Sui sindacati – Filippo Bellanca

I sindacati italiani non rappresentano più i lavoratori

Terminato il Forum Antimafia e ritrovandomi nuovamente in cassa integrazione, l’ho appreso dalla solita lista in bacheca aziendale e non ho comunicazione su quanto tempo dovrò rimanerci, ho il tempo di mettere giù una nota per spiegare meglio la mia posizione sui sindacati italiani dopo un mio intervento, dettato dallo stomaco e magari dii non di facile interpretazione, al Forum Antimafia, e dopo una serie di discussioni a latere con colleghi e amici sull’argomento del sindacalismo in Italia!

Premetto che il mio sindacato di riferimento è stato la CGIL dove sono stato iscritto ed ho partecipato ad intermittenza ad alcune vertenze riguardanti contratti e contrattazioni!

Partiamo dalla democrazia interna: si parla molto di rappresentanza e di tutelare i diritti delle rappresentanze sindacali, ma chi lavora in una struttura dove sono presenti i sindacati sa’ che i componenti delle RSU sono sempre gli stessi, non si rispettano le scadenze delle RSU, esiste una forma di tutela speciale per chi è iscritto come se gli altri non fossero lavoratori, la maggiorparte dei componenti RSU approfitta dei permessi sindacali con la connivenza delle aziende, c’è un rapporto confidenziale tra i rappresentanti aziendali ed i sindacalisti molto più accentuato di quello che c’è tra sindacalisti e lavoratori, i rappresentanti nei direttivi sono scelti per amicizia e parentela, si sa’ già chi farà il segretario provinciale che senza discussioni e confronti segurà una sua carriera prestabilita all’interno del sindacato, questo a prescindere dalle sue capacità!

Formazione dei rappresentanti: spesso i componenti della RSU si avviano a discutere ed a contrattare con le aziende, senza avere un minimo di conoscenza di quello di cui si parla, i sindacati non sono avvertiti in anticipo sull’argomento delle convocazioni, i sindacalisti non stilano verbali di riunione, spesso non si convocano le assemblee e, qualche volta, fanno un comunicato nelle bacheche RSU. Questo è segno di mancanza di formazione all’interno delle rappresentanze sindacali!

Rapporti con le aziende: in questi anni, dopo la sciagurata concertazione, si è sviluppato un forte legame tra aziende e sindacati, il legame non è solamente fatto da connivenze, quello, anche se deplorevole, è possibile in quanto si tratta di organizzazioni fatte da uomini (anche se dovrebbero essere delle eccezioni e non una regola), mi riferisco ai rapporti economici e ve ne cito alcuni:
Fondi Pensione
per esempio COMETA è un fondo negoziale costituito come forma di associazione il 21 ottobre 1997 per un accordo tra le organizzazioni di categoria delle imprese (Federmeccanica, Assistal e Intersind) e dei lavoratori (Fim, Fiom, Uilm e Fismic).
I patronati:
Sono degli enti di assistenza sociale senza fini di lucro, costituiti e gestiti dalle confederazioni o dalle associazioni nazionali dei lavoratori, che hanno l’obiettivo di informare, assistere e tutelare i lavoratori dipendenti e autonomi, i pensionati e i singoli cittadini (a pagamento o retribuito dallo stato che siamo sempre noi).
FAPI
Fondo Formazione PMI è un’associazione costituita da Confapi, CGIL, CISL, e UIL per promuovere le attività di Formazione Continua dei dipendenti delle PMI (si parla di soldi).
Di questi esempi c’è ne sono tantissimi e spiegano il motivo per il quale i sindacati attualmente svolgono il ruolo di moderatori nelle vertenze aziendali, proprio perchè c’è un intreccio di interessi tra aziende governi e sindacati. Nelle descrizioni e negli statuti di questi enti c’è sempre scritto eufemisticamente Lavoratori con la elle maiuscola che sottointende sindacati con la esse minuscola.
Questo intreccio tende a ridurre le occasioni di Lotta (che parolaccia che ho scritto) e costringe i lavoratori a forme striminsite di protesta, sit-in, presidi, un quarto d’ora di sciopero, sciopero bianco etc…. Contrariamente, non si spiega come mai la CGIL continua a rimanere legata a CISL e UIL dopo anni di contrattazioni separate, a livello nazionale perchè poi localmente si firma tutti insieme, giudizi differenti sulle politiche economiche e sulle strategie di organizzazione del lavoro (L’ultima legge proposta e non firmata da Napolitano è un esempio concreto).

Concludo per brevità, ci sarebbe ancora tanto da scrivere, invitando i lavoratori a superare i sindacati, non vi aspettate niente di buono, siate sospettosi, proponete azioni di LOTTA più incisive di quelle che propongono loro, non fatevi imprigionare nell’ATTENDISMO!
Devono essere i sindacati a seguirvi nelle vostre iniziative, non viceversa!
Passiamo dalle parole ai fatti:

Filippo Bellanca
filippo.bellanca@hotmail.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: