Io, nonviolento, sto dalla parte delle regole – Una lettera di Gianfranco Mascia

7 Feb

Ieri, Gianfranco Mascia, attivista del popolo viola, si è dissociato dagli episodi di violenza di Arcore e ha solidarizzato con il crabiniere ferito. Una presa di posizione che ha scatenato un grande dibattito. Oggi Mascia ha approfondito le sue ragioni. Eccole:

Negli ultimi mesi siamo riusciti a scendere in piazza ovunque e comunque. A volte con solo dieci persone, poco più di un presidio. Altre volte siamo riusciti a coinvolgere migliaia di persone, come ieri ad Arcore. Altre volte ancora si è trattato di manifestazioni tanto imponenti da rimanere impresse nella storia dei movimenti, come il 5 dicembre 2009. Ci siamo sempre proposti come sentinelle della democrazia e difensori delle regole e – tra queste – la regola principale: la Costituzione italiana.

Abbiamo chiesto che venga rispettata e attuata, denunciando B. e la sua cricca, che in questi anni hanno cercato in tutte le maniere di destabilizzare la nostra democrazia calpestando la Costituzione e utilizzando il Parlamento come una azienda a disposizione del capo e i membri della maggioranza come suoi maggiordomi e yes man: a completa disposizione per emanare una serie di leggi ad personam.

Come difensori delle regole, quindi, se concordiamo con la Questura una modalità per una manifestazione dobbiamo agire perchè venga rispettata. Chi ha organizzato l’iniziativa di ieri ad Arcore si è prodigato per fare che ciò accadesse. Io c’ero e ho sentito con le mie orecchie i vari appelli dal palco in questo senso. Infatti per il 90% del tempo la mobilitazione si è svolta in maniera colorata, pacifica, goliardica e fantasiosa, nello spirito di tutte le iniziative viola. Senza nessun accenno, neanche verbale, alla violenza.

Bene, io sto dalla parte delle regole.  Qualcuno mi spieghi che senso ha cercare lo scontro con chi è lì per difenderle, le regole anche quelle disattese dal cavaliere nero.  E vi domando:  quei poliziotti davanti alla villa di Arcore, non sono forse gli stessi costretti controvoglia a trasformarsi in taxisti per le escort  del premier? Non sono gli stessi lasciati senza benzina da questo governo?  Non sono gli stessi colleghi di Emanuela Loi e gli altri angeli delle scorte caduti contro le mafie?

Per questo io non consentirò che la mia protesta venga strumentalizzata da chi sulla mancanza di regole ha fondato il suo potere politico e mediatico. Non dimentichiamo con chi abbiamo a che fare: Berlusconi è il frutto della illegalità e del non rispetto delle leggi e delle istituzioni.

Io ho sempre pensato che “essere viola” non sia sottoscrivere uno statuto, prendere una tessera o appartenere ad una associazione. Perché il viola è un fluido dinamico che lega tutti i cittadini indignati per come il Cavaliere nero e la sua cricca hanno ridotto il Paese calpestando le nostre regole.

Non dimentichiamo che in tutte le nostre assemblee ed incontri abbiamo sempre posto la nonviolenza come caposaldo della nostra stessa esistenza e dobbiamo fare in modo che questo principio guidi ogni nostra azione.

Altrimenti facciamo il gioco di chi vogliamo combattere. E questa sarebbe la più grave delle sconfitte.

Gianfranco Mascia

142 Risposte to “Io, nonviolento, sto dalla parte delle regole – Una lettera di Gianfranco Mascia”

  1. valter belli febbraio 7, 2011 a 2:09 pm #

    daccordo con Mascia,poì si può ribattere che nella polizia o carabinieri ci siano mele marce,sembra che anche tra di noi mele marcie non manchano ( vedi tafferugli di ieri). Se pretendiamo rispetto dobbiamo anche darlo.

    • fanny mantegani febbraio 7, 2011 a 2:25 pm #

      Io ,donna non violenta ,pacifista di natura ,amante della natura umana , mi addolora che si definisca mela marcia colui che per un ideale comune ma con diversa dinamica comportamentale ,venga definito “mela marcia”.Chi conosce Giacomo lo sa bene ,anche il Giudice(impegnato sul fronte dell’anti mafia) chiamato a valutare il caso dei “facinorosi” non li ha considerati tali e li ha dichiarati liberi .

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 2:31 pm #

        mi dispiace ma credo che se ti metti in um movimento pacifista o ti comporti tale o te ne vai, ci sono un sacco di gruppi disposti ad accoglierti.

  2. ninconanco febbraio 7, 2011 a 2:11 pm #

    che senso ha mandare dei carabinieri/poliziotti in assetto antisommossa se la manifestazione è stata richiesta ed accordata x essere pacifica? Non è una provocazione farsi vedere “corazzati”? Naturalmente condanno ogni forma di violenza!

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 2:34 pm #

      scuas fammi capire, il fatto che la polizia sia in assetto antisommossa è una provocazione ? Be visto quello che è successo avevano ragione.

  3. Rugiada febbraio 7, 2011 a 2:13 pm #

    Concordo pienamente con quanto affermato da Gianfranco e sottoscrivo il comportamento dettato. Mai prestare il fianco a chi è solito colpire anche di fronte… Il problema è che c’è sempre l’idiota che strumentalizza queste manifestazioni di pacifico dissenso e le utilizza per dar sfogo alle proprie frustrazioni con comportamenti violenti e illogici, soprattutto se rivolti nei confronti di coloro che non hanno altra scelta, se non quella di svolgere le loro funzioni nell’ambito del loro lavoro. Credo che questi delinquenti vadano assolutamente isolati, dovunque manifestino la loro idiota violenza a ogni livello.

  4. Carlo febbraio 7, 2011 a 2:15 pm #

    Sei un bigotto senza speranze.

    Ma che non lo sapevate gia’ da prima che avrebbero partecipato dei gruppi di anarchici o provenienti dai centri sociali? Forse si’ ma comunque speravate che non arrivassero troppo incazzati e vi faceva comodo essere piu’ “numerosi”.
    Ora che vi siete presi il loro apporto ne denunciate gli atti?
    Compliemnti! Siete dei vigliacchi imborghesiti.

    E’ normale che ci sia gente incazzata ed e’ altrettanto normale che ci sia gente che voglia picchiare o eliminare fisicamente silvio. E’ un’ovvia conseguenza dei regimi.

    Avreste dovuto escludere queste persone prima della manifestazione ma non ne avete avuto il coraggio.

    Stesso coraggio che poi vi manca quando allontanate da voi questi ragazzi coraggiosi.

    Certo gli sbirri non c’entrano e non e’ giusto prendersela con altri poveracci da 1.300 euro al mese ma la situazione e’ senza precedenti e lo sbrocco ci sta (o puo’ starci).

    Decidete che cosa volete essere “da grandi” e non unitevi ai centri sociali se avete paura delle conseguenze.

    Non sempre basta sventolare una bandierina del c@azzo per fare arrivare le proprie ragioni, come da mesi dovreste aver capito.

    • sergio febbraio 11, 2011 a 10:47 pm #

      @Carlo l’inkazzato: Essere inkazzati, indignati contro questo paradossale, aggressivissimo, assurdo, ingiusto, parzialissimo, ridicolo, ma realissimo sistema di governo è SACROSANTAMENTE LEGITTIMO.
      Ciò che non va è l’etichettatura e il modo.
      Chi l’ha detto che gli anarchici (se ne conosci qualcuno, come quelli del Ponte della Ghisolfa, converrai con me) o i libertari siano tutti violenti?
      Chi l’ha detto che invitare i centri sociali significhi cercare la rivoluzione nel sangue?
      Se fra di loro vi sono persone note per l’indole (diciamo così ‘deficitaria’) violenta, le si tengono al guinzaglio o le si mettono al bando in dirittura di importanti piazze, poiché il loro egoismo manda a puttane il lavoro (e le speranze) di tanti altri che credono nella risoluzione pacifica delle controversie (come è nell’11° art.della ns.Costituzione).
      Dunque, perché scaldarsi tanto verso chi si auspica i tuoi stessi orizzonti?
      Meglio scazzarsi un po’prima, fra persone “già grandi” e parimenti coraggiose (o forse più coraggiose, perché ci vuole più coraggio a voler andare FINO IN FONDO che non il comportarsi da ‘kamikaze’ o da ‘aspiranti martiri’ all’occidentale, opponendo un modello di warfare che è fallimentare già in partenza, basandosi soltanto su un ormai unico e psicotico desiderio di nichilismo, dopo aver perso ogni speranza), fra persone che ancora ci credono, sperano e agiscono, mettendo se stesse e la propria persona ‘in gioco’.
      Solo questo. Intenti comuni, lavoro comune. Un po’ di furbizia in più per impedire a priori che un deficiente o un egoista rovinino tutto.
      Saluti,
      Sergio

  5. paola febbraio 7, 2011 a 2:17 pm #

    Se si usa la violenza, si va automaticamente dalla parte del torto. Sta negli organizzatori bloccare le teste calde prima che succedano cose come quelle di ieri. Ragazzi, in fin dei conti, quando ci succede qualcosa furti ecc, da chi andiamo? Dalle forze dell’ordine.

  6. enrico febbraio 7, 2011 a 2:18 pm #

    Grazie Gianfranco di aver preso questa posizione da non violento convinto concordo con te che l’uso della vilenza oltre ad essere stupido non ci prode .
    Il collettivo 5 12 Parigi ribadisce il ripudio della violenza

  7. camoscio febbraio 7, 2011 a 2:18 pm #

    Per rovesciare ed estirpare questo governo e la sua arroganza non basta la presenza!!!….con certa gente bisogna usare i loro stessi metodi….

  8. matteoma febbraio 7, 2011 a 2:22 pm #

    credo che qalcuno farebbe bene ad andare a rileggersi pasolini e valle giulia

    • paolo febbraio 8, 2011 a 6:31 pm #

      Rillegilo tu bene e fino in fondo.
      Inoltre oggi chi ha uno stipendio e n contratto con ferie e malattie pagate sta meglio di qualsiasi giovane precario.

  9. attardi m grazia febbraio 7, 2011 a 2:27 pm #

    ciao mascia io c’ero sono stata molto vicina al cordone della polizia ho parlato anche con loro erano tranquilli facevano il loro lavoro non avevano sguardi strafottenti ne tantomeno erano arroganti anzi mi ha dato l’imperessione che quella situazione le pesava molto ci avrebbero fatto passare volentieri secondo me!!!!ma erano li a svolgere come tu dici il loro umiliante lavoro x quel porco mafioso !!!però con il cuore piccolo ma lo devo dire cè stata tanta provocazione in insulti e gestualità da parte di alcuni manifestanti che non appartenevano al popolo viola hanno cominciato a coprirsi a dire slogan fuori dal discorso che facevamo noi ,allora ho capito che era ora di allontanarsi da questi ragazzi di dissociarsi da quei ragazzi che non avevano niente da fare con noi la nostra lotta continuerà !!!ma senza sorprusi ne da parte di quei ragazzi che non sò da che parte venivano ,ma neanche da parte dell’autorità che ci hanno negato il corteo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!quello x me è stata una cosa gravissima da non lasciare passare un altra volta!!!xchè allora mi domando …ma vale la pena rispettare le regole????e se noi le vogliamo rispettare le devono rispettare anche loro!!!!xchè altrimenti ci sarà la rivoluzione!!!!!!!!!e io ci sarò!!!!

  10. Romana febbraio 7, 2011 a 2:28 pm #

    concordo con te, Gianfranco, anche perché io c’ero ed ho visto e condiviso la manifestazione non violenta. La zuffa con la polizia: io non l’ho vista perché è avvenuta lontano dal luogo della dimostrazione. A chi serve scatenare zuffe? sicuramente non ai dimostranti, bensì al potere, come teorizzava esattamente l’ex non rimpianto presidente Cossiga. La presenza di infiltrati è essenziale perché si creino disordini e l’opinione pubbica si schiri contro i dimostranti…tutto molto lineare. E infatti…

  11. frebaio selvaggio febbraio 7, 2011 a 2:28 pm #

    condivido in pieno quanto scritto dall’amico mascia!!!!!non dobbiamo permettere che le nostre manifestazioni siano snaturate da dei violenti,che sono sempre gli stessi…..negli stadi come nelle manifestazioni di qualsivoglia tipologia.domenica mi auguro che non gli venga permesso!!!!!

  12. Marco febbraio 7, 2011 a 2:29 pm #

    PAVIDI E SMIDOLLATI: ecco cosa siete.
    Di sicuro la gente che ieri ha espresso la propria frustrazione e insofferenza a quel modo davanti ai cancelli di Villa San Martino si dissocia da gente come voi, che sarete anche “Il Popolo Viola”, ma in questo caso non rappresentate la gente per bene e che sta superando il limite di ogni umana tolleranza.
    Sveglia sbarbatelli, è ora di smetterla di fare i pompieri eticomani alla Saviano e Co.
    La misura è colma: personalmente accolgo OGNI forma di espressione del dissenso in quanto dato sensibile per leggere nel modo giusto il momento che stiamo attraversando.
    Se la protesta si fa sempre più spesso “violenta”, chiediamoci perchè, anzichè correre subito sotto le sottane di un ributtante moderatismo da Piddini e dintorni.
    Per cortesia, signori, è ora di diventare grandi. E di tirare fuori le PALLE.

    • Carlo febbraio 7, 2011 a 2:40 pm #

      Concordo pienamente Marco!

      D’altronde avevo gia’ scritto un post + o – simile al tuo.

      La cosa peggiore poi “e’ dissociarsi” semplicemente perche’ questi ragazzi non hanno adottato un comportamento consono. Cari violanti se non siete disposti ad accettare il dissenso siete semplicemente come il pdl nel quale o si tiene la linea oppure si viene scomunicati.

      Voi cosi’ avete fatto nei confronti di questi ragazzi, che nessuna colpa hanno (infatti sono gia’ liberi per fortuna) se non di aver ceduto per alcuni momenti alla rabbia di non poter urlare la loro frustrazione “piu’ vicino” alla casa del re.

      Avreste dovuto difenderli, “abbracciarli idealmente” e far sentire loro la vostra vicinanza. Poi magari spiegare e discutere sui fatti accaduti esprimendo il vostro dissenso ad atti del genere.

      Invece ve li siete scrollati via come forfora da un vacchio cappotto.

      Vergognatevi

    • Marco58 febbraio 7, 2011 a 4:00 pm #

      Pavidi e smidollati. Lo dissero perfino i tedeschi nel ’43. Che sia una questione genetica?

    • Orchiclasta febbraio 7, 2011 a 8:18 pm #

      C’é solo un piccolo particolare: intrufolarsi nelle manifestazioni altrui equivale a farlo nelle altrui feste, magari criticando il menù. Si dimostra di essere quantomeno dei grandissimi cafoni. Con tutte le vostre PALLE, perché non ve le organizzate VOI, le manifestazioni ad Arcore? Se no, ha ragione chi vi giudica solo dei parassiti.

    • Paola2 febbraio 7, 2011 a 11:33 pm #

      Si fai pure! ma valle a tirare fuori da un’altra parte, organizzati la tua bella manifestazione violenta, mostra le tue belle PALLE a chi ti pare e lascia in pace il Popolo Viola!!!

  13. Tina febbraio 7, 2011 a 2:29 pm #

    No alla violenza senza se e senza ma. Daccordissimo con Gianfranco. Vorrei poi dire a Carlo che lamenta che prima si invitano i centri sociali per fare numero e poi ci si indigna per le violenze, che:” chi l’ha detto che i ragazzi dei centro sociali sono violenti, o che lo debbano essere? Se lo sono, faremmo bene tutti a dissuaderli.

    • Carlo febbraio 7, 2011 a 2:43 pm #

      Non lo sto dando per assodato ma avendo alle spalle alcune esperienze in merito penso che i ragazzi “facinorosi” in questione vi appartenessero.

  14. matteo febbraio 7, 2011 a 2:36 pm #

    Scendi dal mondo celeste e vieni a trovarci in quello sublunare, Gianfranco!
    La violenza è praticata ogni giorno da una minoranza pagata, il monopolio è in mano allo Stato, indovina un po’ chi è che lo dirige.
    Se hai veramente bisogno di metterti in mostra, iscriviti a qualche reality show.

  15. giuliano febbraio 7, 2011 a 2:37 pm #

    certo che vanno condannati gli atteggiamenti di quattro violenti, ma non dimentichiamo il rimanente 99%, che ha manifestato contro un governo altrettanto violento, che fa’ ogni giorno migliaia di “feriti” nella dignita’e sopprusi di ogni genere; non fanno notizia, ma gridano molto di piu’ pur non emettendo nessun rumore, lo si legge negli occhi di ogni lavoratore, studente o pensionato. dove sono le “istituzioni” che li dovrebbero difendere?

  16. fanny mantegani febbraio 7, 2011 a 2:46 pm #

    ” Non sono gli stessi colleghi di Emanuela Loi e gli altri angeli delle scorte caduti contro le mafie?”

    Caro Mascia ,saranno anche colleghi, un simile confronto mi sembra alquanto esagerato .Gli agenti “tassisti”potrebbero anche pensare di rifiutarsi di essere considerati tali .

  17. giulia febbraio 7, 2011 a 2:47 pm #

    Resto sempre più allibita dalle parole che vengono fuori da Gianfranco Mascia e da tutti quelli che le condividono.
    Qui il problema non è chi difende la violenza o meno è il messaggio che avete trasmesso. Come si fa a dichiararsi in tutta fretta assolutamente dissociati dai “fascinorosi” senza prima aver compreso appieno la dinamica dei fatti?Ma i video li avete visti?????????!!!!!!!!Qui l’unica violenza che è accaduta è quella delle forze dell’ordine sui manifestanti!Ma vi rendete conto che sono stati arrestati 2 ragazzi che non han fatto niente fuorché resistere alle manganellate della polizia (e sfido chiunque a non farlo una volta che ci capiti in mezzo)..difatti l’accusa e proprio “resistenza al pubblico ufficiale”. Forse prima di dissociarvi dovreste per lo meno parlare con chi queste persone che sono state arrestate le conosce e anche bene. I giornali hanno sparato tanto di quel fango addosso a sti ragazzi che stento a credere che quelle parole false e ipocrite siano state dettate da sè stessi e non da qualcuno molto piu’ in alto. Li hanno chiamati “fascinorosi”, “anarchici”, appartenenti ai centri sociali e quant’altro. Io conosco Giacomo ed è una delle persone più pacifiche e di cuore che abbia mai visto. E’ una persona che non farebbe del male ad una mosca , difatti non per altro è stato scarcerato proprio perché l’accusa non aveva nè capo nè coda. Quindi, vedere tutta questo affrettarsi a prendere le distanze mi sembra davvero ipocrita e fuori luogo. Se davvero siete contro la violenza allora perché non denunciate le violenze gratuite che sono state fatte dai poliziotti?Non è che soltanto perché il poliziotto è “uno di noi” (che peraltro, se prende 1300 euro al mese prende anche molto piu’ della media dei precari o delle persone che ora sono in cassa integrazione)allora tutto gli è dovuto. Io davvero non vi capisco..e a sto punto se davvero la maggiorparte di voi la pensa come Mascia, il popolo viola non è il gruppo in cui mi ci ritrovero’ nelle prossime proteste. Complimenti, per guadagnare il consenso di pochi avete perso quello di molti…e ve lo posso garantire io che vedo quanta gente avete deluso.
    Giulia

    • Carlo febbraio 7, 2011 a 2:50 pm #

      Sante parole Giulia, sante parole.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:01 pm #

        Giulia ( scusa il tu)se guardi il video su youtube del fatto quotidiano , si vede all’inizio, i poliziotti intenti a tarttenere i manifestanti facendo muro, ad un certo punto devono indietreggiare a causa del tentativo di sfondamento ( niente di grave ma pur sempre un attacco)e da li è scaturita una contro carica , poi visto che quà nessuno è fesso , sappiamo che una volta che la scintilla si accende…..

      • giulia febbraio 7, 2011 a 3:10 pm #

        Per Carlo grazie:-) Per Walter…appuno..l’hai detto da solo…sono volati insulti e si è formato un corteo davanti alla polizia che voleva andare avanti e basta questo è stato “l’attacco”…se ti sembra commisurata la risposta di cariche violente come quelle che ci sono state allora mi pare che qui di pacifismo, che tanto sbandierate, ci sia ben poco. Giacomo è stato letteralmente “trascinato” e menato. E ripeto, GIACOMO è tutto fuorché un violento. Comunque è inutile anche ribattere…vedo un’ottusità davvero impenetrabile…

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:23 pm #

      mi sa che l’ottusa sei tu,se hai il permesso per manifestare in un luogo fallo e rispetta le regole,se vuoi cambiare a tuo piacimento allora non sei molto diversa dal nano che si fa le leggi per se.Poi io giacomo non lo conosco e non ho fatto nessun nome , se non centra sono contento per lui , ma quelli che hanno cercato di sfondare sono gente che col pacifismo non ha niente a che fare e se guardi bene si vede una bella bandiera rossa con la foto del “che”,niente di male ma il “che” pacifista non era.

      • giulia febbraio 7, 2011 a 3:33 pm #

        ahahahaha se per te la bandiera del Che significa “terribili terroristi e violenti” vuol dire che ragioni esattamente come Berlusconi che dice che i magistrati sono tutti comunisti e cosi’ anche i giornalisti…Da quando portare una bandiera del Che implica il fatto che la persona che la porta sia un violento? a me questa sa tanto di pregiudizio tipico proprio del berlusconismo.. Ormai il Che è diventato quasi una moda, la sua maglietta ce l’hanno anche i rgazzini di 13 anni che non sanno nemmeno chi era..e tu sei ancora a questo livello?Come dire che il Rasta è un fascinoroso dei centri sociali o che il Punk con la creta è un perfetto violento…Davvero..siamo alle cozze ragazzi….Anzi ti diro’ di piu’..che mi dici della Kefia? simbolo della ribellione palestinese e che ora fa capolino anche nelle sfilate di moda?Ah già..forse anche le modelle in realtà sono delle anarchiche insurrezionaliste….Walter davvero, se sei una persona intelligente come sembra da tutte le parole di cui ti riempi su Gandhi…pensa per un attimo a quello che hai detto..

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:59 pm #

        Il fatto che il “che ” sia una moda per alcuni non significa che lo sia per mè.Ripercorrendo la storia del “CHE” non mi puoi dire che sia stato un pacifista, un rivoluzionario certo, ma un pacifista no.Ho diritto a chiedere che la parola pacifista sia usata nella maniera e nel contesto idoneo ( visto che io ci credo , non sono perfetto ma non mi spaccio per qualcuno e poi agisco diversamente).

      • paolo febbraio 8, 2011 a 6:37 pm #

        Certo manifesta col permesso. Vedrai Silvio scappare a gambe levate.
        Povero illuso.
        La violenza è una cosa seria e grave guarda l’Egitto o la Tunisia.
        Qui c’erano ragazzi a mani nude.
        Quale sarebbe la violenza???
        Diefendete il manganello quando carà in testa a voi sarà troppo tardi.-

    • fanny mantegani febbraio 7, 2011 a 3:39 pm #

      Concordo

      • valter belli febbraio 8, 2011 a 10:59 pm #

        Paolo guarda nei video come è stato trattato il tipo vestito da obelix dai ragazzi a mani nude e dimmi se anche quella non è violenza, se pensi che non lo è allora ti saluto con un vai a fanculo tu e tutta la tua razza, se pensi che ti sto usando violenza ritiro e chiedo scusa.

    • rossana febbraio 7, 2011 a 9:51 pm #

      grazie, mi rincuora leggere commenti così. Io ero lì, so quello che è successo, un bel po’ di gente davvero indignata (e come non esserlo, abbiamo oltrepassato tutti i limiti dell’indecenza) si è semplicemente posta, in modo pacifico, al massimo lanciando qualche reggiseno, nei pressi della casa di mister b. per chiedergli fermamente di dimettersi.
      Poi, in serata, quando ormai la gran parte dei manifestanti tornava dalla “gita”, un piccolo gruppo di giovanissimi (che stimo), pacificamente ha firmato con più forza di tutti il dissenso, compiendo un atto “non permesso” ma del tutto innocuo: bloccare un incrocio nella frettolosa brianza.
      Mi spiegate da quando in qua c’è bisogno di un permesso in carta bollata per indignarsi e affermare questo sentimento?
      Se vogliamo il cambiamento, è ora di reclamarlo, pacificamente ma fermamente.
      Voi viola state pure a sproloquiare dal palco, noi andiamo a costruire un’Italia migliore.

    • Paola2 febbraio 7, 2011 a 11:56 pm #

      Cara Giulia, io non conosco i tuoi amici, ma non ho nessun motivo per dubitare delle tue parole, il problema non è dissociarsi o no dai due ragazzi in questione (a tutti i manifestanti potrebbe capitare quello che è accaduto a loro), ma dissociarsi dalla violenza in assoluto. Purtroppo mi rendo conto, anche leggendo questi post, che c’è tanta gente a cui prudono le mani e che non aspetta altro di sentire notizie come questa per avere la licenza di alzarle.
      Quindi se vogliamo essere un pò responsabili, come diciamo NO a Berlusconi, dobbiamo dire NO alla violenza.

      • sergio febbraio 11, 2011 a 11:07 pm #

        Paola2, …Grazie. Tali sono lo spirito e la fermezza della pace e di chi crede in essa.

    • altroquando febbraio 8, 2011 a 10:37 pm #

      Concordo pienamente con quanto dici.
      Noto in Mascia un eccesso di zelo (anche nel santificare in toto le forze del cosidetto ordine che troppo spesso come insegnano le cronache si sono macchiate di delitti orrendi nei confronti di cittadini indifesi) e leggo troppi interventi qualunquistici ed acritici. Questo non può essere il popolo capace di ridarci dignità, libertà, giustizia e lavoro.

  18. Marco B. febbraio 7, 2011 a 2:47 pm #

    Non siamo ancora in Egitto, non ci hanno mandato contro le truppe cammellate dunque non siamo autorizzati, nemmeno eticamente e meno che mai legalmente, a fare il Quarantotto, a lanciar sassi, a menar poliziotti. Altro che “appoggio ogni forma di dissenso”!

    • Marco58 febbraio 7, 2011 a 4:02 pm #

      Caro Marco, le truppe camellate sono arrivate quando la gente è scesa in piazza. E non prima.

  19. altroquando febbraio 7, 2011 a 2:53 pm #

    Quando capitano queste cose occorre capire perchè sono accadute. I toni di Mascia non mi convincono, troppo astratti enfatici e superficiali, quello che dice non serve a capire per cosa lottiamo e soprattutto non ci dice cosa occorre fare per ottenerlo.
    Maroni , Mascia, Napolitano, ciascuno a modo suo, individuano il nemico, ma poi è quello il nemico? Si parla di violenza, ma da dove nasce, chi la fomenta, chi la usa, soprattutto cosa è la violenza nessuno ce lo dice. Boh! Non mi piace quel che leggo.

  20. Alex62 febbraio 7, 2011 a 2:54 pm #

    Cari pacifisti tout-court, io proprio non vi sopporto più. Voi state al gioco dei “buoni e cattivi” tanto caro al potere e voi, naturalmente, siete i “buoni”. Gli studenti hanno insegnato che non ci sono buoni e cattivi e anche dopo gli scontri del 14 dicembre, nessuno del movimento studentesco a preso le distanze da chi aveva fattio gli scontri, perché comunque parte del movimento. Loro hanno dimostrato quella maturità che a voi manca. Voi subito a dissociarvi, poverini, tanto inorriditi dalla “violenza” (ma quale?. Il vostro pacifismo a 360 gradi, la vostra stucchevole non violenza sempre e comunque, è un processo mentale non umano perché a volte invece la violenza è salutare e umana. In realtà poi, quando uno vi conosce capisce che siete dei frustrati isterici proprio perché negate “ideologicamente” una modo di reagire umano.
    Il concetto dovrebbe essere: pacifici sì, ma poco inclini a subire. Quando ci va ci vuole…
    E comunque, da oggi, per4 me il viola vale solo come colore della Fiorentina, con voi non arriveremo da nessuna parte.

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:07 pm #

      ma se non credi nel pacifismo , perche ti sei associato a un movimento che si dichiara pacifista ? Ghandi ha liberato un miliardo di persone con la non violenza e la disubbidienza civile, se credi in altre strade sei libero di seguirle.

      • Alex62 febbraio 7, 2011 a 3:24 pm #

        Io non mi sono MAI associato ad un movimento pacifista. Io lotto, con tutti i miei limiti contro un sistema che detesto in tutte le sue forme di potere, economico, politico e giuridico (sì perché io non difendo la magistratura per partito preso giacché penso che proprio la magistratura sia un orribile buco nero della storia italiana, casomai difendo quei magistrati cjhe nel tempo si sono voluti sottrarre a questa dimensione). Ti faccio notare, a te e a tutti voi pacifisti, che proprio il vs. sbandierato Ghandi ebbe da dire qualcosa di diverso dalle solite menate in relazione al conflitto israelo-palestinese. Andatevi a leggere cosa disse all’Onu nel 58 a proposito: la violenza per liberarsi da un’oppressione è legittima se altre strade non sono percorribili. Per cui anche il vs. santone riconosce nell’uso della violenza, ovviamente in certi casi (poco inclini a subire), un aspetto umano e rispettabile. Ora, se da mesi, anni, fai le manifestazioni e 9 su 10 becchi manganellate senza senso, che tu sia un abitante di Terzigno, che tu sia un operaio della Magneti, che tu sia uno studente, un precario, un terremotato dell’Abruzzo, vi sembra strano che ogni tanto voli qualche sasso verso le divise? Io penso sia legittimo e giusto. Se volete dare la solidarietà al carabiniere, prego, io la do a Carlo Giuliani assassinato dai carabinieri e ai suoi familiari. Io la do a tutti quei lavoratori, giovani, precari, poveri, bastonati dai carabinieri, nei secoli … golpisti.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 4:01 pm #

        “la violenza per liberarsi da un’oppressione è legittima se altre strade non sono percorribili.” Esatto. Ora ti chiedo:tutte le altre strade le hai provate?o sei solo incazzato col mondo?

      • altroquando febbraio 8, 2011 a 10:39 pm #

        ma di quale violenza si parla? ma siete informati o vi ciucciate tutto quello che proclamano i tromboni della propaganda?

  21. valter belli febbraio 7, 2011 a 3:14 pm #

    solo per ricordare cosa è il pacifismo .Il rifiuto, comune a tutti i sostenitori del pacifismo, a prescindere dalle differenti motivazioni, riguarda la guerra, ovvero quel contenzioso organizzato tra etnie, stati, culture, gruppi sociali, che sia condotto con la forza. E ciò indipendentemente da giustificazioni economiche, territoriali, e ovviamente da quelle imperialistiche volte all’ottenimento di superiorità o dominio in forma esplicita o nascosta. Pacifista è il sostenitore della pace “senza se e senza ma”, anche quando l’azione bellica sia giustificata per il suo carattere “preventivo”, e questo ultimo aspetto è diventato dagli ultimi decenni del XX secolo uno degli argomenti più dibattuti. Da ciò l’opposizione all’uso delle armi indipendentemente dalle motivazioni e dai soggetti che l’hanno deciso, anche perché nella più parte dei casi in soggetti posti “in guerra” possono non condividere tale decisione, sicché il “recare morte” può essere motivato da ragioni di necessità (per esempio economiche). Ciò significa innanzitutto due cose: 1°, che chi fa la guerra reca morte senza motivazioni personali; 2° che per la gran parte a subire le conseguenze della guerra sono popolazioni civili inermi per “danni collaterali”.
    Su tutte le altre forme di violenza bisognerebbe soffermarsi caso per caso, con il rischio di generalizzare e dunque di banalizzare il concetto. In questo senso, è bene evitare di effettuare un qualsivoglia parallelo tra le situazioni di guerra e i conflitti interpersonali, aspetto, questo, piuttosto fuorviante in seno alle discussioni sulle opportunità delle varie strategie di risoluzione dei conflitti. L’unica somiglianza riscontrabile tra un conflitto bellico ed uno interpersonale risiede nella constatazione che – come in politica internazionale – la maggior parte dei conflitti interpersonali non si risolve affatto con la violenza, ma in modi pacifici (a patto di accettare di considerare le minacce un mezzo pacifico).
    In altre parole, non solo il pacifista ritiene che la pace sia un’opzione migliore dal punto di vista morale: egli/ella ritiene anche che sia sempre la soluzione più efficace, funzionale, ovvero – banalmente – la più conveniente da tutti i punti di vista, qualora l’obiettivo da risolvere sia un conflitto.

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:16 pm #

      E questo è un esempio di disobbedienza civile ( e praticarla sotto il nazismo ci volevano due cog….oni così
      Durante la seconda guerra mondiale, all’indomani dell’occupazione tedesca della Norvegia, le scuole opposero resistenza non violenta ai nazisti. I tedeschi imposero un loro statuto didattico nel 1941: gli insegnanti scioperarono, supportati da genitori, alunni e dalle chiese. Più di mille insegnanti furono arrestati e inviati nei campi di concentramento, nel nord del paese. Centinaia furono torturati, ma pochissimi cedettero. Nel 1942 gli arrestati vennero rilasciati e quello stesso autunno le scuole riaprirono senza i programmi nazisti.

      In Danimarca, sempre durante il nazismo, quando furono proclamate le leggi razziali, tutto il popolo si oppose. Quando fu impartito l’ordine di scrivere “Jude” sulle vetrine dei negozi ebrei, tutti i negozianti – anche i non ebrei – lo scrissero. Quando fu imposta la stella gialla agli ebrei, tutta la popolazione, a cominciare dal Re, fece altrettanto. Alla fine, la Danimarca può vantare la percentuale e il numero di ebrei deportati nei campi di concentramento più bassa della II guerra mondiale.

      • Marco58 febbraio 7, 2011 a 3:46 pm #

        Caro Valter. Infatti se poi il paese è stato liberato dai nazifascisti, lo dobbiamo (anche) a quei PARTIGIANI che hanno imbracciato il fucile e si sono dati alla macchia nei boschi. E per favore, non paragonarci ai danesi. E’, in seso civico, troppo umiliante, visto che OGGI da noi, certi sindaci, si rifiutano di dar mangiare a dei bambini bisognosi. Salvo poi scoprire che i soldi, per la festa patronale coi fuochi d’artificio li trovano facilmente.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 4:08 pm #

        Marco io non paragono nessuno ai danesi. Visto che vi dichiarate pacifisti ma volete venire alle mani,ho usato come esempio un modo diverso di protestare, e se permetti loro l’hanno fatto sotto occupazione nazista,credo che questo dimostra come possa essere potente la disubbidienza civile, poi se non lo ritieni un valore a cui ispirarti almeno non essere ipocrita e non chiamarti pacifista.

      • Marco58 febbraio 7, 2011 a 4:25 pm #

        Io non mi dichiaro ne pacifista ne guerrafondaio, ma semplicemente mi sono rotto il cazzo. E delle tue “etichette” non so proprio cosa farmene. Troppo facile infatti ideologizzare e filosofeggiare con la pancia piena.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:02 pm #

        non mi conosci e mi etichetti come uno che filosofeggia con la pancia piena,uhmmmmm si un pò sovrappeso lo sono.
        Fammi ricapitolare : sito popolo viola , movimento dichiarato non violento, manifestazione ad arcore con la dicitura non violenta,discussione sulla non violenza,alcuni partecipanti alla manifestazione sostengono le ragioni dello scontro fisico con la polizia,domanda : me che cazzo vi unite ai non violenti se la pensate diversamente,fate una bella manifestazione con la dicitura “attacchiamo il castello del rè” e sfogate le vostre frustrazioni.Però siete così sicuri di essere i soli puri? credete che tanta gente vi seguirà? si certo noi siamo senza palle,succubi e idioti come i diecimila ieri a milano al palazzetto , tutta gente che non ha idee come Eco, che ha paura come saviano ( si certo se non ci fosse la polizia a difenderlo con le armi sarebbe già morto)che aborrano la violenza come lotta.
        io non voglio insegnare a vivere a nessuno , ma visto che ogni volta che mi dichiaro pacifista vengo deriso e paragonato a gente che a parole pontifica me nella realtà si comporta diversamente ( essendo di reggio emilia mi ricordo il “comunismo con la volvo”)mi sono un pochino stancato.e visto che non è un reato non essere pacifisti e neanche una medaglia al merito esserlo , chiedo solo che la parola venga usata in maniera giusta. Comunque ognuno è libero di esprimersi nei modi che più gli aggrada,ma continuerò a contestare chi si dichiara pacifista e poì si comporta diversamente. anchio ho dei sogni e spero che mia figlia li viva o la figlia di mia figlia, so che si avvereranno forse non oggi , neanche nel corso della mi9a vita,ma non ho fretta,l’importante è che si avverino e non è detto che sono gli stessi sogni tuoi

    • giulia febbraio 7, 2011 a 3:22 pm #

      voglio vedere..caro Walter se finisci sotto un manganello che fai…..un conto è la violenza fine a sè stessa..un conto e la LEGITTIMA DIFESA. E poi ribadisco che qui parlate tanto di violenza quando questi ragazzi tutto hanno fatto fuorché violenza vera e propria…la vera violenza mi pare sia ben altro. Se tu, caro Walter avessi il piacere di vedere Berlusconi a pochi passi da te, non ti verrebbe nemmeno in mente una parolina da dirgli? Ecco, anche quella è violenza verbale (che è quello che hanno fatto i ragazzi degli sconti giusto?) e quella è stata “controibattuta” con una ventata di manganellate. Ma questa non è violenza ovviamente vero?Se sei pacifista davvero allora dovresti condannare anche questo, altrimenti…smettila di parlare di Gandhi quando sei il primo a non dire nulla se volano le manganellate.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:34 pm #

        1° allora non dichiararti pacifista.sei libera di essere quello che vuoi ma da come parli non sei certo una pacifista.
        2° La legittima difesa non fa parte del pacifismo,il porgi l’altra guancia e la disubbidienza civile si
        3° Io sto argomentando sul pacifismo come ideologia,non contro il tuo diritto di esprimere il dissenso nelle forme che ritieni giusto,ma se le parole hanno un valore cerchiamo di usarle nel modo giusto,altrimenti ci rimette anche chi in quelle parole ha fatto la sua ispirazione di vita. Non puoi essere contro la pena di morte ma in alcuni casi invece lo sei.Vivere così non è facile e molto utopistico ma almeno il rispetto per chi lo pratica va dato, anche con l’uso propio della parola pacifista

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 3:40 pm #

        scusa dimenticavo,certo condanno le manganellate ,ma non si sono mai dichiarati pacifisti , come disse Graucho marx :”intelligenza militare? una contraddizione in termini.”

    • Carlo febbraio 7, 2011 a 4:50 pm #

      Signor Valter Belli hai messo insieme cosi’ tante stupidaggini da far impallidire sallusti e belpietro messi assieme.

      Adesso capisco perche’ ci prendono per il c..o.
      Una cloaca di banalita’ riprese un po’ dal cattolicesimo, un po’ da Gandhi e un po’ dai movimenti frichettoni anni ’70.
      Sinceramente noi porgiamo la guancia da 15 anni ed infatti e’ diventata viola a forza di botte.
      L’India di cui parla non esiste piu’ ed oggi per garantire la sicurezza dei propi abitanti si e’ dotata di bomba atomica come i dirempettai pakistani.
      O la bomba atomica rientra nel meraviglioso piano di pace?

      Puo’ continuare il tuo patetico refrain pacifista sino alla nuasea, ma continua a sviare dal punto che in tanti stanno sollevando: avete girato le spalle ad altri manifestanti, dissociandovi da loro, dalle loro istanze e dai loro comportamenti. Due ragazzi di 21 e 23 anni che, insieme al movimento studentesco, sono tra i pochi a guardare in faccia la realta’ con la dovuta preoccuapazione (avendo gia’ visto tante facce viola di schiaffi).

      Prima di millantare sciocchezza sul pacifismo si ricordi di non voltare le spalle ai compagni, perche’ la buona riuscita di una manifestazione non puo’ essere piu’ importante di 2 ragazzi.

      Que se vayan todos

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:15 pm #

        Io girerò sempre le spalle ai violenti, anche sapendo che sono cosi vigliacchi da colpirmi da dietro. guarda che ci sono tante idee con parecchi anni di anzianità e anche se non sono più seguite dalla maggioranza non vuol dire che non sono buone,oppure sono vecchie di 2000 anni e le seguono miliardi di persone.Certo che sono banale, ho fatto solo la terza media e non ho la cultura che possiedono molte persone in questo forum, quindi mi esprimo con banalità che ti fanno inorridire, ma questo sono io. Poi se non riesci ad argomentare e ti viene voglia di darmi un calcio nel culo, lo accetto e puoi fare un’altra tacca sul manico.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:39 pm #

        grazie del “signor” spero sia come forma di rispetto e non nel’uso che ne fa la mafia.

  22. Lou febbraio 7, 2011 a 3:18 pm #

    Sono perfettamente d’accordo cone Carlo, Giulia, Marco ed Alex. Non aggiungo altro.

  23. marco febbraio 7, 2011 a 3:20 pm #

    unità d’intenti e supremazia delle leggi, poichè le regole valgono per tutti, noi compresi. fare il gioco del violento significa seguire la traiettoria segnata di un potere corrotto che cerca con ogni sistema di delegittimare chi vuole combattere questo stato di cose

    • sergio febbraio 11, 2011 a 11:52 pm #

      Grazie, Marco. “Fare il gioco del violento …e del potere corrotto …significa seguire la traiettoria segnata”… da un proiettile, prima o poi, frutto della presa di mira di un essere umano in un mirino, e del tiro del grilletto, …che è un gesto irreversibile… per velocità e potenza distruttrice… Mentre la pace può essere fatta/mantenuta solamente attraverso gesti REVERSIBILI, a misura d’uomo. Anche se talvolta costa molto tempo, o molto caro.

  24. Marco58 febbraio 7, 2011 a 3:54 pm #

    Il psiconano non si dimetterà mai. E la sua cricca, spendo che se cade lui cadono tutti, non ci pensano certo di mollarlo. Domanda. Quanti anni siete disposti ad aspettare ancora, sopportando altre mille umiliazioni?

    • paola febbraio 8, 2011 a 9:57 am #

      forse psiconano sarai tu………

  25. salvatore genovese febbraio 7, 2011 a 3:58 pm #

    e non oso immagginare quanti commenti hanno censurato.. Mascia non perdi mai tempo per farti bello alle telecamere a spesa di qualcun altro.
    Ieri hai passato il segno , nemmeno c’eri durante gli scontri te ne eri andato secondo testimonianze e ti permetti di intervenire in una cosa che non sai e non conosci ,come fanno i migliori dei nostri politicanti.
    Come se a chi era presente interessasse i tuoi sproloqui e tuoi vaneggiamenti e peggio ancora continui a parlare a nome di un movimento che non rappresenti e non rappresenterai mai solo qualche amico “giornalaio” compiacente si ostina a chiamarti leader del popolo viola.
    Tu che sei stipendiato da un partito leader di un movimento apartitico , quando finirai di farti ridere dietro faccelo sapere perchè chi è apartatico veramente inizia ad averne le palle piene del tuo comportamento da prima donna.

  26. Francesco febbraio 7, 2011 a 4:26 pm #

    NON FATEVI USARE DALLE FRANGE VIOLENTE CHE NON HANNO LA FORZA DI MOBILITARE TANTE PERSONE E NE APPROFITTANO PER ESERCITARE UNA VIOLENZA CHE E’FINE A SE STESSA

  27. Francesco febbraio 7, 2011 a 4:34 pm #

    @MARCO 58: CHI PARAGONA LA SITUAZIONE ODIERNA A QUELLA IN CUI C’ERANO NAZIFASCISTI COMBATTUTI DAI PARTIGIANI E’ MEGLIO CHE SI STUDI UN PO’ MEGLIO LA STORIA…CHI PENSA DI CAMBIARE LE COSE CON LA VIOLENZA SI RIPASSI LA COSTITUZIONE….

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:03 pm #

      grazie almeno tu hai capito il mio discorso

    • Marco58 febbraio 8, 2011 a 7:43 am #

      Infatti non l’ho tirata in ballo io la faccenda del 40. Ma era in risposta a quanto scritto da Valter.
      Per inciso, la Costituzioe è il risultato (straordinario) di uno scontro avvenuto, per niente pacifico. A Milano ci sono più di 1500 sfratti esecutivi in corso. Dietro ad ogniuno di questi, c’è un dramma familiare che si stà compiendo. Pensate davvero che il tutto si possa risolvere pacificamente, quando gli sforzi finanziari della classe dirigente lombarda è tutta improntata alla speculazione (che avvantaggerà solo i soliti noti) dell’Expo? Si si, non lo auspico di certo, ma la faccenda è molto più grave di quanto non riusciate a capire. Se la cosa quieta le vostre coscienze, fate pure. Ma personalmente non ho intenzione di confondere le cause con l’effetto.

  28. franca fronte febbraio 7, 2011 a 4:35 pm #

    completamente d’accordo!!non si rimane credibili, altrimenti…

  29. Ulisse febbraio 7, 2011 a 4:41 pm #

    Per chi si sente nonviolento: La violenza è insita dentro di noi (fisica e psicologica)ed è sempre stata la levatrice della storia; e chi dice di essere nonviolento e poi “molla” i ragazzi arrestati e solidarizza con i poliziotti (braccio armato del potere) ho poche parole : PICCOLO BORGHESI STATE SEMPRE NELLE VS REGOLINE TUTTI BEN COPERTI. Ma andate a……

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:20 pm #

      Ma se vuoi fare violenza, libero di andare ora e colpire duro, ma secondo me volete solo che più gente si unisca a voi per poter poi nascondervi sotto la sottana. Non hai bisogno di me per dare due schiaffi a un poliziotto, ma credo che come tutti i vigliacchi hai bisogno del gruppo altrimenti ti caghi addosso

  30. Nicola MARINO febbraio 7, 2011 a 4:47 pm #

    Non so chi sia Gianfranco Mascia, se sia veramente un galantuomo o uno che cerca la luce dei riflettori.
    So, però, che il suo ragionamento non fa una grinza e che io lo condivido.

  31. Alex62 febbraio 7, 2011 a 5:00 pm #

    Ehi, Valter, ma perché non ti “cheti” per un po’? fai due c…ni così e più ti leggo più non vi sopporto. Dico solo che aver smollato due compagni così è pura VIOLENZA, oltreché piaggeria con il potere. Con degli “amici” così, chi ha bisogno di nemici?

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 5:06 pm #

      Eccolo quà , ti aspettavo………., io non ho compagni violenti te li lascio tutti

      • lucianodd febbraio 8, 2011 a 7:14 pm #

        ricordiamoci MASANIELLO,era solo un semplice pescivendolo un popolano, come si vanta il governo è il popolo che li a votati

  32. rosa nobile febbraio 7, 2011 a 5:59 pm #

    SONO D’ACCORDO PER LE MANIFESTAZIONI PACIFISTE E IL PIENO RISPETTO DELLE REGOLE !

  33. Marifior febbraio 7, 2011 a 6:35 pm #

    Combattere ed essere violenti nel senso anche di “violare” le regole non sono necessariamente la stessa cosa. Si può combattere attraverso la legalità ma bisogna essere sereni e convinti delle proprie ragioni e non pretendere di farle valere a prescindere dalla realtà. Se un cordone delle forze dell’ordine indica un limite che non può essere valicato il non farlo non vuol dire rinunciare alle proprie ragioni. Io detesto il Caimano, mi fa orrore la peste che ha seminato nella società civile condizionandone il comportamento e vivo la sua presenza come un’ossessione. Disprezzo i suoi lacché e i suoi sostenitori, ma di fronte ad un divieto di accesso mi fermo. Sono pacifista, vigliacca, ambivalente, piccolo borghese, complice del sistema? Negli anni della contestazione sessantottina la gente che dissentiva dal sistema rifiutando la violenza veniva stigmatizzata come reazionaria. Ma c’è proprio bisogno di etichettare i comportamenti delle persone così diverse l’une dalle altre? Si partecipa ad una manifestazione per una ragione condivisa: alcuni ci vanno incazzati, altri scontenti, altri per testimoniare il proprio sostegno. Alcuni invece ci vanno forse perchè mandati per boicottare l’evento ( Gli infiltrati di professione). Il popolo viola si è proposto di difendere la democrazia e la civiltà dei valori devastati da questo declino inarrestabile provocato dalla dittatura del mercato. Non è fermandosi davanti ad un cordone delle forze dell’ordine che rinnega il suo intento di dimostrare il proprio dissenso.

    • sergio febbraio 12, 2011 a 12:19 am #

      Bella lì, Marifior. La ‘Ragione condivisa’ di tali manifestazioni non era e non è la ‘Nonviolenza’ di Valter Belli o la ‘Voglia di agire presto’ di Marco58… Ma era ed è, l’intento comune’, di cercare di portare di fronte all’opinione pubblica (dormiente)le ragioni dell’illegittimità di scopi, moralità ed intenti del Caimano. Valter Belli e Marco58 hanno ragione entrambi, vogliono le stesse cose, la stessa cosa!, ma in due modi così diversi, da fermarsi prima a ‘farsi la guerra, o l’autodifesa, sul metodo’… quando, son sicuro, che tali intelligenti persone, e tutti quelli qui come loro, potrebbero realmente ‘UNIRSI’ e discutere (magari davanti a due spaghi ajo&ojo), per la ‘Real Politik’ di riuscire nel loro (COMUNE!!!) scopo/speranza di allontanare dallo scanno quel che tutto vuol fare tranne ‘Governare un Paese’…

  34. massimiliano febbraio 7, 2011 a 6:42 pm #

    Caro Gianfranco
    ma chi difende chi non rispetta le regole, è in regola?
    Non voglio generalizzare ma su un blog e in poche righe, è impossibile non farlo..
    Tu parli di uccisi per mafia, di lasciati senza benzina ma tu c’eri al G8 di Genova? Io ho visto vecchi e bambini picchiati senza motivo. Ho visto un papà con in braccio la sua piccola preso a calci da quelli che tu sostieni difendano le regole;
    ho visto gente incappucciata di nero che rovesciava auto e incendiava cassonetti e poi, sempre gli stessi incappucciati, scherzare con uomini in divisa.

    Conosci la storia di Federico Aldrovandi? Ti sei informato di quello che è successo dagli anni 70 in avanti?
    Che siano malpagati e abbiano strumenti inadeguati e/o insufficienti, non è colpa del popolo.
    Dovrebbero loro marciare con noi, protestare e incazzarsi come noi.
    Basta ipocrisie!!

    Vedi, io parlo con la gente. Dopo più di 30 anni di ignoranza e malinformazione, la gente è come lobotomizzata: non riesce a vedere l’evidenza.
    Non sono gli occhi a vedere o le orecchie a sentire, è il cervello che svolge questi compiti
    Ci sono esperimenti scientifici che hanno dimostrato che si può far credere che veda chi è veramente cieco!!
    Noi vediamo quello che ci vogliono far vedere, non quello che realmente e davanti ai nostri occhi!!
    Per farti capire dove siamo arrivati:
    Se Berlusconi o simili ponessero sul tavolo una biglia verde, per esempio, e dicessero “questo è un cubo arancione”,
    molti vedrebbero REALMENTE un cubo arancione.
    E a questi vuoi spiegare che cosa è il Bene e cosa il Male, cosa è Giusto e cosa non lo è??
    Battaglia persa.
    Quando cantate canzoncelle o fate girotondi, il grande B se la ride a crepapelle. (ad essere sinceri anch’io)

    un saluto
    massimiliano

    • Marco58 febbraio 8, 2011 a 7:46 am #

      Concordo in pieno.

  35. Claudio febbraio 7, 2011 a 6:53 pm #

    Ad Arcore c’ero. Dai video ho visto un ragazzo – poi risultato tra i due fermati – a terra, picchiato a manganellate da 4 o 5 poliziotti, donne gridare “Basta”.
    Mi chiedo se i “Tutori dell’ordine” servono solo a queste cose e non chiedono neanche i documenti alle mignotte accompagnate nella villa da Lele Mora e soci…. . Lasciamo perdere il dibattito sul “pacifismo” a tutti i costi e la “non violenza” ad oltranza che lascia il tempo che trova… “Violenze inammissibili” cos1 interviene il presidente Napolitano, ma da parte di chi? Di cittadini a cui è impedito – in una strada pubblica – esprimere il proprio dissenso o di poliziotti con scudi, caschi e manganelli? Tra poco ci daranno di nuovo da bere l’olio di ricino e vedremo se staremo – buoni/buoni- a prendercele in testa?

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 7:11 pm #

      La strada è pubblica, esatto , quindi anche di chi non la pensa come noi,il permesso per manifestare era per zone ben precise e il nostro diritto non può travisare dal rispetto della legalità.Mi sa che la frase sull’olio di ricino……..

  36. Giuseppina febbraio 7, 2011 a 7:13 pm #

    Per me violenza è che il popolo viola sia stato recintato da un cordone di forze dell’ordine senza poter circolare su vie pubbliche.
    Per me violenza è vedere tutori dell’ordine a protezione di magnaccia e puttane.
    Per me violenza è vedere un video in cui quattro gladiatori con casco e scudo infieriscono su un ragazzo.
    Forse la resistenza(abbiamo cantato “Bella ciao” no?) non è servita a niente e i citati eroi italiani sono morti inutilmente.
    Ogni cittadino italiano dovrebbe sentirsi violentato da questa falsa democrazia. Basta col patetismo cattolico e ipocrita della non violenza: i cittadini onesti subiscono violenze tutti i giorni, anche quando guardano lo schifo di televisione che abbiamo.
    A furia di esportare la nostra pacifica civiltà,in Italia non ne è rimasta un briciolo!

  37. Mauro febbraio 7, 2011 a 7:26 pm #

    tu non capisci o fingi di nono capire… ora te lo spiego con questa mail…

    Esimio dott. Augias le scrivo in merito all’argomento trattato.

    Nel ricordare le gesta nobili dei patrioti di quei periodi storici si è dimentichi del modo con cui si è conseguita l’unità d’Italia e la liberazione dal dispotismo: l’uso della forza.

    Cosa distingue la violenza dall’uso della forza: la prepotenza di coloro che intendono imporre se stessi sottomettendo gli altri.

    Il ragazzo che con il casco ha aggredito altro ragazzo senza ragione o comunque per motivi futili e sciocchi, è stato un violento: i ragazzi che manifestano usando la forza contro coloro che con la prepotenza dell’abuso dei ruoli istituzionali stanno distruggendo la loro esistenza e quella di milioni di persone usano la forza: la potestà di imperio che secondo costituzione spetta al popolo in quanto sovrano.

    Il problema è il seguente:

    gli adepti giustificano il proprio PADRONE quando ruba, corrompe, circuisce minorenni per fottergli la vita, si associa ai mafiosi che ammazzano spacciano e costringono le donne a prostituirsi… TUTTO CIò LO GIUSTIFICANO o lo tollerano… però quando cittadini consapevoli si ribellano usando la forza, quei cittadini sono qualificati come violenti riottosi alla stregua di terroristi.

    Qual è la differenza tra terroristi e partigiani? i terroristi lottano per affermare un potere asoluto spesso tramite l’imposizione di un’ideologia che rappresenta il proprio pensiero, i partigiani lottano per l’affermazione della democrazia.

    Voi avete onore dei partigiani, ma omettete di ricordare che mussolini fu da essi (probabilmente) ucciso e appeso come un maiale,che i fanatici prepotenti legittimati dall’ideologia tifata, furono giudicati e fucilati dai partigiani.

    Un errore consuetudinario è di aver generato ambiguità tra stato ed istituzioni: noi abbiamo funzionari pubblici che giurano per lo stato ed usano i manganelli contro lo stato perchè servono lo stato che in realtà sono le istituzioni democratiche preposte al servizio della comunità dei cittadini che sono lo STATO.

    I privilegi dei funzionari politici sono la principale evidenza dell’abuso dei poteri: abuso dei poteri/doveri, ossia della potestà equivale ad atto di sovversione tipica del terrorismo.

    Alcuni quesiti per acuire la riflessione:

    Se chi sovverte l’ordinamento giuridico democratico è terrorista, i nostri politici che con l’abuso dei poteri di SERVIRE operano in tal senso, cosa sono?
    Chi sono i terroristi in questo paese?

    • sergio febbraio 12, 2011 a 12:46 am #

      Bene, …Vi sono condizioni esterne di estremo pericolo, come quella attuale socio-politico-economica dell’Italia, che costringono le persone a RIVEDERE QUALI SIANO LE PRIORITA’… Il pacifista, allora si chiede se si possa di fronte al caso estremo… considerare anche l’uso della forza… Così come l’inkazzato che decide che è giunta l’ora di buttarsi in campo, si chiede se non sia più proficuo cercare un modo di combattere al fianco di chi, per quanto così diverso nei metodi, abbia RAGIONI E SCOPI COMUNI…

  38. Igor febbraio 7, 2011 a 7:29 pm #

    INDIGNEZ-VOUS !!! Anche chi era presente alla manifestazione ha ormai le fette di salame sugli occhi: spero che la crisi aumenti e il salame finisca, con tutti i salami di questo paese. Esprimo tutta la mia SOLIDARIETA’ ai ragazzi aggrediti dalla polizia in assetto antisommossa solo perché volevano sfilare in una strada pubblica (oltre il cancello della villa la proprietà è privata, ma prima no!).
    Il PD raccoglie firme inutili, l’IDV tenta processi inutili, i Comunisti si dividono fra oratori e sagre dello spiedino. Il popolo viola canta “bella ciao”: l’ho cantata anch’io, ma con amarezza, il “ciao” pronunciato alla Cetto La Qualunque: bella la democrazia, ciao; bella la dignità, ciao; bella la non violenza, ciao; bella la corretta informazione, ciao…
    int’ u’ culu flaccidu a tutti e a tutte! Non l’avete capito che con un presidente che ragiona da bunga-bunga mafioso noi saremo sempre dalla parte del culo?

  39. Mauro febbraio 7, 2011 a 7:29 pm #

    ragazzi è la solita storia: se ci si ribella ai peopotenti si è propotenti…

    il diritto di difesa non è applicabile.

    bisogna subire tacendo…

    IL MAFIOSO PEDOFILO DEVE CONTINUARE A CORROMPERE A VILENTARE A SFRUTTARE NELL’IMPUNITà…

    CHISSà COSA SIGNIFICA IL TERMINE SOVRANITà… NON VE LCHIEDETE, ALTRIMENTI CAPIRETE CHE è LEGITTIMO PER UN POPOLO MASSACRARE I PROPRI OPPRESSORI.

  40. Mauro febbraio 7, 2011 a 7:32 pm #

    I POLIZIOTTI GIURANO PER LO STATO , MA SERVONO I CORROTTI AL POTERE MANGANELLANDO LO STATO…

    CHI è LO STATO IN QUESTO PAESE?

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 7:36 pm #

      solo tu ?

      • Mauro febbraio 7, 2011 a 7:41 pm #

        se fossi il re sole sì.

        qual è la differenza tra istituzioni preposte al servizio dello stato e lo stato?

        quando i servitori di stato abusando dei loro doveri di servizio nella corruzione sovvertono l’ordnamento giuridico democratico cosa diventano?

        i partigiani erano terroristi?

        qual è la differenza tra partigiano e terrorista?

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 8:03 pm #

      La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
      Esiste il voto, se ci credi e ti dichiari democratico devi rispettarlo.
      Citate sempre casi singoli di abusi delle forze dell’ordine,e ne fate di tutta l’erba un fascio . non siete diversi da quelli che usano le violenze perpetrate da pochi partigiani nel triangolo rosso dopo la guerra, per colpire il ruolo della resistenza.parlate di ribellarci con violenza , che il popolo è stanco. Ma che popolo? noi? quanti siamo? Io lotto non per vincere ,non è una competizione,ma per esprimere le mie idee fino alla morte anche se sarò da solo, ma non le imporro a nessuno.
      questo è ancora uno stato di diritto e di doveri, il poliziotto deve obbedire agli ordini,forse è d’accordo o forse no, ma è il suo lavoro,gli si chiede di ribellarsi ,ok, chi gli paga il cibo a lui e famiglia? molti di voi forse indirettamente lavorano per una azienda che fa capo al nano, vi dimettete e cercate un altro lavoro se lo venite a sapere? Io cerco sempre di ricordarmi che c’è più del 50% di questa nazione che non la pensa come noi, Perchè ? non lo so ma è una realtà che esiste, vogliamo imporre le nostre idee con la violenza? non contate su di me. Le spiego 01 100 1000 volte se c’è bisogno, e se non capiscono lo faccio ancora. Il mondo sopravviverà dopo me e il nano, e quando morirò potrò dire “ci ho tentato” ora tocca ai miei figli , che spero di aver cresciuto con basi solide e dignità. Io la testa non la chino , ma la vergogna del pensiero di aver ferito fisicamente un essere umano che non la pensa come me non l’avrò mai, piuttosto mi lascio massacrare.

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 8:10 pm #

        E si parla di partigiani morti per darci la liberta e la costituzione democratica come esempio di lotta,è vero sono morti per darci una costituzione che si basa sul pacifismo non scordarlo mai,si sono battuti per la pace non per la guerra

      • james febbraio 7, 2011 a 8:34 pm #

        I partigiani non si sono battuti per la pace e la libertà, ma bensì per portare il regime comunista in Italia(questa è storia, ci dimentichiamo le foibe, le fucilazioni di massa di persone che volevano il fascismo…e molto altro..ci si è persino dimenticati che il 90% dei soldati Italiani proteggeva gli ebrei, nascondendoli… e soprattutto che più del 60% delle persone di quell’epoca credeva ed era fiera di essere fascista, Il fascismo è stato il periodo in cui l’Italia è diventata una potenza mondiale ed ha consolidato le proprie strutture.)questa è la stessa situazione..una situazione in cui l’italia cerca di trovare un’equilibrio(trovato per la maggior parte della gente sotto questo governo), ma viene continuamente ostacolata da coloro che come durante il ventennio non la pensavano come la maggioranza, gente che pensa che il CHE era un eroe(e non un taglia-gole, stupratore , bandito,ecc…)cioè una persona che ha contribuito all’oppressione del popolo cubano…siamo in un periodo difficile e turbolento… che trasformerà l’Europa in un campo di battaglia…da una parte la minoranza che supporterà gli immigrati Islamici, dall’altra l’Europa che si difenderà da questo attacco instaurando governi di destra(sta già accadendo…ma voi non ve ne accorgete)…vedo molti di voi che vogliono emulare gli anti-mubarack…ma non capiscono che se il governo di mubarack cade ci sarà la creazione di uno stato islamico sul mediterraneo..scatenando l’inizio dell 3WW…meditate

      • valter belli febbraio 7, 2011 a 8:52 pm #

        adesso mi tocca replicare a un fanatico di destra, non bastano gli altri? James forse non ti interessa ma non condivido niente di ciò che hai detto,le milizie partigiane coprivano tutto l’arco dei partiti italiani,infatti la dc aveva quasi il 50% dei voti,poi in alcune zone la componente comunista era più forte.
        i soldati che proteggevano gli ebrei,il 90% era a morire in russia ,el alamein ,grecia,abissinia,dubito ne siano rimasti così tanti per difendere gli ebrei.
        Quando il fascismo ha preso il potere non aveva i numeri che dici tu ma è vero che molti italiani ci credevano,cio non vuol dire che fosse giusto,le dittature destra o sinistra fanno schifo.Vorrei solo ricordare che il fascismo si basava sull’ideologia machista , della superiorita della razza italiana sulle razze negroidi ( cito), con un capo (mussolini )che al momento della sconfitta ha tentato di scappare travestito da soldato tedesco e nascondendosi come un topo,be se questo è l’esempio del capo…..

  41. Marco F. febbraio 7, 2011 a 8:27 pm #

    Sono assolutamente d’accordo.
    Non per essere non violento a tutti i costi, ma semplicemente perché è DANNOSO.
    Come si vede, le azioni violente sono subito strumentalizzate per aizzare contro l’opinione pubblica.
    Perché la violenza crea sempre una reazione di sdegno.
    Ricordate la statuetta in faccia?
    E’ stato uno con problemi mentali, eppure Berlusconi è salito nei sondaggi.
    L’effetto è tale che c’è il (fondato) sospetto che a provocare i disordini sia proprio qualche infiltrato che ha come scopo quello di screditare il popolo viola.
    Se siano infiltrati o semplici ragazzotti che vogliono menare le mani non ha in fondo importanza: il popolo viola SI DEVE dissociare e deve ricercare sempre la via pacifica.

    • massimiliano febbraio 7, 2011 a 8:33 pm #

      Marco, se spulciassi su youtube, vedresti che il famoso attentato è un falso!! Prova a scrivere “attentato Berlusconi” ci sono prove scientifiche che dimostrano che è falso!!
      E’ stato progettato dal nanetto perchè la settimana prima era stato beccato nel parlamento europeo a disegnare mutandine da donna.
      Ci sono le prove!!

      BASTA IPOCRISIE!!

      Valter, dici casi singoli?
      E’ vero, il mare è formato da piccole goccie.
      Di casi singoli ce ne sono a migliaia.

      Se non ora, quando?

      E’ giunta l’ora di rialzarci i pantaloni e di lottare:
      dobbiamo morire per la pace e la giustizia, come i nostri nonni partigiani.
      Se non agiremo, non ci sarà futuro per i nostri figli.

  42. Claudio febbraio 7, 2011 a 8:47 pm #

    Sulle considerazioni di James inerenti i partigiani stendiamo un pietoso velo….forse scrivendole non era al massimo delle facoltà mentali….sarei curioso di sapere quanti anni ha…con tutte queste verità in tasca…….

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 8:54 pm #

      stendiamo pure , ma mi sa che ora ci attacca ….:)

  43. massimiliano febbraio 7, 2011 a 9:03 pm #

    caro james
    ti sei dimenticato che mussolini aveva debellato la mafia..
    Le percentuali sono curiose.. mi sai dire le fonti?

    L’Italia una potenza mondiale?
    Vaglielo a dire a quelli che hanno fatto la campagna in Russia con le scarpe di cartone!!

    Ho capito, l’unica salvezza per noi sarà l’invasione di uno Stato. Noi siamo dei poveri ignoranti..

    Ma sapete che la maggior parte delle persone che vota Berlusconi ha un lavoro da 1000 Euro al mese.
    Allucinante.
    Posso capire il ricco capitalista, perchè in qualche modo il mister B fà i suoi interessi, ma il precario, il morto di fame, come cazz fà a votarlo?
    Povera Italia

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 9:10 pm #

      a me una ha risposto :” a me gli zingari hanno rubato la borsa, se vince il berlusca li caccia tutti ” questo qualche anno fa, dopo le votazioni ho visto passare una carovana di zingari e le ho chiesto se per caso il berlusca non si era dimenticato di qualche zingaro………. risposta non decifrabile.

  44. reeebs febbraio 7, 2011 a 9:24 pm #

    basta che poi ci mettiamo d’accordo.
    NOI stiamo davanti ai cordoni con le mani alzate.
    in testa al corteo.
    poi quando le “forze dell’ordine” caricano SENZA SENSO, che i signori del Popolo Viola non si dissocino da NOI, esprimendo solidarietà ai poveri celerini e carabinieri squadristi e fascisti, ultimo disperato strumento per fermare il cambiamento e mantenere lo status quo che tutti ben conosciamo.
    perchè NOI, là davanti, non ci divertiamo neanche un po’.
    e ci stiamo non per hobby, ma per il futuro di tutti.
    compresi quelli che stanno indietro, non vedono un cazzo di quel che succede, e si prendono poi il lusso di giudicare o di potersi dissociare.

  45. Mauro febbraio 7, 2011 a 9:29 pm #

    i partigiani usavano la forza, la costituzione no è pacifista… VOI VIVETE NEL MONDO DELLE BANDIERE COLORATE DA TIFARE NE SIETE STRUMENTALIZZATI E PLAGIATI…

    ATLRO CHE LIBERTà!

    VI PIACE FRIGNARE PER SENTIRVI PROTAGONISTI NELLA VOSTRA CONDIZIONE DI SOTTOMESSI!

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 9:35 pm #

      dimmi cosa non ti è chiaro :
      Art. 11

      L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
      Non mi sembra che hanno lottato per scrivere che l’italia appoggia la guerra ecc . ecc. ecc.

  46. Mauro febbraio 7, 2011 a 9:32 pm #

    Difatti a Genova s’è visto chi erano i VIOLENTI! I FATTI ORMAI VI SOVERCHIANO! NEGARE I FATTI PER PLAGIO PACIFISTA è DA FANATICI!

    SE NO SI INTERVIENI CONTRO COLORO CHE ABUSANDO DEI POTERI GENERANO PREPOTENZA SI è LORO COMPLICI! IL PACIFISMO è SOLO UNA MISTIFICAZIONE DELL’ESSERE CODARDI!

    DESTRA E SINISTRA SONO UNA PRESA PER IL CULO CON CUI FAR LITIGARE GLI STOLTI TIFOSI!

    UN POPOLO CHE NON SI DIFENDE DALLE ANGHERIE SUBITE è UN POPOLO PRIVO DI DIGNITà!

    DESTRA E SINISTRA SONO LE MANI CON CUI SIAMO OFFESI QUOTIDIANAMENTE!

    CONTINUATE A TIFARE CHE NEL FRATTEMPO LORO VI FOTTERANNO LA VITA OLTRE CHE LE FIGLIE!

    • valter belli febbraio 7, 2011 a 9:36 pm #

      Vai che poi ti seguo RAMBO

  47. Francesco febbraio 7, 2011 a 10:05 pm #

    @MAURO: hahah che brutta paranoia che c’hai…

  48. Sebastiana febbraio 7, 2011 a 10:19 pm #

    Bravo Gianfranco! Io sono con te perchè penso che se stiamo lottando contro chi viola le regole non ha senso che proprio noi siamo i primi a calpestarle. Io non so se i ragazzi accusati di violenza siano davvero colpevoli o se qualcuno abbia cercato di usarli per denigrare la manifestazione, spero comunque che possano difendersi durante il processo.Detto cio’ voglio precisare che chi promuove qualsiasi tipo di manifestazione ha l’obbligo morale di dichiarare con fermezza la condanna verso contro ogni tipo di violenza
    indicando invece il pacifico dissenso come diritto esercitato attraverso i dettami di quella Costituzione della quale ci riempiamo tanto la bocca e che spesso tendiamo a violare.

  49. Senza Frontiere febbraio 7, 2011 a 10:33 pm #

    Caro Walter,é triste vedere con che facilità etichetti coloro che contestano in maniera differente alla tua.
    Chiami queste persone facinorosi, frustati…
    Ti riporto un pensiero di Mohamed Salah El Arab, uno scrittore egiziano che sta partecipando alle manifestazioni in Piazza Tahir:
    ” Questa è una rivoluzione, niente di più. Siamo qui per riprenderci il nostro futuro – spiega lo scrittore – Anche la generazione dei nostri padri è qui con noi, perché hanno capito che non si può più abbassare la testa. Puoi avere il pane, ma se ti manca il rispetto degli altri e di te stesso, non c’è dignità.”
    Ecco vedi, io sono una mamma, vivo in Belgio da quasi 4 anni, in passato ho fatto volontariato, sono gentile eppure supporto coloro che tu chiami frustati.
    Ricordati che ogni Membro del Parlamento rappresenta la Nazione e scusami tanto se io non mi sento rappresentata da un mafioso pedofilo evasore fiscale maschilista. Le case crollano perché non rispettiamo piu’ nessuna regola, le terre vengono rese incoltivabili perché lo Stato non fa gli interessi dei cittadini.

    • valter belli febbraio 8, 2011 a 3:04 am #

      Carissima almeno mi piacerebbe sapere il tuo nome ,visto che il mio è alla luce del sole.
      Non paragonare l’italia all’egitto .
      tu puoi supportare chi vuoi , ma di manifestazioni ne ho fatte anch’io , e se mi dici che la violenza viene solo dalla polizia sei falsa. Ma una cosa non capisco , ma perchè non organizzate una bella manifestazione e provate ad attaccare la sede del governo.Mi sembra di avere a che fare con dei rambo pronti a tutto ma alla fine vogliono che il popolo viola (che non la pensa come loro) li protegga.E la solidarietà alle altre vittime della giornata, cioè la maggioranza del popolo viola che si è dissociato dalle forma di violenza ma che deve difendersi dalle accuse di essere violenti a causa di poche “mele marce”? ma una bella manifestazione organizzata da tutti questi a cui prudono le mani noo? Io mi ricordo che ogni Membro del Parlamento rappresenta la Nazione e tu puoi sentirti non rappresentata, ma tu ti ricordi che c’è una maggioranza che invece si sente rappresentata? il rispetto per chi la pensa diversamente è ancora presente in questo movimento? Qualsiasi forma di imposizione non democratica è fascismo o comunismo .Per quanto riguarda l’accusa di dare etichette io all’inizio ho parlato di mele marce e non le ho posizionate in nessun contesto sociale , politico o religioso. poi invece sono arrivate le prime accuse da Marco alle 2.29 pm di essere pavidi e smidollati e lui ha usato per primo l’espressione frustrati giustificando in questo modo i tafferugli e e accusando noi di non rappresentare la gente per bene.
      Carlo alle 2.40 pm che solidarizza con marco e marco58 alle 4.00 pm che ci aggiunge anche la componente genetica.
      Poi è venuta l’accusa di ottusità, che non abbiamo le palle ,ecc, ecc, ecc,. Ora trovami un passaggio dove ho offeso qualcuno che non la pensava come me,a parte ulisse 4.44 pm che ci mandava a …… ho dato del vigliacco.

      • Senza Frontiere febbraio 8, 2011 a 10:43 am #

        Caro Walter,
        Il mio nome é talmente limpido e pulito che il mio Blog “Senza Frontiere” ha nella sua url il nome e cognome(www.serenasatta.wordpress.com ). Io mi assumo la responsabilità delle mie azioni e delle mie parole. Sempre!
        Non ti preoccupare, io non paragono l’Italia all’Egitto, so che ancora noi siamo lontani da riuscire ad organizzare una “rivoluzione” riuscendo a non scannarci tra di noi.
        L’esempio dello scrittore non era per fare un’ associazione tra due Stati stupendi quail il nostro paese e l’Egitto ma solo per farti notare che per qualche persona la dignità e la prospettiva di un futuro nella società sono importanti.
        La parola facinorosi é uscita dai vostri comunicati la sera stessa della manifestazione, potevate dissociarvi in molti modi.
        Oggi si etichettano facilmente le persone, é stato come vedere il telegiornale di italia uno lunedi nell’edizione delle 12.25 dove vi hanno etichettato come violenti.
        Io non ho mai detto e non penso assolutamente che la violenza venga solo dalla polizia (mio cognato é poliziotto, mio zio finanziere), io non ho proprio parlato di violenza da parte delle forze dell’ordine, ho parlato di valori quali la Dignità.
        Puo’ darsi che ci sia una maggioranza che supporta Berlusconi, magari questa maggioranza se da 20 anni non fosse stata bombardata dalle televisioni o dai giornali del Premier avrebbe opinioni differenti.
        Buona giornata.

      • valter belli febbraio 8, 2011 a 12:06 pm #

        carissima Serena
        la dignità e la prospettiva del futuro sono importanti anche per me ,ma io non do solidarietà ai violenti, non esiste il diritto alla violenza,anche la legittima difesa nel nostro ordinamento ha un limite, esistono modi diversi di rivendicare il diritto a un paese normale ( mi riferisco solo all’italia,).Il fatto che i tg ci etichettano come violenti conferma quello che ho scritto nei miei post e se a causa di pochi mi danno del violento io non ci sto.Al Cairo la gente è scesa in piazza per rivendicare dignità e diritti in (uno stato dittatoriale da trent’anni)pacificamente fino a quando sono stati attaccati dai cosidetti pro moubarak.

      • altroquando febbraio 8, 2011 a 10:53 pm #

        Tipico del questurino. (Richiedere il cognome nome, dico) Non mi piaci proprio signor sedicente valter belli.

      • valter belli febbraio 9, 2011 a 3:34 am #

        altroquanto sai quanto mi frega di piacerti.sei solo un paranoico. continuate a istigare la violenza poi correte dalla sottana della mamma, per scornarvi non avete bisogno del mio consenso, non capisco cosa aspettate a fare questa rivoluzione coi vostri mezzi , a rambi mostrateci tutto il vostro valore, siete solo dei fascisti, frustrati che si nascondono sotto la bandiera della rivoluzione democratica ma che di democratico non avete nulla .siete solo dei cagasotto che ha bisogno della massa per tirare il sasso e fuggire a nascondersi se noi sbagliamo non siete obbligati a seguirci .Perchè non fate come le BR , loro ci credevano veramente alla rivoluzione violenta e si sono dati alla lotta armata e alla clandestinità, voi invece siete solo degli agitatori caga sotto che a parole ragliano e nei fatti siete topi. Non venite a rompere i coglioni.

  50. simone febbraio 7, 2011 a 11:25 pm #

    Poche chiacchiere.. qui abbiamo a che fare con i BANDITI.. berlusconi e soci si sono fregati l’italia ed il nostro futuro! io mi ritrovo sempre più spesso a pensare come si potrebbe fargliela pagare, come fare per fargli restituire il maltolto; se non c’è azione non ci sarà reazione, è su questo che contano!

    • Paola2 febbraio 8, 2011 a 12:25 am #

      Mi rivolgo a tutti quelli che vorrebbero eliminare Berlusconi con la violenza. Credo che voi non abbiate focalizzato quale sia il vero problema!!!
      Qui non siamo in Egitto, Berlusconi, per quanto potrà essere assurdo, ha il CONSENSO della maggioranza degli Italiani e se la manifestazione sfocerà in violenza, gli regaleremo tanti altri voti e dovremo tenercelo per tanti altri anni.
      Lo scopo della manifestazione contro Berlusconi, non è quello di convincere B. a dimettersi, perché in fin dei conti lo sappiamo tutti che lui non si dimetterà mai, ma convincere quella parte di opinione pubblica indecisa e magari anche pro-Berlusconi, che se ci sono milioni di persone pacifiche, civili e ragionevoli che manifestano per avere un’Italia migliore, forse hanno ragione.

      • paola febbraio 8, 2011 a 9:20 am #

        te lo scordi!!!!!!non credere che per 2 cretini che parlano male di Berlusconi io cambierò idea su di lui ….grande Silvio continua cosi!!!!!!!!

      • lucianodd febbraio 8, 2011 a 6:26 pm #

        attenta sign.PAOLA,non tirare la corda.tutti voi pensate cn

  51. marci febbraio 8, 2011 a 2:17 am #

    ahahah

  52. claudio febbraio 8, 2011 a 6:47 am #

    Mettiamo i puntini sulle “i”: dal palco di Arcore ho sentito, insieme a “Bella Ciao” anche “Contessa”, non certo una canzone per “pacifisti – non violenti”.
    “Compagni dai campi e dalle officine,
    prendete la falce e impugnate il martello,
    scendete giù in piazza e picchiate con quello….
    Voi gente per bene che pace cercate,
    la pace per far quello che voi volete,
    …..se questa è la pace vogliamo la guerra,
    vogliamo vedervi finir sottoterra…”
    Non è che il ragazzo addetto alla musica sul camion era un “infiltrato” !?
    Per me la “non-violenza” è sinonimo di “perbenismo” e puzza troppo di “borghesia”.
    La prossima volta, anzichè ad Arcore, facciamo come i precari della scuola di Torino che sono andati a tirare “lumini nel Po” e invitiamo magari anche il vescovo.

  53. Marco58 febbraio 8, 2011 a 8:32 am #

    Questo link è indirizzato a tutti quei “saputoni”, che si riempiono la bocca colla parola Costituzione e manco l’hanno mai letta. In particolare l’articolo 50.
    http://www.nascitacostituzione.it/02p1/04t4/054/index.htm?art054-999.htm&2

  54. Ferdy febbraio 8, 2011 a 8:42 am #

    Sono completamente d’accordo con Mascia! Anzi, secondo me, bisognerebbe che voi del Popolo Viola quando fate le manifestazioni verficate(non è facile)che non aderiscano movimenti che il loro unico scopo è fare violenza,
    poichè ogni atteggiamento e comportamento antidemocratico e violento
    è un occasione per la destra per accusarvi e farvi
    perdete ogni credibilità nel paese.

  55. paola febbraio 8, 2011 a 9:09 am #

    Andate a lavorare invece di instigare la violenza….pezzenti!!!!!!!

    • lucianodd febbraio 8, 2011 a 6:11 pm #

      è bella la vita per chi a ,io a 51 in cassa integrazione e dopo chi mi fa lavorare piu’,voi che pensate non c’e un po di rabbia/ la sign,PAOLA è come quel detto,mangiato io a msngisto tutto il mondo,Apriamo gli occhi pensate che gli egiziani sono gente violenta attenzione dalla fiat a piccole aziente che se iniziano loro ad arrabbiarsi ,per adesso è come un orso in letargo,si pensa che la classe operaia è morta hanno una famiglia da mantenere.Ma non sapere comee arrivare a fine mese con i soldi e colui che ci rappresenta butta milioni di euro per una scopata, pacifista fino a quando scusate per gli errori non leggo ciò che scrivo e i punti e virgole mettetele dove volete arrivederla sign. PAOLA

  56. paola febbraio 8, 2011 a 9:17 am #

    questa invidia che avete nei confronti di Berlusconi non è più tollerabile!!!!!!!!!Grande Berlusconi continua cosi’ ….è stata fatta la stessa cosa per quel cretino di Marrazzo che con i nostri soldi andava con i trans????? rispondete a questo!!!!!!

    • Marco58 febbraio 8, 2011 a 10:17 am #

      Marrazzo si è dimesso togliendosi dal cazzo. Comunque pezzente sarai tu e tutte le bocchinare come te.

      • paola febbraio 8, 2011 a 12:17 pm #

        Allora…bocchinara forse è tua madre…….Marrazzo si è dimesso perchè ci sono prove schiaccianti e si è dimesso per la vergognaa ….di Berlusconi sono solo chiacchiere di comunisti frustrati che non avendo il consenso del popolo italiano per governare……non sanno più cosa inventarsi su di lui!!!!

      • Marco58 febbraio 8, 2011 a 12:25 pm #

        Eh già, la telefonata fatta alla procura di Milano per liberare Ruby l’ha fatta Babbo Natale. Bocchinara sei, ed anche troia, come tutte le accolite del nanomafioso. Siete la vergogna d’Italia.

      • paola febbraio 8, 2011 a 12:46 pm #

        la migliore offesa per le persone come te caro Marco58 è il silenzio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • Marco58 febbraio 8, 2011 a 3:30 pm #

        Ecco brava stattene zitta, che è meglio. Troia.

    • lucianodd febbraio 8, 2011 a 6:22 pm #

      sign. mangi tu a mangiato tutto il mondo un saluto da un cassa integrazione ,e che se va a prostitute va a quelle di 30 euro, posso farlo io non devo rappresentare nessuno,e non faccio leggi come quella che se viene presa una prostituta si fa 20 giorni di carcere, e salatissima multa a chi ci va

    • lucianodd febbraio 8, 2011 a 7:19 pm #

      chi a trans,chi a puttane vedi tu

  57. Carlo febbraio 8, 2011 a 9:53 am #

    Grillo paghera’ le spese legali ai ragazzi arrestati, come avrete sentito.
    Non sono un suo sostenitore ma tanto di cappello ad uno che ha le p@alle di “non dissociarsi”.

    Pezzenti prendete esempio e quell’invertebrato p@alle mosce di mascia si faccia un esame di coscienza.

    Que se vayan todos

  58. ulisse59 febbraio 8, 2011 a 10:17 am #

    QUE SE VAYAN TODOS

  59. claudio febbraio 8, 2011 a 4:31 pm #

    Penso che Giacomo e Simone dovrebbero ringraziare Gianfranco Mascia per la solidarietà ricevuta.
    Scusatemi, penso di avere un po’ di alzheimer, e non ricordo bene….ha, già!!! Mascia la solidarietà l’ha data ai celerini pardon, che confusione!!!

  60. paolo febbraio 8, 2011 a 6:29 pm #

    Dissociati?
    Le immagini viste in tv sono chiare si vedono i carabineri che caricano i manifestenati cone le mani alzate non si vede un casco o un bastone.
    Da sempre il potere si legittima con la repressione di piazza. L’Italia è stata messa sotto accusa da Amnesty International. Voi vi dissociate ed esprimete solidarietà ai crabinieri. MA i nomi di Ganzer, di Mario Mori, la trattica stato mafia l’avete dimenticate.
    In Egitto e in Tunisia il popolo ha dato anche la vita per cacciare i faraoni. Qui per una bottiglietta che vola
    vi dissociate. Avete perso un sostenitore.
    Avete dimostrato una pochezza politica spaventosa.
    E vi fate ricattare da MAroni.
    Incredibile superficialità che vi si ritorcerà contro.
    Il Popolo viola è dalla parte del manganello!!!
    Che trsitezza.

  61. altroquando febbraio 8, 2011 a 11:02 pm #

    Mi sono accorto che un mio intervento della prima ora critico con le affermazioni del signor Mascia è stato cancellato. Brutto segno.

    • altroquando febbraio 8, 2011 a 11:05 pm #

      … ;) mi sono sbagliato. L’ho ritrovato

  62. vincenzo febbraio 9, 2011 a 9:40 pm #

    Caro mascia, ma sul serio credi che berlusconi se ne andrà senza una sommossa?

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Manifesta indignazione”: sabato 12 febbraio in piazza il Popolo Viola - febbraio 10, 2011

    […] arresti di giovani attivisti, ma parte del popolo viola condanna gli episodi di violenza (clicca QUI per leggere l’articolo relativo) che hanno portato ai duri scontri con le forze […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: