Di Pietro attacca Fini: “E’ un quaquaraqua” – Il video

4 Ago

Di Pietro commenta la decisione dei finiani di astenersi sul voto di sfiducia a Caliendo

6 Risposte to “Di Pietro attacca Fini: “E’ un quaquaraqua” – Il video”

  1. N. LAURO agosto 4, 2010 a 2:21 pm #

    COSA CI SI POTEVA ASPETTARE DA UN CONCUBINO?

  2. Titta agosto 4, 2010 a 2:52 pm #

    Non sono nessuno, eppure ho sempre sostenuto che Fini fosse solo un poveraccio che pensa solo ai suoi interessi personali, come tutti i fascisti, basta ripercorrere la sua storia politica per capire che è intrisa di marce indietro e leccaculismi vari, al suo capo che l’ha sdoganato, ma sempre fascista resta

  3. francesco agosto 4, 2010 a 3:57 pm #

    solo adesso lo avete capito? eppure in precedenza ci sono stati tanti episodi che mentre lui diceva una cosa i suoi colonelli dicevano il contrario

  4. elena agosto 6, 2010 a 7:56 pm #

    GRANDE DI PIETRO, MAI PELI SULLA LINGUA

  5. Basilio Santocrile settembre 16, 2010 a 1:28 pm #

    IL QUAQUARAQUÀ

    di Basilio Santocrile

    Se procediamo ad una analisi completa, ci rendiamo conto che l’anno 2009/10 è stato pieno di tagli vertiginosi, e speravamo fosse passato “come un’onda anomala, che lascia dietro di sé devastazione e desolazione”. Si tratta, invece, di un terremoto con l’ennesima scossa sismica, con ripercussioni anche per questo nuovo anno 2010/2011, considerato che vi sono ben 15.000 posti in meno per il personale ATA e 25.600 per il personale docente, dunque una catastrofe di circa 40.000 disoccupati in più rispetto all’anno precedente. – Mentre ci preoccupiamo per i disoccupati… , ci chiediamo che fine faranno i nostri ragazzi, le nostre scuole, che sono già all’esasperazione totale! Ragazzi miei, arrangiatevi … !! Giotto diventò Giotto disegnando sulle pietre, voi lasciate le penne e i quaderni, munitevi di scalpello e martello e di qualche buona pietra su cui scrivere o, meglio, incidere le vostre lezioni. Ci direte: “Ma non siamo mica all’età della pietra!??”… Peggio, ragazzi, molto peggio… : questa è la scuola di chi vi vuole ignoranti, di chi vi vuole togliere il sapere… di chi vuole privarvi dell’unico mezzo per combattere l’ignoranza. – Del resto c’era da aspettarselo: il nostro caro Berlusconi ci aveva promesso un milione di posti di lavoro…. Voi di sicuro avevate pensato in più… No, lui intendeva dire in meno… e questa volta pare proprio che manterrà la promessa, anzi, farà di più: la estenderà sicuramente alla sanità, e poi toccherà agli altri enti pubblici. “Tagliare” è la parola d’ordine: non importa se qualcuno morirà di fame, e se la pubblica amministrazione verrà sepolta per mancanza di mezzi e sussistenza. I superstiti se la vedranno nera… ed i disoccupati avranno solo tre possibilità: 1) Spararsi. 2) Darsi alla malavita e al ladrocinio (ma ladri di cosa!… se si è tutti alla fame!!!). 3) Andare a mangiare a casa di Berlusconi (credo sia la soluzione migliore) Ci auguriamo soltanto che i futuri disoccupati non mangino lui!… – A tutto ciò pareva che l’onorevole Fini si fosse ribellato… e si sperava che portasse a termine la sua battaglia, dimostrando finalmente di essere un “uomo”… Mentre scrivo, dalla caserma vicina odo l’inno “Fratelli d’Italia”. Considerato che mi trovo a Roma, mi chiedo se non sarebbe più appropriato l’inno della Lazio, – oppure quello della Roma, perchè forse aveva ragione Metternich: “l’Italia e’ soltanto un’espressione geografica”. E questo soprattutto grazie ai nostri illustri leghisti, la nuova versione degli ormai dimenticati “nazisti”. Tralasciando questo, ricordo una frase dello stesso onorevole Fini: “Col Senatur nemmeno un caffè!” Ma a casa di Berlusconi un pranzo è ben altra cosa…! (oltretutto i compagni di merenda sono difficili da dimenticare…) ed è molto più comodo alzare la voce… far finta di ribellarsi ma restare in casa. Cosa molto più difficile essere uomini, e non semplici onorevoli (Per essere uomini ci vuole coraggio, per essere onorevoli occorrono soltanto dei voti). – Abbiamo sperato che qualcuno riuscisse ad essere finalmente una persona degna di stima, e non un onorevole da macchietta, o un aspirante ad un loculo nell’artistico mausoleo di un invasato. – (Ma ci sbagliavamo, non era un uomo, né un “mezz’uomo”, ma un semplice “quaquaraquà”) E intanto l’Unità nazionale, insieme alla nostra bella e invidiata Costituzione, vanno a farsi benedire grazie al federalismo, alla privatizzazione, ai tagli sproporzionati, alle leggi ad personam, ma soprattutto grazie ai nostri onorevoli da palcoscenico. – L’opposizione, poi, sembra occuparsi soltanto dei fantasmi del passato che tuttavia sono poca cosa a confronto della nuova situazione politica italiana, quasi come degli artisti ancora fermi alla tragedia greca, sempre pronti a cavalcare il vecchio ronzino dell’antifascismo e a non guardare in faccia l’attuale tragedia. In loro non vi è coalizione, non vi sono idee, se non la smania del potere: manca la volontà di unirsi per abbattere un nemico comune. Pare che tutti facciano a gara per ricevere il premio che Totò ha riservato a questi personaggi. Vi è chi potrebbe salvare il tutto… ma non lo fa, non è il mitico paladino del popolo che disse: “Muoia Sansone con tutti i Filistei”.

    Basilio Santocrile –
    Proprietà letteraria riservata di Basilio Santocrile, viene consentita la riproduzione dei racconti poesie detti ecc. per intero a mezzo stampa radio TV ed internet, citandone gli autori. basilio.santocrile@libero.it, Fax – 06/99331572 –

Trackbacks/Pingbacks

  1. Di Pietro attacca Fini: “E' un quaquaraqua” – Il video « Il Post Viola - agosto 4, 2010

    […] Fonte Articolo: Di Pietro attacca Fini: “E' un quaquaraqua” – Il video « Il Post Viola […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: