Lettera di un disoccupato: “E a me la solidarietà non la dà nessuno”

2 Feb

Caro popolo viola,

Ho 34 anni, sono un disoccupato di Napoli, non lavoro da due anni, da quando il piccolo supermercato in cui lavoravo ha chiuso per crisi. Adesso vivo con mia mamma che ha 72 anni e ci sosteniamo grazie alla sua pensione. In famiglia siamo solo noi due, mio padre è morto sette anni fa a causa di una grave malattia. A volte mi sento morire al pensiero che vivo con quei pochi spiccioli della pensione di mia mamma. Non so cosa può esserci di peggio, forse finire a vivere in mezzo alla strada. La mattina esco di casa e torno la sera perché so che mia mamma soffre a vedermi in casa. E allora vado in giro, nei bar, nei negozi, nei ristoranti per chiedere se hanno bisogno di lavoratori. La risposta è sempre la stessa, no.  Ho conosciuto il vostro movimento a dicembre dell’anno scorso quando ho partecipato alla manifestazione per chiedere le dimissioni di Berlusconi a Roma. Da allora condivido tutte le vostre proteste e le vostre battaglie per la Costituzione, per la solidarietà ai magistrati e ai giornalisti. Vi devo dire sinceramente che in una cosa secondo me sbagliate. Alla gente come me non gliene importa niente di Ruby, di Bunga Bunga, gli importa solo che quando si alza la mattina deve pensare a come arrivare alla sera mantenendo la dignità e non elemosinando o spendendo gli ultimi due euro sperando di cambiare la vita col Gratta e Vinci.

Alla gente come me interessa sapere che qualcuno si occupa dei nostri problemi e che li risolva. A me non mi cambia nemmeno un minuto della mia vita se arrestano Berlusconi anche se mi auguro che lo arrestino. Ma non mi cambia niente, continuerò a girare per la città alla ricerca di un lavoro che non troverò e a contare con mia mamma i centesimi. So bene che è giusto difendere la Costituzione e io solidarizzo sempre con tutti, con i giudici, con i giornalisti, con le donne. Ma con me e con quelli come me chi solidarizza? Ho letto che il 12 febbraio c’è anche nella mia città la manifestazione con le pentole. Ho già detto a mia mamma che ci andiamo assieme a manifestare. So che anche questo non servirà a cambiare la mia vita, che poi tornerò a casa e troverò la situazione di sempre. Ma voglio provarci anche questa volta sperando che qualcuno senta la mia voce e la voce di quelli come me, della gente normale.

Non vi preoccupate, se non volete pubblicare questo mia lettera fa niente ma almeno mi sono sfogato.

Matteo (Napoli)

TUTTE LE PIAZZE DEL 12 FEBBRAIO

 

130 Risposte to “Lettera di un disoccupato: “E a me la solidarietà non la dà nessuno””

  1. andrea febbraio 2, 2011 a 1:33 pm #

    Ha perfettamente ragione. A volte mi accorgo che ci stiamo focalizzando solo su un aspetto della vita sociale, ovvero la presenza di un ladro al governo. Non possiamo non farlo. Ma a volte ci si dimentica che ci sono problemi che c’erano prima e continuano ad esserci. Se esistesse un sussidio di disoccupazione come avviene in tutti i paesi civili, questa lettera amarissima non sarebbe arrivata. Ci sarebbe stato invece un uomo in cerca di lavoro, ma libero di sentirsi adeguato. In questa società, dove dare alla società è ovvio ma mai prendere, chi perde il lavoro si sente una nullità. Ed è sbagliato. La dignità umana si dovrebbe misurare relativamente al diritto di riprendere qualcosa dalla società.
    Matteo, un abbraccio. Non smettere mai di sperare, perchè prima o poi capita quell’occasione (non il gratta e vinci) che ti rende la vita più tranquilla e giusta.
    Insisti, non perderti mai d’animo. Vicino a te ci sono tantissime persone, anche se le conosci per nome una ad una.

    • giancarlo febbraio 11, 2011 a 9:00 am #

      Ma voi con queste parole cosa volete fare, volete fare una rivoluzione bene io sono pronto, ma ricordate che anche se vincano quelli dell sx questo paese sarà sempre uguale ,io ho ciquantanni e o fatto tutti i tipi di lavoro .siano belli e brutti e molto sporchi,la lettera di quel ragazz e molto incazz percato che lui abb in una gitta e molto bella wuando e pulita e una gitta che non tida lavoro sicuro x in donani chi lavora cisono dei ragaz che fanno il mecanico e quadagnano 75 ero alla settimana sono treciento euro al mese facendo 12 ore algiono. io non vedo il futuro x i giovani che vengano al nio figlio ho sempre detto devi finire gli studi quando ai quel foglio in mano vai fori al lavorare almeno ti fai una vita .

    • nicola gennaio 20, 2012 a 1:39 pm #

      e brutto caro amico anche io purtroppo sono in questa situazione e ti capisco bene anzi benissimo . ti vorrei dire tante cose ma te ne dico una sola wwwwwww la MAMMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  2. Flavio febbraio 2, 2011 a 1:34 pm #

    La tua lettera è commovente e al tempo stesso rabbiosa,perchè fa capire che ormai in questo paese non c’è piu dignità per persone(cosidette normali)che se ci pensiamo bene noi comuni mortali tanto normali non siamo dato che ci tocca vivere e barcamenarci in questo mondo co 1000 euro al mese quando va bene.Allora mi chiedo!? siamo noi i normali o invece siamo degli eroi che lottiamo per avere una dignità in questa società o sono loro(i Potenti) che malgrado i miliardi di eurro che arrivano nelle casse dello stato non riescono a portare questo paese non dico in cime al resto del mondo ma almeno alla pari?? Beh questa tua lettera mi ha,anzi credo che come me a tantio altri ha dato la risposta….Noi e soltanto noi potremmo salvare questo paese governato da gente ridicola e sbruffona…Posso solo dirti coraggio vai avanti…

  3. luigi febbraio 2, 2011 a 1:39 pm #

    caro matteo sono luigi ho 34 anni come te! anche io da 2 nn lavoro ne io ne la mia compagna ,a maggio ci sta per arrivare un figlio e nn so cosa fare noi si vive con 200 euro mensili che ci passa mia mamma ed è il massimo che puo’, e per questo, capisco cosa vuol dire mantenere la dignita’.
    ogni mattina anche io esco per trovare lavoro
    e ti giuro che anche a me nn me ne puo’ fregare di meno se berlusconi va in carcere !nn mi cambia niente anche se lo vorrei perche lui nn mi rappresenta ne politicamente ne moralmente ne eticamente,anzi sembra che ci stia a prendere tutti per il culo !!!
    vorrei solo che domattina io e quelli come me gente umili trovino un lavoro e ritrovino la propia dignita’cio’ che ci è stata tolta dal nostro presidente..
    guarda Matteo capisco il tuo animo ti sono vicino per lo stesso obbiettivo che ci accomuna a me te e altri 2 milioni di persone in italia ,ti auguro buona fortuna!!!!

  4. Micol Castellani febbraio 2, 2011 a 1:46 pm #

    Caro Matteo, leggendo la tua lettera, inizialmente mi ha suscitato tristezza, poi rabbia. Parlo di rabbia perchè tu dici che a te non interessa il bunga bunga, che a te non cambia nulla se Berlusconi viene arrestato. E io voglio smentirti: purtroppo alla base del tuo disagio c’è un sistema sbagliato, decadente e criminale. Tu non trovi un lavoro perchè c’è crisi, ma le soubrette e le escort che vanno a letto con il presidente trovano un posto superpagato al governo e indovina chi le paga? Tu, esatto, come tutti noi. C’è crisi perchè qualcuno ci mangia i soldi, perchè il nostro debito pubblico avanza, perchè dei nostri debiti vogliono anche gli interessi, perchè al governo c’è ancora chi nega che c’è crisi, e intanto mangia (e scopa, scusa il francesismo) con le nostre tasse.
    Io non faccio parte del Popolo Viola, ma ogni tanto capito su questo blog, sono iscritta al Movimento 5 Stelle e studio Giurisprudenza in Statale. Venerdì scorso ero in piazza con gli studenti e i sindacati di base a Milano, a lottare per i diritti degli operai di Mirafiori e di tutti gli operai del mondo. Non pensare che non ci sia gente che lotta anche per i tuoi interessi, perchè da anni c’è chi protesta contro i tagli sconsiderati, il precariato, la crisi e la disoccupazione; non parlo a nome del Popolo Viola, ma solo a nome mio.
    Bisogna riportare la legalità in questo Paese, e per farlo dobbiamo lottare contro i criminali, contro Berlusconi e tutti gli impostori che pretendono di governarci, tutto il resto è evidentemente condizionato da questo. Non smettere di lottare. Non arrenderti.

    • paolo febbraio 2, 2011 a 3:37 pm #

      Totalmente d’accordo.Brava.

      • amedeo63 agosto 16, 2011 a 4:40 am #

        Pero’ non dimenticate specialmente in quei posti li come Napoli pieni di ogni orrore ci si campa.Io non s’ho se é vero ma da noi in Liguria sappiamo bene comé. Qua’ entrano come spazzini o altro in un secondo scavalcando persone del posto e non si sa’ perche’ e com’e’ prendono le case dell’arte le migliori ecc..ci si campa a fare le vittime e i poverini piccolini. La vita non é facile x nessuno e se poi voi del sud vi vendete anche a certi ladri,certamente ritroverete governi adatti a voi. Ma non a noi che soffriamo in silenzio lo sa’ lei che qua’ i contadini quelli veri non gli assessori con le ville , mangiano minestrina sciapa. lo sa che c’é gente sfruttata e mal pagata xche a lavorato con ditte mercenarie che non andra’ mai in pensione? con l’indifferenza delle istituzioni che ben sapevano ma complici della paura o dell’interesse perche guarda caso in ogni istituzione imps sino ad arrivare alla caritas ci siete voi del sud cosa non si é visto qua’ scaricarsi l’olio il formaggio x poi rivenderselo ma nessuno sa niente? pereché anche nelle caserme ci siete voi con gli occhi chiusi. allora per difendersi diranno denuncia. Quando loro sanno bene che una famiglia con tanti problemi non va’ dietro la legge non puo’ con i suoi tempi e schifo assoluto e loro lo sanno bene i nostri giovani vengono minacciati ogni giorno da Albanesi rumeni ecc ma loro fanno scudo sei un razzista questo stato fa’ schifo. Levare i meridionali dalle istituzioni si ripulisce l’Italia Io sono x meta’ meridionale ma amo la verita’.Noi in verita’ amiamo un po queste prepotenze perche lo stato é assente e quasi diciamo a ragione la mafia

    • Gianfranco febbraio 4, 2011 a 4:35 am #

      Brava!

  5. tobyax febbraio 2, 2011 a 1:50 pm #

    ti capisco… io sono un ragazzo di 25 anni e da esattamente 1 anno non riesco a trovare lavoro ( apparte le solite truffe ), fortuna vuole che vivo insieme alla mia ragazza ( anche lei disoccupata da 2 anni) ma ci aiuta sua madre… io cmq penso che qui in italia piu che la morte o arresto di berlusconi, serva una bella rivolta contro tutto il mondo politico italiano…

    • Ilaria febbraio 2, 2011 a 2:04 pm #

      Sono d’accordissimo con te, non è solo Berlusconi il problema ma tutta, tutta la classe politica…andato via lui qui in Italia non cambia niente, se non cambiano i personaggi che da una vita si tengono la poltrona incollata dietro. Non focalizziamoci solo sul pesce più grosso e più ridicolo, si equiparano tutti.

      • Andrea Guadagnos febbraio 2, 2011 a 3:25 pm #

        I paesi civili fanno corsi di riqualificazione.. danno sussidi di disoccupazione, aiutano i cittadini del loro paese che sono in difficolta.. da noi non è possibile, un grande debito pubblico ci stritola, in aggiunta un sistema di corruzione senza euguali, nepotismo, sprechi..tutto ciò allontana le aziende e c’è un massimo garante di questo sistema:Berlusconi.. non devi avere dubbi su questo.. per i qualunquisti del blog di descrivo un fatto recente:
        Cuffaro è stato appena incarcerato.. Casini il suo capo ha dichiarato” si è comportato bene perchè almeno è andato dai giudici, berlusconi ha fatto peggio di lui”
        Allora è chiaro quel che succede.. la classe politica è interessata solo al consenso.. a loro basta essere un gradino sopra il peggiore , eliminato questo saranno costretti a darsi tutti una radrizzata..

      • Davide febbraio 3, 2011 a 12:11 pm #

        non è affatto che andato via lui non cambia niente, peggio di lui non c’è nessuno, sicuramente si tornerebbe ad una politica piena di politicanti che rubacchiano, ma almeno con un minimo di stile, questo porco ha superato ogni limite di decenza portando il paese alla fame e pensando solo alle sue faccende personali.
        lui è supportato soltanto dal potere dei suoi soldi . si compra tutto e tutti , e vedrete che la farà franca.

      • Luca Q. febbraio 3, 2011 a 1:03 pm #

        Invece è proprio qua che si sbaglia, non si deve tollerare nemmeno un euro di furto da parte dei governanti! B. è ora come ora il più porco, il più esagerato e il più fastidioso; ma mi ci gioco la casa che qualunque sia il suo successore ruberà quanto lui e questo è inammissibile! Non mi accontento del meno ladro, così non si fa altro che affondare, la gente DEVE pretendere gente onesta, gente a cui importa del futuro del paese, che abita dove abita il cittadino medio, che abbia figli che studiano nelle scuole pubbliche, che abbia un’utilitaria scassata che parcheggia e pagà il posto auto e che guadagna quanto un insegnante o un operaio!

  6. elena febbraio 2, 2011 a 1:52 pm #

    io vorrei ringraziarti, carissimo Matteo, intanto perche’il tuo appello alla solidarieta’ e’ piu’ che opportuno e poi volevo ringraziarti perche sei un uomo pieno di dignita’ che non si lascia confondere da trappole che, sopratutto nel tuo territorio, sono veramente insidiose, sei un uomo coraggioso, grazie! Ti prego continua a cercare ,fuori e dentro di te ,di realizzare un mondo migliore come tutti noi auspichiamo. Siamo con te e con la tua amatissima mamma che abbraccio con tanto affetto.

  7. mgz999 febbraio 2, 2011 a 2:03 pm #

    secondo me la lotta contro questo pseudoregime berlusconiano è ANCHE e CONTEMPORANEAMENTE lotta per il lavoro e per condizioni migliori.
    Queto figuro possiede mezza italia, controlla un sacco di soldi e di persone, e chi vuole qualcosa deve sottoposrsi ai suoi biechi giochetti oppure essere di qualche “combriccola” giusta e possibilmente ben armata…
    Certo, non è che se domani arrestano berlusconi “yuppi ye yuppi ye tutto è finito siamo salvi”… è che in anni di lassismo democratico ci siamo infilati in un tale budello che ci vorranno anni per uscirne, sempre che si prenda la direzione giusta, e l’unica direzione giusta è che tutti (o almeno molti) in questo paese lottino per i propri diritti, non si zittiscano, non si facciano lobotomizzare dalla televisione, ma siano soggetti attivi della vita della società. Berlusca non è che una iperbolica manifestazione di questo fenomeno.
    L’idea “io delego poi ci pensino loro che io devo lavorare” non funziona e l’italia ne è la dimostrazione più lamapante. Far parte di una società democratica E’ un lavoro vero e proprio, ovvero la fatica di occuparsi della cosa pubblica, che è anche cosa di ognuno di noi

    • Silvia febbraio 2, 2011 a 2:11 pm #

      @mgz999 Sono assolutamente d’accordo con te. Dobbiamo essere, e saremo, cittadini attivi per un paese migliore, nell’interesse di ognuno di noi. Nell’interesse anche di Matteo e di tutti gli altri disoccupati (compresa la sottoscritta). E tu, Matteo, non arrenderti!!!

      • Francesca Teodorani febbraio 2, 2011 a 2:29 pm #

        Matteo … capisco!!! E’ ciò che dico anche io ogni singolo, maledetto giorno di questa vita che, ormai, mi è venuta in odio!
        Io ho 33 anni … da Agosto 2008 sono disoccupata (e che novità)!!!! Mio marito è disabile al 90% e dichiarato inabile al lavoro … gli danno 250 euro al mese. Per questo, dopo un anno difficile, ma passato liberi e da soli, la mia Azienda mi ha lasciata a casa e … abbiamo dovuto impacchettare tutto e trasferirci dagli suoceri …. che hanno anche un altro figlio di 32 anni laureato, con master e tirocinio, abilitato alla sua professione ma che non lavora … perchè nessuno va nel suo studio (che ora dovrà chiudere) ….. e adesso siamo tutti e cinque qui!!!!
        E io vivo così …. dagli suoceri che mi sopportano a malapena … tirando a campare con i 250 euro di mio marito in due ….. mandando migliaia di curriculum per qualsiasi tipo di lavoro ….. E chi ha il lavoro o la pensione continua a non capire … e giudicare … e dirti che devi darti da fare ….. Discussioni … discussioni …. senso di inutilità …. Che vita è?! Ma che razza di vita è???????? … Tra l’altro con la piena consapevolezza che, semmai trovassi anche un lavoro, …. non potrei mai permettermi nè una casa da poter definire “mia” con uno stipendio solo e 250 euro di mio marito … nè un figlio …. nulla ….. un bel niente!!!!

  8. Marco febbraio 2, 2011 a 2:16 pm #

    Caro Matteo. Ce ne fossero di piu’ di persone che come te si sfogano e raccontano la propria esperienza… forse a qualcuno interesserebbe parlarne. Purtroppo la “cultura” italiana moderna e’ quella delle ferie, dei programmi di cucina e di “uomini e donne”; ma di chi le vacanze non sa nemmeno come iniziare a pagarle, di chi non puo’ permettersi di pagare gli ingredienti per le ricette, di chi vede che la vita va oltre le litigate di quattro cretini in TV, in italia non importa niente a nessuno.
    Ecco perche’ e’ importante tirare giu’ B.
    Nella moderna corte di Versailles in cui si e’ trasformata la villa del Presidente del Consiglio si consuma il dramma umano dell’italia intera. Volenti o nolenti si parla di letterine, squillo minorenni con milioni in mano, autisti, feste e lusso. E ancora una volta si perde di vista la reata’ di almeno il 30% delle persone “vere” che non sanno come superare la seconda settimana dl mese.
    Berlusconi, da Vespa, aveva detto di non riuscire a capire come faccia la gente a campare con mille euro al mese. Chissa’ se immagina che tanti non hanno nemmeno quelli. Chissa’ se gliene frega nulla.
    Serve al governo, e in parlamento, qualcuno di vero. Qualcuno che questi problemi li abbia almeno visti se non vissuti. Qualcuno lontano dalla gabbia dorata in cui sculettano Ruby e Noemi.
    Va cambiato il sistema politico italiano. Van cambiati tutti. Van cambiate le regole, perche’ se un poveraccio va in parlamento e inizia a prendere 8000 euro al mese, si dimentica alla svelta cosa voleva dire la vita vera. Il potere, in italia, accieca.
    Servono testimonianze come la tua per aiutare a fare della Penisola un posto migliore.

  9. Marco febbraio 2, 2011 a 2:32 pm #

    Matteo, vivo la tua stessa situazione. Io però ho avuto la fortuna di poter emigrare da una terra matrigna e infame come la Calabria. Sono laureato e ho lavorato all’estero, e tornando in patria, ho continuato a lavorare in Calabria. Il mio datore di lavoro era il classico traffichino, arrivista, col colletto bianco e il pelo sullo stomaco. Un parvenue ignorante, un berluschino alto un metro e un cazzo, che si riempiva la bocca di principi sulla legalità, ma che sottobanco commetteva ogni tipo di nefandezza (ladrocinii vari, anche di fondi europei), con la complicità involontaria (?) di uomini delle istituzioni (prefetti e politici corrotti). In Calabria come ebbe a dire Giorgio Bocca si assiste all’umiliazione quotidiana dell’uomo onesto. Essere onesti e avere la schiena dritta costa parecchio. Chi non accetta questo stato di cose è costretto ad andar via (come ho fatto io). Attualmente sono a Milano, sono ancora senza lavoro, ospite di un mio amico. Spero che la situazione cambi presto. Non so quanto tempo ancora, potrò sopportare tutto questo. Caro Matteo, se puoi scappa da Napoli e vatti a prendere altrove (sic) ciò che desideri! buona fortuna

  10. Raffaele febbraio 2, 2011 a 2:35 pm #

    Caro Matteo
    vivo anche io in difficoltà, ho moglie e un figlio ed un lavoro da precario, il mio “contratto” a progetto viene prorogato mese per mese. Anch’io che sono più grande di te debbo contare sull’aiuto dei miei anziani genitori per arrivare a fine mese. Mi fa rabbia la tua storia e so che cosa si prova e se ti scrivo è per incoraggiarti e a non perdere mai la speranza. Mantieni sempre la tua dignità a dispetto delle situazioni umilianti che sei costretto a vivere. Io come te vivo a Napoli, è difficile trovare un lavoro senza “santi in paradiso” ed in questo periodo più che mai.
    Ho fiducia però che le cose miglioreranno dobbiamo solo resistere, credimi se tiro avanti è perchè credo in un futuro per me e la mia famiglia.
    Coraggio

  11. Gabs febbraio 2, 2011 a 2:41 pm #

    Anch’io Matteo sono disoccupata e separata con 3 figli.In un paese fondato sul lavoro, chi e’ disoccupato non perde solo di che sfamarsi ma anche la propria dignita’ fino alla sua identita’. Non avrei mai pensato che essere disoccupati potesse colpire cosi’ profondamente una persona, scardinarla.
    Io voglio che Berlusconi se ne vada perche’ voglio un governo che impieghi tutte le proprie forze a fare in modo che io e te, che i miei figli e tutti gli altri, abbiamo qualche possibilita’ di trovare lavoro. Voglio un presidente del consiglio che sia consapevole delle mie difficolta’, che sia solidale, qualcuno al quale posso rivolgermi almeno per trovare sostegno. Voglio un capo del governo che non dorma la notte perche’ pensa a come trovare lavoro a me e agli altri. Non un segaiolo.

  12. ANTONINO febbraio 2, 2011 a 2:54 pm #

    Leggendo la tua lettera sembra di leggere in qualche modo la mia storia, anch’io sono disoccupato, io vivevo con la pensione di mia madre ma lei mi ha lasciato due mesi fa, oggi vivo con mia sorella e mio nipote, tutti disoccupati, ti capisco, anch’io a 40 anni mi sento un fallito, non faccio altro che girovagare per cercare qualcosa ma solo il nulla, ed’e’ proprio in questo momento che quelli che credevo amici scappano via, e’ difficile, e’ molto pesante ma penso anche che non dobbiamo arrenderci, purtroppo siamo dentro un sistema totalmente mercio, fatto di potenti o potentati, dove una persona si puo’ permettere di sperperare milioni di euro per donnine varie e allo stesso tempo persone come me e come te non sanno cosa fare per mettere assieme il pranzo con la cena, ho una sola certezza, non dobbiamo arrenderci, resistenza e mai lasciarsi andare.
    Ti sono vicino, un sincero abbraccio.
    Tony Pellicane

  13. michele febbraio 2, 2011 a 3:05 pm #

    Cari tutti voi, che vivete, anzi sopravvivete, a stento, vi auguro tanta fortuna, affinchè vi cambi la vita in meglio, ma molto in meglio. E ringraziate tantissimo il nostro beneamato, testa di Min…, Berluskkkoni, che con le sue berluskkkonate vi ha aiutato a perdere il lavoro, per non aver la fortuna di averne un altro e che non si è neanche degnato di aiutarvi, nei momenti di difficoltà. Sapete, lui era già impegnato ad aiutare le sue beneamate puttanelle e quindi non poteva permettersi distrazioni varie, altrimenti quelle non gliela avrebbero neanche fatta vedere. Altro che benefattore, un millantatore, ecco cos’è, imbroglione, truffatore di fiducia popolare, corruttore ecc. ecc. ecc..- Tutta la mia solidarietà per voi e per le vostre famiglie.-

  14. Elodia Di Vincenzo febbraio 2, 2011 a 3:16 pm #

    Caro Matteo,so benissimo cosa si prova nelle tua situazione…mia figlia 33 anni, plurilaureata con lode in beni culturali,disoccupata;dopo anni di precariato nella biblioteca provinciale,hanno dato il benservito a lei e altre 14 ragazze xchè il cambio di amministrazione provinciale ha fatto si che non si avesse più bisogno di loro.Il dissenso politico dalle nostre parti si paga…e poi…con la cultura non si mangia!!!!!come vedi motivi x arrendersi ci sono, ma sono gli stessi motivi che devono farci andare avanti.Ho sempre insegnato ai miei figli ad impegnarsi al massimo,con dignità.Pensavo e speravo in una società più equa e giusta in cui il merito avrebbe potuto ricompensare tutti per i sacrifici affrontati nelle varie fasi della vita.Sono stata e resto una povera illusa…La realtà é ben diversa come ci insegna la cronaca politica degli ultimi tempi!!!????!!!!Intanto tu,mia figlia e tanti altri continuate a sentirvi inutili…e non sarà la solidarietà a dare un senso alle vostre frustrazioni.

  15. maria teresa febbraio 2, 2011 a 3:32 pm #

    Caro Matteo,
    io non vivo in Italia. Faccio parte della cosidetta fuga dei cervelli, che iniziata credimi bene tantissimi anni fa molto prima che venisse etichettata come tale. Quello che sta succedendo in Italia mi coinvolge comunque non per me perche’ non tornero’ a vivere in Italia, ma per le persone come te, per la mia famiglia, per i miei nipoti, per le mie nipotine e per i giovani. Capisco il tuo senso di abbandono da parte di un paese e una societa’ che invece avrebbero dovuto aiutarti a realizzarti. Pero’ vedi, il governo Berlusconi e’ in atto da ben 17 anni. Mentre sono d’accordo che il vuoto politico e l’incapacita’ che esiste negli altri partiti ha contribuito alla ascesa di Berlusconi, non dobbiamo dimenticare che il problema principale e’ proprio questo individuo che ha lacerato, abusato e distrutto l’Italia. Al mio paese si dice che il pesce puzza dalla testa. Vedi Berlusconi non ha solamente tolto la dignita’ alla gente, perche’ il lavoro da’ dignita’, non ha solo danneggiato l’economia del paese, ma ha tolto ogni speranza. Questo secondo me e’ il fatto piu’ grave. La gente e’ rassegnata al peggio. Sono contenta che invece to troverai la voglia e il coraggio di scendere in piazza. Mi rammarico di non poterti aiutare a trovare un lavoro. Mi dispiace veramente. Ma ricordati di non disperare, continua con onesta’ e dignita’, mi auguro di cuore che le cose cambieranno presto per te. Un abbraccio

  16. laura febbraio 2, 2011 a 3:53 pm #

    La tua lettera è tristemente vera!!!io sono come te, ho 28,sono disoccupata e sono donna.Specifico quest’ultima cosa perchè nel cercare lavoro essere donna è diventato una “deminutio capitis”. Come prima cosa ti chiedono non il curriculum, ma se sei sposata e se hai figli,perchè a detta dei datori di lavoro, i figli tolgono tempo al lavoro…Già è umiliante,anzi raccapricciante sentirsi dire cose del genere,in più se trovi qualcuno che ti offre qualche possibilità non solo è sotto pagata(per intenderci euro250 al mese ,9ore al giorno compreso il sabato..)ma è anche in nero!!! Qui nella mia città ho avuto molte esperienze lavorative,ma giuro una più umiliante dell’altra,non per il lavoro in sè,ma per come ci trattano. E’ di questo che le televisioni e i giornali dovrebbero parlare!!Siamo una generazione senza possibilità di un futuro..ce lo stanno togliendo,ma a nessuno sembra che importi!!Adoro il popolo viola perchè ha dato e sta dando voce a noi,i giovani,e a tutti coloro che si sono stancati dello status quo!!siete dei grandi!!!

  17. bruno febbraio 2, 2011 a 3:54 pm #

    caro matteo sono solidale con te. questo paese bisogna cambiarlo radicalmente e affermare che il diritto al lavoro com valore universale e sociale deve essere garantito a tutti i cittadini per dar loro sicurezza e dignità. Purtroppo in questo paese ci sono delle disuguaglianze enormi ci sono gli straricchi e gli strapoveri.Per cambiare questo stato di cose bisogna mobilitarsi e lottare duramente.

  18. Chiara febbraio 2, 2011 a 4:14 pm #

    Ciao Matteo, anche io sono laureata, ho 29 anni e sono disoccupata. Come te riscontro che non c’è nessuna solidarietà per chi è senza lavoro, e nessuna istituzione che si occupi concretamente del gravissimo problema della disoccupazione. Vorrei ricordare l’art. 4 della Costituzione: “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
    Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.” L’unica possibilità che abbiamo è rivendicare questo diritto, quindi è giusto lottare a fianco del popolo viola e di chiunque altro porti avanti questa battaglia.

  19. Alybio febbraio 2, 2011 a 5:03 pm #

    Caro Matteo di Napoli, ti sono vicina con la mente e con il cuore. Anche io sono disoccupata, ho 35 anni appena compiuti. Dopo 9 anni ho dovuto chiudere la mia agenzia viaggi perché la crisi ha colpito duro il mondo del turismo.
    L’unica differenza con te è che in casa mia siamo in 4, mio padre ha una pensione da operaio, mia madre è casalinga e mia sorella lavora part time e studia all’università. Quindi mio padre a conti fatti mantiene 3 persone e mezzo con 1300euro. E io, che ho praticamente sempre lavorato da 10anni a questa parte, facendomi il mazzo e cercando di fare qualcosa nella vita di buono, ho dovuto rinunciare perché chi ci deve governare invece di farlo pensa solo alla sua pompetta e alle sue puttane. Quindi, ti dico sì a me interessa qualsiasi cosa che possa far cadere questo scempio di governo e di premier che ci ritroviamo (ahinoi che non abbiamo nemmeno votato noi poi!).
    Spero sia per te, che per me e per tutta la gente che ho letto qui sopra, che tutto si metta a posto e che non dobbiamo più pensare di noi: fallito che non sono altro.

    Alice dalla provincia di Novara

  20. viola febbraio 2, 2011 a 5:17 pm #

    salve a tutti voi..sono una ragazza di 27 anni sarda..il che purtroppo come per la maggior parte del sud pare essere una condanna…io ho trovato un “lavoro” dopo 2 anni in cui ho tentato in ogni modo di stare a galla…non posso chiedere aiuto ai genitori perchè anche loro non versano nelle migliori condizioni…ora lavoro 50 ore a settimana per 300 euro pagando 250 di affitto nemmeno di una casa bensì di una stanza sono costretta a condividere i miei spazi con altre 3 persone che sinchè si hanno 19 anni e si è freschi universitari può pure sembrare una condizione esaltante ma ora ha sempre più l’aspetto di una prigione di umiliazione…mi ritrovo a dover mangiare con 50 euro al mese che diventano 10 quando c’è una bolletta da pagare…mi chiedo è questo il mio futuro?dovrò per sempre sottostare alle regole di sfruttatori strozzini che si approfittano del mio bisogno di sopravvivere per pagarmi due soldi?dov’è il mio governo?la nostra classe politica è troppo impegnata a farsi la guerra per buttare un occhio alla gente comune…Berlusconi non è che la punta di questo disastroso iceberg ma è sicuramente il primo che deve andare via il primo che si deve vergognare dobbiamo ribellarci a tutto questo ma dobbiamo farlo in tanti perchè altrimenti le cose non cambieranno…mi sento vicina a tutti coloro che come me lottano tutti i giorni per vivere e per non sentirsi un completo fallimento

  21. emilia febbraio 2, 2011 a 5:42 pm #

    Per l’importanza che può avere ti dò tutta la mia solidarietà,non mollare.Giusto non fossilizzarsi sul caso ruby,il problema non sono quelle 4 sgallettate,sono gli ultimi 20 anni di berlusconismo,incentrato solo su i suoi problemi con la giustizia,il paese è bloccato,il governo non governa,per questo la ns economia va a rotoli,iniziamo a mandare in carcere lui e,poi tutti insieme scegliamo nuovi politici

  22. Luca febbraio 2, 2011 a 6:19 pm #

    ma è proprio per questo che bisogna mandare a casa gente come il berlusca, combattere questo tipo di politica che favorisce le classi agiate a danno dei più poveri; è per questo che bisogna manifestare contro le grosse diseguaglianze fra un disoccupato che stenta a campare e un riccone corrotto che spende i suoi soldi per escort, fra l’altro minorenni, invece di prendersi cura dei disoccupati. anzi, il suo governo ha creato disoccupazione giovanile, ha tolto fondi all’istruzione, alla ricerca, alla cultura, allo stato sociale, ovvero a tutto ciò che poteva aiutare a diminuire la diseguaglianza sociale, a dare lavoro ai giovani e a rilanciare l’innovazione e l’economia.

    • Luca febbraio 2, 2011 a 6:23 pm #

      la solidarietà te la diamo noi, chi è dalla tua parte, per questo devi combattere insieme a noi, per questo tutti i cittadini onesti e desiderosi di etica e giustizia sociale dovrebbero unirsi e lottare assieme. se la lotta avrà buon fine, verrà ripristinato lo stato sociale e verranno spesi più soldi per creare occupazione e rilanciare l’economia. adesso invece i soldi se li intascano i vecchi bacucchi incapaci della classe dirigente, i massoni, i piduisti, i ciellini, i corrotti, gli imprenditori che non pagano le tasse e sfruttano i lavoratori, gli speculatori.

  23. Paolo febbraio 2, 2011 a 7:36 pm #

    Hai ragione da vendere Matteo. Dei Bunga-bunga degli altri non ce ne po’ frega de meno, già mi bastano i miei di bunga-bunga, che potrebbero anche essere peggiori di quelli di SB anche, chi può dirlo con certezza?
    Se ficcare il naso nelle perversioni private e (finche non infrangono la legge) direi anche “sacrosante” di un politico, diventa la misura per giudicare l’offerta e il fabbisogno di programmi Politici seri, allora siamo belle che fritti in padella!!! …Cosa cambia nella vita di un cittadino qualunque, magari anche disoccupato come molti, se una mignotta di turno fa o non fa una marchetta di più o di meno?!? Niente mi pare.
    Cosa cambia se invece un Presidente del Consiglio tratta le proprie miserie private come pubbliche, e le sue responsabilità pubbliche come se fossero questioni strettamente private?? Moltissimo.
    Qui misuriamo la differenza tra una democrazia parlamentare moderna e un regime oligarchico e autoritario mascherato. Qui misuriamo la differenza tra un demagogo che mette il proprio privato al centro, lasciando il contenuto del suo mandato pubblico a una funzione sostanzialmente decorativa, incluso ovviamente l’obbligo primario che dovrebbe avere e sentire: costruire e realizzare una strategia di governo capace di scuotere questa italietta disorientata e avvelenata, dalle sabbie mobili della recessione e della decadenza in cui si dibatte annaspando…

  24. Mauro febbraio 2, 2011 a 11:29 pm #

    Vuoi la solidarieta? ti hanno rubato diritti e doveri, questa è la verità. vuoi rispetto? procurati una mzazza da baesballe quando sarà il momento tieniti proto a spaccare le teste di coloro che raggirando i cittadini li hanno derubati della loro vita.. TIENITI PRONTO! BASTA FRIGNARE è TEMPO DI FAR VALERE LA DEMOCRAZIA CON LE MANI!!! BASTA FRIGNARE!!! MENIAMO!

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:40 am #

      SPERO CHE DAL 2 FEBBRAIO TU NON L’ABBIA FATTO… RISCHI SOLO LA PRIGIONE.. QUESTO NON RISOLVERà I TUOI PROBLEMI..

      DATTI DA FARE AMICO MIO… PUOI FARCELA, ANCHE PERCHè NESSUNO LO FARà PER TE..

  25. daniela febbraio 3, 2011 a 1:03 am #

    Leggere quella lettera, mi è arrivato un colpo al cuore,e lacrime,
    noi dobbiamo capire che se state a queste condizioni, è causa del Sig.B. avendo tagliato tutto, per i suoi divertimenti di grande Prostituto, a caccia di donne maggiormente giovani,cmq i soldi suoi personali non li tira fuori, quando paga le Escort e Minorenni,sono i soldi delle nostre tasse;” PERCIO'” IL MAIALE DEVE ANDARE VIA ”
    QUELLO CHE HA FATTO A MARRAZZO E’ STATO UN BOOMERANGH ( anche se…….) però lo ha messo in mezzo !!!
    Però provate a mandare i curriculum a tutti i supermercati tentare
    non nuoce, non si sà mai !!!Sappiate che le MAMME SONO LE PRIME CHE SOFFRONO SENZA CHE VOI VE NE ACCORGIATE !!!!

  26. Marina febbraio 3, 2011 a 8:02 am #

    Volevo soltanto aggiungere, perchè c’è poco da aggiungere, alla vergogna di tutti gli squali che della disoccupazione hanno fatto il loro Eldorado…pensate alla caterva di corsi, master, contromaster, che ti promettono la luna e poi ti lasciano con un pugno di mosche dopo averti succhiato un bel po’ di sangue. Purtroppo per chi è disperato è molto facile incapparci ma è un obbrobbrio.
    Comunque sì, dobbiamo ribellarci ma sul serio, non soltanto prendendo la pentola e andando in piazza (che comunque è da fare, non fosse altro per uno scatto di dignità e dare uno scossone ai dormienti), ma bisogna ribellarsi sul serio, nella vita di tutti i giorni, non tollerare illegalità e complicità, NON VOTARE quelli che sappiamo benissimo che sono mafiosi e continueranno a fare scempio della società e dell’ambiente, non piegarsi a compromessi umilianti per noi e per la collettività. Solo così può davvero cambiare qualcosa. Diventiamo un Paese civile, per favore.

    • Marina febbraio 3, 2011 a 8:55 am #

      ciao Matteo.
      volevo esprimerti tutta la mia solidarietà. Io sono una tra le persone fortunate che hanno un lavoro e che hanno uno stipendio fisso a fine mese, ma come te ho anche amici che non hanno la mia stessa fortuna e che combattono con i centesimi al supermercato.
      Non ti arrendere perchè la vita sorriderà presto anche a te.

  27. Anna - Asti febbraio 3, 2011 a 10:09 am #

    Mi chiamo Anna , dalla provincia di Asti ho 44 anni e sono una operatrice socio sanitaria. Ho perso il lavoro 4 mesi fa e mio marito che di anni ne ha 50 lo ha perso due anni fa. Per noi non c’è solidarietà, né pari opportunità. Alla nostra età si è troppo giovani per andare in pensione e troppo vecchi per trovare un lavoro, perchè gli sgravi fiscali sono concessi solo per chi assume i disoccupati in mobilità o in età da apprendistato. E noi?

    Cercare lavoro, iscriversi a tante agenzie, che però non chiamano mai e il tempo fugge e i risparmi intanto vanno via. Quale è il nostro futuro? La vita da barboni o il suicidio?

    Vorrei che la nostra classe politica riprendesse il contatto con la realtà. E si occupasse una volta tanto dei problemi VERI che devono affrontare le famiglie al collasso. Leggere i quotidiani ultimamente mi da solo una profonda sensazione di sgomento e tristezza. Perchè siamo veramente caduti in basso. Forse troppo per poterci rialzare con dignità dopo questo periodo buio per il nostro paese, fatto di prostituzioni e soldi facili. La mia solidarietà al ragazzo che ha scritto la lettera, sperando che abbia un futuro migliore, almeno lui.

    Saluti

  28. maria teresa febbraio 3, 2011 a 10:18 am #

    sono tutte lettera da girare al Presidente della Repubblica.

    • Mirco febbraio 3, 2011 a 12:47 pm #

      Concordo Maria Teresa sarebbe ora di farle conoscere al nostro presidente indegno della Repubblica

  29. Patrizia febbraio 3, 2011 a 10:24 am #

    Non può non interessarti se c’è il bunga-bunga o no, non puoi dire che non ti cambierà la vita se “lo” arrestano o se rimane lì: non ti sei accorto che siamo finiti in un burrone, che si sono mangiati l’Italia e non abbiamo più terra sotto i piedi? Ti sei accorto che il suo primo alleato è la Lega, e la lega dice “lasciamo il sud, sono solo un peso, se la cavino da soli”? Non dire che non ti cambia la vita. Finchè ci sarà corruzione, finchè (ad esempio) contunueranno con le truffe mega ai danni della Sanità staremo sempre peggio. Finchè diremo “grazie” al dentista che ci fa lo sconto se non gli chiediamo la ricevuta del pagamento noi saremo complici: aiutiamo qualcuno ad evadere le tasse, che poi paghiamo noi. Tutti.
    Era solo un esempio. che ognuno faccia il suo e lo pretenda dagli altri, e che tutti si pretenda che questa classe politica indegna di esistere vada via.

    • arianna febbraio 3, 2011 a 10:34 am #

      caro matteo io ti dò tutta la mia solidarietà e comprendo benissimo quello che dicono le tue parole al di là del loro significato la tua rabbia è la mia stessa rabbià che in pochi comprendono

  30. carmelo febbraio 3, 2011 a 10:48 am #

    ciao a tutti ho letto la lettera di matteo e le risposte,anch’io mi trovo in una situazione analoga nonostante ho un lavoro stabile,mia moglie è stata licenziata un anno fa accusata di furto che vi giuro non ha commesso,credetemi.Questa situazione ci ha lasciati con le pezze al sedere,abbiamo il mutuo da pagare ovviamente impostato su due stipendi,arriviamo alla seconda settimana con stento,i nostri genitori che ci aiutano per quello che possono.Questo ha generato un accumulo di debiti,i solleciti di pagamento non si fanno attendere.Caro Matteo sono solidale con te e con tutti quelli che si trovano nella tua situazione,ma purtroppo la solidarietà e l’altruismo non vive nei Palazzi di governo,questo e il rammarico,loro hanno la pancia piena e pretendono a noi affamati di stringere la cinghia.Io combatto tutti i giorni per non far calpestare la dignita mia e della mia famiglia.CARMELO

  31. Marina febbraio 3, 2011 a 10:58 am #

    Ma perchè non combattiamo almeno per il sussidio di disoccuopazione? I soldi per gli stipendi stratosferici della politica, per i vitalizi, per i ponti sullo stretto, per le consulenze d’oro, per condonare tasse evase, per pagare a peso d’oro alla mafia terreni da riempire di spazzatura ci sono sempre, chissà perchè! Che si trovino allora anche per questo, che è una condizione basilare di civiltà. Che non ci vengano a raccontare di buchi e debiti, è compito della politica trovare il modo di riempirli, a noi non interessa. Rendiamoci conto che c’è una fetta enorme di popolazione che rischia davvero di finire per strada, a cominciare dai più giovani, se non ci fossero mamma e papà.
    Riprendiamoci quello che è nostro, che le nostre tasse non vadano a finire nelle tasche di ladri indegni ma che ritornino alla collettività. L’Egitto insegna, le cose si pretendono e si conquistano.

  32. Rolando Bartoletti febbraio 3, 2011 a 11:02 am #

    La mia solidarietà a Matteo , ma dai retta a me , non smettere di lottare , non smettere di sperare , non smettere di chiedere un lavoro , non ti togliere quei pochi diritti rimasti ! L’oro non aspettano altro….che tu… che voi… che noi…ci stanchiamo e diciamo sono tutti uguali…rubano tutti alla stessa maniera…non mi ascolta nessuno ecc. ecc. e ci ritiriamo in disparte, così chi non sono riusciti ad addormentare con la tv l’annientano con la disperazione . No Matteo non dargliela mai vinta , sii Cittadino sii Uomo difendi la tua dignità contro tutto e contro tutti e credimi insieme a te e con problemi come i tuoi ci sono milioni di cittadini giovani e vecchi che soffrono e lottano tutti i giorni ma che non saranno mai disposti a dargliela vinta. Con affetto e stima Rolando.

  33. Salvo Centamore febbraio 3, 2011 a 11:04 am #

    Caro Matteo (Napoli), ti chiedo di appoggiare la proposta della pag. FB Appannaggio di Sovranità (il link è quello in basso): se da 173 diventassimo 1milione, allora forse, cresceranno enormemente le probabilità che la risoluzione del Parlamento e della Commissione europei, sul reddito di cittadinanza, diventi legge dello Stato, in un imminente e diverso futuro politico: non facciamoci impappinare da quelli che dicono che “i soldi non ci sono” perché i soldi ci sono e corrispondono a quel che si è già prodotto… Sono quelli che manovrano e speculano sui profitti che preferiscono distruggere quel che non si riesce a vendere, per mancanza di disponibilità diffuse, pur di non distribuire la ricchezza esistente e comandare da despoti invece che da concittadini responsabili.
    http://www.facebook.com/pages/APPANNAGGIO-DI-SOVRANITA/118539274836899

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:38 am #

      Gentile Sig. Centamore,

      io non so lei cosa fa di professione, ma certamente alimentare così le speranze.. è proprio da ciarlatano! lei non si può permettere di prendere in giro un ragazzo con le problematiche di matteo, i cui problemi non si risolveranno mai con un click o una protesta…
      Invece di creare una società di falliti da sostenere, dobbiamo creare una società di gente affamata di riscatto, e non affamata e basta!
      I teatrini dei disoccupati organizzati, vi siete mai chiesti chi li organizza?Sono finanziati per fare casino.. per fare dimostranze… strumentalizzati, e nelle stanze del bottone, usati come merce di scambio.. io ti tolgo la protesta tu che mi dai… e fanno i burattini tutti quanti e noi a sciropparci fesserie in tv..

      la soluzione in Italia non è un sussidio per la cittadinanza..!!

      rilancio di piani di produzione… sono così si diminuisce la disoccupazione!! quindi mettetevelo bene tutti in testa..

      PER STARE MEGLIO BISOGNA PRODURRE DI PIU’ !!

  34. Alessandro febbraio 3, 2011 a 11:07 am #

    caro, carissomo Matteo………
    io sono nelle tue stesse condizioni! con la differenza che mio papdre è ancora fra noi, fortunatamente ha la pensione, mamma è casalinga ho 43 anni è a differenza di te che ancora hai un po di forza io non ne ho più..!!!! dal novembre 2009 non faccio altro che sentirmi dire no, lei è fuori limite di età… il mondo del lavoro ci reputa vecchi a 43 anni!il mondo del lavoro non ha voce perchè siamo troppo impegnati a sapere cosa fa e cosa non fa silvio…. mi sono messo a piangere mentre leggevo! cazzo mi sentivo io..!!!!! le parole che hai scritto per descrivere in maniera semplice il tuo stato d’animo sono anche le mie!!! le sento mie!!! non riesco nemmeno più ad uscire di casa sapendo di essere senza soldi, sapendo che mio padre o mia madre mi allugano qualche euro ogni tanto…. la propria dignità ormai è una un optional che non posso più permettermi di mantenere… la solidarietà non serve a nulla per quelli come noi…. CIAO MATTEO un grosso abbraccio a te e la tua Mamma….

  35. arrabbiata febbraio 3, 2011 a 11:08 am #

    io mi sono laureata e nella ricerca di lavoro non trovo niente di niente, solo lavori degradanti e precari o persone che cercano di truffarti come possono. negli ultimi tempi sono assai giu di morale per non riuscire a vedere un futuro per la mia vita, un futuro che per quel poco, possa essere appagante.. leggendo questi commenti vedo che non solo sola e se vado il 12 a protestare è anche per fare qualcosa per riavere i nostri diritti.
    purtroppo molti non si preoccupano di questi problemi, quelli che il lavoro ce l’hanno e non ci pensano, ma poi si lamentano quando, come si dice da me “l’acqua tocca il culo” e questi problemi ti iniziano a toccare in prima persona.. dico questo per dire che se c’è da far sentire la nostra voce bisogna farla sentire non solo per noi stessi ma anche per gli altri.
    le cose così non possono andare avanti, i giovani stanno naufragando il loro futuro per colpa di persone senza cuore e per i soldi, questi maledetti soldi.. quindi qualcosa bisogna fare…

  36. Simone febbraio 3, 2011 a 12:07 pm #

    Sono simone il 6 febbraio mi scade il contratto senza rinnovo! Ho l’affitto da pagare e non so come fare ! Lavoro non si trova ma nonostante questo non credo sia una soluzione che Berlusconi si dimetta !!! Non fatevi incantare dalla sinistra che promette promette e promette cose che in questo momento non si possono realizzare !! non andate alle manifestazioni dei sindacati perché loro pensano solo al loro interesse !!! Aprite gli occhi !!!

  37. Marina febbraio 3, 2011 a 12:19 pm #

    Guardate qui c’è un’intera classe politica, un’intera concezione della politica da scardinare una volta e per sempre, una concezione che è radicata e profonda in Italia più di quanto non pensiamo…Berlusconi ne è in qualche modo il simbolo, è un porco, è un mafioso, siamo tutti d’accordo, vogliamo che se ne vada, ma non pensiamo che una volta mandato via il lavoro è fatto…i mafiosi che stanno dietro di lui cercheranno il prossimo a cui appoggiarsi o si faranno avanti loro stessi, la gente probabilmente li voterà perchè gli italiani non sono una razza tanto nobile…c’è tanto, tantissimo lavoro da fare, si tratta di riqualificare una vita civile che è ai minimi termini, o che forse non è mai esistita, in quel caso la dobbiamo costruire da zero ma è un lavoro immenso, ricordatelo. Perciò non si può più rimandare.

  38. Cristiana Cassandra febbraio 3, 2011 a 2:26 pm #

    Ciao Matteo ,
    mi chiamo Cristiana …anche io sono una disoccupata ed ho una bambina di 9 anni. Purtroppo o per fortuna ho dovuto prendere la decisione di lasciare l’Italia ed andare a lavorare all’estero….non ho più fiducia in questo stato.
    Un’impocca al lupo.!Condivido ciò che senti.
    Cristiana

  39. Marina febbraio 3, 2011 a 4:16 pm #

    Beh…detto fatto. Se siete d’accordo proporrei di girare tutte queste lettere alla Presidenza del Consiglio. Mi incaricherei di farlo personalmente.

  40. Marina febbraio 3, 2011 a 4:16 pm #

    Scusate, volevo dire Presidenza della Repubblica

  41. Pasquale Calce febbraio 3, 2011 a 5:57 pm #

    Non so cosa cambierà quando il puttaniere cadrà, di certo da quando lui è andato al potere molte cose sono cambiate, e in peggio, per i soggetti più deboli. Sta crepando (politicamente) e nonostante tutto ha tirato fuori, senza temere una reazione popolare, la modifica dell’art. 41 della Costituzione ! Vuole cancellare anche l’idea del valore sociale dell’impresa! Una provocazione del genere, perchè tale è da definirsi, avrebbe meritato come risposta uno sciopero generale. L’art. 41 andrebbe ampliato altro che limitato, infatti se pensiamo che allorquando i Padri Costituenti l’hanno formulato essi non avevano, e non potevano, presente il costo che l’impresa chiama a sostenere l’intera cittadinanza, anche quella non direttamente coinvolta nel processo produttivo, in termini di consumo di risorse ambientali (aria, acqua, terreno) patrimonio indisponibile di tutti i cittadini. La lotta la governo berlusconi è fondamentale per restituire dignità al Paese ed è propedeutica a quelle del diritto ad avere la possibilità di accedere al lavoro come strumento per procacciarsi i mezzi per un’esistenza libera e dignitosa.

  42. Marco febbraio 4, 2011 a 1:41 pm #

    Mi sono soffermato a leggere tutti i vostri commenti, togliendo tempo al mio studio frenetico per arrivare in tempo agli esami. Sono rimasto shockato.
    I miei pochi anni di vita e di esperienze mi hanno portato ad assumere un atteggiamento sempre critico verso i mezzi d’informazioni,verso le promesse mai mantenute, ma soprattutto mi sono promesso di trovare un equilibrio, che sto cercando di mettere nero su bianco in un libro che sto scrivendo. Siete molti,moltissimi senza lavoro. Quello che fa più male è arrivare a 40 anni e non avere la possibilità di sognare e di fissare degli obbiettivi. A 19 anni non trovo parole per poter descrivere come ci si può sentire. La colpa della vostra posizione sociale è dell’intero sistema politico, ma non solo. E’ di tutti gli italiani. Il sistema non è Berlusconi o compagnia varia,è qualcosa di più grande; la nostra vita frenetica da lavoratori ci tiene costantemente con la testa bassa e lo sguardo fisso al suolo, e ci impedisce di alzare i nostri occhi per poter far da compagno ed aiutare queste povere persone vittime di un destino ignobile. Fermiamoci, alziamo la testa, andiamo oltre. L’equilibrio che avevo accennato deve essere secondo me da guida per tutti ( secondo me , non sono un dittatore ). Ho 19 anni, sò che forse molti pensano ” che ce ne frega” ” ma tu guarda”. Non vendete mai le vostre idee, i vostri valori; siate capaci di modificare la vostra visione ma mai di annullarla per soldi.2. I soldi…vale come merda in confronto ad altre gesta. Bisogna sempre avere soldi, ma raggiunta una quota soddisfacente per i vari bisogni bisogna distanziarsi dalla necessità di averne sempre di più. Un lavoro ad una persona lo si trova sempre, il datore di lavoro non deve dire “non posso assumerlo sennò io sto in difficoltà” ma deve pensare ” lo assumo, non andremo di certo falliti, ma con difficoltà mia riuscirò a far del bene ad un mio concittadino”. Basta soldi. La vita di un uomo ha più valore di questi pezzi di carta colorata. Scusate il commento forse non preciso e pieno di errori ortografici, ma parlare di queste cose mi agita. Buona fortuna a tutti!

  43. Daniele febbraio 6, 2011 a 12:36 am #

    Ciao a tutti,

    volevo solamente precisare alcune cose:
    1) E’ dal dopoguerra che siamo governati dal centro-sinistra, che ci ha lasciato in eredità un debito pubblico da…pelle d’oca, ah beh però si stava bene,
    caspita se si stava bene,in pensione dopo 19 anni e 6 mesi di lavoro,pensioni d’invalidità false rilasciate a pioggia,livelli di corruzione agli estremi ( vedi governo del COMPAGNO Craxi) etc. etc.
    2) Negli ultimi 14 anni il centro-destra ne ha governati esattamente la metà ( cribbio la memoria non vi aiuta molto eh ? )
    3)Per quel ragazzo che è scappato dalla Calabria per andare a lavorare all’estero, e che adesso è ospite di suo cugino a Milano,ma perchè non sei rimasto in terra straniera? Non avevi trovato il paradiso?
    3)Per il ragazzo di 19 anni ( hai l’età di mio figlio ), sei un ragazzo sveglio,ma purtroppo qui non viviamo su Marte.
    Comunque io ho 49 anni sono disoccupato da alcuni mesi e solidarizzo con tutti voi, perchè sarò sempre dalla parte del popolo.

    • Anna - Asti febbraio 8, 2011 a 8:45 pm #

      Ma non c’è un modo per far togliere la discriminante dell’età? L’opportunità di lavoro non dovrebbe essere UGUALE per tutti?

      Già è difficile trovare lavoro, ma almeno avere pari opportunità. Chiedo da ignorante, non c’è una legge, un articolo della costituzione che garantisca la pari opportunità senza distinzione di sesso e di età, alla quale appellarsi?

      Perchè a noi over 40 non resta che andare a rubare :(

  44. anonimo febbraio 8, 2011 a 4:11 pm #

    ciao ragazzi cordialita’ e solidarieta’ per tutti

    ma ricordiamoci che viviamo in un paese di merda no mondo ma paese…… facciamo questa precisione
    quel ke si vede in italia e dico solo in italia non si sente e non si vede in un altra nazione per esempio spagna francia germania inghilterra. non voglio essere razzista ma dove si vede in europa cioe’ in italia ci sono 2 milioni di disoccupati e circa quasi 2 milioni di extracomunitari occupati che hanno un posto di lavoro ke schifo sono loro che hanno inguaiati noi non solo al sud mha anche al nord non so che scrivere e che pensare. come si dice a napoli (so trasut e sikk e se so piazzat e kiatt) in italiano entrano deboli e poi diventano forti tutto per un governo italiano che ci governa sbagliatoooo

    • Marina febbraio 8, 2011 a 6:42 pm #

      E ti pareva che alla fine la colpa è degli extracomunitari. Dico, siamo governati da camorristi, mafiosi, criminali, ladri, assassini che si stanno mangiando il Paese e ogni filo d’erba che cresce..e la colpa è degli extracomunitari che si fanno un mazzo così nei campi, nelle case con gli anziani, nei cantieri e sulle impalcature. Ma bisogna proprio avere la testa bacata per dire cose del genere.

  45. luana febbraio 9, 2011 a 12:16 am #

    marina sono pienamente d’accordo con te ke siamo governati da ladri xo anonimo non ha torto ci sono troppi
    extracomunitari che lavorano anche a tempo intederminato e un italiano non riesce ha trovare un buco di lavoro ma stiamo scherzando

  46. anonimo febbraio 9, 2011 a 12:24 am #

    grazie luana del tuo sostegno .
    dico a te marina sono dosoccupato e non trovo un posto di lavoro da ke proviene da me allora tu x scrivere cosi non sei mai stata a roma ho al nord vedi ke questi extracomunitari ci stanno rubando il nostro lavoro e la nostra terra forse non ti sei resa ancora conto ma rifletti bene e te ne accorgerai presto non dico adesso ma poi l’italia sara’ italiastraus
    povera italia saremo costretti ha fare gli extracomunitari anche noi

    • james marzo 1, 2011 a 7:01 pm #

      questo è il motivo per cui molti votano lega… capitelo che molti italiani sono esasperati dagli extracomunitari e dalle persone che li sostengono…

      • filippo marzo 3, 2011 a 2:55 pm #

        verissimo!!!

  47. fuoco febbraio 9, 2011 a 12:17 pm #

    ma che state a di ma ke ve state anventa’ aooaaoaaooooo
    e basta mooooooooo e un paese de merda e bastaaaaaaaaaa . e chiudo

  48. ferri febbraio 9, 2011 a 5:32 pm #

    ciao ragazzi sentite mi hanno offerto un posto di lavoro a roma come sicurezza non armata mha mi hanno chiesto 2000 euro per fare un corso di 22 giorni legge maroni a.p.r mha e giusto ke sta la disoccupazione e sti stronzi vogliono anche i soldi ? ragazzi aspetto vostre risposte su questo punto.

  49. Giovanni Batolino febbraio 9, 2011 a 6:07 pm #

    Buona sera a tutti prima di tutto. volevo dirvi che sono disoccupato da 3 anni e mi arrangio qualche volta al mese a fare delle manutenzioni private ma il lavoro e poco mi associo a tutti i disoccupati ci dobbiamo da na svegliata che sto governo nn fa altro che finirci di rovinare “ma alla fine a loro che se ne frega” hanno i soldi e stanno bene mica se ne fregano di noi poveri disoccupati che ci facciamo in quattro per trovare lavoro vabbè che dire siamo in italia oramai non c’è dignità per nessuno ….dico solo che dobbiamo avere un unione noi tutti per far capire le difficoltà che affrontiamo ogni giorno senza lavoro quelli della politica di noi non importa niente di niente !!! vi lascio i miei cordiali saluti amici disoccupati che ben presto spero per voi e sopratutto per me un lavoro che ci mantiene fino a fine mese ciao .

  50. ferri febbraio 9, 2011 a 6:10 pm #

    giuvann bartolino no a fine mese x tutta la vita se no ke vita e’ e na kiavika ha kistu punt

  51. Giovanni Batolino febbraio 9, 2011 a 6:17 pm #

    si ferri giusto io sono di benevento e qua ci sono miei coetanei che stanno nella mia stessa situazione ho famiglia per me e difficile andare avanti qui non è fatto che la politica si sofferma a dire che usciranno posti di lavoro ecc ecc ma non e vero prendono solo in giro a noi italiani che mi vergogno di avere questa politica accattoni che mangiano mangiano e non pensano a chi a fame ma nella vita non ho mai chiesto niente di piu ma solo un lavoro che mi sostiene a me e la mia famiglia che con le spese a fine mese acqua corrente affitto e spese per mangiare sono all’incirca di 700€ di spese ma fatemi capire dove devono uscire ringrazio mio padre e la famiglia di mia moglie che mi aiutano ma non ce la faccio piu sarò il primo a protestare contro a questa crisi che ci sta uccidendo alla fine l’unico problema che ci ferma e la politica che non va non va… le parole che voglio dire a voi tutti ci dobbiamo ribellare senza violenza avere una riunione in ogni piazza italiana con qualcuno che ci ascolta e capisce i nostri probleme e con questo che si sente di berlusca in televisione e semplicimente uno schifo e tutto ciò vi fa capire cosa è la POLITICA ITALIANA SOLO ” soldi , schifezze che fanno che si notano e menefreghismo nei nostri confronti ” ciao da giovanni !

  52. ferri febbraio 9, 2011 a 6:21 pm #

    giuvaaaaa’ si tropp forttt bell quant scriv e over kest ea realta hai ragion e na pulitc e mariuol e zuzzus e merd teng nu frat ke sta rint a stessa condiziona toji ten na figli ara’ a mangiaa’ n’affitt a pava’ e nuin sap comm adda’ fa’ sta ascenn pazz fra’ c amma cunoscer ok .

    • Anna febbraio 9, 2011 a 7:58 pm #

      Sono anna da roma vivo anche io con questi problemi di lavoro sono mamma e separata . Lavoro zero sto inviando curriculum dapertutto e zero risposte intando concordo con giovanni e vero che la politica non è di aiuto a noi cittadini. Spero che si risolve tutto per chi ha veramente bisogno di lavorare per tirare avanti na famiglia .Come noto siamo davvero la maggioranza ad essere disoccupati si dovrebbe creare un partito chiamato PDDI (Partito Della Disoccupazione Italiana ) così andiamo in cima per i voti che prendiamo e aiutare chi ne ha bisogno . Ciao

  53. ferri febbraio 9, 2011 a 8:17 pm #

    ciao anna concordo con te ma non fosse meglio anzike’ ppdi non e meglio (pddi) partito disoccupati disorganizati italiano

  54. BRUNO LEBANO febbraio 10, 2011 a 7:38 pm #

    Sono anch’io disoccupato da un paio di anni,faccio parte degli over 50 cioe’ quelli che non hanno speranza,e’ incredibile di come non si faccia nemmeno il minimo accenno a questa fascia di disoccupati ma bensi’solo a quella giovanile.Tempo fa’sentivo che l’Italia aveva sopportato bene la crisi rispetto ad altri paesi,a parte che ne siamo dentro fino al collo ma poi e’ facile farsi grandi quando chi e’ senza reddito non e’ costato nulla in materia di sussidi.certo e’ per questo che le istituzioni si attivano veramente poco (nulla)per cambiare le cose,da parte mia faccio delle scommesse con quei geni che dicono che e’ impossibile non trovare lavoro, quindi visto che loro sono capaci a risolvere il problema li sfido e sistematicamente perdono la scommessa.Il fatto e’ che c’e’troppa scelta nella forza lavoro e troppi pregiudizi legati all’eta’ed alle capacita’di chi cerca un impiego,diciamo che i potenziali datori di lavoro sono esageratamente viziati avendo l’imbarazzo della scelta per un eventuale assunzione.Finche’non si andra’ad equilibrare l’alternativa lavoro fra dipendente e autonomo non se ne uscira’mai,e finche’le istituzioni non collaborano con i fatti a dare una mano a chi vuole crearsi un lavoro indipendente garantendo collaborazione gia’in fase di preavvio nel senso economico, e quindi la concreta fattibilita’,questo sarebbe anche un modo per contrastare lavori dipendenti che sono dei veri e propi ricatti.

  55. BRUNO febbraio 10, 2011 a 8:57 pm #

    Sarebbe bello che il problema della disoccupazione fosse come quello dell’inquinamento atmosferico che non conosce frontiere!allora si che verrebbe da tutti considerato!!!!

  56. ferro febbraio 10, 2011 a 9:18 pm #

    hai esperienza nel settore alimentare ho in quello ecologico piu’ di due anni ? cazzo ma se non ce la possibilita’ di lavorare commm faccio ha prendere esperienza .condivido con bruno e no skifo

  57. Marina febbraio 11, 2011 a 8:02 am #

    Il problema è che della disoccupazione giovanile se ne parla ( da pochissimo tempo), ma se ne parla e basta. Sta diventando una specie di moda e di cavallo di battaglia con cui farsi belli, ma quanto a proporre o anche soltanto parlare di eventuali soluzioni, neanche per idea. Tanto in questo Paese basta la campagna elettorale, gli elettori sono talmente tonti che a loro basta farsi fare fessi con due paroline del cacchio.
    E comunque ha ragione Bruno, favorire realmente il lavoro autonomo e l’iniziativa privata sarebbe una soluzione valida per tutti, giovani e meno giovani.
    E sono anche d’accordo sul fatto che si dovrebbe impostare una battaglia seria per il sussidio di disoccupazione: allora sì che i vari tremonti e tremontini si sentirebbero chiamati in causa, quando cominci a solleticare il portafogli collettivo.

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:31 am #

      ma quale sussidio… ma smettiamo di pensare che qualcuno risolverà i nostri problemi.. impariamo a scorciarci le maniche di camicia e impariamo prima di lavorare, l’umilità di iniziare con dalla gavetta…
      vogliamo tutti subito 1200 euro al mese per piantarci con il sedere su una sedia dietro a una scrivania.. beh anche quello si deve sudare.. per cortesia facciamo un pò di autocritica… non ci lamentiamo solo…
      noi per noi stessi cosa facciamo per essere quello che vogliamo? il vero problema è l’educazione sbagliata, troppo comprensiva e di supporto… nella vita nessuno ci regala niente.. di certo non lo farà ne Berlusconi, ne nessun politico mai..

      hai la cosa più preziosa del mondo.. te stessa… è un tesoro da far fruttare!

  58. Marina febbraio 11, 2011 a 8:09 am #

    Post scriptum: se il problema della disoccupazione viene considerato come quello dell’inquinamento, cioè zero, allora stiamo freschi!!!

  59. Rosso Vivo febbraio 11, 2011 a 9:14 am #

    Leggendo questa lettera mi chiedevo cosa e’ il popolo viola. Un movimento che vuole le dimissioni di Berlusconi (e magari mandarlo in carcere). E poi? chi governa? cosa bisogna fare contro la crisi? per i lavoratori,i disoccupati,i giovani,le donne? che ricette proponete? cosa pensate di marchionne e degli operai?
    si riduce tutto a dire che berlusconi se ne deve andare via?

  60. ferro febbraio 11, 2011 a 11:39 am #

    non credo rosso vivo se ne va un ladro ed ne entra un altro…… cmq bisogna fare na rivoluzione basta con queste manifestazioni di piazza non servono ad un cazzo gli dobbiamo far vedere chi siamo dobbiamo essere tutti daccordo e compatti e ‘ la rivoluzione si deve fare a roma dove ce ki ci governa quella massa di riscalda poltrone e tutto se sono stato chiaro rispondetemi

  61. BRUNO febbraio 11, 2011 a 11:45 am #

    Certo che non ho dubbi sul fatto che della disoccupazione giovanile se ne parla solo(ci mancherebbe)pero’e’fatto accertato che in Italia si tende sempre a buttare un problema sull’individuale ed a nascosconderlo o raggirarlo quando non si vuole o non si puo’risolvere.Quindi tenere i riflettori accesi e’ come una sorta di pubblicita’atta a far conoscere un prodotto,infatti come accennavo ieri vi e’convinzione comune che la disoccupazione riguarda quei soggetti che non vogliono lavorare o non si adattano,quindi attraverso l’informazione c’e’comunque la possibilita’di suscitare interesse nell’ opinione pubblica in modo anche seria.Per quanto riguarda l’inquinamento si e’arrivato a qualche risultato positivo grazie al male comune, per esempio responzabbilizzare i cittadini sulla raccolta differenziata sta dando buoni risultati,la salvaguardia dell’aria e’maggiormente dovuta a direttive europee (nella mia citta’siamo soggetti a continui blocchi del traffico)quindi ve l’immaginate se la UE fosse coinvolta direttamente nel problema disoccupazione italia?Per concludere (e’ stato inevitabile uscire fuori del seminato cioe’ del nostro problema)non bisogna isolarsi anzi direi di connettere fra di noi e far capire in giro che la disoccupazione non e’un disagio individuale ma esiste e va presa in considerazione.

  62. ferro febbraio 11, 2011 a 3:29 pm #

    giusto bruno concordo e poi voglio precisare che quando ce lavoro non bisognerebbe mettere annunci su questi motori di ricerca che alla fine si perde solo tempo ma deve essere sul richiesta de collogamento tu sei disoccupato ti propongo questo lavoro metteteci alla prova .e poi si vede se uno ha voglia di lavorare oppure no

  63. Rosso Vivo febbraio 11, 2011 a 5:26 pm #

    onestamente il discorso della voglia di lavorare e’ da bar dello sport. Conosco tanti lavoratori che si impegnano tanto e vengono mandati a casa. Se un azienda non riesce a stare sul mercato e chiude non ci sono santi. Per non parlare (vedi il caso eutelia) dei giochi finanziari dove dei veri e propri truffatori prendono possesso di un azienda e la portano al fallimento (con i dipendenti che non prendono lo stipendio da mesi). Se la fiat non vende auto non e’ colpa degli operai per dire ma forse forse perche si preferiscono altre marche? si parla di competizione ma poi il padronato invece di rinnovare scarica sempre sui lavoratori. I manager cialtroni e truffatori non li tocca nessuno.

  64. Rosso Vivo febbraio 11, 2011 a 5:29 pm #

    Il berlusconismo non e’ solo un fenomeno politico ma anche sociale ed economico. Difendiamo i lavoratori,i precari,i giovani. Il popolo viola io lo vorrei anche vicino a quello dell’acqua pubblica, a chi lotta contro il razzismo,alle femministe. Emanciparsi da berlusconi ma anche dal berlusconismo.

  65. ferro febbraio 11, 2011 a 6:42 pm #

    condivido perfettamente bruno cmq io so sposato e tengo una bambina di 4 anni sto a casa in affitto in passato ho fatto la guardia giurata a milano adesso mi arrangio facendo l’imbianchino xo ed un mese ke non lavoro il datore diciamo…… ha detto ke e’ tutto fermo ed io aspetto ke mi far fare qualke giornata di lavoro e non si sa mai niente la sto passando nera nera .cmq volevo dire ke alkune settimane fa sono stato contattato da una agenzia di portierato di roma lo sai cosa mi hanno detto
    con la legge maroni devi conseguire un corso di 22 giorni al costo del sottoscritto cioe’ io di euro 2.000 ma cosi questi vogliono togliere la disoccupazione dalle palle? mi sono informato e dicono che non e vero i corsi sono convenzionati dallo stato e poi ke mettono affare sti annunci del cazzo allora e na truffa ? si vede chiaro ke non funziona niente in italia ke paese di ladri. disse l’operatrice a telefono ke mi rispose ad una domanda ke io gli feci ma non sono con convenzionati dallo stato? lo sapeta la troia ke mi disse no purtroppo stiamo in italia capirete

  66. BRUNO febbraio 11, 2011 a 8:02 pm #

    Vorrei rispondere a ferro,e’la solita storia italiana delle possibilita’di inserimento al lavoro che spesso non sono attuabili nella pratica.Nel mio caso proprio di questi giorni si tratta di AUTOIMPIEGO cioe’il bando regionale Lazio over45 e immigrati,un bando fatto da un interminabile numero di allegati dove per redigerli serve minimo uno scienziato o un chiaroveggente visto che devi descrivere anche dati riguardanti il futuro andamento dell’impresa e non solo competenze che non ha nemmeno chi vi e’ gia dentro (figuriamoci come fanno gli extracomunitari).il bando prevedeva (attualmente gia’chiuso per esaurimento fondi)un contributo a fondo perduto di circa 30mila euro con l’accettazione in graduatoria in ordine cronologico di presentazione della domanda ma che nello stesso tempo accessibile per 2 anni partito se non erro dal 10/2010 e gia’ arrivato al capolinea,ma quello che mi domando e’ questo:uno dei requisiti indispensabili era lo stato di disoccupazione del candidato al momento dell’adesione,ora mi spiegate dove prende un disoccupato il denaro per pagare affitto deposito eventuale cauzione per aprire il locale piu’allaccio utenze e chi piu’ ne ha piu’ ne metta etc etc..visto che il contributo e’ diviso in due trance di cui il primo gia’ quasi ad apertura attivita’?questo e’ l’enesimo esempio di azioni improduttive e inutili che servono solo a dare all’opinione pubblica una parvenza di aiuto verso chi vuole entrare nel campo del lavoro,in Italia tutto si puo’ avere ma niente prendi.

  67. ferro febbraio 11, 2011 a 10:08 pm #

    e poi caro bruno mi hanno detto che e la legge maroni che ha messo questo corso io ho letto su internet e non dice corso a.p r come dice questa gbd di roma sono solo mangia soldi

  68. ferro febbraio 13, 2011 a 1:19 pm #

    salve cari disoccupati stiamo al 13 febbraio avete risolto qualcosa? volevo solo dirvi che domani e san valentino la festa di tutti i cretini innamorati e so solo che io non posso fare ne anche un pikkolo regalo ai miei amori sapete xke perke son disoccupato non mi resta altro che andare a rubbare ma non per il regalo ma per vivere e questo il pobbleba ke il ladro non lo so fare allora continuero a fare il morto di fame piu’ di oggi che vita di merda

  69. BRUNO febbraio 13, 2011 a 7:41 pm #

    Salve ferro,le persone vicino a te capiranno che non sei in grado di fare regali e questo di certo non per colpa tua,ma per colpa delle istituzioni che se ne fregano alla grande del problema dei disoccupati,tanto loro stanno coperti e mai riusciranno a capire che senza lavoro non si sopravvive,io sto’nella stessa tua condizione gia’da tempo,e non riesco ad uscirne,ho cominciato a fare annunci di richiesta lavoro da un bel po’a tal punto che ho dovuto cambiare diverse volte la mia eta’sugli annunci(ti puoi figurare!)poi oltretutto non abbiamo nemmeno il servizio trasporto publico gratuito nel caso che si debba fare un colloquio di lavoro fuori provincia,il quale viaggio rappresenta un costo, anche perche’spesso si conclude con la famosa frase”le faremo sapere”.comunque auguri a te a me e a tutti i disocupati.CIAO

  70. ferro febbraio 13, 2011 a 7:50 pm #

    e vero ti faremo sapere ma quando?ti fanno solo perdere tempo e ha volte anche quei poki soldi ke uno ha tra viaggi e documenti ke poi alla fine ti diranno i documenti son scaduti pezzi di merda

  71. vero febbraio 20, 2011 a 7:24 pm #

    salve a tutti sono un disoccupato piu’ di voi lo sapete perche’ aspettate che ve lo spiego? avevo un auto una fiat punto ed i vigili me l’hanno sequestrata perche era sprovista di assicurazione mi pare pure giusto pero’ il fatto e che quando ho parcheggiato l’auto io ero andato ad un agenzia interinale per inserirmi in banca dati per un occupazione che poi e risultato nulla e adesso mi trovo senza auto e senza patente perche in questi giorni mi e scaduta e per fare anche un lavoro non precario ma da sschiavi mi hanno chiesto l’auto che non la tengo piu ho una bambina e non so proprio come fare l’affitto la spesa il gas la luce sto inguaiato e meglio la morte arrivati ha questo punto. non voglio l’auto non voglio il lusso ma vorrei solamente lavorare per campare non chiedo niente soltanto un lavoro se mi dessero la possibilita’

  72. Tutti contro Berlusca febbraio 23, 2011 a 1:27 pm #

    Ciao vero ti dico che mi dispiace anche io sono in una situazione tragica ho due figli piccoli ,sono senza lavoro e senza casa tra un po perchè non ho soldi per pagare l’affitto e l’unico rimedio per avvantaggiarmi mi sono venduto la macchina per sostenere un’altro po la casa mia moglie adesso sta dalla mamma perchè litighiamo sempre per questo motivo che non c’è la facciamo andare avanti oramai siamo costretti non piu a vivere ma a sopravvivere quindi ti dico che la morte che tu ne hai scritto nel tuo commento e che non è la soluzione anzi e ancora peggio dopo per chi ti sta vicino e la famiglia non mollare mai finchè c’è possibilità tenta ogni cosa di lavoro che ti faccia vivere ,come stanno a fa in Libia la guerra civile io dico che ben presto anche in italia ci sarà questa guerra civile ma per protesta contro chi non ci ascolta . saluti da Mauro.

  73. MARIA marzo 1, 2011 a 6:45 pm #

    ciao carissimo io ho 47 anni di Milano mi spiace per la tua situazione ma non ti consolo perche’ forse anzi io sto’ peggio di te vivo con 200 euro mensili che ci passa il comune solo perche sto’ anche male visto la situazione che sto’ vivendo affitto non pagato da piu di 2 ANNI io e mio marito senza lavoro da 2 anni e incredibile che IL CARO BERLUSCONI dia tutti sti soldi a prostitute ecc…. e spero davvero che va’ a quel paese perche sono talmente arrabbiata con lui con la politica e con tutti che non so piu che fare certe volte mi viene di pensare di fare una rapina……perche’ non ne posso piu’ inoltre ho bisogno di cure medicine vestiti ecc. dopo che passa tutto questo tempo senza soldi anche la casa e tutto il resto va’ male dove devo arrampicarmi???? spero che arriva una guerra o la fine di questo mondo corrotto!!! e di LADRI ( la POLITICA ) ALMENO TU HAI TUA MAMMA IO NON HO NESSUNO………………………L’AFFITTO LA LUCE IL GAS DEVO PAGARLO IO MA CON 200 EURO AL MESE CHE FACCIO PRIMA MANGIO O PAGO LE BOLLETTE???

    • filippo marzo 3, 2011 a 3:16 pm #

      mi dispiace per la tua situazione, ma ci sono tante persone che stanno nelle tue stesse condizioni…quindi la colpa di chi e`?

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:26 am #

      con milioni di italiani, come si fa a pensare ad ognuno..
      la politica certamente non eccelsa.. ma nemmeno la classe dirigente e tantomeno la classe operaia.. c’è un decadimento generale..
      la politica è solo lo specchio della società..

      intanto le mie come le tue sono parole che non aiutano…

      datti da fare amica mia… con la giusta caparbietà troverai una soluzione.. in giro per milano ho visto tanti annunci che offrono lavoro..
      intendiamoci nulla di eccellente, le aziende soffrono anche loro.. ma almeno fai esperienza, poi da cosa nasce cosa, insomma sempre meglio che piangersi addosso..

  74. decradato marzo 4, 2011 a 10:38 am #

    ciao ragazzi solidarieta’ ha chi sta meglio di me sto senza soldi senza lavoro senza auto senza niente non so proprio cosa fare sto disperato mi vorrei uccidere ma ci vuole un coraggio e sto coraggio non lo tengo e come fare una rapina ma dove sta sto coraggio io credo che l’ultima speraranza e il morire su questo mondo di merda

  75. depresso marzo 5, 2011 a 6:31 pm #

    ciao amici disoccupati e non disoccupati depressi e non depressi come il sottoscritto oggi e un altro sabato da skifo senza n’euro in tasca e come tutti i santi giorni non si puo uscire ma si esce soltanto fuori di testa questo e poko ma sicuro non so dove sbattere la testa prima lo sbattuta vicino al muro ma si rompeva il murlo ma non la mia testa non so proprio cosa fare per fare soldi se avete un consiglio da darmi datemelo io lo accetto volentieri e poi se mi vorreste aiutare di vero cuore fate na colleta e datemi qualke euro per comprarmi le smokkyn sto come al pazzo nel manicomio ci conto ?

  76. paolo marzo 9, 2011 a 9:05 pm #

    DOVREBBRO ANDARE ACASA TUTTI! MA SONO ATTACCATI ALLE POTRONE COME ZECCHE PREPOTENTI PENSANO SOLO AL LORO SFARZO E BENESSERE CHE INDIGNAZIONE!!!!!!!!

  77. cindy marzo 11, 2011 a 7:45 pm #

    CIAO RAGAZZI A TRENTENNI,ANCHE IO SONO DISOCCUPATA,PERCHE’ MI SONO FATTA PRENDERE IN GIRO DAL MIO VECCHIO TITOLARE ALLORA DICO BASTA,IO SE NON TROVO LAVORO MI DIFENDERO’ CON TUTTE LE MIE FORZE!!!!!PER 500 EURO AL MESE DA DISOCCUPATA E’ MEGLIO NIENTE TANTO PRIMA O POI LA STORIA FINIRA’ E IL LAVORO PURE….CHE FARE???

  78. masti pittori marzo 12, 2011 a 11:52 am #

    agro aversano ahahahhahah
    ciccio o taliano 10.000 al giorno
    gino camparingin 30.000 algiorno
    peppo nocciuolo 50.000 al giorno euro 25 ahahahhaha
    giggino muzzone 45,00 al giorno
    ciruzzo palommello 40,00 al giorno
    mimmuccio o caprone 45,00 al giorno
    tonino o chiatton 45,00 al giorno
    tonin lupen 35,00 al giorno
    romolo faccia storta 40,00 al giorno
    e una piccola lista dei masti morti di fame
    del agro aversano che con poki pidocchi che danno
    ti fanno uscire il sangue dall sedere

  79. Alfonso Visca marzo 13, 2011 a 2:30 pm #

    breve risposta a tutti coloro che limitano alla responsabilita’ dell’esistenza di Berlusconi al governo ogni situazione negativa per giovani, disoccupati, lavoratori pensionati,….
    Ma mi spiegate una cosa:
    Se invece di sprecar tutte ste chiacchiere su Berlsuconi, la Sx avesse fatto qualche azione efficae per far cambiare le cose, non sarebbe statp meglio?
    Se se ne va Berlusconi non migliorera’ nulla se i vari Bersani non si decidono a dire chiaramente cosa faranno per chi oggi si lamenta.
    Quante volte avete sentito dire che i salari o le pensioni dovrebbero essere aumentati almeno del 30% per recupaerare quanto perso? Non se ne parla nemmeno Se invece come gia fatto devono aumentaresi i loro stipendi(tutti di Sx o Dx ) lo fanno col massimo silenzio come pochi mesi fa che hanno deciso di prendere 1.500 euro di aumento(mese)E cosa dovrebbero fare? Smetterla di dirottare i discorsi su Berlusconi e fare azioni serie come per esempio non pagare piu’ tasse, abbonamenti TV, bollette, multe…fermare ogni spreco sotto i nostri occhi e chi non li vede e’ solo perche’ gloi fa comodo cosi…finitela di contribuire all’esistenza di chi ci prende in giro sia per l’esistenza di Berlusconi che qualsiasi politico di oggi che e’ li per rubare soldi e piu di ogni altro.

    • james marzo 18, 2011 a 3:49 pm #

      devi escludere la lega che aveva presentato un emendamento per la riduzione degli stipendi parlamentari…ma PD,UDC,FLI,IDV con alcuni parlamentari del PDL hanno votato contro..fa pensare come l’opposizione non parli mai di queste cose…ma come non era d’accordo con i tagli agli stipendi.

  80. Marina marzo 14, 2011 a 9:22 am #

    Su questo non c’è alcun dubbio. Penso che a votare PD ci vuole ancora più coraggio che votare Berlusconi; almeno questi elettori un po’ li capisco, quelli del Pd proprio no. Leader marionetta, che dopo ben 17 anni continua a puntare sulla strategia del “voto contro” perchè mettersi a concepire un programma concreto, casomai pure di sinistra, per carità, troppo faticoso!! Dovessimo mai dispiacere a qualcuno?
    Lo stesso Vendola, condivisibilissimo sui discorsi di principio, non è ancora riuscito a farmi capire cosa farebbe concretamente per attuare tutte bellle parole: ma ci vuole tanto a presentare proposte non campate in aria? E allora su che base uno dovrebbe fidarsi e votare?
    Mi dispiace ma io non voterò mai più contro nè a scatola chiusa, il mio voto non lo avranno.

  81. berlussconi marzo 14, 2011 a 6:07 pm #

    ciao lettori e’ il presidente che vi scrive…..
    voi fate quell che dico io ma non fate mai quel che faccio io
    perche se no succede un casino
    io rubo tu rubi egli ruba noi rubbiamo voi rubate essi rubbano e poi ci rubbiamo a vicenza a firenze a piacenza a faenza a roma a napoli che ladron che son prorio io il sig. berluscon

  82. enna78 marzo 18, 2011 a 3:24 pm #

    ciao amici di post viola chi vi scrive e un ragazzo disoccupato convivente con moglie e figlia di 4 anni e con un affitto da pagare ed in cerca di lavoro senza alcun esito domande fax agenzie interinali motori di ricerca chi piu’ ne ha piu’ ne mette stoo
    aspettando con pazienza che mi vengono erogati i soldi della disoccupazione requisiti ridotti che ho lavorato per 78 giorni nel 2010 presso una azienda edile di napoli
    ed ancora non si sa niente di sti soldi.
    domani e la festa del papa’ cosi come le feste a dietro ne cito qualcuna san valentino carnevale e la festa della donna cosi come san giuseppe non mi posso permettere di fare un regalo al mio papa’ e per di piu’ di stare insieme alla mia pikkolina voi dite perche la tengo distante 200 km son poki si ma ci vogliono sempre i soldi e cosi domani passo un altra giornata di festivita’ in malinconia sto disperato a volte vorrei morire per non soffrire piu’ .

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:18 am #

      Gennaro datti forza… la disperazione ha di buono che tira fuori delle forze insperate.. devi convogliarle nel senso giusto!
      Sei di Napoli? faccio parte di un’associazione di service, sono sicuro che almeno qualcosa per te possiamo provarlo a fare..
      Non smettere mai di credere..
      Chi vuole davvero qualcosa, trova una strada, gli altri.. una scusa!
      Forza Gennaro!!

  83. BRUNO marzo 18, 2011 a 10:41 pm #

    DESTRA O SINISTRA LA STESSA COSA,MA CONTINUARE AD INCOLPARE LA SINISTRA DELLA PESSIMA CONDIZIONE ATTUALE DEL PAESE MI SEMBRA ALQUANTO INGIUSTO,DEL RESTO IL PEGGIORAMENTO ATTUALE RISPETTO AL PASSATO E’ EVIDENTE!E’DAVANTI AI NOSTRI OCCHI BASTA UN PO’DI MEMORIA,DISOCCUPAZIONE MAI COSI’ ALTA,DISORDINE PUBBLICO,INCAPACITA’E MINIMA VOLONTA’PER CERCARE DI RISOLVERE QUALCHE PROBLEMA,INDIFFERENZA VERSO CIO’CHE PIU’ INTERESSA ALLA GENTE,GRATIFICAZIONE DELLA PARTE INSANA DEL PAESE,ESEMPI DI AFFERMAZIONI SOCIALI LEGATI ALLA PARTE MATERIALE DEI SOGGETTI E NON ALLA PARTE MERITOCRATICA,FRA POCO SE CONTINUA COSI’SARA’ MESSA IN DISCUSSIONE LA SOPRAVVIVENZA STESSA!IO FRANCAMENTE NON HO MAI CREDUTO NELLE FAVOLE E NON CAPISCO PERCHE’QUANDO SI E’ DECISO DI SVOLTARE PER LA NUOVA POLITICA NON CI SI E’ FATTI TANTI PREAMBOLI (1994)

  84. Emilio luglio 22, 2011 a 9:01 am #

    Ho 57 anni e un figlio di 28 anni ancora disoccupato e a cui non ho saputo dare un lavoro, un’attività, qualche cosa. Quasi sicuramente non avrà la pensione e non so che miseria mi darà lo stato quando potrò andarci. In una vita, da quando ero ragazzo , ho visto solo schifezze in questo cesso d’ itaglia , tant’è che per me in tanti decenni, non é cambiato nulla in questo paese, dove i nati ricchi o diventati tali sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri e i politici sempre più privilegiati e egoisti. Anzi molte cose sono cambiate e cambiano sempre in peggio, il fisco che pressa e perseguita cercando cavilli solo ai poveracci come me che non arrivano a fine mese e che per continuare a mangiare devono riempirsi di debiti e rate che non riusciranno mai a restituire e ai quali aspettano come degli avvoltoi di pignorargli la casa unica cosa che rimane. Lo stato che si augura che tu muoia prima che maturi il diritto alla pensione. Non credo più a niente, nè allo stato che considero il primo ladro che ti ruba i soldi, siamo a una pressione fiscale del 49 % sta a significare che ti portano via la metà del salario in tasse e balzelli vari.Non credo più nelle istituzioni, nè nella giustizia , nè nella meritocrazia inesistente nel lavoro, non esisono più sindacati come una volta, qualcosa l’avevamo conquistata, , bisognerebbe solo augurarsi di vincere al gratta e vinci oppure andare via dall’italia a vivere in un paese dove si vive meglio ma a 57 anni ormai…

  85. Emilio luglio 22, 2011 a 9:11 am #

    Scusa, dimenticavo Matteo.. ti dò tutta la mia solidarietà, l’unica cosa che ti posso dire é che ti auguro con tutto il cuore di trovare un bel lavoro fuori dall’italia ovviamente, provaci, sei giovane o di vincere tanti soldi al gratta e vinci, ma in questo caso resterei. In itaglia chi fa il politico o é ricco é tutelato bene dallo stato.

  86. BRUNO luglio 26, 2011 a 1:17 pm #

    Ma vi pare che questo stato che solo vuole e non fa’ nulla per aiutare le persone in difficolta’(tra l’altro sarebbe suo dovere) vi permetta di ottenere una pioggia di soldi per una semplice grattatina?se non paghi una minima tassa vieni perseguitato finche’ non adempi,quindi credere in queste leggende metropolitane come probabile base di un futuro migliore mi sembra alquanto ingenuo,e mi sembra anche ridicolo che uno stato fonda le basi di entrate economiche su simili quisquilie!!! non credo che all’estero si arrivi a tanto!!! poi, io personalmente in tutta la mia vita non ho mai conosciuto una persona che abbia ottenuto una vita migliore grazie al gioco!!! il contrario purtroppo si.

  87. Maria Costanza luglio 26, 2011 a 8:47 pm #

    per chi vuole partecipare al mio gruppo….sto cercando tanti disoccupati per poter ottenere qualcosa per noi disoccupati iscriviti al mio gruppo….segui il link

    http://www.facebook.com/groups/disoccupati.riuniamoci.tutti?ap=1

  88. gigetto il pazzo ;) agosto 29, 2011 a 2:47 pm #

    ciao a tutti, sono luigi ed ho 25 anni. leggendo la lettera di matteo, mi sembra di essere al suo posto, nonostante abbia un’attività aperta da poco più di un’anno e che a fine anno dovrò chiuderla, perchè non riesco ad andare avanti. a dicembre, sarò a spasso e con qualche decina di migliaia di euro in meno per svalutazione attrezzatura e via dicendo.
    se i politici vogliono la guerra, e guerra sia. dobbiam far scoppiare la rivoluzione e mandare in banca rotta l’italia. noi precari, non abbiam niente da perdere e solo così, si potrà scalzare il dittatore, tutta la classe politica e dirigenziale. largo ai giovani in politica e non ai over 50 anni e, soprattutto, non possono essere eletti per più di 2 volte nell’arco della loro vita politica.
    via le province e i comuni sotto i 10 mila abitanti.
    incentivi per l’energia pulita.
    per i redditi oltre i 100 mila euro lordi, tassa di solidarietà al 20%, oltre ai 500 mila euro al 35% e oltre al milione, al 50%.
    lotta serrata all’evasione fiscale.
    con questi punti, si dovrebbe riuscire a vedere un po di luce.
    mi raccomando, non comprate sky o mediaset, su internet si possono vedere le partite gratis. usate santo zio google e digitate calcio streaming.

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:08 am #

      Caro Luigi,
      a meno che tu non voglia fare il politico, ti consiglio di dedicarti a tutt’altro.

      Invece di ripetere come dicono tanti, le solite cantilene, anche perchè quello che dici è giusto, ma non rilancia l’economia.
      Per cambiare l’Italia serve un serio piano industriali, sviluppo dei servizi nel settore terziario e bancario, rilancio delle politiche agricole; in sostanza non si deve solo tagliare per riorganizzare, bisogna aumentare la produzione nazionale e con quella combattere la disoccupazione, per un benessere diffuso.
      L’evasione fiscale è un vecchio cavallo di battaglia, per quanto demonizzato, se combattuta davvero radierebbe il 70 % delle pmi del centro sud, soggiogate da ricatti di natura ambientale e politici.
      Ma non preoccuparti che tu queste cose le ignori, loro le conoscono bene e le strumentalizzano.

      Questo giusto perchè protestare in questo momento non serve a niente e a nessuno.. piuttosto credo tu faccia parte dell’ex ceto medio, nato con un piglio autonomo, bene ti do un consiglio, cammina per strada e vedi ciò di cui la gente sente il bisogno e specializzati in questo… e prega!

  89. Dimitri settembre 1, 2011 a 9:08 pm #

    Ciao a tutti, sono Dimitri, la mia storia e tragica come la vostra anche se devo dire che in parte la colpa è stata mia.
    A 18 anni mollai la scuola superiore e fui assunto come operaio generico assemblatore, dunque operaio genrico, in una azienda. Pentendomi del mio errore mi riscrissi alle superiori serali nel 2001 conseguendo a 28 anni il diploma in tecncio della gestione aziendale, nemmeno da dire che tutti i miei tentativi di cercare un lavoro che premiasse la mia costanza nello studio serale non diedero frutti.
    Successivamente, sentendo un mio amico un po piu anziano di me con una storia simile alla mia, che dopo le serali si iscrisse al corso di laurea in tecniche di radiologia medica e trovò dopo i tre anni di studio lavoro immediato, mi iscrissi alla suddetta laurea dovendo di forza, grande errore, licenziarmi dalla azienda in cui lavoravo per frequentare il corso che tra l’altro prevede tutti i giorni un tirocinio in ospedale.
    Laureatomi nel novembre 2010 però mi ritrovai in mano una laurea inutile per due motivi, il primo è che nel frattempo le università avevano inflazionando il titolo sfornando laureati in numero di 5 o 6 volte superirore al fabbisogno reale, il secondo che dal 2009 con legge del governo Berlusconi è stato permesso ai tecnici di radiologia medica, come ad altre categorie, in pensione di poter continuare a lavorare come libero professionisti o cocopro senza che la pensione li sia minimamnete toccata.
    Cosi in 3 anni una laurea che permetteva di lavorare da subito indipendentemente dall’età ora e diventata inutile… si fatica moltissimo a trovare un posto per lavorare gratis in una sturttura pubblica o privata, per farvi capire la sproporzione nel 2008 in ogni concorso pubblico per tecnici di rad si presentavano una o due persone quando i bandi prevedevono 5 o 6 posti a concorso, ora invece si è in minimo 300 per concorso e nei prossimi anni, non essedno calati i posti nelle università neppure quest’anno, si arrivera ad essere in un migliaio per concorso…
    Cosi in concorsi in cui serve un titolo specifico ci si trova in numeri come in quei concorsi dove invece è richiesto un titolo generico…
    Dunuqe a 34 anni, vecchio ormai, mi ritorovo senza un valido bagalio curriculare e con un titolo di studio inutile condannato alla disoccupazione cronica.
    Si è vero, commisi due errori da giovine non finendo li studi e da grande fidandomi che lo stato, con la disoccupazione che c’e, tutelasse un corso di laurea a numero chiuso che fino al 2009 era ricercatissimo invece di utilizzarlo per far cassa.
    Di fatto la laurea presa non serve ora a nulla se non con pregressa e significativa esperienza lavorativa.
    Inutile dirlo che ora son tagliato fuori, possibile che non esistano in italia centri, corsi, sturtture che cerchino di aiutare ad un reintegro…. ? e invece abbondano falsi corsi professionalizzanti inutili e costosisissimi… mezzi legali per fregar soldi estorti ai disperati….
    Cercando ad esempio un lavoro come commesso in diversi megastore di elttronica, amando di fatto il ramo e “capendone” parecchio nel settore, mi è stato detto che son troppo vecchio pure per quel lavoro senza aver esperienza…
    E vero feci degli errori, ma la fatica per ripararli ce ne misi, e sebben la mia situazione è meno grave della vostra dato che fonte dei miei problemi son stato in parte io, vivo con angoscia di essere, se va bene, carne da cannone per le cooperative e centri impiego…
    Per farvi un esempio penso non ci metteri tanto a diventar un impiegato discreto se esistessero i metodi per dar una possibilita a chi e tagliato fuori di riqualificarsi per davvero…
    Ringrazio tutti per la possibilita di sfogo che mi avete concesso…

    • Jean settembre 27, 2011 a 8:10 am #

      di dove sei Dimitri? se sei di Napoli forse possiamo fare qualcosa.. senza darti troppe illusioni.. speriamo di farcela..

  90. Roberto ottobre 10, 2011 a 6:18 pm #

    Matteo ho appena letto la tua lettera mi è capitato per caso scrivendo su google “ho 34 anni e non trovo più lavoro”, perchè mi sentivo disperato…oggi più di ieri! Ho una mia professionalità, i miei genitori mi hanno pagato gli studi, mi hanno fatto laureare, fiduciosi verso questo “stato”, mentre studiavo lavoravo e guadagnavo poco, ma mi andava bene perchè mi aiutava a non pesare sui miei genitori! intanto però non mi accorsi che quel lavoro che stavo facendo sarebbe stato un carcere, non lo pensavo proprio mentre lavoravo e mentre lavoravo per mantenermi passavano gli anni! poi Il posto (istituzione) dove lavoravo mi ha buttato fuori con una minaccia “se voi non decidete di andare via vi sarà ridotto di molto lo stipendio!” e solo perchè lavoravo per una cooperativa che prestava servizio, proprio in quel momento mi accorsi che stavo perdendo il tempo della mia vita… Sono tornato a casa ed ho studiato ancora per diventare grafico, adesso come ti dicevo ho una mia professionalità, ma nessuna chiamata! mando 10 curriculum al giorno! cerco lavoro tramite privati! Passa il tempo e mi ritrovo ancora a casa con mia madre e mio padre a 34 anni! La cosa che ora ho maturato e l’odio verso la classe dirigente e verso i politici! Il mio sogno e vedere chi non ci ha saputo dare il nostro futuro sotto tortura fino alla morte! Brunetta muori! Matteo io sono con te

  91. marco ottobre 21, 2011 a 5:56 pm #

    l’esasperazione porta alla violenza.io non ce la faccio piu’.!!!

  92. antonio febbraio 4, 2012 a 6:59 pm #

    l’italia eh una me*rda le persone come questa della storia prima o poi diventeranno criminali per vivere costretti da uno stato sordo e cieco in germania ogni disoccupato riceve più di 500 euro al mese di sussidio in italia in alcune zone invece si lavora per 500 euro al mese.

  93. ... febbraio 6, 2012 a 4:54 am #

    Io sono ormai disoccupato da 3 anni e tiro avanti come posso… Ho 27 anni e all’età di 23 sono stato costretto a lasciare l’università causa problemi finanziari…

    E mo che cazzo faccio?

    L’esasperazione porta alla violenza

  94. carlo febbraio 11, 2012 a 3:58 pm #

    ho 50 anni sn di NAPOLI disoccupato da una vita ,invalido civile iscritto alle categorie protete, in una graduatoria cn un buon punteggio ma che nn si muove ormai da anni.e senza raccomandazioni o soldi per comprarmi un impiego chissa’ perche’ scalo sempre e resto sempre li fermo in graduatoria boh!!!Sposato e cn 2 figli maggiorenni diplomati e attualmente ancora disoccupati.il SIGNORE! fortunatamente mi ha dato una passione e il dono della musica e una voce! nonostante il mio handicap,e la forza di volonta’ mi sn arrangiato fino a pochi anni fa facendo il musicista occasionale di tanto in tanto e’ riuscivo a stento ha sopravvivere,rinunciando ai piaceri della vita quelli anche i piu’ banali, poi e successo che cn l’avvento della tecnologia si sn improvvisati una valanga di musicisti fasulli togliendo quel poco di (lavoro) che c’era,,e che ti dovevi procurare tu!!(non lo stato)soprattutto in estate ,pke d’inverno e critico. con l’avvento di improvvisatori!! e soprattutto cn 2 lavori tipo (finanzieri,carabinieri,infermieri,impiegati statali, vigili urbani…postini..poliziotti..che fanno musica ,o fotografi ,o cineoperatori,ecc…la lista e lunga e mi fermo qui!!il che significa? quel poco di lavoro che c’era nella nostra categoria dopo aver sgobbato per anni su uno strumento , adesso nn c’e’ piu’.il nostro governo attuale oggi parla di evasione fiscale ed e’ giusto!! ma noi che non possiamo realmente mettere nemmeno la pentola sul fuoco se evadiamo qlke multa o tassa di possesso (auto)(che e’ una camorra legale) E pke’ il bene primario e cercare di mettere il piatto sulla tavola,con quei pochi euro se riesci ha guadagnarli se ti capita qlke prestazione, poi viene equitalia e mi pignora anche la tavola sec voi questa e evasione?oggi nn c’e’ lavoro in qlke modo anche i giovani.. ll ragazzo del bar, salumiere, meccanico, ecc..che cercano di lavorare onestamente dignitosamente e lo stato li rompe il cazzo cn i controlli,,se sono inquadrati o meno..ecc.. cosa succede? che la disoccupazione aumenta!!e la disperazione anche,e poi? ci si compra una bella pistola e s’incomincia ha fare rapine,,, per colpa di chi? nostra? o di questi magnacazzi politici farabutti?che hanno mangiato miliardi.e ora lo vogliono dal pensionato e i piccoli ceti. allora cari signori lasciate perdere la povera gente che gia’ e esasperata, che altrimenti saranno cazzi!! altro che 4 giornate di Napoli!!! venite ha vivere voi in qsta citta’ e vedete cosa significa arrangiarsi ogni giorno. ma purtropppo il guaio resta a noi, tanto a voi che cazzo importa se noi facciamo la fame!!!(non sfruculiare il cane arrabbiato) che se non mangia la mia famiglia non mangera’ nemmeno la tua!!!

  95. Alex febbraio 12, 2012 a 2:57 pm #

    se tutti si decidessero a manifestare davanti al quirinale si potrebbe pensare ad un inizio… ma ormai non si capisce più niente in questo paese chiamato ITALIA. io penso che nel paese di tutti c’è una fottusissima corruzione che parte dall’alto e si estende anche nel ceto medio-basso perchè siamo “poveri” e nella miseria le persone più forti ci sguazzano e ci possono manovrare come vogliono! SIAMO BURATTINI IN MANO A QUESTO SISTEMA (il paese dei balocchi come PINOCCHIO) e continueremo ad esserlo, perchè siamo un popolo di fancazzisti,ipocriti,falsi,paraculi, parliamo parliamo ma non facciamo un cazzo, alla fine ci sta bene così!!!! e finiamola di lamentarci sappiamo fare solo quello!!! la verità è questa: non ci si può creare una famiglia perchè soldi non ci sono, ma senza crescita demografica nè l’economia nè il sistema va avanti è per questo che hanno lasciato frontiere e dogane aperte per tutti questi immigrati e compagnia bella perchè loro i figli li fanno, sono agevolati dallo stato (fino a che gli sta bene) poi li lasciano allo sbaraglio. chi trova lavoro ok, altrimenti iniziano a rubare e a combinare guai… parliamo poi di integrazione, diritto al voto, e di farli diventare CITTADINI ITALIANi con gli stessi diritti e doveri degli autoctoni…. PIU SIAMO E MEGLIO SIAMO…ok allora cambiamo nome all’Italia e agli Italiani…perchè non lo siamo più!!!! e bruciamo la Costituzione che ormai non vale più ad un c..!!! Io credo che tutti gli stranieri nati in “Italia” e riconosciuti come cittadini “italiani” siano in un meccanismo subdolo e ipocrito da chi sta all’alto. credo che non vogliano integrazione,maturazione del paese bensì una maggiore credibilità agli occhi dell’Unione Europea!
    poi: non possiamo lavorare perchè le aziende trovano più convieniente la manodopera nei paesi dove vale poco e perchè qui non hanno rilevanza sul mercato del lavoro..lo stato le bastona. Quindi quelle poche che durano o assumono rumeni,albanesi,croati,tunisini,magrebini,indiani,senegalesi,cinesi ecc…. oppure giocano sporco.E’ TUTTO UN DISASTRO!!!! noi potremmo veramente sollevare l’economia se non ci tagliassero le gambe, le palle e tutti gli attibuti, potremmo far vedere all’europa e ai paesi dell’est che siamo un popolo di lavoratori che ci tiriamo su le maniche anche senza il loro “aiuto”!
    Ci ricorderemo poi del loro aiuto qnd sarà il momento, vedrete!!! Forse diventeremo un popolo schiavista,sottomesso e poco ci manca che torneremo all’era del Medioevo!!!
    questa è la situazione del paese multietnico…ovviamente poi ci sono poi anche altri problemi che tutti ben sapranno! (prima che qualcuno pensi che sia razzista lo stoppo subito. condivido un paese di culture e ideologie diverse nel rispetto del paese in cui sono ospite ma non condivido che a casa mia qualcuno mi faccia le scarpe!). Bene detto questo vi ribadisco: stiamo seduti comodi comodi sulle nostre sedioline e aspettiamo che ci sottomettano ancora un pò sia i grandi politici sia i pseudo italiani ma ancor di più crediamo che prima o poi qualche pirla faccia qualcosa per tutti!!!!

  96. enna78 febbraio 14, 2012 a 2:44 pm #

    ciao ragazzi chi scrive e un ragazzo ke gia ha scritto l’anno scorso proprio in questi tempi e da allora ad oggi non e cambiato nulla sul aspetto econmico anzi e peggiorato cmq ki avra’ letto i miei precedenti sa ke sono disoccupato ed ho moglie e bambina di 5 anni non so proprio cosa fare affitti gas e luce spese per la bambina sono arrivato al 3 mese ke non posso pagare l’affitto non so come andra a finire con la proprietaria e una grande vipera io il lavoro lo cerco anzi l ho cercato anche facendo colloqui fuori dalla mia citta’ esempio roma e milano ma la risposta ke ti danno e sempre la stessa ti faremo sapere io saltualmente faccio l’imbianchno ma son piu’ di tre mesi che non lavoro dikono unpo’ il freddo e un po la crisi e nessuno ti fa lavorare aiutatemi so disperato una volta non vi diko la data ho pensato di farla finita con la mia vita mi volevo sparare ma in quel momento ho pensato alla mia pikkolina io voglio lavorare ma come si fa se il lavoro non ci sta aiutatemi aspetto vostre risposte

  97. Gae64 febbraio 26, 2012 a 8:10 am #

    carissimo matteo capisco perfettamente il tuo stato d’animo e la tua voglia di esplodere per qualcosa di cui noi tutti cittadini italiani dovremmo avere per statuto …purtroppo persone oneste come te e come me ce ne sono tantissimi che hanno vissuto decine di anni nella disoccupazione e vivendo come meglio si poteva aspettando che l’italia ci desse qualche risposta ma nulla di tutto cio’ gli unici che hanno avuto risposte sono stati quelli che un lavoro lo hanno comprato ed oggi se lo godono (forse hanno capito meglio di noi come funziona l’italia) oppure noi non abbiamo mai accettato di essere corrotti ed abbiamo sempre sperato nelle cose giuste ma purtroppo devo dirti che non e’ cosi’…nel mio caso mi sono inventato ad iscrivermi come artigiano con un capitale pari a 0 ma pian piano riuscivo a guadagnare e pagere le tasse conducevo una vita dignitosa il tutto parte nel 2004 ti posso dire che oggi io mi trovo alle tue stesse condizioni che non so’ come fare per vivere grazie per il mio continuare ad essere al puntino con le tasse che mi hanno pure indebitato con questo nostro stato adesso sono costretto a chiudere attivita’ perche’ quello che riesco a guadagnare non mi perlmettono a sopravvivere quindi saro’ nuovamente un disoccupato che non ha sbocchi come non ha mai avuto speravo di dare lavoro ad altri compreso mio figlio ma in italia oggi hanno distrutto il tutto e non so’ come faremo a trovare quel minimo di lavoro per darci la dignita’ di continuare ….carissimo matteo purtroppo la realta’ e questa speriamo un bene per tutti quelle persone come te e ce ne sono tantissimi che possa cambiare veramente qualcosa

  98. sandra marzo 13, 2012 a 7:05 am #

    Io sono una madre di due ragazzi..il giorno lo passo a cercare una via di uscita.al momento ci sono i miei con là piccola pensione…ma mi sento morire al pensiero di come finiremo.Non è umano tutto ciò.spesso penso a farla finita ,forse chiudendo gli occhi non sentirò più il dolore di dire no a tutte le richieste dei miei figli!!.Tanto per gli sfigati non c’è futuro!!

  99. teresa marzo 18, 2012 a 3:06 pm #

    dobbiamo lottare per aver il ” REDDITO MINIMO GARANTITO !!

  100. BRUNO aprile 6, 2012 a 11:47 am #

    Salve,sento spesso dalla nostra informazione che ci sono stati come la Grecia,l’Irlanda o il Portogallo che stanno messi male a livello economico,ma per esempio non dice la nostra informazione che lo stato italiano (se cosi’si puo’ chiamare) non e’ neanche in grado di garantire la sopravvivenza alimentare a chi non ha reddito,molti si rivolgono alla caritas!!! ma,scusate a chi paghiamo le tasse? tasse che vengono pagate anche da chi non ha reddito!!!per colpa della burocrazia!!!e’ incredibile!!! fanno anche paragoni con altri paesi!!! una persona non puo’ vivere grazie ad eventi occasionali o di solidarieta’ci dovrebbero pensare le istituzioni!!! ma cosa c’entrano loro con noi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: