Monti e Fornero, due ciarlatani tecnici – Foto

22 Mar

I casi sono due: o Monti e Fornero sono impreparati o, peggio, sono degli impareggiabili bugiardi.  Già perché ciò che nella conferenza stampa di presentazione della riforma del lavoro hanno spacciato per importanti concessioni a favore dei giovani e dei lavoratori più esposti (come quelli delle aziende con meno di 15 dipendenti) sono in realtà norme già presenti nel nostro ordinamento, in qualche caso da più di un ventennio. Ecco come vengono presentate dalla Reuters le misure del governo:

 

Peccato che l’estensione dell’obbligo di reintegro nelle aziende piccole sia prevista dall’articolo 3 della legge 109 del 1990, mentre il termine massimo dei 36 mesi per il tempo determinato è previsto dall’articolo 5 comma 4 bis del decreto legislativo 368 del 2001. 

Bugiardi o impreparati che siano, Monti e Fornero non avrebbero a questo punto più motivo di stare là dove il loro committente, la Bce, li ha messi con l’obiettivo esclusivo di dissanguare il Paese.

MassimoMalerba

 

PARTECIPA ALLA NOSTRA INIZIATIVA IN DIFESA DELL’ARTICOLO 18

17 Risposte to “Monti e Fornero, due ciarlatani tecnici – Foto”

  1. wolfdo marzo 22, 2012 a 11:42 am #

    In realtà non basta essere professori per capire qualcosa. In questi casi viene sempre il dubbio e ci si chiede: ma questi ci sono o ci fanno.
    Però anziché parlare di articolo 18, bisognerebbe parlare di licenza di licenziare, altrimenti sembra una cosa astratta.
    Sono d’accordo: mandiamoli a casa. Non servono neanche a mantenere basso lo spread.

  2. Simone Sapienza (@simonesapienza) marzo 22, 2012 a 11:50 am #

    Onestamente, mi sembra che il premio castroneria sia da dare ai giornalisti che hanno battutto quel titolo e quell’agenzia.

    • Guido Dassori marzo 22, 2012 a 11:59 am #

      Quoto Simone, ho seguito la conferenza stampa. Le parole di Monti e Fornero sono state ampiamente travisate.

  3. il Corsaro.info marzo 22, 2012 a 12:50 pm #

    forse è interessante capire perché Monti ha rotto il tavolo di trattativa

    http://ilcorsaro.info/palazzo/378-perch%C3%A9-il-governo-rovescia-il-tavolo

  4. Francesca Gatti marzo 22, 2012 a 1:53 pm #

    http://www.unita.it/economia/i-giuslavoristi-il-governo-mente-sui-contratti-dopo-36-mesi-e-reintegro-sotto-i-15-1.393744

    Condividete il più possibile su fb . L’unità è l’unico giornale a rigferire questo.

  5. GAIBOLA-76 marzo 22, 2012 a 2:48 pm #

    Degni, i professori, di un plotone di pernacchie.

    Il vecchio presuntuoso… del Colle continua a prendere in giro gli Italiani.
    La mattina celebra cerimonie all’ultima lacrima o laurea, ed il pomeriggio aizza lo staff iper liberista, impegnato nel massacro delle già erose garanzie di chi regge col lavoro le sorti del Paese, spesso morendo per un pezzo di pane.
    E’ ora che arrivi, dopo quella atmosferica, la primavera civile !
    Tutti a casa e largo ai giovani…non quelli super garantiti alla Michel.

  6. Anticasta marzo 22, 2012 a 7:55 pm #

    Parlano, parlano ma non concludone NIENTE di veramente valido per la nazione. Sono passato alcuni mesi ma della fase “2” neanche l’ombra, con queste scelte i tecnici NON hanno sconfitto la crisi ma….. tuttaltro.

  7. elvio marzo 22, 2012 a 8:42 pm #

    Non credo siano impreparati, ma diabolicamente d’accordo sul consegnare un’ Italia prostrata alla BCE o alle segrete potenze economiche mondiali che hanno il potere di distruggere o assecondare ogni economia sul nostro pianeta.

    Sono esecutori fedeli a coloro che ci vogliono vedere strisciare come vermi!

    Spero che il piano, da loro studiato, gli si ritorca contro!
    Elvio

  8. cubicamente marzo 22, 2012 a 9:01 pm #

    Sono i giornalisti ad aver sbagliato e i giuslavoristi sbagliano a correggere il governo. Intanto si tratta della legge 108 del 1990 e l’art. 3 è relativo ai licenziamenti cosiddetti discriminatori. I licenziamenti senza giusta causa, “ingiustificati”, sono regolati tuttora dal combinato disposto dell’articolo 18, comma 1, della legge 20 maggio 1970, n. 300 e dell’articolo 2, comma 1, della legge 11 maggio 1990, n. 108 e vige la differenziazione fra imprese con più di 15 dipendenti da quelle con meno di 5 dipendenti, per le quali vige la sola tutela obbligatoria (risarcimento).

  9. fausto marzo 22, 2012 a 9:11 pm #

    Non capisco la fretta di rendere più facili i licenziamenti: in tempo di crisi questa azione distrugge posti di lavoro anziché crearli.
    A parte questo dettaglio, credo pure io che avremmo bisogno di maggiore mobilità nel mercato del lavoro.

  10. flippo marzo 23, 2012 a 12:44 am #

    Concordo che il titolo sono una banda di ciarlatani ……. pero’ non dimentichiamoci Bersani e C e la Camusso.
    Mi sembrani il gatto e la volpe, anzi no sono IL GATTO E IL GATTO !!
    La volpe non puo’ farla nessuno dei 2; per convincere (o imbrogliare) bisogna essere intelligenti e loro …..

  11. ff0rt marzo 23, 2012 a 11:52 am #

    Ottimo! Via Monti e Fornero! Avanti a tutta birra con le partite iva e con i precari che costano meno dei tempi indeterminati! Evviva i processi civili e durano dodici anni! Forza e coraggio, Italia!

    Ma qualcuno la conosce la realtà del mondo del lavoro? Altro che FIOM e articolo 18.

    (PS: E’ una provocazione)

Trackbacks/Pingbacks

  1. Mister Monti e il metodo Goldman Sachs | Enzo Di Frenna | Il Fatto Quotidiano - marzo 23, 2012

    […] lo richiede il mercato che vuole tornare a investire in Italia. Naturalmente è l’ennesima balla, perché le aziende straniere non investiranno mai un centesimo finché  regnerà la corruzione, […]

  2. Monti e Fornero, due ciarlatani tecnici | gregorybateson - marzo 23, 2012

    […] Il post viola […]

  3. Mister Monti e il metodo Goldman Sachs | Economia e Finanza - marzo 23, 2012

    […] lo richiede il mercato che vuole tornare a investire in Italia. Naturalmente è l’ennesima balla, perché le aziende straniere non investiranno mai un centesimo finché  regnerà la corruzione, […]

  4. Mister Monti e il metodo Goldman Sachs | Informare per Resistere - marzo 24, 2012

    […] lo richiede il mercato che vuole tornare a investire in Italia. Naturalmente è l’ennesima balla, perché le aziende straniere non investiranno mai un centesimo finché  regnerà lacorruzione, […]

  5. Mister Monti e il metodo Goldman Sachs | enzodifrennablog - marzo 25, 2012

    […] lo richiede il mercato che vuole tornare a investire in Italia. Naturalmente è l’ennesima balla, perché le aziende straniere non investiranno mai un centesimo finché  regnerà la corruzione, […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: