, per il direttore del Tg1, che “non ha creato sconquassi come è accaduto in Spagna, Grecia, Gran Bretagna, Germania. Misure impopolari ma necessarie, che hanno avuto il plauso dell’Europa”. Piccola precisazione: chissà cosa penseranno di queste parole i disabili, i farmacisti (le farmacie dovranno versare alle Aziende sanitarie una tassa fissa del 3,65% per concorrere alla riduzione della spesa di settore in Italia. Col rischio, in questo modo, chiusura per numerose farmacie, soprattutto per quelle dei centri più piccoli – se ne calcolano circa 3.500); le forze dell’ordine (tagli sulle tredicesime); i cittadini in genere (tagli per scuole, trasporti pubblici e gestione dei rifiuti e del territorio); gli studenti (con la manovra, secondo Flc-Cgil, l’Università si sveglierà con 26.500 occupati in meno, occupati precari mandati a casa alla scadenza del tempo determinato). E poi la cultura: abbattimento dell’80% delle spese per mostre e convegni imposto a comuni e province; un taglio complessivo di 58 milioni di euro l’anno per i prossimi tre anni, quasi 50 dei quali sottratti al capitolo per la tutela e la valorizzazione. Insomma, quello di Minzolini è un commento molto personale.

    Ma andiamo avanti. Nel corso del monologo il direttore il direttore affronta il caso Berlusconi-Fini: “Paradossalmente proprio in queste settimane la confusione politica è aumentata a dismisura, sui giornali sono fioccate previsioni pessimistiche sul futuro del governo, si è parlato di esecutivi tecnici o di larghe intese”. Anche qui occorrono delle precisazioni: il caos all’interno del Pdl è (o meglio, era) più che evidente. Per cui non è “blaterare”, come afferma Minzolini, se si ragiona sui possibili risvolti della vicenda, soprattutto se si considera che il numero dei finiani non è affatto esiguo: più di 30 deputati e circa 14 senatori.

    Ma il meglio di sé Minzolini lo offre commentando le vicende giudiziarie: “Sono state enfatizzate inchieste dai contorni confusi […] Insomma, la solita cappa mediatica sta tentando di condizionare gli equilibri del paese”. E ancora, alludendo all’inchiesta sulla P3: “Un caso giudiziario serve a mettere in piedi un’operazione politica, e in questa nuova deriva giustizialista un semplice avviso di garanzia torna ad essere considerato da alcuni una mezza condanna”. Caro direttore, nessuna cappa mediatica, nessun giustizialismo. Si tratta di inchieste che svelano il marcio della politica italiana per cui molti già si sono dimessi e altri ancora devono farlo. Lei che fa riferimento all’estero per esaltare la manovra economica del Governo, sa che in tutti i Paesi democratici la questione morale è fondamentale? Se uno è indagato si dimette, a prescindere da una possibile condanna o assoluzione.

    “Venerdì scorso ero stato invitato a parlare nel corso di una riunione dei giovani socialdemocratici e durante la festa ho intrattenuto una relazione moralmente inappropriata”. A parlare era Jeff Kofod, vicepresidente della Commissione Affari Esteri dei socialdemocratici danesi, che con questi motivi si è dimesso dal suo incarico. E cosa dire,ancora, di Teodoro Roussopoulos, il portavoce del governo greco, che si è dimesso per alcune inchieste su uno scandalo immobiliare con la seguente motivazione: “mi dimetto per non pesare sull’attività e sulla credibilità del governo”. E guardi un po’: né in Danimarca né in Grecia nessuno ha parlato di omplotti, causa superiore, falsità, menzogne. Avanti loro o avanti noi?

    E allora la colpa, caro direttore, non è della “cappa mediatica”, ma di chi c’è sotto. Come lei d’altronde a Trani.

  19. donato agosto 1, 2010 a 6:47 am #

    Chi parla per far andare la bocca non dovrebbe aver posto nei telegiornali “liberi” della TV DI STATO o dello STATO della nostra TV di STATO.
    Ricordatevi sempre che se l’EUROPA dice che la monovra va bene vuol dire che per il cittadino non và assulutamente bene!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  20. Patrizia Dessy agosto 1, 2010 a 8:38 am #

    giornalista? Minzolingua un giornalista?
    Arriverà il giorno in cui rideremo di tutto questo: per ora è solo drammatico.

  21. catman7x30 agosto 1, 2010 a 9:02 pm #

    Quest’uomo è un insulto alla categoria dei giornalisti !

  22. Roberto gennaio 28, 2011 a 11:15 am #

    E’ giusto e opportuno le dimissioni del Presidente Fini, per diverse ragioni tra le quali: ha formato un nuovo partito ed è passato all’opposizione, in subordine per la casa di Tulliani e che in una sua stessa dichiarazione aveva preannunziato che se la casa monegasca risultava essere del cognaro si sarebbe dimesso.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Fini-Berlusconi, è bufera sull'ultimo editoriale di Minzolingua … - luglio 30, 2010

    […] Per approfondire consulta la fonte: Fini-Berlusconi, è bufera sull'ultimo editoriale di Minzolingua … […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: