Lettera di una bisnonna ai giovani: “Ho 91 anni e la vostra stessa rabbia”

23 Dic

Miei cari giovani,

sono una bisnonna napoletana di 91 anni, vivo a Roma da circa 70 anni ed ancora seguo appassionatamente tutte le vicende che riguardano la mia Napoli e l’Italia tutta. Vorrei vivere ancora, sperando di vedere a un certo punto una ripresa morale e materiale del nostro bel paese. Seguo tutte le trasmissioni che vi riguardano e non potete immaginare con quanto piacere e speranza vi guardo quando manifestate e cercate di parlare. Così, ad “Anno zero” mi ha assalito la vostra stessa rabbia, forse ancora di più, nel vedere il ministro La Russa che vi insultava chiamandovi ripetutamente vigliacchi, con voce tale da impedirvi di parlare. Se fossi un po’ più giovane, vi seguirei ogni volta che vi riunite e vi inciterei a proseguire, a battervi giustamente per il vostro avvenire, cosa di cui questo governo non si è mai occupato, se non per farvi tacere, per poi accusarvi di essere imbelli, bamboccioni, svogliati ed insulsi. Sono loro che cercano di ridurvi così, sono loro a dare cattivi esempi, sono loro che pensano solo a riempirsi le tasche e cercano di annullare il vostro pensiero, perché per loro è più facile continuare ad avere il potere se hanno a che fare con gente ignorante e istupidita da droghe e false ideologie. Fatevi coraggio, continuate la vostra lotta in modo sempre più forte, siate uniti fra di voi, cercate di allargare il numero dei partecipanti. Solo voi con la vostra gioventù, col vostro entusiasmo potete risollevare le sorti di questo paese, che ha la fortuna di possedere le cose più belle del mondo, ma ha la sfortuna di essere governato sempre peggio, da gente che pensa solo al proprio tornaconto personale e non capisce che continuando così, finirà per distruggersi da sola, rischiando purtroppo di trascinarci tutti in un baratro.

Comunque, continuate a studiare bene, quanto più potete: tutto ciò che imparate diventa vostro e farà parte di voi per sempre, nessuno potrà più togliervelo. La cultura vi dà la possibilità e la capacità di diventare forti e maturi, in grado di affrontare le difficoltà della vita, di fare le scelte giuste, senza dover subire prepotenze, sopraffazioni e ricatti. La cultura aiuta anche a vivere bene la vecchiaia, vi apre la mente ed il cuore, vi aiuta a comprendere gli altri e ad amarli.

Io, ragazzi, vi amo tanto, aspettavo da tempo una vostra reazione ed ora finalmente mi pare che abbiate imboccato la strada giusta. Coraggio quindi, andate avanti, l’avvenire è vostro.

Carmela Senise

54 Risposte to “Lettera di una bisnonna ai giovani: “Ho 91 anni e la vostra stessa rabbia””

  1. Maham dicembre 23, 2010 a 2:48 pm #

    Era ora!!
    Grazie mille nonna Carmela!!

    • Valentina dicembre 23, 2010 a 3:32 pm #

      Mi associo!! Grazie mille davvero!
      Troppo spesso negli ultimi tempi anche io, da ventenne, mi sono sentita depressa e impotente. Per fortuna ci sono ancora persone come lei e leggere ciò che ha scritto mi da’ la forza e la speranza di continuare a lottare come stiamo facendo.
      Grazie di cuore :)

    • tonia dicembre 23, 2010 a 8:43 pm #

      Grazie Signora Carmela, continui ad incoraggiare questi ragazzi, ne hanno tanto bisogno e sono meravigliosi come Lei

  2. Nicola dicembre 23, 2010 a 2:50 pm #

    Carmela sei una grandissima. Grazie di cuore.

  3. daniela dicembre 23, 2010 a 2:56 pm #

    grazieeee

  4. demcris dicembre 23, 2010 a 2:57 pm #

    L’uomo tanto vale quanto sa.Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza.10…100….1000 nonna Carmela.Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. Alice dicembre 23, 2010 a 2:58 pm #

    Premetto che non sono una studentessa, ho terminato il liceo e da qualche anno lavoro o sono in cerca di un occupazione (situazione in cui mi trovo ora e di cui non voglio parlare ç__ç) ma vedere le immagini della manifestazione a Roma mi ha fatto sorridere.. avrei tanto voluto essere lì a “dare una mano” XD
    Carmela lei è una persona splendida e spero con tutto il cuore che quello che lei desidera si avveri! :D

  6. vittorio bandini dicembre 23, 2010 a 3:03 pm #

    Non è una questione di età !!!! Nonna Carmela è l’esempio che se si vuole si può dare tutti un grande contributo !!!!!!
    Brava NONNA CARMELA spero solo che il tuo esempio serva a noi nonni e voi giovani!!!!

  7. Elisa dicembre 23, 2010 a 3:12 pm #

    Fantastica signora…ce ne fossero di donne come lei..
    Buone feste ;)

  8. iciclemelter dicembre 23, 2010 a 3:17 pm #

    grazie nonna Carmela!

  9. Patcha dicembre 23, 2010 a 3:17 pm #

    Nonna Carmela Ti Ammiro Tanto.

  10. Fiorella dicembre 23, 2010 a 3:34 pm #

    Da una nonna ad una bisnonna: Carmela sei grande! hai scritto parole bellissime e vere, che io condivido pienamente. Questi ragazzi sono la cosa migliore che il nostro paese abbia in questo momento!

  11. silvia dicembre 23, 2010 a 3:51 pm #

    Grazie nonna Carmelaaaa!!! come dice il grande Che Guevara chi lotta può perdere chi non lotta ha già perso.Hasta la Victoria Siempre…noi lotteremo fino a quando nn saremmo soddisfatti!!

  12. anna e. dicembre 23, 2010 a 3:58 pm #

    ma solo il governo teme i giovani?

  13. Raffaele Innato dicembre 23, 2010 a 4:10 pm #

    Parla la saggezza di una donna matura che ha vissuto momenti difficili di un brutto periodo del fascismo e della seconda guerra mondiale. In questi decenni sta assistendo ad un ritorno nero di quel periodo, che potrebbe sfociare al disastro della democrazia tanto conquistata, e riportare le nuove generazioni nel baratro dell’ignoranza e delle violenze. Il suo suggerimento, del tutto disinteressato alla sua persona, si rivolge ai giovani nella maniera più vicina e con grande cuore, dicendo loro di continuare la propria battaglia con vigore, uniti, preparati e capaci di cambiare una politica del disastro e arrogante, in una politica democratica, costruttiva e di serenità per un futuro che abbia l’aspirazione di socialità e del rispetto delle persone, per il benessere comune.

  14. Lory dicembre 23, 2010 a 4:11 pm #

    Ce ne fossero di persone che ragionano cosi a prescindere dall’età!! Ci sono persone giovani o che fanno di tutto per rimanere giovani ma manca loro la cosa più importante…la testa!! Nonna Carmela è una donna che capisce i giovani e li sostiene avendo capito quanto sono importanti e non li disprezza come spesso si sente da chi dovrebbe farne tesoro di una ricchezza simile. Brava Nonna Carmela, io ho 50 anni e spero di arrivare alla sua età con la sua stessa lucidità e intelligenza. Auguri!!

  15. Livia dicembre 23, 2010 a 4:12 pm #

    Evviva una signora che non perde il suo tempo come tante sue coetanee a guardare Fede o Beautiful o quel programma assurdo con le coppie anziane che si corteggiano(?!)di Maria De Filippi!!w le bisnonne!W Carmela!Lunga vita alle persone come lei e Buone Feste!

  16. paolo dicembre 23, 2010 a 4:56 pm #

    ooo che compassione la nonnina di sinistra… oooo… ma che bellina…
    a nonnina! la cultura vi aiuta ad amare e a vivere?
    Spaccando le città, bruciando le machine, facendo violenza, pretendendo per tutti anche essendo una minoranza?
    Nonnina, ma vai a cagare!

    • Valentina dicembre 23, 2010 a 5:03 pm #

      non c’è bisogno di sfociare nell’arroganza ed essere irrispettosi verso una persona più grandi di noi.
      non condividi le idee??? bèè.. ok. ma fai un commento costruttivo senza insultare.

    • viviana dicembre 23, 2010 a 6:33 pm #

      MACCHINE si scrive con 2 c, non MACHINE, ma da un arrogante cafone capace di scrivere una cosa del genere ad una signora non mi aspettavo niente di meno dell’analfabetismo.

    • luca dicembre 23, 2010 a 8:21 pm #

      ti servirebbe un pò di cultura……
      poverino….

    • alex dicembre 23, 2010 a 8:49 pm #

      POVERINO.

    • francescofornasari dicembre 23, 2010 a 10:28 pm #

      POVERETTO…. FAI PROPRIO PENA!!!
      LUANA ARBOIT, MOGLIE DI FRANCESCO FORNASARI

  17. Valentina dicembre 23, 2010 a 4:59 pm #

    …che dire..sono rimasta senza parole!!!!! è stato così bello leggere questa meravigliosa lettera…ogni singola parola rispecchia perfettamente tutto ciò che penso e che provo verso il nostro Paese. Un mix di amore (verso la Patria..la cultura e tutto ciò che ha rappresentato e che rappresenta all’estero l’Italia) e odio (verso la politica attuale fatta solo di persone che agiscono per il proprio tornaconto..leggi fatte su misura per loro per poter “governare” come meglio credono senza che nessuno possa dire o fare qualcosa..altrimenti c’è la censura!!). e ciò che mi ha emozionato di più è stato che queste parole, piene di rabbia verso chi ci stà trascinando in questo enorme baratro e amore verso la nuova generazione, non provengano da miei coetanei ma bensì da una nonna.. o ancora meglio..una Bisnonna!!!
    Sig.ra Carmela Lei è veramente una persona eccezionale, fossero davvero tutti come Lei. Grazie per queste splendide parole.. che siano da esempio per tutti noi!!!

  18. Anna dicembre 23, 2010 a 6:07 pm #

    Carissima nonna, hai tutto il mio rispetto e affetto. Ho 40 anni e sono tanto preoccupata che i miei figli diventino come Paolo, si legga sopra, che non hanno rispetto per chi la pensa diversamente anzi, non ascoltano proprio. Forse, dico forse, qualcuno sopra di loro non li ha ascoltati e non li ha aiutati a sentirsi compresi? Non lo so, perché tanta maleducazione…
    Ebbene, cara nonna, se tutti i nonni fossero come te, non ci sarebbero tanti giovani e non, privi di fiducia nel futuro e di senso del rispetto verso la diversità, comoda o scomoda. Eppure, tu sei la minoranza, o meglio, chi come te si fa sentire pacificamente, e SENZA INSULTI, è la minoranza.
    Vorrei che i miei figli non crescessero con la sensazione di essere incompresi, sempre, come la ho io da quando sono nata, ed ora più che mai.
    Spero anch’io in un futuro migliore, che l’uomo, il politico, chi mi sta vicino sia capace di ascoltare…chissà…di certo, ora non se ne vede l’ombra. Buon Natale a tutti, anche ai maleducati. Anna

    • james dicembre 29, 2010 a 2:12 pm #

      Mi sembra che siate voi che non rispettate il voto del 60% degli Italiani

      • maria teresa dicembre 29, 2010 a 4:57 pm #

        Caro James, spero che veramente tu non sia italiano, sennò sapresti che solo grazie ad una legge elettorale truffa, uno che ha preso circa il 35% dei voti, e molti comprati con metodi mafiosi, si prende un premio di maggioranza che gli dà il 60% dei voti in parlamento e neanche così riesce a governare. la maggioranza degli italiani non lo ha votato…. prima di parlare informati meglio….e ti aggiungo che la legge elettorale è stata definita porcata da uno della lega. nonostante tutto ti auguro che l’anno nuovo ti porti consiglio.

  19. marina dicembre 23, 2010 a 6:50 pm #

    cara zia, sei grande! anch’io aspetto sempre le reazioni, in questo periodo che le sta sempre più cancellando! mai fermarsi, reagire e impegnarsi, è la sola chance. ti abbraccio forte

  20. altroquando dicembre 23, 2010 a 7:20 pm #

    Sono più giovane di nonna Carmela eppure mi direste vecchio, comunque di un’altra generazione. Sono con nonna Carmela al vostro fianco, mi informo e contribuisco per quel che posso a far circolare le idee, mi sento parte del movimento da quando ho avuto 18anni e continuo a sentirmi nel movimento. Sono qui per dirvi che l’unione tra generazioni diverse, tra i diversi ceti subalterni al potere, che l’unità tra lavoratori e studenti, uomini e donne non sono solamente un valore ma uno strumento per vincere. Si sentono vari personaggi come il Porro (tanto per far un nome) che cercano di argomentare per dividerci. Sta anche a voi non cadere nella trappola, analizzare la realtà e vedere con lucidità le soluzioni. Avanti così uniti e determinati fino alla vittoria. Riprendiamoci la democrazia e la vita. Il Parlamento deve essere al servizio del popolo e non viceversa.

  21. alex dicembre 23, 2010 a 8:47 pm #

    Mi sono ritrovato quando la nostra cara Nonna raccontava della rabbia provata nella trasmissione anno zero col ministro e gli studenti, ho provato la stessa rabbia……a 50 anni…….

  22. Filippo dicembre 23, 2010 a 11:17 pm #

    Nonna Carmela, IO TI AMO! Vorrei tanto che tu scendessi in piazza con noi… ti porterei su una portantina se potessi!

    Vorrei tanto conoscerti!

  23. paolo dicembre 24, 2010 a 7:32 am #

    Com’è? Qualcosa non mi quadra… non devo insultare, essere volgare, ecc ecc?
    Ma come? E’ dal 14 dicembre che difendete il diritto di quei bastardi a manifestare liberamente come vogliono… beh lo faccio anch’io.
    Nonnina e tutti voi… ma riandate a cagare!

    Con la differenza che io non brucio auto!

    • Anna dicembre 24, 2010 a 2:45 pm #

      Come non bruci auto?? E noi forse?? Eppure stai bruciando le nostre ideee e le nostre persone senza che ti abbiamo fatto niente, abbiamo solo espresso le nostre opinioni, mentre tu non hai fatto che insultare tutto e tutti. Credi di essere diverso? Illuso! Sei uguale a tutti quelli che praticano violenza, verbale, fisica,che cambia?? Sei un violento, e a quelli come te noi ci rivoltiamo. E per noi parlo della nonna, e di tutti quelli che hanno scritto fino ad ora, che non eravamo da nessuna parte il 14 dicembre, non abbiamo fatto nulla di ciò che tu stai richiamando, eppure ci insulti lo stesso. Chi è il violento scusa???
      Fatti un esame di coscienza, e pulisciti la bocca.

    • ANTONIO BAGNI dicembre 29, 2010 a 12:53 am #

      Adesso basta, stai esagerando. Pigliatela con me non con una SIGNORA anziana. Dimmi dove vuoi che ci vediamo e vediamo chi ha la faccia più dura. Bastardo.

    • Next gennaio 24, 2011 a 7:02 am #

      ….vabé ma non vale nemmeno la pena di cercare di fare ragionare la gente come lui… Povero…con i paraocchi che ha (forse anche colpa della poca cultura…?) bisogna lasciarli cuocere nel loro brodo …che tristezza certa gente!
      Al contrario di Nonna Carmela, che è riuscita a trasmetterci un mare di gioia e di speranza!
      Grazie Nonna Carmela! Fossero tutti come Lei saremmo davvero nel “mondo migliore”!

  24. Alybio dicembre 24, 2010 a 9:23 am #

    Grazie Nonna Carmela.
    Una lettera davvero commovente, tutta l’Italia deve essere unita contro tutte queste ingiustizie, ma sempre senza violenza, mi raccomando.

  25. M.T. dicembre 24, 2010 a 3:09 pm #

    Ottima lettera, specie per il supporto alla cultura e all’istruzione, perché l’ignoranza è uno dei mali che fa più danni al mondo, se non la madre dal quale nascono tutti gli altri.
    Buone feste a tutti :)

  26. Filippo Decorso dicembre 24, 2010 a 3:47 pm #

    “La cultura aiuta anche a vivere bene la vecchiaia, vi apre la mente ed il cuore, vi aiuta a comprendere gli altri e ad amarli.”
    Già questo pensiero – abbacinante – basta da solo a spronare tutti, non solo i più giovani, a lottare, a fare di più e meglio. Un pensiero che impartisce una grande lezione di civiltà e dignità morale.
    Grazie Signora Carmela Senise, indomita ragazza di 91 anni!

    • Filippo Decorso dicembre 24, 2010 a 3:49 pm #

      Dimenticavo: ho 64 anni (anche se importa davvero poco).

  27. ssschiele dicembre 24, 2010 a 4:59 pm #

    Da studentessa 21enne apprezzo e ringrazio la suddetta signora Carmela.
    Ma, da studentessa 21enne avversatrice di questa (ormai) legge, insofferente nei confronti delle angherie perpetrate da anni alla nostra generazione, quando non proprio alla nostra Italia, nonostante tutto, pur criticando e deprecando l’atteggiamento e le posizioni di La Russa, devo ammettere di non essermi riconosciuta in nessuno degli interventi dei giovani studenti presenti quella sera. Mi sarebbe piaciuta una parola di contrasto a certi atteggiamenti violenti ed inconcludenti assunti da alcuni (pseudo)manifestanti. Così non è stato.
    E tutto sommato, quel “vigliacco” urlato dal ministro ha preso un rinnovato senso ai miei occhi: vigliacco per non essere riuscito a condannare quell’inutile violenza.

  28. giovanni dicembre 24, 2010 a 5:25 pm #

    lascia un commento,cosi avete scritto,cosa significa,fare i professori,ed essere intelligenti,di sapere più degli altri,ognuno può esprimere un suo pensiero anche se non condiviso,ma parlare di violenza,è il colmo,voi del popolo cosiddetto viola,ma di sinistra,e non correggete che è cosi,non siamo tutti laureati,e vi dico la verità non lo vorrei essere,che in un concorso per procuratori e sostituti,su cinquecento,bocciati tutti perchè non sapevano scrivere in italiano,poverini,quanti soldi sprecati,dai genitori,e poi che succede che gli studenti vanno in piazza a picchiare la polizia,il perchè il loro cervello è stato lavato con acido comunista,io potevo essere anche con voi, ma con me non ci sono riusciti,voi recitate violenza e niente altro,e date ragione a quei delinquenti del 14 dicembre,laureandi all’università dell’asinara,vi chiedo di non correggere,e offendere quelli che esprimono un proprio pensiero anche se sbagliano una virgola un punto,oppure un accento,basta il pensiero,poi il resto ve lo lascio a voi.grazie

    • ssschiele dicembre 24, 2010 a 6:13 pm #

      Tralascio il fatto che forse, senza neanche accorgertene, tu stesso sei caduto nell’offesa, nei confronti di chi suda e sputa sangue e merda per prendersi una laurea che tu schifi – ognuno butta i soldi come meglio ritiene opportuno, temo. Ma oltre a questo non sono riuscita ad andare. E non perché mi sia fermata, piccata e ferita dal commento – che di base, poi, me ne fraga cazzi. Ma perché proprio non ti si capisce. E non è un fatto di laurea o non laurea, di punti o di virgole, ma perché l’incazzatura nei confronti di questi “comunisti”, la fretta di gettarci addosso merda, ha fatto sì che perdessi per strada parti importanti del discorso.
      Non ti sto correggendo, ma invitando alla riflessione: la prossima volta, conta fino a dieci, prenditi una camomilla, e poi rispondi. Magari ti capisco.

      • ssschiele dicembre 24, 2010 a 6:13 pm #

        E io per prima condanno e critico e biasimo chi fa uso di inutile violenza, sia ben inteso.

  29. cinzia pargentino dicembre 25, 2010 a 11:29 am #

    Una lettera che infonde il coraggio per continuare

  30. Paola Silici dicembre 25, 2010 a 11:00 pm #

    La mia mamma ha la stessa età della signora Carmela e mostra le stesse reazioni nei confronti di chi si ostina a non capire i giovani e a non avere il benchè minimo interesse ad andare loro incontro.Ha letto la lettera e ne condivide il contenuto in tutto e per tutto.Perchè deve esistere oggi tanta ottusità?

  31. Ezio T. dicembre 26, 2010 a 3:50 pm #

    …beh, se prima di parlare capissimo un po’ meglio sia le situazioni di cui stiamo parlando sia le cose stesse che stiamo dicendo, forse esprimeremmo opinioni meno parziali, provocheremmo reazioni meno volgari e la convivenza tra tutti noi sarebbe quantomeno più accettabile o addirittura amabile. Ma “le parole giuste maturano nel silenzio interiore ricolmato d’amore”. Lo sto dicendo a me stesso, beninteso, perché in questo senso ho mancato troppe volte, anche su facebook, e ora dovrò rimediare. Sì, è impressionante quanto le parole uniscano o dividano indipendentemente dalle intenzioni di chi le pronuncia. Una parola crea un mondo oppure lo distrugge assai più di una guerra. Figurarsi di una dimostrazione di piazza! Ci vorrebbero lezioni di comunicazione interpersonale: servirebbero anche per vincere le giuste battaglie e, ancor prima, a portar vittoria su noi stessi. In attesa è proprio il Silenzio in ascolto dello Spirito il vero Grande Maestro. Già, perché, nonostante tutto, la Verità abita dentro di noi.

  32. Ezio T. dicembre 26, 2010 a 4:13 pm #

    Dimenticavo: complimenti a nonna Carmela!
    Ho forse dribblato il mio pensiero sull’argomento? Beh, allora dirò che a mio modesto avviso sia la violenza sia la volgarità squalificano totalmente anche le ragioni più cogenti. Mentre la superficialità e la parzialità delle analisi le mette fuori causa. La pura emotività, infine, riduce assai la misura dei risultati anche negli impegni più seri per cause giuste.
    Ma la risposta dei responsabili della vita pubblica dovrebbe essere sempre fondata sul dialogo e l’ascolto. La violenza spesse volte è desiderata, quando non voluta, proprio da chi deve dare le risposte: è una buona scusa per non darle. Allora facciamoci tutti più furbi e veri, se vogliamo migliorare le cose!

    • Anna dicembre 26, 2010 a 8:26 pm #

      PAROLE SANTE EZIO!!!!!

  33. maria teresa dicembre 27, 2010 a 5:29 pm #

    Cara Sig.ra Carmela, mi complimento e la condivido in tutto, sono più giovane di lei, ma comunque facciamo parte di generazioni che ne hanno passate di tutti i colori e con amarezza vediamo i nostri giovani che devono ricominicare a lottare per un futuro migliore. Persone abominevoli come quel paolo (con disturbi gastrici) credono di avere il mondo in mano e non hanno nemmeno la minima educazione al rispetto dell’età e dell’esperienza, delle istituzioni, della Costituzione, della Verità come il loro capo arrogante e mentitore. Con tanti auguri di buon proseguimento M.Teresa

  34. Renata Campani dicembre 29, 2010 a 12:51 am #

    Cara Nonna Carmela,
    io di anni ne ho 71 e tutti i giorni mi chiedo perchè noi anziani non scendiamo in piazza ad appoggiare i giovani nelle loro battaglie per l’Istruzione. Tanti di noi, si sono dati da fare per lasciare ai figli un tetto, pensando di lasciare loro un poco di sicurezza ma, quale migliore sicurezza potremmo lasciare ai nostri giovani, se non un’ottima Istruzione?
    Mi pongo inoltre alcune domande:
    a) perchè si parla così poco dei pessimi risultati dei nostri 15enni ai PISA test (organizzati dall’OCSE)?
    b) esistono dei sistemi di confronto , simili a questi Test, anche per i corsi universitari? Se sì, perchè non se ne parla? c) Perchè non ci battiamo assieme ai giovani, affinchè la riforma Gelmini disponga per ogni ordine e grado di Istruzione, tutto ciò che occorre per l’ottenimento dei livelli più alti in questi test, affinchè i nostri giovani siano competitivi a livello europeo e mondiale, in breve tempo? E’ un loro sacrosanto diritto e noi anziani dobbiamo batterci assieme a loro, affinchè possano ottenerlo.
    Non c’è bisogno che io dica quali miglioramenti potrebbe portare all’Italia un’ottima Istruzione.
    Mi sono vergognata , quando guardavo sfilare i ragazzi a Roma. Mi sono vergognata perchè erano soli.
    Noi, nati attorno al 1939, siamo cresciuti con tante possibilità di migliorare le nostre vite, ottenute grazie a molte persone che sono decedute per donarci queste opportunità. E noi ora che facciamo per i bambini, i ragazzi ed i giovani? Noi stiamo comodamente alla finestra o davanti alla televisione a guardarli, senza muovere un dito.
    Ecco perchè mi sono vergognata.
    Spero che noi anziani riusciremo a trovare il modo per aiutare i nostri bambini, i nostri ragazzi ed i nostri giovani. Affettuosi saluti a tutti coloro che li appoggiano. Renata39

    • Renata Campani dicembre 29, 2010 a 7:52 am #

      Cari Bambini, Ragazzi e Giovani,
      ovviamente, quando parlo di “battaglie” condivise, intendo manifestazioni esercitate solo pacificamente, come la 2a importante, bellissima e commovente manifestazione di Roma.
      Forse poteva essere ancora più importante se, assieme ai ragazzi e ai giovani, avessero camminato anche tanti anziani. Di nuovo affettuosi saluti. Renata39 ,,\

      • maria teresa dicembre 29, 2010 a 5:04 pm #

        Cara Renata, anche io mi vergogno di non essere con loro, ma vedi alla nostra età alle volte il fisico non consente, spero che capiscano e ci scusino, ma sappiano che hanno tutto il nostro appoggio per quel che potremo. salve.

  35. Paola gennaio 3, 2011 a 11:39 am #

    Non so se vivrò tanto ,ma se sì spero proprio di essere
    come te .Parole stupende!!!!

  36. giorgio gennaio 23, 2011 a 11:55 pm #

    mia madre ha 91 anni proprio come te, si informa normalmente sui telegiornali nazionali dei problemi del nostro paese, e quasi ogni giorno mi chiede, ma quando si dimette questo berlusconi? mia moglie ha 57 anni, ogni venerdì va dal parrucchiere; la conversazione più impegnata riguarda il caso Sara, oppure le novità del grande fratello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: