Scontri di Roma, 10 domande a Maroni

15 Dic

Ieri il centro di Roma è stato devastato. Prima cosa: netta condanna nei confronti di chi si è reso responsabile di atti di violenza contro le persone o di chi ha danneggiato e distrutto i beni privati dei cittadini e della collettività. Seconda cosa: solidarietà a tutti quelli che hanno subito le conseguenze di quella follia collettiva: i cittadini, i manifestanti pacifici, il movimento studentesco che ha visto fagocitare dalle violenze le ragioni della protesta e le forze dell’ordine. Detto questo, noi crediamo che vada fatta piena luce sulle responsabilità che hanno provocato i disordini.

Ieri abbiamo pubblicato una fotosequenza che ha fatto il giro del web. Il nostro blog ha registrato quasi 200.000 accessi in poche ore e la denuncia è stata ripresa da tantissimi altri blog. L’atteggiamento dei media (ad eccezione di Repubblica, L’Espresso, La Stampa, Il Fatto  e Vanity Fair) è stato di superficialità nei confronti delle responsabilità che sono state attribuite acriticamente a non meglio precisati “Black Bloc”. Nessun interrogativo, nessuna domanda, tante contraddizioni.

Noi, invece, siamo convinti che qualcosa vada chiarita affinché ciò che è accaduto ieri non si ripeta o che non si riproponga in una versione più drammatica.

Dieci domande al ministro Roberto Maroni

1) Perché il finanziere ha il dito sul grilletto?

2) Chi è l’uomo col cappuccio grigio che prima sembra aggredire il finanziere e poi lo soccorre?

3) Chi è l’uomo col walkie talkie a terra?

4) Chi è l’uomo col giubbotto beige che prima impugna un badile, poi un bastone e poi un manganello e manette e che ritroveremo dopo dietro il cordone delle forze dell’ordine?

5) E’ vero, come sostiene l’ApCom, che l’uomo con la giacca a quadri, travestito da manifestante, che protegge il finanziere è un esponente delle forze dell’ordine?

6) Che rapporto c’è tra l’uomo col giubbotto beige e quello con la giacca a quadri ritratti assieme in una foto in cui sembrano dialogare?

7) In due diverse dichiarazioni, riportate dal Corriere della Sera e dal Messaggero, il Comando della Guardia di Finanza, prima esclude che i finanzieri possano operare in “abiti civili” e poi ammette che il finanziere con la pistola è stato soccorso da un “collega in abiti civili”. Perché questa contraddizione?

Otto) Erano presenti tra i dimostranti esponenti della Guardia di Finanza in “abiti civili”?

9) Erano presenti tra i dimostranti esponenti delle Forze dell’ordine in “abiti civili”?

10) Se erano presenti tra i dimostranti, come pure ammette la Guardia di Finanza, esponenti delle forze dell’ordine in abiti civili con quale quale mandato operavano?

(Massimo Malerba)

 

33 Risposte to “Scontri di Roma, 10 domande a Maroni”

  1. NeRo dicembre 15, 2010 a 12:03 pm #

    il tizio col giubbino beige si dichiara “collega” in questo video…
    http://video.corriere.it/roma-carica-polizia/139c4bc8-07c1-11e0-a25e-00144f02aabc

    a circa 20 secondi dalla fine.

    • marco dicembre 15, 2010 a 12:09 pm #

      veramente dice “sono minorenne…. ” non credo sia un poliziotto, ma un infiltrato di altra specie

    • salvo dicembre 15, 2010 a 2:00 pm #

      si dichiara MINORENNE

      • fabio dicembre 16, 2010 a 1:10 pm #

        a me sembra che dica: “sono studente, sono studente”

    • whiplash dicembre 15, 2010 a 2:07 pm #

      Veramente il ragazzino dice “sono minorenne”.
      La tesi del complotto galattico non sta in piedi.
      Sicuramente c’era qualche infiltrato, come sempre accade da che mondo è mondo, ma quella di ieri è stata una rivolta genuina, guidata senz’altro da alcuni gruppetti organizzati che sono però stati seguiti da un numero considerevolissimo di persone che nulla avevano premeditato.
      Chiunque abbia visto le immagini o partecipato direttamente lo sa; se poi vogliamo continuare a raccontarci favole autoassolutorie…

    • marco dicembre 16, 2010 a 12:09 am #

      Il pezzo di merda era in un sacco di posti, l’ho beccato in un altro video, minuto 1.24/1.26; la sciarpa e la giacca sono le stesse.

  2. Giuseppe dicembre 15, 2010 a 12:08 pm #

    Finora sono stato semplice spettatore dei fatti, ma credo sia arrivato il tempo di scendere in piazza contro questo governo corrotto, a quando la prossima manifestazione?

  3. Marco dicembre 15, 2010 a 12:09 pm #

    bravi facciamo le manifestazioni pacifiche,facciamo come ha fatto la sinistra per tanti anni…confrontiamoci,discutiamo…e i politici continueranno a mangiare su di noi…perché la manifestazione di ieri loro già se la sono scordata…e a loro non interessa cosa abbiamo da dire…la vera violenza è la loro!

  4. pau dicembre 15, 2010 a 12:21 pm #

    vogliamo risposte!

  5. trasportobugie dicembre 15, 2010 a 12:44 pm #

    perché ha il dito sul grilletto ? Perchè tu cosa avresti fatto se ti stessero per ammazzare ?

    • marco dicembre 16, 2010 a 12:16 am #

      avrei cominciato intanto a parlare in italiano!!! tu no vedo ;)

      • Alessandro dicembre 16, 2010 a 7:56 am #

        Ah certo, infatti coloro che gli erano intorno volevano proprio parlare, eh.

        Che ipocriti e falsi che siete. :)

    • paolo dicembre 16, 2010 a 8:48 am #

      a me sembra che l’unico in grado di ammazzare è proprio lui!

  6. OSV-BARBATUS dicembre 15, 2010 a 12:56 pm #

    A questi interrogativi non avremo mai risposte!
    Ci sarebbe anche un’altra domanda da aggiungere: “Come mai le forze dell’0ordine in servizio di ordine pubblico, quando più urgente è poterli riconoscere anche per chiedere aiuto o segnalare episodi criticabili,possono essere in borghese, non riconoscibili
    consolidando mil sospetto che, in borghese, potrebbero svolgere due ruoli: quello di provocati e di agenti. Maroni ricorda la lettera con consigli del genere che gli indirizzò pubblicamente Cossiga? Come mai Maroni non reagì respingendo quei consigli di Cossiga?”

    • Francesco Casaretti dicembre 15, 2010 a 3:45 pm #

      pienamente d’accordo con OSV-BARBATUS

  7. Alessandro dicembre 15, 2010 a 1:04 pm #

    A prendere singole immagini per cercare di dimostrare l’indimostrabile sono capaci tutti. La realtà è che le violenze sono state commesse come al solito in una manifestazione dove gli studenti si sono fatti manipolare dai più violenti (che nulla c’entrano con lo studio) che tra di loro hanno fatto ciò che volevano.

    Il brutto è che così non si fa altro che passare dalla parte del torto, dato che ora ogni ragione sarà già passata in secondo piano.

    A monte di ciò una domanda: non è che tra i violenti c’era qualcuno che ha partecipato anche alle manifestazioni pacifiste o che aveva una bandiera della pace sul proprio balcone? Mi auguro di no.

  8. Alessandro dicembre 15, 2010 a 1:10 pm #

    Aggiungo solo un’altra cosa: non dovreste cercare scuse, immagini e foto cercando di costruirvi cose che nemmeno potete immaginare (ma che volete fare!). Dovreste condannare, ora e sempre. Dovreste smetterla di farvi sfruttare, ma non solo dai governi, ma anche da quelli che si celano (davvero) tra di voi.

    Dovreste aprire gli occhi e rendervi conto che non si può giustificare nulla, né manifestare così le proprie ragioni, perché non ne avete solo voi… ma se tutti facessimo così allora non avremmo nulla da recriminare a un qualsivoglia governo, per quanto pessimo possa essere, perché non saremmo migliori.

    La verità, e c’è poco da nascondersi dietro a un dito, è che i violenti sono lì, tra voi, e non sono infiltrati come vorreste credere per voltarvi altrove. La verità è che ogni volta che vedo una protesta studentesca, temo la violenza e giro al largo.

    E’ questa l’immagine che di voi volete?

    Se la risposta è no dovreste partire da altre domande. Dovreste guardare all’interno di voi stessi, poi su ciò che vi circonda.

    In mancanza di ciò è un parlare del tutto inutile.

  9. nello dicembre 15, 2010 a 1:21 pm #

    rispondo alle 10 domande

    1 il finanziere ha il dito sul grilletto di tua sorella

    2 l’uomo col cappuccio sta provando il nuovo cappuccio per teste come la tua

    3 l’uomo con il walkie a terra e winnie pooh travestito

    4 il finanziere viene protetto da San Michele Arcangelo

    5 e fatela finita ………
    cercatevi un lavoro e godetevi la vita invece di passare il tempo a fare cazzate

    • Stefano dicembre 15, 2010 a 1:39 pm #

      Parlo per me. Sono emigrato perché l’unica alternativa era presentarmi in Parlamento con un mitra. Io non sono un “violento”, mai alzato le mani su nessuno. Ma comincio a pensare che sarebbe meglio, molto meglio, se i politici italiani cominciassero seriamente a temere per la loro incolumità personale. Di tutto il resto perché dovrebbero interessarsi? Mentre la gente “sfila pacificamente” loro se ne stanno distanti, protetti da cordoni di polizia, lontani dal rumore e dalla percezione della sofferenza della gente.

      Tutti sono sempre pronti a condannare la violenza, ma pensate un secondo: fa più male un pugno in faccia e un petardo sul piede, oppure l’essere derubati del futuro, del lavoro, della speranza, di ogni servizio, tutela e assistenza, del diritto ad essere informati, del diritto ad essere ascoltati? Essere obbligati a vivere una società che è sempre più classista e ingiusta, che toglie ai poveri per dare ai ricchi?

      Ho fatto la scelta non violenta: andarmene. Perché ormai non ci credo più ad un’Italia giusta. Ma se avessi avuto più coraggio in questo momento avrei un fucile in mano e nel cuore la consapevolezza di essere nel giusto.

      • marco dicembre 16, 2010 a 12:40 am #

        Condivido ogni singola parola, sei un grande..

    • maria de lorenzo dicembre 15, 2010 a 2:18 pm #

      nello il saputello,le tue risposte si accorpano in due parole:superficiale stupidita’:)

  10. Libero dicembre 15, 2010 a 1:38 pm #

    sarà interessente capire quando la gente le persone i cittadini
    capiranno difinitivamente che non si può dialogare con il male
    con gli antidemocratici con i fascisti con i mafiosi con la feccia con i delinquenti

    anni fa quando gli italiani volevano il cambiamento cambiare migliorare parteciare non volevano il comunismo …

    la feccia di allora mise la bomba in piazza fontana

    ecc … non serve fare bla bla

    oggi capita la stessa identica cosa
    la gente le persone sono stufe di mantenere dei delinquenti
    ed il copione si ripete in maniera differente perchè oggi
    c’è la tv a colori … ;)

    non vi salverà nessuno ne il popolo viola ne grillo ne bersani ne fini ne vendola ne di pietro ne ne ne ne …

    vi ci salveremo da soli solo se tiriamo fuori i coglioni e facciamo funzionare i neuroni

    pasolini borsellino sono morti per noi prima ancora sandro pertini si fece la galera per noi e tanti altri hanno sofferto per noi i nostri nonni non presero la tessera fascista e creparo nei campi di lavoro fascisti nazisti questo è ..

    la libertà non ve la regala nessuno nessuno …

    • Alessandro dicembre 15, 2010 a 2:49 pm #

      A tirar fuori i “coglioni” in questo modo, dimostrandosi più violenti dei violenti che si critica, si dimostra solo di esserlo per davvero (coglioni).

      Di certo non si è migliore degli altri, e anzi, lei in fondo si comporta esattamente come chi critica, desiderando solo imporre il proprio pensiero, più che condividerlo. Finire in mano a gente così per passare dalla padella alla brace?

      No, grazie. Di stupidi l’Italia è già piena.

      La sua libertà se la tenga per lei e agli altri lasci libero arbitrio.

  11. vincenzo dicembre 15, 2010 a 2:01 pm #

    La prossima volta IDRANTI per tutti!
    vergognoso strumentalizzare gli studenti!

    Solidarietà ai poveri cittadini romani per i danni subiti e alle forze dell’ordine che sono sempre tirati in mezzo nel bene o nel male…

    Commenti faziosi ed inutili!

    • monica dicembre 15, 2010 a 5:19 pm #

      E’ vero che dice “sono minorenne”, ma poi, stranamente, si preoccupa di non farsi riprendere in faccia dalla telecamere

  12. EMILIO dicembre 15, 2010 a 10:32 pm #

    SONO INFELICE DI VIVERE IN ITALIA!!!!!!!!!!!!!

    • corriere viola dicembre 19, 2010 a 11:12 pm #

      alcune precisazioni li non sono presenti dei manifestanti violenti organizzati se no i blindati andavano a fuoco e al finanziere sarebbe stata tolta la pistola, e i poliziotti che entravano in mezzo ai manifestanti sarebbero stati bloccati e pestati.
      Perchè i Blindati sono stati messi davanti in modo da non poter essere manovrati velocemente?
      perchè non sono rimasti i celerini a protezione come è prassi comune?
      perchè esponenti della polizia sono entrati in mezzo ai manifestanti da soli per eseguire degli arresti cosa pericolosissima e da irresponsabili?
      tutti questi comportamenti sarebbero stati impensabili negli anni 70 quando c’erano veramente dei manifestanti violenti, li ci sono state manifestazioni di rabbia comprensibili ma guardatevi i filmati degli scontri di quegli anni li eravamo violenti questi sono ragazzini agitati.
      Ai giovani che scrivono lo stato è violento perchè noi no? perchè spero siate più intelligenti bisogna non usare la vioenza perchè su quel terreno perderete sempre nel lungo periodo anche vinceste tanti scontri come ne abbiamo vinti negli anni 70 dove ha portato? Se invece gli avreste riempito di Grafiti e scritte i Blindati?

  13. aldo ottobre 15, 2011 a 6:13 pm #

    non ci saranno ne condannati ne colpevoli, ci saranno soltanto tribunali che alla fine assolveranno tutti. intanto gli italiani che lavorano pagheranno tutto lo scempio provocato da coloro che vogliono manifestare in nome della pace. ma perchè tutto questo succede solo in italia?(il bel paese dove tutti hanno ragione). manifestare può essere anche utile,
    distruggere mi sembra che sia deleterio, se poi i poliziotti vengono condannati dopo che sono stati ingiuriati, sputati, attaccati, feriti, e colpiti a morte, e per legittima difesa succede l’imprevisto come il caso genova che razza di sicurezza pretendiamo. chi sa perchè alla fine di queste battaglie in ospedale finiscono i poliziotti.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Cosa ci fa un finanziere con la pistola in mano tra i manifestanti? – Le foto dello scandalo « Il Post Viola - dicembre 15, 2010

    […] Scontri di Roma, 10 domande a Maroni « Il Post Viola – dicembre 15, 2010 […] abbiamo pubblicato una fotosequenza che ha fatto il giro del web. Il nostro blog ha registrato quasi 200.000 accessi in poche ore e la […] […]

  2. Scontri di Roma 10 domande a Maroni | Il Blog Della Libertà - dicembre 15, 2010

    […] Scontri di Roma 10 domande a Maroni Da Il Post Viola […]

  3. Scontri di Roma, 10 domande a Maroni « Solleviamoci’s Weblog - dicembre 15, 2010

    […] fonte:  https://violapost.wordpress.com/2010/12/15/scontri-di-roma-10-domande-a-maroni/ […]

  4. L’uomo con giubbotto beige, abbiamo sbagliato e facciamo una proposta « Il Post Viola - dicembre 16, 2010

    […] – Le foto dello scandaloInfiltrati, la Guardia di Finanza ha mentito: ecco le prove – La fotoScontri di Roma, 10 domande a MaroniL'uomo con giubbotto beige, abbiamo sbagliato e facciamo una propostaIl popolo viola denuncia: […]

  5. Cosa ci fa un finanziere con la pistola in mano tra i manifestanti? – Le foto dello scandalo « Il Post Viola | Ho visto cose che voi umani… - dicembre 17, 2010

    […] LE NOSTRE 10 DOMANDE A MARONI […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: