Il nucleare in Italia? 10 buoni motivi per essere contro

14 Mar

La tragedia giapponese riporta il tema del nucleare al centro del dibattito politico. E mentre ci avviciniamo al referendum di giugno, gli italiani cominciano a parlarne. Criticamente. Ecco dieci buoni motivi per essere antinucleari.

1. Il nucleare è molto pericoloso
La tragedia di Cernobyl ha dimostrato la pericolosità di questa fonte di energia. Quell’incidente ha causato e causerà ancora nel futuro centinaia di migliaia di vittime e ancora oggi, a 23 anni di distanza, le ricerche scientifiche mostrano ancora impatti sia sulla flora che sulla fauna. Cresce l’evidenza di leucemie infantili nelle aree vicino alle centrali nucleari.

2. Il nucleare è la fonte di energia più sporca
Le centrali nucleari generano scorie radioattive. Le scorie a vita media rimangono radioattive da 200 a 300 anni, le scorie a vita lunga anche miliardi di anni e non esiste ancora un sistema per la gestione in sicurezza delle scorie nel lungo periodo.

3. Il nucleare è la fonte di energia che genera meno occupazione
Gli obiettivi europei per le fonti rinnovabili e l’efficienza energetica al 2020 valgono il triplo del piano nucleare di Enel in termini energetici e creerebbero almeno 200 mila nuovi posti di lavoro “verdi” e dunque 10-15 volte l’occupazione indotta dal nucleare.

4. Il nucleare è troppo costoso
Secondo il Dipartimento USA dell’energia un EPR costa, in euro, 7,5 miliardi, una cifra ben maggiore rispetto a quanto propagandato da Enel e governo (4,5 miliardi). Se poi teniamo conto dello smaltimento delle scorie e dello smantellamento e bonifica degli impianti nucleari, i costi per noi e le future generazioni saranno ancora più elevati.

5. Il nucleare non è necessario
Entro il 2020 le fonti rinnovabili, insieme a misure di efficienza energetica, sono in grado di produrre quasi 150 miliardi di kilowattora, circa tre volte l’obiettivo di Enel sul nucleare, tagliando drasticamente le emissioni di CO2.

6. Il nucleare è una falsa soluzione per il clima
Il nucleare è una scelta inutile ai fini climatici, visto che le centrali saranno pronte certamente dopo il 2020 e invece bisogna ridurre oggi le emissioni di gas serra. Investire sul nucleare sottrae risorse alle fonti davveropulite, efficienza energetica e rinnovabili.

7. Il nucleare non genera indipendenza energetica
Se il nucleare dovesse tornare in Italia, continueremo a importare petrolio per i trasporti e diventeremo dipendenti dall’estero per l’Uranio e per la tecnologia, visto che il nuovo reattore EPR è un brevetto francese. E, comunque, la Francia leader del nucleare ha consumi procapite di petrolio superiori a quelli italiani.

8. Il nucleare è una risorsa limitata
L’Uranio è una risorsa molto limitata destinata a esaurirsi in poche decine di anni. Nel caso venissero costruiti nuove centrali, l’esaurimento delle risorse di Uranio si accelererebbe.

9. Il nucleare non ha il sostegno dei cittadini
Gli italiani hanno detto NO al nucleare con un’importante scelta referendaria. Oggi i sondaggi di opinione rivelano che la maggior parte dei cittadini non vuole una centrale nucleare nella propria Regione.

10. Il nucleare: più è lontano e minori sono i rischi
Alcuni sostengono che il rischio nucleare c’è già, essendo l’Italia circondata da reattori. È una affermazione scorretta: anche se non è mai nullo, il rischio per le conseguenze di un incidente diminuisce maggiore è la distanza dalla centrale. Le Alpi, come si è visto nel caso di Cernobyl, sono una parziale barriera naturale per l’Italia.

L’APPROFONDIMENTO

CRISI NUCLEARE IN GIAPPONE, COSA POTREBBE ACCADERE NELLA CENTRALE DI FUKUSHIMA

RICORDIAMO CHE PER DIRE NO AL REFERENDUM OCCORRE SEGNARE IL SÌ


145 Risposte to “Il nucleare in Italia? 10 buoni motivi per essere contro”

  1. saturninox marzo 14, 2011 a 3:39 pm #

    11 il nucleare militarizza i territori.

    • Daniele Zuddas marzo 16, 2011 a 5:38 pm #

      Risposte, nell’ordine.

      1. Il gas naturale oppure il gpl per uso domestico, tra le altre alternative al nucleare, produce ogni anno molti, esplosioni di interi edifici, intossicazioni. Lo compriamo da Paesi come la Libia, l’Algeria e dalla Russia, che sono noti per il rispetto dei diritti umani, nonché dei diritti dei loro lavoratori. Anche la legna da ardere per il camino produce fumi molto tossici e inquinanti, che rendono l’aria sgradevole. Causa tumori.

      2. Ancora più sporca è l’aria che respiriamo inquinata dagli idrocarburi. Il nucleare non produce gas serra (lo sapevate?).

      3. Non è una questione di occupazione (si sta parlando di sicurezza o sbaglio?)

      4. E’ costoso, si. Ma una volta costruite le centrali, quelle sono nostre, dell’Italia. Sono il NOSTRO strumento per produrre l’energia (o parte di essa) di cui abbiamo bisogno. Anche il fotovoltaico è molto costoso, e finito il ciclo di vita dei pannelli occorrerà cambiarli e spendere di nuovo.

      5. … Roba da profeti. La lasciamo a loro…

      6. Facile rispondere. Oggi abbiamo i problemi non risolti di 10-20 anni fa. Vorremo tra 10 anni avere ancora i problemi non risolti di oggi? Il tempo passa, sempre.

      7. L’indipendenza non l’avremo mai, visto che non abbiamo nessuna fonte energetica. Meglio quindi dotarci di quello che possiamo costruire.

      8. Anche il petrolio ed il gas naturale sono risorse limitate. La somma di tante risorse limitate non fa certo una risorsa illimitata, ma fornisce ulteriore sicurezza sugli approvvigionamenti.

      9. Vedremo il prossimo referendum come andrà a finire. I cittadini confrontano il livello di benessere in Italia rispetto agli altri Paesi evoluti (tutti nuclearizzati, guarda caso…).

      10. Sarebbe ancora più lontano da loro se gli antinuclearisti convinti andassero a vivere nella foresta amazzonica (a proposito anche il Brasile ha una centrale nucleare… ops).

      • Giampiero Tarigo maggio 16, 2011 a 3:54 pm #

        Cosa significa “il nucleare non inquina, gli idrocarburi si!”… benissimo, se il nucleare è pericoloso e gli idrocarburi inquinano perchè non utilizzare sole, vento, mare, fiumi…
        Come potete non capire che chi sponsorizza il nucleare (no comment su Veronesi) lo fa solo per i suoi sporchi interessi?… E poi nelle 4 centrali italiane non ci sarebbe nulla di NOSTRO perchè sarebbero comunque francesi.
        C’è poi chi sostiene (vedi l’illustre di cui sopra), che non ci sono al mondo danni alla salute causati dalle scorie… sì… per adesso… vedremo tra qualche anno… senza contare quello che viene nascosto all’opinione pubblica.
        Scusa ma il mio non vuole essere un commento diretto a te in particolare, ma a tutti coloro che non si rendono conto della pericolosità del nucleare per noi e le future generazioni. SE CI SONO ALTERNATIVE PERCHE’ NON UTILIZZARLE?

      • paolo maggio 23, 2011 a 10:18 am #

        Perchè non vai a comprarti una casa a Fukushima e poi mi fai sapere?

      • Paolo maggio 23, 2011 a 12:34 pm #

        Grazie Paolo per il tuo suggerimento davvero “intelligente” !!

        Ma suggerirei a chi scrive di leggersi attentamente TUTTA la discussione.

        I botta e risposta inutili non danno certamente corpo alla discussione.

        A distanza di + di un mese, NESSUNO mi ha saputo dare ancora una risposta al mio quesito iniziale:
        “E allora, secondo queste persone, quali sarebbero i migliori metodi per la produzione INDUSTRIALE (che vuol dire Megawatt) di energia elettrica?
        E dato che la domanda di energia elettrica è sempre in aumento (come pure i costi dell’energia) e dato che al di là delle Alpi abbiamo le centrali nucleari dei francesci (che ci vendono l’energia elettrica), queste persone COME PENSANO DI RISOLVERE IL PROBLEMA dell’energia elettrica (inteso come produzione, distribuzione e affidabilità del sistema) ????????
        Bella domanda eh !!!!!”

    • Daniele Zuddas marzo 16, 2011 a 5:41 pm #

      Errore di battitura. Al punto 1 molti -> morti.. pardon

    • frangesco marzo 17, 2011 a 4:16 pm #

      può essere ke il nucleare nn serva ma lo stato italiano nn investe in altre fonti energetike x cui ke cazzo pretendete???anzi, oltre a nn investire il governo ha fermato gli incentivi statali ai pannelli fotovoltaici causando cosi la fine di un sacco di imprese

      • chiara maggio 25, 2011 a 11:17 am #

        Purtroppo finché il nostro Paese sarà governato da gente che pensa ai suoi soli interessi la vedo grigia per qualsiasi investimento in nuove tecnologie. Per come funzionano le cose qui da noi non oso immaginare come andrebbe l’andazzo: probabilmente venti anni prima di costruire qualcosa neanche a norma, il primo terremoto la butta giù, oppure l’opera completa sarà così pericolosa e mal fatta che accadrà qualche strage, infine, una volta che sarebbe da risistemare o ammodernare hai voglia! tutte le cose che vengono costruite qui da noi fanno in tempo ad invecchiare prima ancora di essere finite.Bisogna prima togliere di mezzo la politica e poi ne possiamo riparlare…

      • Paolo maggio 25, 2011 a 12:27 pm #

        Per fortuna il governo ha terminato gli incentivi… PERCHE’ SE SAI COME FUNZIONA QUESTA COSA, GLI IMPIANTI AI PRIVATI LI PAGHIAMO NOI CITTADINI CON LE NOSTRE TASSE.
        Mettre in piedi un impianto fotovoltaico non conviene, A MENO CHE TROVI QUALCUNO CHE TI FINANZI.
        OVVIO NO ???????
        Se il fotovoltaico fosse davvero conveniente, perchè allora ci sono tutte queste aziende in crisi?? Ma fatevi le domande e cercatevi le risposte !! Solo così crescere davvero !!

    • Crystal marzo 28, 2011 a 2:18 pm #

      Altri validi motivi per non volere il nucleare in Italia:
      1) In Italia i fenomeni sismici, bradisismici, vulcanici, l’instabilità del suolo(naturali), le frane, gli smottamenti, le esondazioni (provocate da una demenziale gestione dei territori da tempo immemorabile)sono presenti in quasi tutta la penisola. Pertanto non vi sono siti sicuri né per la costruzione tanto meno per lo stoccaggio delle scorie.
      2) Cito il Prof. VENOSI a RAI 3 il 18/2/2011: Il nucleare ha solo 60 anni di storia. Come si può pensare di gestire scorie, il Plutonio, che impiegano 240.000 anni per perdere la radioattività. Una centrale EPR di ultima generazione abbisogna di 100.000 litri di acqua al secondo per raffreddarsi: non basta il bacino del PO. Tutta quest’acqua, riscaldata, finirebbe per alterare l’ambiente Padano ed Adriatico in poco tempo, con danni incalcolabili per l’ambiente, l’agricoltura, la zootecnia, la pesca e il turismo.
      3) Le centrali costano prima, per farle, durante per mandarle avanti e controllarle, e dopo la loro dismissione: leggetevi le bollette, stiamo ancora pagando per la tenuta in sicurezza e la dismissione di quelle 4 vecchie centrali chiuse da anni.
      4) Non vi hanno mai detto che negli USA hanno ancora, che si sappia, 70.000 tonnellate di scorie che non sanno dove piazzare?
      Consiglio il libro “IL BIDONE NUCLEARE” di Roberto Rossi, passa parola.
      Visitate i siti http://www.greenpeace.it, ambiente_italia@rai.it, e legambiente.

  2. emi marzo 14, 2011 a 3:43 pm #

    ATTENZIONE è in atto da parte dei PRO Nucleare un’enorme campagna di disinformazione atta a confondere gli elettori!!!
    PER FERMARE IL NUCLEARE DOVETE VOTARE SI!!!
    SI per abrogare la legge schifezza che vuole riportare il nucleare in italia.

    questo stesso articolo per alcuni meno pratici sulle meccaniche dei referendum abrogativi possono essere fuorviati (in questo caso involontariamente) ed intendere NO al nucleare = NO al referendum.

    questo sarebbe devastante per l’esito :(

    • C&M marzo 21, 2011 a 5:23 pm #

      Hai ragione, grazie per averlo puntualizzato!

  3. FrancescA marzo 14, 2011 a 4:18 pm #

    12 Il nucleare non rovina….DISTRUGGE.
    Attenzione a non avallare gli interessi di “qualcuno”.
    Non migliorerà la nostra vita, ci saranno speculazioni anche su quello, ma potrebbe peggiorarla e non di poco.
    In Italia ci sono già tanti problemi.
    La vita e la salute delle persone sono troppo importanti.
    Diciamo SI per fermare il nucleare.
    F.

  4. Filippo (Bruxelles) marzo 14, 2011 a 4:20 pm #

    Il pericolo più grave è quello della spregiudicatezza della classe politica e degli imprenditori collegati (= criminalità organizzata !). Sarebbero capaci di costruire le centrali con la sabbia delle spiagge, come la casa dello studente à L’Aquila !!!
    Che Dio ci scansi e liberi !!!

  5. Marcello Marani marzo 14, 2011 a 4:55 pm #

    Credo che noi, più italici o italioti che Italiani, in quanto nessuno ci ha educati ed insegnato ad essere cittadini coscienti, mentre siamo stati da secoli addomesticati per essere sudditi ossequienti e plaudenti, nella stragrande maggioranza, abbiamo due difetti: quello di volare sempre in soccorso ai vincitori, e quello di arrivare sempre dopo gli ultimi, con la pretesa di reinventare l’ombrello le patate lesse e l’acqua calda.
    Infatti mentre a suo tempo con il no al nucleare ci siamo castrati da soli, mentre allora aveva un senso anche sulla base di cose che non conoscevamo a fondo, oggi sulla base delle nuove conoscenze e tecnologie per le fonti rinnovabili, riproporre il nucleare sarebbe come riproporre la scrittura sulla pietra, dopo che da questa al papiro ed alle tavolette si è arrivati alla carta e persino al DVD.
    Ma il grosso problema sarà come riportare la “gggente” a votare per i referendum e dobbiamo impegnarci tutti allo spasimo per consentire che si arrivi a quel quorum, che grazie al fenomeno di rigetto prodotto dai pannelliani con la loro orgia referendaria, hanno fatto si che gli elettori alla fine si sono stufati di essere chiamati persino come cantava Gaber : “….per sapere dove che i cani debbono pisciare…”, consentendo così il boicottaggio ed il fallimento anche su questioni importantissime e vitali come la fecondazione assistita e le cellule staminali.
    Incrociamo allora le dita e lavoriamo per portare parenti, amici, e conoscenti tutti a votare compatti.

  6. Luigi marzo 14, 2011 a 5:06 pm #

    Non capisco perchè come immagini ad effetto sul nucleare si mettano sempre foto di grandi vapori che escono dalle torri di evaporazione… Quello è solo vapore acqueo!

    • Filippo (Bruxelles) marzo 14, 2011 a 5:34 pm #

      il vapore trasporta le particelle radioattive. Prima di criticare, senza apportare niente di nuovo o di costruttivo, informarsi !!!

      • kurojishi marzo 14, 2011 a 6:10 pm #

        no, quello è solo vapore acqueo, mettono quelle immagini perchè fanno impressine…

      • Alessio marzo 14, 2011 a 6:12 pm #

        Il vapore acqueo delle torri di evaporazione ha una temperatura decisamente elevata, che, al di là di particelle radioattive o meno, riscalda l’atmosfera. E con l’effetto serra che c’è oggi, meglio lasciarla fresca l’atmosfera. Artide e Antartide ringraziano.

    • ROBERTA marzo 14, 2011 a 10:27 pm #

      si, ma è un vapore “leggermente” radioattivo….non è un vapore per suffumigi!!!

      • Da-Da maggio 31, 2011 a 4:56 pm #

        XD x il riscaldamento hai ragione… :) molto meglio girare con i macchinoni ed inquinare con quelli che fare una centrale e toglierci il problmea dell’energia :) proprio una bella trovata :) Meglio divertirci ade e mandare a puttane tutto no?? :D

  7. fausto / fardiconto marzo 14, 2011 a 6:10 pm #

    Trovo scritto nel post: “Le scorie a vita media rimangono radioattive da 200 a 300 anni, le scorie a vita lunga anche miliardi di anni…”.

    Secondo questo criterio, l’uranio naturale sarebbe una “scoria a vita lunga”. Il problema è che, al crescere del tempo di dimezzamento per un dato isotopo, l’attività dello stesso diviene più scarsa. Le scorie davvero pericolose sono quelle a vita breve e media (intendendo per vita media una roba con tempi di dimezzamento di centinaia di migliaia di anni); queste manifestano emissioni decisamente elevate rispetto agli isotopi naturali da cui derivavano.

    Paradossalmente, se riuscissimo a produrre scorie con emivita di miliardi di anni avremmo risolto il problema: dato che sarebbero dotate di attività simile a quella dell’uranio naturale! Il problema della fissione è proprio questo: converte isotopi con emivita lunga in altri con emivita breve, e quindi genera residui ad altissima radioattività.

    Per tutto il resto credo di poter essere (relativamente) d’accordo. Aggiungerei solo una postilla: in Italia, sulla terraferma, non disponiamo di acqua per il raffreddamento; perfino il Po si è rivelato inaffidabile nelle ultime estati, mandando in crisi varie centrali termiche.

    • attilia.nano marzo 14, 2011 a 6:42 pm #

      IL PROBLEMA DELL’ACQUA PER IL RAFFREDDAMENTO DEI REATTORI MI SEMBRA NON SIA COSI’ IRRISOLVIBILE ANCHE PERCHE’ SE I NOSTRI VICINI DI CASA, SVIZZERI E FRANCESI, HANNO LE CENTRALI NUCLEARI A POCHI KM. DAI NOSTRI CONFINI POTREMMO COSTRUIRLE BENISSIMO ANCHE NOI. LOGICAMENTE, ANCHE SE NEL MEDITERRANEO E’ QUASI IMPOSSIBILE CHE AVVENGA LO TSUNAMI, LE CENTRALI NON VERREBBERO COLLOCATE IN SICILIA O NELL’ISOLA D’ELBA!!IL FUTURO E’ COMUNQUE, CHE PIACCIA O NO, QUELLO DELLE CENTRALI CHE SARANNO DI QUINTA, SESTA..GENERAZIONE.

      • dylan dog marzo 14, 2011 a 8:31 pm #

        bravo attilia.nano. Il nucelare sarebbe la scelta corretta. Lo dice un uomo di sinistra!

      • Lorenzo marzo 15, 2011 a 12:33 pm #

        Fortunato Attila.nano, hai la sfera di cristallo?
        Vedi se riesci ad andare…

      • chiara maggio 25, 2011 a 11:31 am #

        Sta scherzando spero! Fosse solo lo tsunami l’unico problema!Il problema è che ovunque nel nostro paese c’è rischio sismico.Ci aggiunga poi il Vesuvio,il vulcano più pericoloso d’Europa,i Campi Flegrei, l’Etna e siamo a posto!Se vogliamo dare il colpo di grazia al nostro Paese accomodiamoci. Se chi ha il potere volesse davvero il nostro bene sfrutterebbe le meraviglie naturali che l’Italia possiede.Potremmo camparci tutti quanti con le ricchezze culturali che abbiamo,con il turismo,l’arte. Quello sì che sarebbe un bel futuro per tutti noi, potevamo essere il resort dell’Europa,ogni nostro paesino è un gioiello e qui pensano alle centrali!

    • C&M marzo 21, 2011 a 5:26 pm #

      Grazie per il tuo commento esperto, hai chiarito un pò di idee!

      • Da-Da maggio 31, 2011 a 4:59 pm #

        :) sono pienamente daccordo :) xò la centrale 1 fà energia a differenza dell’arte (nn che nn si debba proporla… ANZI!!!) 2 x le scosse, può venire anche sulle alpi e far crollare tutte le centrali che ci sono al dilà del confine 3 se nn volete la centrale fate almeno qualcos’altro no?? energia mareomotrice?? i miliardi di corsi d’acqua alpini?? un pò del bel sole italiano?? …

  8. edop marzo 14, 2011 a 6:31 pm #

    mamma mia che IGNORANZA…10 punti ce ne fosse uno coerente o sensato…

    • ROBERTA marzo 14, 2011 a 10:41 pm #

      Se posso ne aggiungo un’undicesima ragione per dire no in Italia al nucleare: gli italiani!
      Perchè noi italiani non avendo un minimo di senso civico trattiamo il nostro paese ( perla del mediterraneo) come se tutto fosse di altri, non nostro e quindi che male c’è se non curo ciò che mi sta intorno.
      noi Italiani, popolo di maneggioni, che il guadagno viene prima di ogni altra cosa….dove tenere in ordine, pulito e in pefetta funzione costa sempre troppo quindi si fa solo lo stretto necesario perchè nessuno si accorga che “sotto il tappeto persiano” ci abbiamo nascosto lo sporco scopato in tutta la casa…..
      E a questo tipo di persone dareste in mano la costruzione e la manutenzione di una centrale nucleare?
      Io no….
      sono tornata ieri da un viaggio a Londra….ci siamo chiesti e abbiamo domandato:”come mai non ci sono cestini per la città?” Ci hanno risposto:”per gli attentati!”
      Ci siamo richiesti:”come mai non abbiamo trovato a terra nemmeno un pezzettino di carte, un mozzicone di sigaretta, e una cicca masticata?
      Bè…li vivrei anche accanto a una centrale nucleare!

      • filippo giugno 16, 2011 a 2:15 pm #

        Brava, il problema sta nel cervello degli italiani…

    • MarcoL marzo 14, 2011 a 10:43 pm #

      Mamma mia, che SAGGEZZA e quante argomentazioni profonde nel tuo pensiero, invece…
      edop, potresti per piacere argomentare, invece di dire semplicemente che il pensiero degli altri è incoerente o insensato?

  9. Ezze marzo 14, 2011 a 9:33 pm #

    Il nucleare non é necessario perché la ditta Piromex Italia ha giá collaudato il suo motore magnetico che produce elettricitá da 1,5 a 500 mega wat, ed ora anche da 1000 mega wat. Non consuma niente perché sfrutta la potenzialitá dinamica del campo magnetico. Perció non sporca assolutamente,perché non produce scarti. Andate a vedere il sito della ditta che ho trovato :www.motore magnetico Piromex Italia

    • james marzo 14, 2011 a 10:48 pm #

      sbagli…perchè per creare un campo magnetico che genera quella energia…di elettricità ne serve il doppio… il futuro sono le centrali a fusione nucleare…con quelle non ci sarà più bisogno di altri fonti di energia ne basteranno una decina(max)per avere elettricità sufficiente per l’intero globo

  10. Ezze marzo 14, 2011 a 9:52 pm #

    A proposito di centrali nucleari sicure. Andate a vedere cosa dice la ditta ” Del Fungo Giera ” del suo reattore nucleare di quarta generazione giá in funzione da quasi un anno. è a raffreddamento con piombo fuso,produce 1/100 dei rifiuti dei precedenti tipi di reattori,degradabili in 40 anni e non in 100 000 anni. Impiega uranio238 non impiegabile a fini militari. Comunque é di gran lunga preferibile il motore magnetico Piromex Italia. Personalmente ho ideato una turbina idraulica che sfrutta la potenzialitá dei corsi d’acqua senza creare invasi,ed un sistema per sfruttare quella delle onde marine.

    • Ale marzo 14, 2011 a 11:15 pm #

      Caro Ezze,
      ho visitato il sito e per carità se non capisci l’inglese informati! Guarda il video, le centrali di IV generazione (e non è un modello nuovo!!!) sono raffreddate con grafite e acqua… inoltre l’uranio impoverito detto 238 è di scarto (anche x loro!) e viene utilizzato, purtroppo in ambito militare..
      Riguardo alle scorie, mi sto informando.. è strano pensare (perchè è attualmente il maggiore problema), come afferma il sig. Domenico Libro, che le sue centrali non producono scorie radioattive.

      • Ale marzo 15, 2011 a 12:46 am #

        In effetti, Lead-Cooled Fast Reactor (LFR) è refrigerato a piombo.. (che è una sostanza altamente tossica..) il piombo presenta più vantaggi rispetto ad un sistema raffreddato a sodio, quali la bassa reattività con l’aria e acqua..ma permane la corrosione e da problemi di scambi di calore ad alte temperature.Il reattore ha un alto rendimento ma le scorie rimangono, e se è un’autofertilizzante alimentato a torio (lo deduco x via del tempo di decadimento delle scorie che tu hai citato) bè anche questo da seri problemi di smaltimento poichè si incendia facilmente (quindi deve essere stoccato in particolari strutture arieggiate) ed in caso di perdite è causa di svariati tumori. Per concludere sono tutti reattori sperimentali e a quanto pare nn ce ne sono in giro!

  11. Maria Russo marzo 15, 2011 a 12:07 am #

    A volte le persone che comandano, quelle che stanno al potere, con il tempo, cominciano a perdere una visione reale del mondo che li circonda, infatti essi credono di essere immortali, emissari diretti di Dio in Terra.
    Ogni tanto, le forse della natura, (forgiate da Dio) gli ricordano, che sono semplici mortali e che non godono di nessun privilegio (Celeste). xD
    Prima o poi anche essi moriranno, forse sotto le radiazioni, dei reattori, che loro stessi hanno contribuito a costruire.
    E molto importante ricordare, che noi non siamo Giapponesi, se dovesse succedere un tragedia, “a causa di un terremoto”, qui in Italia, chissà cosa succederebbe?
    Questi reattori di 3 generazione saranno obsoleti in pochi anni e saranno rimpiazzati da altri paesi con quelli di 4 generazione!

  12. sheila marzo 15, 2011 a 7:30 am #

    Esiste qualcuno nel mondo che sappia prevedere con certezza il momento, il luogo e l’intensità di un terremoto? Come si fa per impianti di qualunque genere, per progettare la sicurezza si prende a riferimento quanto già accaduto nella zona in cui si costruirà ( pure per la centrale di Fukushima si è fatto così: dato che nella zona non si era mai verificato un terremoto di intensità superiore a 8 gradi della scala Richter, è stata progettata per resistere a un terremoto di 8,5- 8,6 ….”peccato” che il terremoto dell’11 marzo era di 9 …) In Italia abbiamo 708 comuni ad alto rischio sismico ( tranne nelle regioni Veneto, Liguria, Lombardia, Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Sardegna, Emilia Romagna e Toscana), e 2345 comuni a rischio medio ( escluse Trentino alto adige, Val D’Aosta e Sardegna)( fonte La protezione civile )…Basta solo questo ad escludere il nucleare come possibilità…mettere nel giardino di casa un pericolo simile per 4 centrali che copriranno il 10% del fabbisogno. Non mi sembra un grande affare per i cittadini…

  13. Nicola Sap marzo 15, 2011 a 10:02 am #

    11. Il nucleare viene propagandato da coloro che avrebbero interessi economici nella sua realizzazione (lobbisti)

    12. I sostenitori del nucleare sono demagogici: vogliono far credere all’opinione pubblica che gli antinuclearisti sono per il petrolio, quando invece noi siamo per le RINNOVABILI

    13. Il nucleare in Italia c’e’ stato: 4 centrali, …che coprivano meno dell’8% del fabbisogno, e che sono TUTTORA in fase di dismissione (in regime di segreto militare!)

    14. L’europa sta abbandonando il nucleare. I finanziatori dell’unica centrale in costruzione (in Finlandia) hanno dichiarato di non essere piu’ interessati al progetto! La Germania ha dichiarato che il nucleare e’ una fase finita, servita solo come passaggio-ponte verso le rinnovabili!

  14. Matteo Vitiello marzo 15, 2011 a 11:55 am #

    Scopri le alternative al nucleare:
    http://wp.me/p19KhY-fK

    ciao,

    Matteo

  15. samuel marzo 15, 2011 a 12:35 pm #

    5. Il nucleare non è necessario
    Entro il 2020 le fonti rinnovabili, insieme a misure di efficienza energetica, sono in grado di produrre quasi 150 miliardi di kilowattora, circa tre volte l’obiettivo di Enel sul nucleare, tagliando drasticamente le emissioni di CO2.

    Siamo sicuri che sia 150 miliari di kilowattora… ma se raggiungiamo a malapena 50.000Mw …matematica ragazzi…

  16. Paolo marzo 15, 2011 a 1:27 pm #

    Ho letto con grande interesse tutti i commenti, e VI RINGRAZIO DAVVERO PERCHE’ LA MAGGIOR PARTE FA’ RIDERE.
    Dal mio punto di vista e a mio parere (per la mia conoscenza tecnica – dato che non esiste la conoscenza assoluta sui problemi di cui si parla) è tutto vero (tranne le cazzate che qualcuno ha scritto)e allo stesso tempo tutto falso dato che non si esiste una domanda precisa alla quale rispondere e soprattuto da che punto di vista raggiungere gli obiettivi preposti (Se ce ne sono).
    Come dice la canzone dei PooH “Una domenica da buttare”: “se manca corrente, non funziona più niente” !!
    E allora, secondo queste persone, quali sarebbero i migliori metodi per la produzione INDUSTRIALE (che vuol dire Megawatt) di energia elettrica?
    E dato che la domanda di energia elettrica è sempre in aumento (come pure i costi dell’energia) e dato che al di là delle Alpi abbiamo le centrali nucleari dei francesci (che ci vendono l’energia elettrica), queste persone COME PENSANO DI RISOLVERE IL PROBLEMA dell’energia elettrica (inteso come produzione, distribuzione e affidabilità del sistema) ????????
    Bella domanda eh !!!!!

    • Alessio marzo 15, 2011 a 5:30 pm #

      Sono del parere che l’Italia ha bisogno del nucleare; purtroppo, come dice Paolo, non esiste un fonte rinnovanile ingrado da sola di soddisfare la richiesta di energia di cui ha bisogno la nostra nazione.

      Dovete sapere, che il nuovo nucleare, servirà solamente per placare la sempre più alta richiesta di energia.
      I consumi aumentano in modo vertiginoso ed è impensabile credere che le fonti di energia alternativa possano soddisfare questa richiesta, sarebbe bellissimo ma non è per il momento possibile.

      Quindi dobbiamo ammettere che ne abbiamo bisogno e che dobbiamo seriamente prenderlo in considerazione, anzi credo che non abbiamo alternative.

      Perchè tornare al nucleare?

      -Perchè ne abbiamo bisogno per soddisfare la richiesta di energia.

      -Perchè non esistono altri metodi ingrado di soddisfare questa richiesta.

      -Perchè si può ottenere energia pulità a differenza delle attuali centrali a carbone. Tra l’altro queste ultime sono di gran lunga più pericolose di quelle nucleari, inquinano sicuro e sono molto più dannose verso l’ambiente. Ma non solo, le ceniri che si ottengono dalla combustione sono ricche di radionuclidi naturali e quindi sono dei NORM (fate una ricerca).

      Perchè l’energia nucleare è considerata pulita?

      -Perchè la reazione di fissione avviene nel nocciolo del reattore che è completamente isolato dall’ambiente esterno e tutto l’mpianto si trova all’interno di una cupola di contenimento. Il calore viene trasferito, dal nocciolo all’acqua che aziona poi le turbine, attraverso dei scambiatori di calore che hanno un impianto completamente isolato da quello del nocciolo e quindi non ci può essere dispersione di materiale radioattivo.
      Dalle torri della foto in alto esce del semplice vapore acqueo, e anche se dovesse contenere qualche radionuclide è completamente trascurabile.

      E le scorie?

      -L’unico problema delle scorie è che hanno un elevata attività di radiazioni, questo è si un problema ma è anche vero che esse possono essere trattate e conservate senza particolari problemi in appositi contenitori in appositi depositi.

      -L’Europa sta individuando un deposito unico dove poter consevare le scorie di tutte le nazioni UE e ci sono già diversi siti di interesse e nessuno di essi si trova in Italia.

      Per quanto riguarda il Giappone, nonostante le centrali non siano eccessivamente moderne hanno dimostrando che i sistemi di sicurezza hanno funzionato, purtroppo per loro lo tzunami ha danneggiato i generatori diesel che avrebbero dovuto garantire il pompaggio dell’acqua di raffreddamento.

  17. pietro marzo 15, 2011 a 2:29 pm #

    Giusto, ma secondo me manca il principale argomento contro il nucleare.

    Il nucleare è inammissibile in Italia, per la corruzione e inettitudine dei nostri governanti, e per la presenza massiccia della criminalità organizzata a ogni livello dello stato.

    Il rischio di un incidente è forte ovunque, ma lo sarebbe a dismisura dove le centrali fossero costruite dalla Camorra, e dirette da deficienti irresponsabili collocati dei partiti. E gli effetti di un incidente da noi sarebbero tremendamente aggravati per la totale incapacità, il disinteresse e il cinismo dei nostri governanti nel gestire la minima emergenza.
    Città abbandonate e in rovina per sempre. Sfollati ammassati e dimenticati nel corso di decenni in tendopoli e campi profughi. Un popolo tenuto all’oscuro, informato troppo tardi, imbrogliato e tradito come sempre. Rifiuti tossici gestiti dalla Mafia e Camorra nello stile della criminalità creativa: stipati nei boschi, nelle campagne, nelle spiagge, nelle falde acquifere.

    Peraltro penso che questo quadretto sia ben chiaro anche al governo, e infatti penso che non abbia la minima intenzione di realizzare veramente le centrali e rischiare situazioni imbarazzanti. Penso che i nostri parassiti politici ne faranno un altro mezzo per succhiare il denaro pubblico, senza mai uscire dalla fase di progetto. Come per il ponte sullo stretto (e si potrà sempre incolpare i soliti “comunisti” della mancata realizzazione delle opere).

    • chiara maggio 25, 2011 a 11:35 am #

      QUOTO AL 1000X1000

  18. Antonietta Furlan marzo 15, 2011 a 2:32 pm #

    Una bella domanda Paolo?
    Dove te li ficchi questi Megawatt dopo che sei morto?
    Guarda che la daga di Principe of Persia, in Italia, non esiste!!
    Forse credi di essere Gesù Cristo?
    Io me ne sbatto del tuo immenso bisogno ti tenere acceso tutto il giorno il tuo benedetto tamagotchi!
    A me basta continuare a vivere!

  19. Paolo marzo 15, 2011 a 2:48 pm #

    Grazie Antonietta, sei davvero “illuminante”.
    Hai risposto perfettamente a tema alla mia domanda che era, ricordiamolo,
    “quali sarebbero i migliori metodi per la produzione INDUSTRIALE (che vuol dire Megawatt) di energia elettrica”

    La tua soluzione è:
    spegniamo tutti i benedetti tamagotchi!!
    Grazie!! Chissà coma mai l’ENEL non ci ha pensato prima!!

  20. Luigi Taccori marzo 15, 2011 a 3:21 pm #

    io ci porterei berlusconi con tutto il governo, in giappone dove è successa la catastrofe nucleare, e li avrei lasciati li per 438 ore senza protezione, così avrebbero imparato a non contiunuare con l’idea del nucleare anche in italia

    • Giorgio marzo 16, 2011 a 1:25 pm #

      Catastrofe nucleare?? Guardate che dei 10.000 morti e dispersi nessuno ha ancora a che fare con il nucleare.

      E come al solito si usa l’ennesima tragedia altrui per alimentare idee strambe a casa nostra. L’energia nucleare e’ obiettivamente piu avanti delle tradizionali e le alternative, e per questo motivo va accuratamente considerata e gestita. Chernobyl e’ successo 25 anni fa ed e’ stato un problema nettamente differente dal Giappone, e non sta scritto da nessuna parte che qualcosa in Europa abbia a che fare con lo stesso problema.

      Nessuno che abbia le palle di ammettere che e’ una faccenda complessa e non si possono sparare giudizi a cazzo.

  21. Paolo marzo 15, 2011 a 3:58 pm #

    Luigi, carissimo, guarda che ti sbagli!!

    Stando alle notizie dell’ANSA, al momento in Giappone non è successa nessuna “catastrofe nucleare” !!

    A fukushima invece si è verificato un CATACLISMA, una cosa impensabile e non considerata di quella portata (avevavo previsto la resistenza a uno tsunami con onde di 6 metri). E gli oltre 5000 morti accertati e gli altri 9000 dispersi ce ne danno chiaramente evidenza. Prima della centrale nucleare, il disastro l’ha già fatto la natura…..

    E cosa c’entra Berlusconi con tutto questo??
    Guarda, adesso fuori stà piovendo… ma è colpa di Berlusconi pure questo ????

  22. Paolo marzo 15, 2011 a 4:13 pm #

    Vorrei anche simpaticamente rispondere a quel buontempone di Matteo Vitiello, che riporta questo link:

    http://buenobuonogood.wordpress.com/2011/03/03/le-tecnologie-ad-energia-libera/

    La domanda che gli pongo è:
    ma TU, hai mai provato a replicare con successo quelle macchine elettriche del progetto MEG ???
    Prima prova, e se per caso ci riuscissi, poi spiega agli altri come hai fatto !!

    Tesla, Bedini e tutti gli altri che hanno trovato soluzioni fantasmagoriche, ma è possibile che non si riesca a replicarle con successo??
    Ma perchè non esiste in commercio un generatore basato su propulsione magnetica che ti puoi comprare, installare in casa e staccarti finalmente dall’ENEL ??

    Ti ringrazio fin d’ora delle informazioni riguardo le macchine da te sperimentate e soprattutto dei dati di efficienza che mi vorrai fornire a supporto delle tue prove !!!!

  23. mark marzo 15, 2011 a 4:26 pm #

    Ma: le energie rinnovabili sono discontinue (salvo l’idroelettrico e il geotermico) e perciò inutili per la produzione industriale; il costo per Kwh delle E.R. come fotovoltaico o eolico è enormemente più alto di quello del nucleare e già oggi grava sulla bolletta che paghiamo (e graverà sempre di più per decine di anni) ; tutti gli impianti sono pericolosi, anche le dighe, le raffinerie, i pozzi di estrazione, e sono meno controllati e controllabili delle centrali nucleari; il fatto che le energie rinnovabili siano una grande fonte di lavoro è risibile, quel che conta è il costo di produzione del KWH, altrimenti tanto varrebbe eliminare tutta la nostra civiltà meccanica, eliminare i mezzi di trasporto a motore e tornare a schiere di tricicli a traino umano, l’occupazione ne avrebbe un gran beneficio!

  24. Paolo marzo 15, 2011 a 4:29 pm #

    Daiii, rispondo anche a Sheila, molto simpatica anche lei….

    Come ho già avuto modo di dire a Luigi, il problema non è il terremoto di 8,6 o 9…. o 10!!!
    Chi se ne frega…. tanto il reattore si è spento. Le sicurezze hanno funionato a dovere. TUTTO COME PREVISTO.
    Il VERO problema è stata l’onda dello tzunami che con la sua potenza ha SPAZZATO VIA OGNI COSA, compresi gli impianti di raffreddamento del reattore che , come noto, è andato in uno stato di surriscaldamento.
    E come in una enorme pentola a pressione, i tecnici non hanno potuto far altro che alzare la valvola per evitare conseguenze ben peggiori.

    E fino ad adesso i morti li ha fatti la potenza della NATURA (il cataclisma), non le radiazioni.

    Mettere in sicurezza il sito è difficoltoso non perchè i tecnici giuapponesi siano dei cazzoni o degli incompetenti, ma perchè operativamente muoversi in una devastazione del genere è obiettivamente di estrema difficoltà. Mancano infrastruttute, acqua ed energia. Vorrei vedere te ad operare TEMPESTIVAMENTE in quelle condizioni e dovendo ulteriormente dare priorità per salvare il salvabile delle vite umane…..

  25. Paolo marzo 15, 2011 a 4:37 pm #

    Grazie Mark, hai detto una cosa saggia !!!

    E allora invito tutti gli amici che hanno scritto a prendere visione del servizio delle IENE riguardo al fotovoltaico che possono trovare qui:

    http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/214461/golia-energie-rinnovabili.html

    Vi raccomando di prestare attenzione particolare da 2:30 a 3:00 dove si parla di costi e energia resa. E se sapete fare i conti vi rispondete da soli.
    A proposito, l’impianto a Paolo (il tizio del filmato), glielo abbiamo pagato tutti noi !!!!

  26. Maria Russo marzo 15, 2011 a 4:46 pm #

    Ma scusa Paolo ma che ragionamento è?
    Loro fanno profitti, mica te la regalano questa benedetta energia!
    E evidente che più consumiamo più saranno contenti quelli del’Enel!
    E poi loro non vogliono concorrenza!
    Se io riesco a soddisfare i bisogni energetici della mia casa, per esempio con l’utilizzo di 3 mini-pale eoliche domestiche, sul mio tetto, non credo proprio che quelli del’Enel saranno contenti!
    Niente, Signora Antonietta, auguri, lei non usufruisce dei nostri servizi, grazie infinite a lei e a tutta la sua famiglia!

    • Samuel Bonazzi marzo 15, 2011 a 5:05 pm #

      Sig.ra Maria e libera di staccarti dall’Enel e usare un impianto autonomo… però non vedo come riuscirà ad accendere la luce la notte con il fotovoltaico e nelle notti senza vento con le pale eoliche.

      • Giorgio marzo 16, 2011 a 1:26 pm #

        Bonazzi sapientone, Il fotovoltaico accumula energia, non e’ unicamente pay as you go!

  27. io marzo 15, 2011 a 5:09 pm #

    quante parole……la risposta cè e non è il fotovoltaico http://www.youtube.com/user/da84ro sveglia!!!!!

    • Paolo marzo 15, 2011 a 5:35 pm #

      Il filmato è bellissimo, ma bello bello !!!
      Da ridere insomma…
      I dati di fatto sono che per la produzione di energia elettrica attualmente conosciuti non ci sono sistemi riconducibili a Tesla o Bedini.
      Forse è meglio che tu dia un’occhiata a tutte le sperimentazioni a riguardo del progetto MEG….
      Poi su come utilizzare l’energia elettrica siamo tutti bravi, auto comprese…. la discussione è infinita.
      Mi ricordo solo una cosa: una macchina che era commercializzata un pò di anni fà in america (solo noleggio, non si poteva acquistare) per “fare il pieno” aveva bisogno di una potenza di 6,5 KW. Il “normale” contatore ENEL di casa tua eroga 3 KW !!! Se ritroverò la documentazione provvederò a postarla…
      Ciao!!

    • samuel marzo 15, 2011 a 5:46 pm #

      Si c’erto e io ho la marmotta che confeziona la cioccolata sul tapirulan che mi produce l’energia per la casa…

      • Paolo marzo 15, 2011 a 6:25 pm #

        ahahahahaha, la voglio anch’ioooooo !!!!!!

  28. Alessio marzo 15, 2011 a 5:31 pm #

    Sono del parere che l’Italia ha bisogno del nucleare; purtroppo, come dice Paolo, non esiste un fonte rinnovanile ingrado da sola di soddisfare la richiesta di energia di cui ha bisogno la nostra nazione.

    Dovete sapere, che il nuovo nucleare, servirà solamente per placare la sempre più alta richiesta di energia.
    I consumi aumentano in modo vertiginoso ed è impensabile credere che le fonti di energia alternativa possano soddisfare questa richiesta, sarebbe bellissimo ma non è per il momento possibile.

    Quindi dobbiamo ammettere che ne abbiamo bisogno e che dobbiamo seriamente prenderlo in considerazione, anzi credo che non abbiamo alternative.

    Perchè tornare al nucleare?

    -Perchè ne abbiamo bisogno per soddisfare la richiesta di energia.

    -Perchè non esistono altri metodi ingrado di soddisfare questa richiesta.

    -Perchè si può ottenere energia pulità a differenza delle attuali centrali a carbone. Tra l’altro queste ultime sono di gran lunga più pericolose di quelle nucleari, inquinano sicuro e sono molto più dannose verso l’ambiente. Ma non solo, le ceniri che si ottengono dalla combustione sono ricche di radionuclidi naturali e quindi sono dei NORM (fate una ricerca).

    Perchè l’energia nucleare è considerata pulita?

    -Perchè la reazione di fissione avviene nel nocciolo del reattore che è completamente isolato dall’ambiente esterno e tutto l’mpianto si trova all’interno di una cupola di contenimento. Il calore viene trasferito, dal nocciolo all’acqua che aziona poi le turbine, attraverso dei scambiatori di calore che hanno un impianto completamente isolato da quello del nocciolo e quindi non ci può essere dispersione di materiale radioattivo.
    Dalle torri della foto in alto esce del semplice vapore acqueo, e anche se dovesse contenere qualche radionuclide è completamente trascurabile.

    E le scorie?

    -L’unico problema delle scorie è che hanno un elevata attività di radiazioni, questo è si un problema ma è anche vero che esse possono essere trattate e conservate senza particolari problemi in appositi contenitori in appositi depositi.

    -L’Europa sta individuando un deposito unico dove poter consevare le scorie di tutte le nazioni UE e ci sono già diversi siti di interesse e nessuno di essi si trova in Italia.

    Per quanto riguarda il Giappone, nonostante le centrali non siano eccessivamente moderne hanno dimostrando che i sistemi di sicurezza hanno funzionato, purtroppo per loro lo tzunami ha danneggiato i generatori diesel che avrebbero dovuto garantire il pompaggio dell’acqua di raffreddamento.

  29. scaby89 marzo 15, 2011 a 6:46 pm #

    più leggo questa discussione..e più mi accorgo come l’italia sia un paese di bambini troppo cresciuti che ogni due secondi litigano per la caramella degl’altri..ognuno è pronto a sputtanare anche il proprio miglior amico pur di vincere..nn esiste collaborazione..spiegatemi come si può esser favorevoli al nucleare..quando la dimostrazione lampante,immediata e concreta si ha avuto con chernobyl..in quel periodo avevo mio fratello che manco poteva bere il latte perchè pericoloso..rendiamoci conto..negare il latte ad un bambino..(follia pura)..persone che morivano di leucemia..e persone che tutt’ora ne portano le conseguenze..in germania c’è un intero paese alimentato da fonti esclusivamente rinnovabili(aria-sole)nn inquinanti…il problema fondamentale che c’è in italia..nn è dovuto al fatto che nn c’è possibilità di aver energia sufficiente per l’intero paese..il problema vero italiano..(e io mio vergogno degl’italiani e del governo che ci ha guidati dal ’94 in poi)..è che ci sono troppi interessi,legati a mafia-ndragheta-camorra..vi chiedo(e mi riferisco a coloro che nella loro testa..un pò malata..se vi foste trovati nella chernobyl degl’anni 80..avreste ancora voluto il nucleare..sareste ancora cosi d’accordo??io nn credo..altrimenti vorrebbe dire che siete malati forti)..Einstein disse:”L’uomo ha scoperto la bomba atomica,
    però nessun topo al mondo costruirebbe una trappola per topi”..egli nn era proprio uno stupido..anzi..
    mi è bastato uscire dall’italia per fare due gite scolastiche..per capire che quelli che sbagliano..siamo noi…nn loro..a monaco..i cestini ci sono come qui..ma a monaco nn ci stanno manco le foglie per terra..questo per farvi capire quanto ci tengano alla pulizia..
    se siete convinti del nucleare tanto vale prenotarsi un viaggio sola andata per il cimitero..
    con chernobyl si parla di più di 4000 vittime causate da tumori e leucemia fulminante negl’anni post esplosione(leucemia fulminante significa che se oggi stai bene corri,salti e fai ogni cosa..dopo 10 giorni sei morto)..il problema italiano è che nn si conosce il termine sacrificio..siamo viziati..abbiamo bisogno di un sacco di energia per vivere..mentre basterebbe prender e andar a lavorar in bici quando c’è una bella giornata..invece siamo pigri..conosco persone che hanno l’ufficio di fronte casa e ci vanno in macchina..cose mai viste..assurde..IO dico NO aL NUCLEARE…pensateci nuclearisti..perchè se poi i vostri figli o nipoti un giorno nn potranno bere latte..o moriranno di tumore o leucemia..poi nn venite a piangere..

    • Paolo marzo 15, 2011 a 7:31 pm #

      Ciao Scaby89,
      rispetto il tuo pensiero.

      Ma tu, prima di nominare la parola Chernobil, sai esattamente cosa successe e chi c’era al potere in Russia (e la loro filosofia) a quei tempi??
      Parli solo delle conseguenze (“…si parla di più di 4000 vittime …”) senza magari avere cognizione di causa.
      Di Chernobil si può dire di tutto, tranne che si trattò di un incidente.
      Non solo di chi quella sera conduceva gli esperimenti, ma soprattutto delle autorità che nascosero la gravità della cosa (per paura di una figura di merda che comunque hanno fatto ugualmente).
      Ora ti chiedo:
      Perchè furono disattivate tutte le protezioni sul reattore ??
      Perchè la città non fù immediatamente evacuata??

      Così hanno ammazzato un numero imprecisato di persone….

      Gli errori li commettono le persone, non le macchine o gli impinati .

    • samuel marzo 15, 2011 a 7:34 pm #

      non mi quadra una cosa… se tu sei dell’anno 89… la sciagura di cernobil (ricordiamo che è stato errore umano non da fattore naturale come in giappone)e avvenuta nell’86 tre anni prima della tua nascita… come fai ha ricordartelo… non me lo ricordo io che sono pochi anni più grande di te… e quelli che abitano di fianco ad una raffineria… centrale termoelettrica… industria chimica… quanti biglietti prendono a testa per il cimitero????????

      • Paolo marzo 15, 2011 a 8:47 pm #

        ahahahahahaha ma dove si comprano i biglietti ????

        Per fortuna riusciamo anche a riferci sopra a tanta drammaticità !!!

    • Giorgio marzo 16, 2011 a 1:29 pm #

      Scaby sei uno scam!!!! ma che ti ricordi!!!
      Ahahahahahah

  30. snip marzo 15, 2011 a 7:12 pm #

    NO al nucleare.

  31. scaby89 marzo 15, 2011 a 8:09 pm #

    se avete letto il messaggio bene..c’è scritto che mio fratello nn poteva bere latte..perchè a rischio contaminazione..il tutto mi è stato raccontato..secondo..avete ragione nel dire che nn so nulla riguardo a chernobyl..purtroppo i media o chi che sia..ci fanno vedere solo quel che vogliono loro..tutto sempre legato ad un discorso di interessi..io cmq la mia idea me la son fatta..il nucleare è un danno per l’ambiente in cui viviamo che gia è messo male..la terra ce lo sta facendo capire..in francia le centrali le stanno chiudendo per cercare un’alternativa..in germania pure..basti pensare che le 17..dico 17 centrali nucleari in germania..producono solo..dico solo il 23% del fabbisogno nazionale..gli unici mongoli che vogliono buttarle su,siamo noi in italia..dove le smaltiamo le scorie??nn si sa..e nn si saprà mai..perchè fin che gli va bene ai capoccioni del governo(o chi sia di competenza)..ci continueranno a dire che cercano la soluzione solo per far star zitta la gente..in danimarca posseggono la più grande centrale eolica marina..producono energia per il fabbisogno di 200’000 famiglie..e la danimarca nn è molto grande..poco più del triveneto come grandezza..la città nn fu evacuata immediatamente perchè nn era possibile..si sarebbe creato un caos infinito per le strade e sarebbe stata la stessa cosa..l’italia è indietro di almeno 5 anni rispetto al resto dell’europa in quanto sviluppo e innovazione..quello che gli altri hanno scoperto,usato e ora stan buttando via..noi lo stiamo scoprendo adesso..perchè è il paese del “si va beh che te frega..tanto anche se c’è il nucleare sarà un problema che nn mi riguarderà..tra tot anni nn ci sarò più e chi se frega”..è questo il problema..la maggior parte degli italiani è menefreghista..tralasciando il fatto che nn so la storia di chernobyl(haime scusate sono ignorante..ma almeno lo ammetto a differenza di molti..troppi)qui il problema serio è la salvaguardia del nostro paese che è storia mondiale..e invece tutto il mondo ci deride per il governo che abbiamo..

    • Paolo marzo 15, 2011 a 8:36 pm #

      Ecco, come al solito rispetto il tuo punto di vista.

      Scusa, mi metti il link di dove hai trovato la notizia che in Germania stanno chiudendo le 17 centrali??

      Dato che producono il 23% del fabbisogno nazionale, il rimanente 77% come lo producono ?? Con che tecnologie ?? Con che costi ??

      E se le chiudono le centrali nucleari , quel 23% di energia dove lo prendono ?? Lo comprano o lo producono con altri sistemi??
      Ma non è per caso che le centrali nucleari invece le SOSTITUISCONO/RICONVERTONO con altre di nuova tecnologia ?? Sai, essendo partiti per primi, magari adesso devono dargli una rinnovatina eh!! E ci stà !!
      Miglior rendimento, ma soprattutto combustibile differente.

      Il vero problema non è NUCLEARE SI O NO, il vero problema è che ci manca un PIANO ENERGETICO nazionale!!!!

  32. scaby89 marzo 15, 2011 a 9:15 pm #

    nn ho mai detto che stanno chiudendo TUTTE le centrali nucleari..di centrali nucleari ne stanno chiudendo 7 per ora..le 17 assieme creano il 23%..poi cmq nn esiste mica solo l’energia nucleare per fare corrente..ci sono un sacco di altri modi..cmq la mia fonte è ansa.it…http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/speciali/2011/03/11/visualizza_new.html_1557155833.html..hai ragione sul fatto che nn c’è un piano energetico nazionale..fatto sta che nn si vuole puntare sulle energie rinnovabili..che sono il futuro almeno per il nostro paese..conta che anche l’italia è molto a rischio terremoti..e nn esistono tecnologie o centrali elettriche che tengano che possano resistere contro la forza devastante della terra..nn solo terremoti qui in italia..ma anche grandi innondazioni..ps..la germania con il 23% di 17 centrali..il 60% lo produce con il carbone..il restante con fonti rinnovabili..vicino casa mia hanno costruito una centrale a bio-massa..nn la vogliono far partire perchè l’enel nn rilascia i permessi..

    • samuel marzo 15, 2011 a 10:25 pm #

      …mi raccomando respira bene quello che esce dal camino della centrale di biomasse perchè quella è aria pulita…

    • Paolo marzo 16, 2011 a 10:39 am #

      Allora vedi che avevo capito bene??
      QUELLE TROPPO VECCHIE LE RINNOVANO !!!
      Perchè se le chiudessero, il resto dell’energia elettrica necessaria DOVE LO PRENDONO ??? E infatti tu non mi hai risposto……..

      E comunque tutta questa discussione non ci sarebbe stata se non si fosse verificato il cataclisma in Giappone mettendo in discussione la produzione di energia elettrica con le centrali ad energia nucleare.
      60% col carbone ?? BENEEE, AVANTI COSI’ ALLORA !!!!

      Ripeto: ogni sistema di produzione ha pregi e difetti, vantaggi e svantaggi.
      Dato che dietro l’energia ci sono interessi economici colossali, la questione non è di ordine TECNICO, ma bensì POLITICO.
      E’ inutile che stiamo qui a scassarci le palle tra di noi che contiamo come il 2 di picche quando la briscola è cuori !!!!!!!!!

      Nella mia osservazione iniziale chiedevo quale è l’alternativa al nucleare per una produzione INDUSTRIALE di energia elettrica.
      Fino ad ora nessuno mi ha preso in considerazione seriamente….

  33. staytoon marzo 15, 2011 a 10:07 pm #

    Salve, a scanso di equivoci comunico che sono elettore di sinistra ma molto a sinistra. Questo non mi impedisce affatto di essere a favore del nucleare. E ve lo dimostro:
    Punto 1: FALSO A Cernobyl vi furono 65 morti! e il dato più sicuro parla di 4000 morti in 80 anni. L’introduzione nell’atmosfera di Co2 fa 10000 morti l’anno.
    Punto 2: FALSO una centrale che produce 1000 MW elettrici consuma ogni anno circa quattro milioni di tonnellate di carbone. Essa produce circa trecentomila tonnellate di ceneri che contengono quattrocento tonnellate di metalli pesanti tossici, delle quali cinque tonnellate sono di uranio(che potremmo riutilizzare nelle centrali nucleari) e tredici di torio. La centrale a carbone, inoltre, emette ogni anno dieci milioni di tonnellate di gas carbonici (CO, CO2) nell’atmosfera… continuo? ok continuo
    Punto 3:Mi verrebe da dire E CHI SE NE FREGA! Ci sono tanti lavori che non vogliamo piu fare: calzolai, saldatori , parruchieri o idraulici (che guadagnano tanto)..
    Punto 4: FALSO Il costo di generazione nucleare è rappresentato per circa l’85% da costi fissi, buona parte dei quali derivano dagli investimenti (60%) per la realizzazione degli impianti. Ad un aumento del 100% del costo dell’uranio corrisponde un aumento del solo 8% del costo di generazione, per un ciclo combinato, ad un aumento del 100% del costo del combustibile corrisponde un aumento del 70% del costo di generazione.
    Punto 5/6: FALSO Il primo protocollo di kyoto è dell’11 dicembre 1997 ed è entrato in vigore 16 febbraio 2005!!! credete veramente che da qui al 2020 vi saranno vere politiche per energia alternativa!! continuo? ok continuo
    Punto 7: Qui posso essere parzialmente in accordo con voi. Ci sarà ancora per lungo tempo bisogno di petrolio (ahimè).
    Punto 8 (la mia preferita!): FALSISSIMO 1 gr di uranio crea la stessa energia che impiegano 10000 t di carbone… e c è tanto uranio in giro…
    Punto 9: VERO Penso ogni tanto che se Fermi non avesse fatto le sue scoperte durante la guerra e non ci fossero state Hiroshima e Nagasaki vivremmo in un mondo piu pulito con l’opinione pubblica tranquillamente abituata ad una fonte di energia pulita.
    Punto 10: Questa non l’ho capita. Grazie che piu lontano sei da un avvenimento e meno ne risenti… e poi le alpi da che cosa ci hanno riparato? da quello che in europa occidentale non è mai arrivato? Non mi pare che in ungheria, austria ex-jugoslavia ci sono stati tutti questi morti o contaminati (ricordate il punto 1?)
    Fate un favore a voi ed al pianeta votate per il nucleare. (non vorrei che pensaste che solo voi volete bene a questo sassolino su cui viviamo!) ciao

    • Paolo marzo 17, 2011 a 1:49 am #

      Grazie Staytoon per il tuo prezioso punto di vista.

  34. Raffaele marzo 16, 2011 a 7:39 am #

    bellissimo il video in cui il ragazzo precario ad Anno Zero critica Tremonti.In effetti togliergli i privilegi che ha acquisito in questi anni di disastroso governo per noi gli dovranno essere tolti. Lui e il suo capo stanno distruggendo tutte le strutture pubbliche per dare ai privati che li hanno portati al governo quello che stanno togliendo a noi. Grazie.

    • Paolo marzo 16, 2011 a 10:49 am #

      Complimenti Raffaele !!!
      Ma lo sai che ieri il corriere della sera riportava la notizia che l’Italia ha al suo attivo un nuovo record??
      DEBITO PUBBLICO = 1889,5 Miliardi di EURO.

      Io il filmato che circola lungo minuti 1:42, l’ho visto + volte e se noti attentamente la faccia di Tremonti è qualla di uno che, sentendo un mare di cazzate, non vede l’ora di andarsene.
      Tremonti pensa a come ridurre quel numero, che è il vero problema dell’Italia.
      Se tu avessi un mutuo che supera il valore del tuo stipendio mensile, non saresti preoccupato?? Oppure te ne fotteresti e penseresti a dar retta tuo figlio che ti chiede i soldi per andare in discoteca???

      Io non conosco il sig. Tremonti nè tantomento gli obiettivi che ha avuto come incarico. Tu li conosci??
      Raffaele, forse stanno tentando di chiudere qualche buco nel colabrodo dei conti pubblici dello stato in cui noi viviamo.
      E allora queste persone meritano il nostro rispetto.

    • Paolo marzo 16, 2011 a 10:54 am #

      Un’ultima cosa Raffaele: ma cosa c’entra il tuo post con l’argomento che è:
      “Il nucleare in Italia? 10 buoni motivi per essere contro” ???
      Ce lo vuoi spiegare ??? Grazie.

  35. annitapoz marzo 16, 2011 a 8:03 am #

    Aggiungo un altro motivo personale: abitando vicino a Legnago (VR) – Veneto, io ce l’avrei praticamente sotto casa! Già prima di conoscere la lista (segreta) sui siti nucleari ero convinta che il nucleare fosse la scelta sbagliata, ora ne sono ancor più convinta!

    • Paolo marzo 16, 2011 a 10:51 am #

      Annita, tesoro, allora ce lo vuoi dire tu quale è la scelta giusta ??
      Ma ti prego prima di leggere attentamente tutti i post scritti in precedenza.
      Grazie e ciao !!

      • francesco maggio 18, 2011 a 11:41 pm #

        Paolo tesoro ma puo essere che l’unico modo x riscaldare l’acqua nel 20011 sia ancora fondere l’uranio? Ci sono le fonti rinnovabili:Solare ,eolica,termica.Il nucleare è soltanto un buisinnes mortale!!

  36. scaby89 marzo 16, 2011 a 12:24 pm #

    precisando che l’uranio..nn ce n’è molto nel mondo..molto meno del petrolio..quindi nn so dove sia stata inventata sta fiaba..e..precisando che l’italia nn ne possiede neanche una mezza caccola..bisognerebbe spendere ancora più soldi per acquistarlo dagl’altri paesi..purtroppo si dipendiamo dal petrolio..o meglio..ci fanno dipendere..come sempre..il signor tremonti..credetemi..nn glie ne frega un emerito c..o di risanare l’economia..son al governo dal 94..e tutti i danni li hanno fatti loro..e ora son li che piangono perchè nn sanno come tirarsi fuori dalla merda..e vengono a chiedere ogni volta agl’italiani un contributo per questo o quell’altro..provate a chiedere al signor silvio se con tutti i miliardi che ha nn risana un pò il debito pubblico..io faccio il metalmeccanico..lavoro con vernici e alluminio che va in evaporizzazione..cazzo credete che sia sana sta roba??gia me la sorbisco quando lavoro..perchè dovrei sorbirmela anche fuori con le centrali??preferisco annusarmi la puzza del letame che almeno è naturale(centrali bio-massa..di merda ce ne sarà sempre a palate..la produciamo noi stessi ogni giorno)..quello che nn è chiaro a nessuno..è che i signori che stanno al governo..che siano di sinistra o di destra..pensano solo ai cavoli loro..del comune cittadino italiano se ne infischiano altamente..ad un parlamentare bastano 3 anni di lavoro(se è un lavoro il parlamentare poi)..per ricevere la pensione..che è 3 volte tanto quello che prendo io in un mese..auto blu,scorte,porta borse e menate varie..stiamo discutendo sul nucleare mentre questi hanno deciso quello che dovremmo decidere noi..gli italiani devono svegliarsi fuori perchè al governo ci stanno solo prendendo per il culo..dal primo all’ultimo son tutti d’accordo..tanti bravi attori e basta..

    • staytoon marzo 16, 2011 a 7:37 pm #

      Ciao Scaby, allora vai su google e cerca miniere uranio in Italia e vedi che cosa esce fuori. Ce ne sono in Piemonte e Trentino già note dagli anni 70 inoltre recentemente ne è stata individuata un’altra in provincia di Bergamo. E sai ogni anno quanto uranio procapite ci serve? 20grammi contro 500 kg di carbone e 800 kg di petrolio. Le riserve di uranio ammontano a circa 10 milioni di tonnelate e con 440 reattori nel mondo, ognuno sciupa 25000 tonnellate l’anno di uranio; ergo che ci vorranno circa 1000 anni prima che di esso non ce ne sia piu. Tutti questi dati sono facilmente riscontrabili basta volerli cercare. Ribadisco io sono a favore del nucleare come del carbone e del petrolio ma non capisco perchè privarci aprioristicamente di questa fonte di energia. Ciao

    • Paolo marzo 17, 2011 a 2:04 am #

      Scusa Scaby89,
      ma stavolta sei proprio fuori tema.
      IO VOGLIO SAPERE COSA C’ENTRA TREMONTI E BERLUSCONI CON IL TITOLO DI QUESTO ARGOMENTO.
      Non citi il ministro per lo sviluppo economico o quello dell’ambiente e mi vai a scomodare il ministro dell’economia e il presidente Berlusconi.
      Ma poi cosa c’entra quanto questi guadagno???
      SEI COMPLETAMENTE FUORI TEMA. RILEGGI IL TITOLO DELL’ARGOMENTO E RITENTA, SARAI PIU’ FORTUNATA !!

      MA E’ POSSIBILE CHE LE PERSONE PREPARATE E CON COGNIZIONE DI CAUSA SIANO A FAVORE DELL’UTILIZZO DI ENERGIA ATOMICA, MENTRE CHI E’ CONTRO IL NUCLEARE NON E’ CAPACE DI ARGOMENTARE IN MANIERA CREDIBILE E DA’ LA COLPA SEMPRE AGLI ALTRI ???
      MA VOGLIAMO FARE UNA DISCUSSIONE TECNICA O POLITICA ???
      SE LA DISCUSSIONE DEVE ESSERE POLITICA, IO MI TIRO FUORI.

      • staytoon marzo 18, 2011 a 9:04 am #

        Ciao Paolo, hai perfettamente ragione io poco piu sopra ho argomentato il mio si al nucleare. Giusta ho sbagliata che sia è la mia posizione ma NESSUNO ha replicato e vedo questo blog infarcito solo di demagogia e faziosità di parte. Hai ragione i tuoi amici non discutono da un punto di vista tecnico, non sono concreti. Possono non essere daccordo con me ma nessuno argomenta seriamente… p.s. sono un elettore di sinistra tengo sempre a precisarlo

  37. Enel Nucleare, no Grazie marzo 16, 2011 a 12:56 pm #

    Dopo le dichiarazioni di Fulvio Conti, dimostriamo come la pensiamo in materia di nucleare cambiando gestore elettrico (se abbiamo ENEL). Ogni euro che gli togliamo è un voto!
    http://www.facebook.com/pages/Enel-Nucleare-No-Grazie/202405569788908

    • Paolo marzo 17, 2011 a 2:36 am #

      E così facendo cosa pensi di cambiare ??
      Non hai risolto un beato cazzo, la rete di distribuzione dell’energia elettrica è sempre la stessa, cambia solo la ragione sociale di chi ti emette la fattura !!!

      La rete di distribuzione è un’architettura estremamente complessa che oltre per trasportare serve per bilanciare la distribuzione e garantire la prosecusione della distribuzione di energia elettrica anche a fronti di possibili guasti/avarie.
      Tutto questo e’ possibile con dei stemi di doppia magliatura.
      L’energia, sia che la produci o sia che la importi, a casa tua ci arriva attraverso lo stesso cavo trifase che alimenta te e chi ti stà intorno.
      E secondo te chi è il proprietario di questa rete di distribuzione?? E’ facile sai….

      • francesco maggio 18, 2011 a 11:44 pm #

        Paolo ma sei un azionista enel x caso?

  38. Alessio marzo 17, 2011 a 1:40 am #

    L’italia è fuori dal nucleare ormai da troppo tempo, nonostante ciò nulla è perduto, potremmo riattivarci direttamente con le centrali di terza generazione e con gli standard di sicurezza più elevati.

    Abbiamo bisogno di aumentare la produzione di energia!

    L’uranio come il petrolio è una fonte non rinnovabile ma non è detto che le centrali andranno per sempre ad uranio, per il momento si sfrutta la reazione a catena di fissione ma c’è la speranza che tra qualche decina di anni si possano realizare reattori a fusione.
    ora come ora si sta realizzando un reattore chiamato ITER a cui lavorano moltissime nazioni tra cui l’Italia è stato istallato in Francia. Quindi c’è qualcosa di concreto in atto!

    Ma non solo, abbiamo un progetto tutto italiano, il progetto ignitor del ENEA di Frascati. E’ un reattore a fusione.
    Va fatta ricerca nel campo ma non è impossibile.
    Il ritorno del nucleare, porterebbe anche più interesse verso questo tipo di progetti e magari verranno investiti più soldi.

    Ora come ora siamo scossi dal drammatico evento che ha colpito il Giappone, però va sottolineato il fatto che il tutto si è veuto a verificare a causa dello Tzunami che a seriamente danneggiato i generatori Diesel che avrebbero dovuto pompare Acqua di raffreddamento.

    Ovviamente si spera che tutto si risolva il prima possibile ma la situazione precipita di ora in ora.
    Nonostante ciò non bisogna farsi impaurire per un evento cosi straordinario e unico nel suo genere, forse il Giappone stesso avrebbe dovuto essere più prudente, loro erano a conoscenza del rischio Tzunami!

    Non credete al fatto che essendo un popolo precisino non possano commettere degli errori! Anzi! loro si perdono in un bicchier d’acqua.

    La stessa IAEA aveva più volte sollecitato interventi di messa in sicurezza delle centrali già in passato, ma il Giappone ritardava a soddisfare questa richiesta.

    Per quanto riguarda Chernobyl prima di sparare sentenza andate a leggere cosa è successo in quella caspita di centrale, un reattore convertito da uso militare a civile con sistemi di sicurezza non affidabili e sopratutto messo in mano a gente incompetente! altro che incidente! quello è stato un suicidio!
    Andate a fare delle ricerche!

    • Paolo marzo 17, 2011 a 2:18 am #

      ALESSIO N°1, ALESSIO FOR PRESIDENT !!

      ALESSIO A CAPO DEL TEAM DI SVILUPPO NUCLEARE IN ITALIA !!!!

      Purtroppo c’è troppa ignoranza, pressapochismo e disinformazione a riguardo.
      Certo però che le persone, sulle puntate “Grande Fratello” sanno tutto !!! Questa è la cultura in Italia.
      Siamo proprio una bella Italietta…. e dovremmo festeggiare i 150 anni dell’unità d’Italia quando almeno 1/3 delle persone non sà nemmeno cantare correttamente l’inno nazionale??? VERGOGNA !!!

  39. Alessio marzo 17, 2011 a 10:59 am #

    Ciao Paolo!
    Si, purtroppo c’è poca informazione e si tende sempre a pensare nucleare = Pericolo!
    La colpa di tutto questo e della nostra classe politica.

    Io volevo ricordare a questa gente che abbiamo avuto un pozzo petrolifero che ha gettato in mare petrolio per mesi!
    Ecco secondo me questo disastro causera molti più danni dell’incidente di Chernobyl e di quello Giapponese messi in sieme!

    Tutti attornno alla centrale, ok ci mancherebbe! si tratta di un disastro! e di questo me ne dispiace tantissimo! ma nessuno cita tutte le aziende chimiche e petrolifere che hanno riverasato sul territorio un quantitativo ingente di sostanze pericolosissime.
    E lo sai perchè questo?
    Semplicemente perchè ormai fanno parte della routine quotidiana. Non c’è giorno che non ne succeda una nuova.
    in un certo seso siamo abituati all’idea!

    Basta fare una proporzione …

    Poi ripeto l’italia torna al nucleare perchè ha ingente bisogno di energia e non credo ci siano alternative, il nucleare andrebbe a coprire la richiesta futura e non a sostituire le attuali centrali a carbone o a gas, quelle purtoppo continueranno a funzionare.

    Se consideriamo poi che dobbiamo fare affidamento sulla Libia per l’approvigionamento di parecchie risorse si capisce che stiamo inguaiati.

    Se al Referedum vincerà il No allora ci troveremo costretti a comperare l’energia dalla Francia, ci penseranno loro a fare altre 10-15 centrali con i soldi nostri e diventeranno sempre più leader nel settore.

    E se succederà un incidente? pagheremo anche noi sia con la salute che con i soldi necessari a rimettere le cose a posto! perchè in fondo dove la comperiamo l’energia? e senza energia si va in Black Out.

  40. fausto / fardiconto marzo 17, 2011 a 11:24 am #

    Signori, dove starebbe in Italia l’uranio richiesto per dieci grandi centrali? I francesi stanno facendo guerra da anni in Africa centrale, al solo scopo di non perdere il controllo dell’ultima importante riserva di fissili che non sia già dominio della Russia o degli Usa.

    Per avere uranio dovremo inevitabilmente dichiarare guerra a qualcuno di questi tre signori: Usa, Russia o Francia. Vi ricordate come finì nella Seconda Guerra?

  41. Livio marzo 17, 2011 a 2:04 pm #

    SONO UN ELETTORE DELLA LEGA NORD CHE SI SENTE PROFONDAMENTE PENTITO
    DI AVER DATO FIATO PER L’ARIA SPORCA CHE SI RESPIRA, PER UNA DITTATURA NEL DECIDERE DELLA SORTE DEL NOSTRO PAESE,IL NUCLEARE CHE NESSUNO VUOLE.

    MI SCUSO CON L’ITALIA

    SONO PROFONDAMENTE DELUSO DEL MIO EX GOVERNO.E CHIEDO SCUSA A TUTTA L’ITALIA
    NO AL NUCLEARE – MI VERGOGNO DELLA LEGA E BERLUSCONI.

  42. Daniele Zuddas marzo 17, 2011 a 3:20 pm #

    Riposto perché per errore era finito in risposta ad un altro post.

    Risposte, nell’ordine.

    1. Il gas naturale oppure il gpl per uso domestico, tra le altre alternative al nucleare, produce ogni anno morti, esplosioni di interi edifici, intossicazioni. Lo compriamo da Paesi come la Libia, l’Algeria e dalla Russia, che sono noti per il rispetto dei diritti umani, nonché dei diritti dei loro lavoratori. Anche la legna da ardere per il camino produce fumi molto tossici e inquinanti, che rendono l’aria sgradevole. Causa tumori.

    2. Ancora più sporca è l’aria che respiriamo inquinata dagli idrocarburi. Il nucleare non produce gas serra (lo sapevate?).

    3. Non è una questione di occupazione (si sta parlando di sicurezza o sbaglio?)

    4. E’ costoso, si. Ma una volta costruite le centrali, quelle sono nostre, dell’Italia. Sono il NOSTRO strumento per produrre l’energia (o parte di essa) di cui abbiamo bisogno. Anche il fotovoltaico è molto costoso, e finito il ciclo di vita dei pannelli occorrerà cambiarli e spendere di nuovo.

    5. … Roba da profeti. La lasciamo a loro…

    6. Facile rispondere. Oggi abbiamo i problemi non risolti di 10-20 anni fa. Vorremo tra 10 anni avere ancora i problemi non risolti di oggi? Il tempo passa, sempre.

    7. L’indipendenza non l’avremo mai, visto che non abbiamo nessuna fonte energetica. Meglio quindi dotarci di quello che possiamo costruire.

    8. Anche il petrolio ed il gas naturale sono risorse limitate. La somma di tante risorse limitate non fa certo una risorsa illimitata, ma fornisce ulteriore sicurezza sugli approvvigionamenti.

    9. Vedremo il prossimo referendum come andrà a finire. I cittadini confrontano il livello di benessere in Italia rispetto agli altri Paesi evoluti (tutti nuclearizzati, guarda caso…).

    10. Sarebbe ancora più lontano da loro se gli antinuclearisti convinti andassero a vivere nella foresta amazzonica (a proposito anche il Brasile ha una centrale nucleare… ops).

    • Silver aprile 4, 2011 a 1:35 am #

      Correzioni, nell’ordine.

      1-infatti sono sole, vento e acqua le alternative sostenibili: Non le devi comprare, non hai prodotti di scarto, non uccidono (niente guerre per oleodotti, niente danni alla salute etc.). Perché parli solo di gas o petrolio?
      (la legna come alternativa? una cerca di usare carta riciclata per non finire di distruggere le foreste e ti arriva gente che nel 2011 vuole usare la legna, che poi non risolve niente; il riscaldamento delle case private -non ci vorrai mettere i caminetti a scuola e lavoro?- è una percentuale minima…bah…)

      2-Idrocarburi? a)li preferisco alle radiazioni
      b)L’alternativa non deve e non può essere il petrolio: se volete costruire le centrali, ci siete arrivati anche voi alla stessa conclusione.

      3-Creare lavoro non mi sembra così negativo in questo paese. (parlando di lavoro: un errore umano nel solare etc. non credo possa uccidere qualcuno. Si può dire lo stesso delle centrali?)

      4-Nostre si, ma ci serviranno in continuazone risorse dall’estero. L’uranio non te lo puoi fare da solo, i pannelli si.(e quelli si riciclano o smaltiscono, le scorie te le tieni te sul comodino per qualche migliaio di anni, grazie.)

      5- si, è vero.. i calcoli scientifici…roba da negromanti…

      6-creare nuovi problemi(centrali) e non cercare di risolvere quelli vecchi (CO2 etc.) certo non porta ad una soluzione. (e poi con le centrali tra 10 anni avremmo come minimo gli stessi problemi di adesso…il tempo di costruzione è quello)

      7-Nessuna fonte energetica? dal punto 4 mi sembra che tu sappia cosa sia un pannello fotovoltaico…lasciami spiegare che non va a benzina, ma funziona con la luce solare, anche non diretta, di cui siamo pieni in Italia. Come siamo pieni di vento e fiumi. Che possiamo utilizzare da adesso, con tecnologia in continua evoluzione (se non si tagliano i fondi) e senza costruire strutture enormi. Perché parli solo di petrolio e gas?( e 2)

      8-Perché parli solo di petrolio o gas?(e 3) Esistono le energie rinnovabili, nel senso che-non-finiscono, illimitate, utilizzabili-liberamente-da-più-persone…per cui non servono guerre, prezzi alti etc. (ti immagini “il sole è mio e non lo puoi usare”? guerre sulla proprietà di quel raggio solare? Io no…Mentre tutta questa “ulteriore sicurezza sugli approvvigionamenti” non la vedo né col petrolio -tra paesi in guerra e prezzi alle stelle- né col nucleare -lo sai che ora il giappone sopravvive solo grazie all’eolico che ha continuato a funzionare?- che tra l’altro finiranno.Presto.)

      9- Vedremo…intanto nessuno le vuole nella propria regione, segno che proprio entusiasti e certi della sicurezza non sono…poi IL paese in cui si vive meglio secondo gli studi, -la norvegia- non ha centrali, guarda caso…
      Anche la russia, l’ucraina e la guiana francese sono piene, ma non mi sembrano esempi brillanti di benessere,per cui il discorso non quadra…( è come dire che, dato che le persone più alte che conosci hanno i capelli neri, tutti i mori sono alti…e qui lascio la questione…)

      10- Dopo aver fatto notare che anche il brasile è un fulgido esempio di benessere…(no…ops)
      vorrei ricordare che la distanza E’ essenziale… a 40 km da fukushima devono essere evacuate le città, a 400 km no…
      (comunque, se la risposta era un gentile invito ad andare a quel paese, è affettuosamente ricambiato…consiglio Pripjat’ come meta ;))

  43. notizie marzo 17, 2011 a 6:33 pm #

    Un altro motivo ce l’ho io…

    http://notiziedelfuturo.blogspot.com/2011/03/processo-breve-nucleare.html

  44. Alexis marzo 22, 2011 a 11:56 am #

    NO AL NUCLEARE!!!!NE FACCIAMO ASSOLUTAMENTE A MENO!!!!

    • Paolo marzo 22, 2011 a 12:11 pm #

      Alexis,
      il problema non è di fare assolutamente a meno del nucleare,
      il problema è per il paese, l’Italia (non Alexis), cercare di renderci un pò meno dipendenti dal punto di vista energetico.
      Se hai valide alternative perchè non le esponi ???Mi raccomando, leggi però prima tutti i commenti precedenti così ti fai unn’idea di come le persone come te siano in grado solamente di dire NO AL NUCLEARE, ma non di portare avanti valide alternative intelligenti. Quindi non mi dire “le fornti rinnovabili” (che non vuol dire un cazzo). Porta idee, numeri (soprattutto) per dimostrare che quanto affermi sia effettivamente una scelta vincente. Grazie, ciao !!

  45. Pier Luigi Caffese marzo 31, 2011 a 2:28 pm #

    In Italia l’energia è poco studiata e si dicono assurdità:
    1.le rinnovabili senza stoccaggio sono care.Oggi negoziano per 120 miliardi di ft in 20 anni per arrivare a fare 30 GW,costano troppo perchè si progetta male.Se le rinnovabili non stanno in piedi economicamente meglio non farle;
    2.il nucleare sicuro esiste ed è LFR piombo di 4°gen. pronto tra 10 anni se ci sono i soldi(costa 2 miliardi in 10 anni)
    3.EPR è di 3° generazione ma è caro 6+3=9 per centrale e solo Enel-EDF hanno i soldi per farlo ed è una decisione di azionisti e non dello stato
    4.In Francia che sono concreti nell’energia piu’ di noi maestri di energia parlata, rivedono con EPR le vecchie centrali,stoppano quelle a gas-carbone e danno l’avvio al piano step che è il mio hydro pumped up
    5.nel 2005 dissi che portando l’acqua desalinizzata del mar ligure al Po con turbine pumped up spinte dal vento in mare moltiplicavo i 40 GW in mare per averne 160 GW di hydro nel Po.Tutti rimasero sorpresi dell’effetto leva o leverage di 4,ma solo in Italia dissero che ero pazzo.In Giappone mi copiarono subito,poi i francesi l’hanno approvato al Senato dicendo che l’effetto leva è di 5.Stoccando anche con i miei laghi marini 2.500 GWh
    oraro produco 200-250 GW quanto 20 EPR nucleari ed il mio piano costa solo 17 miliardi in 10 anni,contro 180 miliardi per EPR.Chi è contrario al nucleare puo’ dire che è caro ,ma non che sia poco sicuro.I giapponesi guadagnavano con centrali nucleari vecchie di 1à gen.da chiudere e poi non fecero quelle dighe di 70 m.che avevo detto anticipatamente.

    • cernusp marzo 31, 2011 a 11:45 pm #

      Pier Luigi, sei troppo avanti: se ho capito bene hai praticamente replicato il sistema di una stazione di pompaggio sostituendo il bacino artificiale con un fiume!!

    • cernusp marzo 31, 2011 a 11:54 pm #

      Sai Pier Luigi, la cosa + triste è constatare che le persone che sono contrarie al nucleare, in realtà non sanno assolutamente di cosa stanno parlando e si basano sul “sentito dire” o sull’onda emozionale a causa di alcuni avvenimenti creati all’origine da una CATASTROFE NATURALE CHE HA PROVOCATO 25.000 vittime tra morti accertati e dispersi.
      Ma gari, se riesci, metti qualche riferimento della tua idea per far capire meglio a tutti che forse un’alternativa c’è, anche se tutta da verificare negli aspetti di costo dell’investimento ed efficacia della produzione/stoccaggio energetico.
      Un saluto e facci sapere se il tuo progetto ha interesse di rivalutazione da parte degli organi competenti per l’implementazione in Italia.
      Ciao

      • Silver aprile 4, 2011 a 1:56 am #

        Noi potremmo essere assolutamente ignoranti e sull’onda emozionale a causa di alcuni avvenimenti…(sembri una delle iene ieri in tv ^^)(25000 adesso…aspetta le leucemie, i tumori e bimbi malformati nei pressi della centrale…)

        ma la catastrofe naturale, per definizione, è improvvisa, imprevedibile e dannosa… perché escludi a priori che possa capitare in Italia?
        Le basi ci stanno; tra l’altro disponiamo di
        -zone sismiche
        -vulcano che sta per eruttare
        -smottamenti/colline che vengono giù improvvisamente
        -inondazioni/fiumi fuori dagli argini ogni inverno
        -siccità ogni estate
        -mare su 3 lati (maremoti poco probabili, ma non vorrei tra 15 anni un ministro che mi dice che l’esplosione era poco probabile e una zona radioattiva dietro casa)
        -mafia etc che costruiscono con materiali di dubbia resistenza
        -governo che non riesce a mettere in sicurezza delle scuole, pensa una centrale
        – distanza di missile dalla libia(per parlare d’attualità)

        Per me queste ragioni basterebbero quasi per trasferirmi… tu vuoi una centrale?

      • Incazzato aprile 4, 2011 a 2:42 am #

        @Silver:Le centrali le abbiamo già attaccate al culo…ed è stato costatato che i bambini prendono in minima parte leucemie vicino a centrali nucleari, circa lo 0,5% mentre vicino a gasdotti e industrie petrolchimiche il rischio aumenta fino al 5%…per ora i siti individuati sono in 3 zone Valtellina,Provincia di Trento o Bolzano, Sardegna, che sono zone antisismiche l’unico rischio della Valtellina è una centrale idroelettrica che se si frantumasse spazzerebbe l’intera zona, ma per prevenire questa situazione sta venendo smantellata…e sono molto distanti dalla portata dei missili libici…per ora il nucleare è l’unica energia veramente pulita,infatti il solare e l’eolico non potranno mai soddisfare il fabbisogno energetico nazionale,per il solare serve una superficie 13volte superiori a quella italiana, l’eolico ha bisogno di disboscamenti dei passi montani o delle zone di mare ed un flusso costante…ho nucleare o niente decidi te…poi pero la differenza tra i due costi la mettete voi che voterete si al referendum va bene?d’accordo?oppure come gli immigrati li volete ma non a casa vostra e senza sborsare una lira

  46. Silver aprile 4, 2011 a 11:40 am #

    @ Incazzato (che non ha capito che a parolaccie ed urla non si risolvono le discussioni – scusa se ho mal interpretato il tono-)

    (Io parlavo delle malattie da radiazione a fukushima,non qui, leggi il post precedente…)

    Del petrolio e del gas non voglio nemmeno sentirne parlare, lo dovrebbe aver capito anche il muro dietro di te ormai. Non sono alternative, ma qualcosa che prima finisce meglio sarà. Non mi dire che sono dannose, lo so già.

    Sul fatto che non basteranno mai le energie rinnovabili, vorrei sapere la fonte, perché non sono così convinta(se devo cambiare idea mi serve più di un commento di uno incazzato ;) )e vorrei far notare che siamo agli inizi della ricerca o quasi, dato che nessun governo ha mai avuto un vero interesse nel finanziare certi campi di ricerca.(è come dire che il treno inquina piu delle auto e prendere ad esempio una hybrid ed un treno del 1800…)
    Mentre per lo stoccaggio delle scorie radioattive, dopo 50 anni e miliardi in ricerche stiamo ancora all”interriamole e speriamo che non crolli niente”(ultimissimo piano degli USA in Nevada): i contenitori arrugginiti, i crolli nelle gallerie con conseguente fuoriuscita di materiale nel terreno e falde acquifere ci sono stati…
    Energia pulita?

    Per i costi, ho letto documenti che prevedono costi per kWh del nucleare (già alto) in continua crescita e c’è il fatto che l’uranio finirà quasi prima del petrolio se non si trovano improvvisamente altri giacimenti…

    Nei costi metterei anche quelli ambientali, dato che ci sono stati continui incidenti nelle centrali più o meno piccoli di cui nessuno vuole parlare (greenpeace:The nuclear calendar per farti un’idea).

    Non mettere in mezzo temi che qui non c’entrano (non sai chi sono, potresti aver detto una grandissima stronzata -perdona il vocabolario-)
    E se non abiti in Valtellina,Provincia di Trento o Bolzano o Sardegna e sei entusiasta della centrale in cortile sei pregato di non fare il moralista. O almeno non con me. Grazie.

    P.S. Una camomilla la sera, potrebbe esserti utile ;)

    • Paolo maggio 31, 2011 a 5:10 pm #

      @silver: carissimo, basta fare polemiche da bar. Non serve. Servono invece soluzioni. Ecco, prova ad operare in quel senso e forse sarai davvero utile a tutti. Rimando pure te a una attenta lettura di tutto il tread, così capirai cosa intendo. Grazie !!

  47. anonimo aprile 13, 2011 a 5:37 pm #

    Troppa ignoranza sul nucleare…
    Informatevi che è meglio poi forse si potrà avere un confronto alla pari
    Parlare con gente disinformata che parla per sentito dire è la peggior perdita di tempo

  48. stoca aprile 26, 2011 a 1:33 pm #

    al creatore del sito il punto 10 è assolutamente demenziale in quanto cernobyl era molto ma molto lontana dall’itali e allora grazie che le alpi ci hanno protetto (anche se non del tutto), ma vorrei farti notare che se esplodesse superphenix, a 100 Km dal confine italiano, le tue care Alpi no ti proteggereberro più di tanto, saremmo nella stessa situazione dei cittadini di cernobyl

  49. stoca aprile 26, 2011 a 1:40 pm #

    Ah un altra cosa vorrei informarti che i punti in cui verranno interrate le scorie sono tutti ben lontano dal confine italiano perchè (ora non ricordo esattamente in che anno) che ci dovesse essere un punto di raccolta scorie per continente e l’Europa ne ha tre tutti lontani dall’italia, in più solo un quarto delle scorie è ad alta radioattività e i loro effetti vengono annullati dal cemento e dai 5 cm di piombo in cui vengono racchiusi i barili

  50. stoca aprile 26, 2011 a 1:41 pm #

    scusate volevo dire * perchè si è deciso che … mi disp senza il verbo nn si capisce

  51. riccardo maggio 9, 2011 a 2:03 pm #

    SE non volete il nucleare in italia perche’ non protestate anche per l’energia che importiamo da peasi che la producono con le centrali nucleari?

    • Paolo maggio 31, 2011 a 5:16 pm #

      Bravo Riccardo, il problema è che chi è contro il nucleare lo è SOLO per l’Italia !!! E del resto del mondo non gliene frega un beato cazzo !!! Questi quando fà caldo il condizionatore lo accendono pure loro e magari in casa hanno tutta illuminazione alogena (anzichè a basso consumo – che sono sempre le solite lampade al neon opportunamente riviste ed integrate). Senza fare ricerca non si và da nessuna parte…..

  52. Juri maggio 21, 2011 a 10:32 pm #

    Ma Via ragazzi, io le costruirei le centrali nucleari, e’ inutile arrampicarsi sugli specchi, se esplode una centrale nucleare in francia ne subiamo le conseguenze anche noi, e allora vi sembra giusto che loro hanno queste “armi di distruzione di massa” e noi no? Inoltre la costruzione e la manutenzione di suddette centrali creerebbe posti di lavoro in italia, ecco perché io andrò a votare e voterò NO al referendum!

    • oscar maggio 31, 2011 a 5:29 pm #

      Posti di lavoro?
      Io e i miei colleghi abbiamo perso il posto a causa del problema incentivi fotovoltaico.
      Centrali nucleari posti di lavoro è proprio un binomio sbagliato.
      Comunque perchè non puntare su fotovoltaico eolico idrico ecc ecc….e vedere quanto fabbisogno si riesce a coprire?
      Perchè non ridurre al minimo i consumi?(supermercati con luci accese 360 giorni l’anno?)
      Perchè la germania punta al 2022 x avere 70-80% di energie rinnovabili e chiudere le centrali?E noi le vogliamo costruire?(non mi sembra proprio un popolo di stupidi quello tedesco)
      Siamo sicuri che le rinnovabili non bastano? Dato che formigoni ha detto che la lombardia è già autosufficente anche senza centrali?

      • Paolo maggio 31, 2011 a 5:55 pm #

        Caro Oscar, mi dispiace se hai perso il posto di lavoro ma se sei del settore sarai sicuramente d’accordo nell’affermare che i costi del fotovoltaico sono ancora troppo alti. Infatti se così non fosse, l’azienda per la quale lavorari e tutte le altre sarebbero ancora aperte e con centinaia di impianti da realizzare. Se hai la pazienza di leggere un pò sopra, vedrai che ne ho già parlato e ho pure messo il link del servizio delle IENE. Molto esplicativo !!
        Per quanto riguarda la germania è l’unica in Europa che stà dicendo questa cosa (e che poi dovrà dimostrare). E nel resto del mondo?? Tutti cazzoni?? Solo in germania sono quelli + avanti con la visione giusta?? IO SONO QUI CHE A MOMENTI CADO DALLA SEDIA PER LE RISATE !!!! AHAHAHHAHAHAHAHAHAHA !!!!
        IL PROBLEMA + PICCOLO E’ QUELLO DELLA PRODUZIONE (che già non riusciamo a risolvere), MA VEDREMO COME RISOLVERANNO IL PROBLEMA DEL TRASPORTO MAGLIATO, DELL’EROGAZIONE BILANCIATA DELL’ENERGIA (giorno/notte) E SOPRATTUTTO DELLA FATTURAZIONE !!!! E DI NOTTE?? TUTTI CON LA CANDELA???? AHAHAHHAHAHAHAHAHAHA
        E soprattutto ricordatevi che siamo in ITALIAAAAAAAA, non in germania!!!!!!!

  53. oscar giugno 1, 2011 a 9:01 am #

    Il problema del giorno notte è risolvibile con delle batterie che accumulano l’energia in esubero prodotta durante il giorno.
    Le hanno già inventate (addirittura ecologiche) ma il problema è proprio quello che hai detto tu LA FATTURAZIONE
    Comunque ci sono mille modi per risparmiare energia esempio lampade a led.
    Che battute del cazzo che fai (candele)

    • Paolo giugno 1, 2011 a 11:03 am #

      Caro Oscar, vedo con disappunto che innanzi tutto non fatto quello che ho già detto + volte: LEGGETE TUTTO L’ARGOMENTO DALL’INIZIO. E tu non l’hai sicuramente fatto, dato che non hai compreso la mia domanda iniziale. Per cui non replico nemmeno alle tue osservazioni. Poi se la mia battuta per portare un pò di allegria in questo grigiore di discussione non ti è piaciuta, be’, me ne dispiace. Ciao!!

  54. Matteo Vitiello giugno 1, 2011 a 10:33 am #

    Uranio e benzina non servono più, leggete qua:

    http://wp.me/p19KhY-qm

    buona giornata!

    • GIUSEPPINA giugno 7, 2011 a 6:03 pm #

      SENZA RAGIONARCI TROPPO IL NUCLEARE è SBAGLIATO E NON PROVATE A DIRE IL CONTRARIO,PERCHé CHI LO AFFERMA è SICURAMENTE UN IGNORANTE CHE NON HA MAI AVUTO A CHE FARE CON UN BAMBINO DEL GIAPPONE!!!!!!

      • Paolo giugno 7, 2011 a 9:03 pm #

        Cara Giuseppina, senza ragiornarci troppo, si vede che non segui i miei consigli di leggere BENE tutto il tread dall’inizio prima di scrivere i tuoi pensieri.
        Forse se l’Italia non è un paese con un piano energetico, è perchè c’è troppa gente come te !!
        Ora prova a ragionarci sopra e mi raccomando: vai all’inizio e rileggi tutto con calma.
        Quando avrai una risposta SERIA, allora torna a scrivere.
        E ricorda che grazie alla ricerca sul nucleare, si sono salvate miglia di vite umane.
        Grazie per aver partecipato.

  55. Rocco Lonigro giugno 8, 2011 a 4:36 pm #

    mai il nucleare!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Paolo giugno 8, 2011 a 4:56 pm #

      Sono d’accordo con te.
      Però sii così cortese da indicarmi, a tuo parere, quale è il miglior modo di produrre energia elettrica industrialmente.
      Nella vita non basta dire NO, bisogna saper dare delle alternative valide e motivarle.
      Sen’altro conosci quel proverbio che dice: è meglio stare zitti e passare per stupidi, piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio !!
      Ciao!!

  56. Matteo Vitiello giugno 8, 2011 a 5:52 pm #

    Vi propongo la lettura di questo articolo: “Votate Sì, parola di oncologo” http://wp.me/p19KhY-yD

    • Paolo giugno 11, 2011 a 11:00 pm #

      Caro Matteo, ho letto con attenzione il tuo punto di vista e ti devo sinceramente dire che ci sono alcune cose che condivido e altre no.
      Mi piace tantissimo la frase
      “Il suo appello è quello di votare SÌ, perché il nucleare è cancerogeno.”
      che esprime in tutta la sua pienezza un messaggio di ATTENZIONE a non fare una certa cosa, ma dimmi, quante cose si sono scoperte cancerogene e continuiamo a farle (come fumare, per esempio) ??
      Per quanto riguarda il disastro di Fukushima, beh, a + largo spettro diciamo che il vero disastro l’ha fatto la natura con 25.000 morti, e a ragion veduta, facciamo un conteggio di tutte le centrali nucleari attualmente in funzione e facciamo riferimento a quelle, soprattutto dando uno sguardo al di là delle Alpi che sono senz’altro + vicine che andare a scomodare l’altra parte del mondo.
      Infineper quanto riguarda le Tecnologie ad energia libera, ti consiglierei vivamente di verificare cosa è stato fatto e quali sono i risultati ottenuti. Tesla… una bella storia senza risultati E purtroppo lo dico con dati di fatto in mano…… Ciao!!.

  57. Met_Met giugno 11, 2011 a 7:16 pm #

    quello nella foto non è altro che semplice ed innocuo vapore acqueo ! le centrali nucleari non producono co2 a differenza delle usatissime centrali termo elettriche che bruciano carbone e petrolio !

  58. Met_Met giugno 11, 2011 a 7:21 pm #

    http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/391438/

    riguardo alle energie rinnovabili lo dice chiaramente:


    Le fonti rinnovabili non possono essere un’alternativa?
    «Sarebbe bellissimo, ma dobbiamo intenderci. Dalle biomasse può arrivare l’1-2% del fabbisogno italiano, così come dalla geotermica. L’idroelettrica è praticamente già al massimo. L’eolica? Procede, ma abbiamo poco vento e bisogna pensare anche al paesaggio e al turismo. E se comunque, per assurdo, riempissimo la penisola di pale, arriveremmo a coprire il 10-15%. Resta il solare, io sto giusto mettendo un impianto nella mia casa in campagna. Ma è questa la dimensione, va bene per le famiglie, non per una grande fabbrica». “

  59. Matteo Vitiello giugno 12, 2011 a 10:53 pm #

    Per favore, andate a votare per il Sì, fatelo per il vostro bene
    http://wp.me/p19KhY-yD

    • Paolo giugno 12, 2011 a 11:11 pm #

      Andate a votare e sappiate prendervi le vostre responsabilità.
      Questo mi sembra il commento pìù intelligente.
      Poi, dato che siamo in uno stato di “democrazia”, rispetteremo la maggioranza che il popolo italiano ha votato.
      Ma mi raccomando, non fate “i froci col culo degli altri” !! Se fate una scelta siate poi onesti con voi stessi e con gli altri nel portarla fino in fondo, perchè il risparmio energetico comincia da noi stessi.

  60. Matteo Vitiello giugno 13, 2011 a 11:06 am #

    Solo se il Quorum e la vittoria del Sì saranno raggiunti, l’Italia potrà sperare di evolvere, altrimenti vincerà Berlusconi e chi la pensa come lui, ovvero gente che non capisce nulla e pensa solo al denaro, agli investimenti sporchi a danno della salute, dell’ambiente e del futuro del nostro Paese
    http://wp.me/p19KhY-yD

    • Paolo giugno 13, 2011 a 11:31 am #

      Non capisco il perchè si debba offendere le persone gratuitamente scrivendo frasi come questa: “ovvero gente che non capisce nulla e pensa solo al denaro”.
      In una discussione civile, ognuno espone i propri punti di vista e ne dà le motivazioni. Se ci riesce poi, magari è in grado di rispondere alle domande precise che gli altri possono fare.
      Chiaramente io non mi offendo e ritengo purtroppo di avere solo una PICCOLA conoscenza del complesso problema di produzione e trasporto dell’energia elettrica. Torno a ripetere come ho già scritto: vale + una decisione politica, che 1000 scelte tecniche e tecnologiche.
      Io faccio il tecnico e mi piacerebbe misurarmi con persone tecniche che possono insegnarmi nuove cose e nuovi punti di vista.
      Quindi, lasciamo stare il povero Berlusconi che ha già un sacco di problemi per i suoi “affari di famiglia”.
      LUI è decisamente fuori tema.

  61. michele ravanelli giugno 15, 2011 a 8:43 pm #

    Scusatemi ma non sono d’accordo. Equiparrarare l’energia prodotta da una centrale nucleare non ha senso con le risorse rinnovabili e’ improponibile pensare di coprire tutto il piemonte di pannelli e ventole per alimentare solo la fiat. In particolar modo io sono estremamente contrario al termoelettrico, la rovina assoluta tra CO2 e consumo assurdo di risorse.
    L’atomo ha una resa straordinaria, chiaro che a mio parere di nuclearista convinto non e’ attuabile sull’uranio ma l’alternativa c’e’, ed e’ di gran lunga presente in italia, ossia il torio. Oltre che come conbustibile può essere impiegato per eliminare le scorie di plutonio 241 e ripetere il ciclo di fissione in centrale. Cosa fondamentale ? Non genera plutonio e quindi niente bombe. Questo per me e’ un nucleare pulito. Ma la tecnologia va’ studiata e noi italiani da polli l’abbiamo ancora una volta abbandonata.

    • Paolo giugno 15, 2011 a 10:34 pm #

      MICHELE, che ci vuoi fare???
      Ancora una volta abbiamo dimostrato che la maggior parte degli italiani O sono MALEINFORNATI da questi CAZZONI di GIORNALISTI, OPPURE gli italiani sono proprio dei COGLIONI.
      Sono ancor convinti che le centrali ATOMICHE COSTRUITE sarebbero state come quelle di Cernobil…. AHAHAHAHAHA, ridiamoci sopra !!!
      E poi si domandano perchè c’è la “fuga di cervelli” dall’Italia ???? AHAHAHAHAHAH, ma siiii, ridiamoci sopra, perchè i veri coglioni siamo noi, che rischiamo di diventare dei moderni Don Chisciotte verso questa banda di dementi formattati (senza offensa) che non sanno nemmeno quanto eroga il contatore che hanno in casa…. AHAHAHAHAAHAH. SIAMO DAVVERO BRAVI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Non sono un genio, certo che no, ma quelle poche cose che sò le conosco bene, quidi mi sento di affermare senza ombra di dubbio che ancora una volta abbiamo perso la possibilità di partecipare ad una corsa importante per il nostro futuro e quello dello sviluppo atomico del mondo intero.
      Non domandiamoci poi perchè l’Italia non è presa in considerazione e sta’ diventando uno dei paesi del 3° mondo…….

  62. Vincenzo giugno 18, 2011 a 6:39 pm #

    Non faccio mai commenti di tipo politico o ideologico, perché non sono proprio la persona adatta a farlo: sono abituato a ragionare con la mia testa. Già qualche decennio fà ci siamo trovati in Italia in una situazione simile a quella di oggi e cioè che, in seguito al disastro nucleare di Chernobyl, è prevalsa la paura e, tantissime persone, si sono mobilitate per bloccare le centrali nucleari. Nel frattempo intorno all’Italia ne sorgevano di queste centrali a iosa. Noi ─ compresi anche quelli che delle centrali nucleari non avevano paura ─ abbiamo dovuto pagare tanti di quei soldi in più per l’energia, col risultato che agli abitanti di quei paesi con le centrali nucleari in attività sono rimasti tanti soldi in tasca, e nel tempo si sono potuti passare tanti di quei piaceri alla nostra faccia. Perché nel tempo non è successo niente e loro, quindi, detengono i risultati del loro coraggio, mentre noi, invece ─ da intelligenti ─ siamo riusciti a conservare salva la pelle. La stessa identica situazione oggi, con lo stesso risultato domani, cioè non succederà niente di catastrofico, e a noi in tasca rimarra come sempre meno di niente, perchè, oltretutto, non è c’è nessun programma alternativo presentato, ma ─ come sempre ─ solo belle parole relative a sicurezza e salvaguardia della natura. Quindi chi ha paura danneggerà, anche questa volta, chi ha del coraggio: le cose sono andate come sono andate… va be’, d’accordissimo con la scelta democratica… sì, ma, ora ciascuno si assuma la responsabilità delle sue scelte, che hanno coinvolto l’intera nazione! Una persona normale, certamente, spera che nel futuro non si incorra in guai o pericoli di qualunque tipo, ma ─ se ci facciamo caso ─ l’incognita si nasconde dietro ogni cosa: e alla fine chi avrà usato più coraggio si ritroverà in mano più risultati. Tanto per dirne una: sono rimasto sconcertato dal fatto che siano state vantate da anti- nuclearisti italiani le politiche energetiche, attuali, di paesi, intorno all’Italia, come ad esempio la Francia che ha tante di quelle centrali nucleari. E un’altra… il pericolo si nasconde dappertutto; e un’altra ancora: chi può fermare gli esperimenti nucleari… o una guerra nucleare? Tutta la natura è avvelenata irrimediabilmente.
    Mi viene in mento il detto latino, che ci ricorda: “Memento mori”.

    • Paolo giugno 19, 2011 a 8:53 am #

      TRANQUILLO VINCENZO : le politiche energetiche ce le risolveranno brillantemenete i nostri amici anti-nuclearisti, mettendoci 4 pannellini fotovoltaici !!!
      Dato che siamo in democrazia, ADESSO FACCIAMO FARE A LORO !!!
      Se hanno votato SI, senz’altro una brillante idea l’avevano per risolvere i problemi energetici dell’Italia.
      Anzi ne avevno 2 di idee: pensare ad andare in vacanza e accendere il condizionatore quando arriverà il caldo !!
      Vincenzo, tu parli di coraggio: bene, noi ne abbiamo + di tutti. IL CORAGGIO DI AVERE UN DEBITO PUBBLICO DI OLTRE 1800 MILIARDI DI EURO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • simone giugno 21, 2011 a 8:22 am #

        mi fanno impazzire quelle persone che portano avanti un’idea… che anche se hanno un piede nel fosso, pur di aver ragione si buttano dentro con tutti e due.. non so cosa intendi nel dire “abbiamo perso un’altra occasione”? occasione per cosa? ma cosa pensi che avrebbe portato il nucleare? pensi che con il nucleare saremo stati al centro del mondo? guarda io so solo cosa svolazza sopra la testa dei giapponesi… non voglio fare il tragico… ma spero che tutti sappiate che quello sarà la principare causa dell’estinzione della razza umana… (mi sto riferendo al buco dell’ozono)… e quella cosa di certo non si è creata da sola, ma l’abbiamo creata noi, o meglio loro… si si hai ragione i i giapponesi sono avanti con la tecnologia e con tutto quello che vuoi… ma la vita media? cioè non so se mi spiego… che la la così detta “aria fresca” non esiste…

  63. simone giugno 21, 2011 a 8:28 am #

    davvero sono senza parole… qua tutti pensano “ohhhh mio dio siamo come il terzo mondo”… secodo me siamo peggio… xchè la collaborano per sopravvivere … in italia non si collabora, ognuno pensa a se stesso, e ci ammazziamo uno con l’altro per una briciola di pane!

    • Paolo giugno 21, 2011 a 10:19 pm #

      …ti lascio crogiolare nella tua ignoranza… però vai tu a spiegare perchè a Mondello (rinomata località balneare vicinissima a Palermo) oggi è mancata la corrente 3 volte e in questo momento mentre ti scrivo la mia amica si stà lavando i denti a lume di candela………………
      Per quanto riguarda il buco nell’ozono, vai a informarti su cosa stà succedendo in Cina e in India e perchè questi paesi non hanno aderito al protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici. Ecco, bravo, poi ne riparliamo………………

      E comunque, gira e rigira, nessuno ha ancora risposto alla mia prima domanda iniziale che ho fatto all’inizio su questo forum, e sono passati ben 3 mesi !!!
      Sono davvero contento di confrontarmi con degli “esperti” !!!!!!

  64. Vincenzo giugno 25, 2011 a 5:57 pm #

    Scusa Paolo… non sono riuscito a reperire la domanda, alla quale ti riferisci, anche se, ormai, come è facile dedurre, siamo punto e d’accapo. Certamente dietro ogni cosa brulicano squallidi interessi e, non metto in dubbio, che non ce ne siano dietro il nucleare. Ma vantarsi di essere a favore della natura, di fare il bene delle generazioni future ─ salvando, così, il mondo dal disastro nucleare ─ allo stato dei fatti è veramente ridicolo: spacciare il terrore di morire (pura codardia) come virtù e valore. Se gli anti-nuclearisti avessero presentato e pubblicizzato alla gente, un valido e indiscutibile programma energetico, assumendosene, naturalmente, la responsabilità di successo, allora mi sarei tolto il cappello… certamente sarebbe stato meglio del nucleare… niente da eccepire. Ma ciò, evidentemente, non è possibile, data l’enorme richiesta di energia della società attuale ─ e gli ecologisti, anti-nuclearisti & company lo sanno, ─ e allora che incomincino proprio loro a vivere come facevano gli antenati ─ una vita semplice e naturale ─ i quali avevano bisogno di utilizzare ben poca energia per tirare avanti: invece di scaricare sulle spalle degli altri i loro nobili ideali. Come ho detto nel post precedente, non faccio discussioni né politiche e né ideologiche, ma solo libere riflessioni. E poi, come ha detto Paolo, ci vuole veramente un bel coraggio ad avere sulle spalle un debito di quella portata…

    • Paolo giugno 25, 2011 a 6:33 pm #

      Vincenzo, purtroppo i commenti precedenti sono andati persi…. ma la domanda è sempre la stessa: dato che non basta dire solo NO al nucleare, mi dica qualcuno quale è il metodo migliore per produrre ENERGIA ELETTRICA TRIFASE IN MODALITA’ INDUSTRIALE (che vuol dire parlare di megawatt) per i prossimi 10/20 anni, quindi non giocare con 4 pannellini fotovoltaici o farsi le seghe con le teorie di Tesla e soci… Il vero problema di questo forum è che speravo di trovare gente qualificata per poter crescere personalmente nelle mie conoscenze idee e convinzioni, rispettando ovviamente quelle degli altri.
      Ma non accetto cagate tipo questa “12 Il nucleare non rovina….DISTRUGGE.” …. dove FrancescA forse non sà che se oggi abbiamo le apparecchiature per la TAC e la risonanza magnetica le dobbiamo proprio alla ricerca fatta sul nucleare, tanto per fare un esempio…..

  65. donatomensi settembre 15, 2011 a 6:41 pm #

    Il mio pensiero è racchiuso in quanto segue: clicca sull’URL qui sotto (oppure fai copia e incolla su google o un qualunque motore di ricerca):

    Se siete d’accordo con me fatelo girare tra conoscenti e amici; ma se non lo siete scrivetemi in cosa sbaglio.
    Non è mai tardi per capire e cambiare.
    Grazie
    donatomensi@gmail.com

    • stoca novembre 14, 2011 a 2:46 pm #

      guardate credo che il nucleare sia una buona soluzione ma l’Italia non è pronta pper ricevere un onere così grande, non siamo nemmeno capaci di gestire bene gli ospedali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: